Il diario "virtuale"

21 maggio 2018 ore 10:30 segnala
Chi ha la mia età ricorderà che tanti anni fa,ognuno/a di noi teneva un diario cartaceo in cui annotare la nostra giornata.
Annotazioni su cio' che ci premeva in quel momento,momenti felici e momenti di sconforto.
Per me era naturale e piacevole,sono sempre ricordi che rimarranno.
Con l'avvento di internet le cose sono cambiate di molto,inutile ripetere le cose piacevoli e spiacevoli di questo strumento galattico.
Ora il diario virtuale e' il blog,si proprio questo.
Ognuno/a di noi scrive ciò che gli aggrada,c'e' chi parla d'amore,chi di gruppi musicali e chi come me sta cambiano stile(sono sempre stato un surrealista e certi blog letti da un materialista sono un nonsense).Per esempio,se dovessi parlare di Ionesco,il blog lo lascerei in bianco e mi prenderebbero per pazzo,non sapendo che Ionesco e' stato il creatore dell'assurdo e anche l'assurdo è arte.
Non sono cambiato di molto,il surrealismo lo amo sempre,lo trovo un modo "libero".
Nei blog virtuali un po' sono cambiato,come in questo caso.
Nessun surrealismo,ma solo una constatazione:rimpiango i miei diari di carta,le cui pagine sono ormai diventate gialle.

9ad1886b-082e-48b5-962e-199cb5176c5c
Chi ha la mia età ricorderà che tanti anni fa,ognuno/a di noi teneva un diario cartaceo in cui annotare la nostra giornata. Annotazioni su cio' che ci premeva in quel momento,momenti felici e momenti di sconforto. Per me era naturale e piacevole,sono sempre ricordi che rimarranno. Con l'avvento di...
Post
21/05/2018 10:30:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    2

L'isola che non c'è

19 maggio 2018 ore 20:36 segnala
Seconda stella a destra, questo è il cammino
E poi dritto fino al mattino
Poi la strada la trovi da te
Porta all'isola che non c'è

Forse questo ti sembrerà strano
Ma la ragione ti ha un po' preso la mano
Ed ora sei quasi convinto che
Non può esistere un'isola che non c'è

E a pensarci, che pazzia
È una favola, è solo fantasia
E chi è saggio, chi è maturo lo sa
Non può esistere nella realtà

Son d'accordo con voi, non esiste una terra
Dove non ci son santi né eroi
E se non ci son ladri, se non c'è mai la guerra
Forse è proprio l"sola che non c'è, che non c'è

E non è un'invezione
E neanche un gioco di parole
Se ci credi ti basta, perché
Poi la strada la trovi da te

Son d'accordo con voi, niente ladri e gendarmi
Ma che razza di isola è?!
Niente odio e violenza, né soldati né armi
Forse è proprio l'isola che non c'è, che non c'è

Seconda stella a destra, questo è il cammino
E poi dritto fino al mattino
Non ti puoi sbagliare, perché
Quella è l'isola che non c'è

E ti prendono in giro se continui a cercarla
Ma non darti per vinto, perché
Chi ci ha già rinunciato e ti ride alle spalle
Forse è ancora più pazzo di te
Edoardo Bennato.
Trovo che questo testo,tratto da un brano di Bennato,sia meraviglioso.
Si riscontrano sogni quasi impossibili da realizzarsi(chi vende armi e guerre purtroppo ce ne saranno sempre).
Ma l'ultima parte,no e' troppo bella e realistica,io la traduco in:
Ci sono persone che sognano,che sperano che la loro vita si accenda all'improvviso,però chi ride loro alle spalle e' ancora più pazzo,ergo
chi non sa sognare,non sa nemmeno vivere.


577f9112-dd6d-4b0f-acd9-1df5e4c3a1ff
Seconda stella a destra, questo è il cammino E poi dritto fino al mattino Poi la strada la trovi da te Porta all'isola che non c'è Forse questo ti sembrerà strano Ma la ragione ti ha un po' preso la mano Ed ora sei quasi convinto che Non può esistere un'isola che non c'è E a pensarci, che...
Post
19/05/2018 20:36:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Nessuna pieta'

16 maggio 2018 ore 12:48 segnala
Sia chiaro che sono una persona normale,educata e per nulla offensiva.
Il tempo mi ha insegnato una cosa che detesto e lo si vede sui sociale:
erroneamente essere educati per tanti e' sinonimo di bassezza,non solo e' una qualita' e' addirittura un difetto.
A questo punto non ci sto (l'esperienza serve eccome) se qualcuno mi offende impunemente divento quello che un cafone merita:lo attacco come posso e in qualsiasi modo,ovviamente senza usare le mani,sarebbe troppo facile.
Gli idioti soffrono solo se li colpisci in un punto che loro considerano la la loro maggior qualita'.
Ad esempio uno si ritiene un momtone,lo attacchi sul sesso e il montone si sgonfia fino a divenire pecora.
A questo punto,mi chiedo:
" la miglior difesa e' l'attacco?"l'indifferenza se possibile,ma se non basta in quanto attaccati lo stesso ed ingiustamente su cose importanti o addirittura su disgrazie,la risposta deve essere dura:nessuna pieta'.

9eece6d0-8e40-4b1d-851b-44b0d48aee33
Sia chiaro che sono una persona normale,educata e per nulla offensiva. Il tempo mi ha insegnato una cosa che detesto e lo si vede sui sociale: erroneamente essere educati per tanti e' sinonimo di bassezza,non solo e' una qualita' e' addirittura un difetto. A questo punto non ci sto (l'esperienza...
Post
16/05/2018 12:48:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment

Alcune considerazioni sui social

14 maggio 2018 ore 11:09 segnala
1)Mai parlare della propria vita privata
2) Se ci si riesce,evitare trolls e fakes,ignorarli e' l'unica possibilità per non essere coinvolti in pagliacciate senza alcun senso.
3)Mai considerarsi superiori ad altri/e,nel virtuale non sappiamo mai con chi abbiamo a che fare.
4)Anche se si ha cultura,mai vantarsene,c'e' sempre qualcuno che ne ha piu' di noi.
5)Se l'unico scopo e' di passare un po' di tempo,solo preferiti e' l'unica opzione valida,al massimo qualche fakes ti manda dei kiss che ignori.
6)Cercare di essere sempre se' stessi nel virtuale come nel reale e non e' facile.
Non e' facile poiche' certe doti possono non essere apprezzate,mentre qualcuno puo' notare solo i difetti,che ognuno di noi ha.
7)A me e' capitato in questa chat di essere scambiato da una "tizia" che se la tira,per un altro e mi ha pure bloccato:in questi casi mai citarla,le persone ignobili non sono utili a nessuno.
Buona chat!

1fd00194-9a10-457f-ba1d-89fb2ab8e275
1)Mai parlare della propria vita privata 2) Se ci si riesce,evitare trolls e fakes,ignorarli e' l'unica possibilità per non essere coinvolti in pagliacciate senza alcun senso. 3)Mai considerarsi superiori ad altri/e,nel virtuale non sappiamo mai con chi abbiamo a che fare. 4)Anche se si ha...
Post
14/05/2018 11:09:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    15
  • commenti
    comment
    Comment
    12

Il branco in un social

12 maggio 2018 ore 14:18 segnala
Purtroppo ho avuto un' esperienza definibile insulsa e vigliacca,in un altro social.
Una chat senza moderatori,in cui il personaggio piu'"osceno",riceveva plausi dal creatore di quel social e da un branco di utenti: piu' offendeva e piu' riceveva complimenti dallo stesso e non e' un caso se quel social ora ha 20 utenti.
Anche la' c'era un branco di trolls,fakes,persone di dubbio gusto,che nella vita sono solo dei falliti e si sentono forti solo in branco e nel virtuale.
Qui intanto ci sono moderatori,si possono segnalare offese,parlare solo coi preferiti,insomma e' molto meglio.
Il branco rimane,guidato dal piu' forte o dalla piu' forte,infierisce sui piu' deboli,more solito,pero' se esagera qui esiste il ban.
Non e' molto e' gia' qualcosa.
La meschinita' del branco rimane.
Le persone normali non hanno bisogno di altri per esprimere i propri concetti,anche a muso duro.
Ma mettendoci solo la propria faccia e senza trascendere mai.

90559bf2-3abc-4e23-89f5-2070471233ad
Purtroppo ho avuto un' esperienza definibile insulsa e vigliacca,in un altro social. Una chat senza moderatori,in cui il personaggio piu'"osceno",riceveva plausi dal creatore di quel social e da un branco di utenti: piu' offendeva e piu' riceveva complimenti dallo stesso e non e' un caso se quel...
Post
12/05/2018 14:18:22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    2

La solitudine

08 maggio 2018 ore 12:07 segnala
La solitudine se non si e' eremiti,fa tanto male.
Ci si puo' sentire soli,avendo accanto una persona amata,sentendola distante miglialia di chilometri.
Parole senza musica.
Musica senza parole.
Silenzio senza parole.
E poi niente,piu' niente.
La depressione che attanaglia tanti noi e' figlia della solitudine.


7f5df146-610d-45a9-94f9-277cc4e2e9b1
La solitudine se non si e' eremiti,fa tanto male. Ci si puo' sentire soli,avendo accanto una persona amata,sentendola distante miglialia di chilometri. Parole senza musica. Musica senza parole. Silenzio senza parole. E poi niente,piu' niente. La depressione che attanaglia tanti noi e' figlia della...
Post
08/05/2018 12:07:22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    18
  • commenti
    comment
    Comment
    4