come ti cucino l' EDUARDO.

13 aprile 2015 ore 12:18 segnala
tranquilli, niente cannibalismo, l'Eduardo è solo il coniglietto puffoso di una mia amica.
da così:

INGREDIENTI PER 6 PERSONE:

un coniglio (Eduardo) completo di fegato di circa 1,2 kg
250 g di finocchietto selvatico
150 g di pancetta tesa
400 g di patate
3 spicchi d’aglio
3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
1/2 bicchiere di vino bianco
maggiorana
rosmarino
sale
pepe


Dopo averlo convinto a suicidarsi, lavo Eduardo sotto l’acqua corrente a temperatura ambiente e lo asciugo bene anche all’interno. Pulisco il finocchietto eliminando i gambi più duri e lavo pure lui, poi lo scotto per 4-5 minuti in poca acqua salata ben aromatizzata con gli spicchi d’aglio schiacciati. Lo scolo conservando l’acqua di cottura, poi lo strizzo fra le mani e lo tagliuzzo grossolanamente insieme agli spicchi d’aglio.

Trito la pancetta e la faccio soffriggere dolcemente in una padella con un cucchiaio d’olio. Quando è ben rosolata, unisco il fegato di Eduardo (non aveva paura di nulla, era un coniglio di gran fegato!), tagliato a dadini, che faccio rosolare per pochi minuti prima di unire anche il finocchietto. Insaporisco Eduardo con una macinata generosa di pepe e abbondanti foglioline di maggiorana e faccio soffriggere ancora l'Eduardo per qualche minuto.

Spolvero l’interno di Eduardo con sale e pepe e lo riempio con il composto di verdure, distribuendolo bene in tutta la lunghezza, poi cucio l’apertura con ago e filo. Lo sistemo in una teglia (delicatamente) con accanto due bei rametti di rosmarino che fanno tanto cool, lo bagno con l’olio e lo spolvero di sale e pepe. Verso il vino sul fondo della teglia e passo Eduardo nel forno a 180° per circa un’ora e mezzo.

Durante questo tempo, giro Eduardo un paio di volte al ritmo di qualche motivetto ballabile, lo bagno ogni tanto con il fondo di cottura e, quando necessario, con qualche cucchiaio dell’acqua di cottura del finocchietto.

Quando è pronto lascio riposare Eduardo per una ventina di minuti nel forno caldo, ma spento, cantandogli una filastrocca dolce e conciliante il sonno e al momento di servirlo stacco cosce e spalle (sempre delicatamente per non traumatizzarlo troppo) e taglio a fette spesse la parte centrale. Cospargo il tutto con il fondo di cottura ... e BUON APPETITO con Eduardo!

7053c775-fd6d-4fee-a597-32e7da30fa5e
tranquilli, niente cannibalismo, l'Eduardo è solo il coniglietto puffoso di una mia amica. da così: « immagine » a così: « immagine » INGREDIENTI PER 6 PERSONE: un coniglio (Eduardo) completo di fegato di circa 1,2 kg 250 g di finocchietto selvatico 150 g di pancetta tesa 400 g di patate 3...
Post
13/04/2015 12:18:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. dormosondesta 13 aprile 2015 ore 12:58
    mi trema la mano ....non posso mettere mi piace .....lo vedi che devo ricoprirti di insultiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii ....dico tu lo mangeresti eduardo cosi' tenero indifeso e sofferente pe amore ....spero che ti rubi la ragazza ecco !!!!
  2. LaRosaBendata 13 aprile 2015 ore 14:59
    agghiacciante ma divertente.... hai perso una amica e probabilmente anche le 4 ruote della macchina... sappilo :)
  3. 1BRIVIDO 14 aprile 2015 ore 11:14
    @dormosondesta

    ma figurati se farei mai una cosa del genere! ... anche se, con un bicchiere di rosé fresco di cantina ed una bella fetta di pane toscano, anche l'Eduardo così tenero (parole tue) potrebbe essere un bel piatto appetitoso.
    :coppia
  4. dormosondesta 14 aprile 2015 ore 11:20
    rosabendataaaaaaaaaaaaaaaaaaa aiutami ad annientarlo .... :hoho :hoho :hoho :hoho
  5. 1BRIVIDO 14 aprile 2015 ore 11:21
    @LaRosaBendata

    uh! agghiacciante addirittura:hihi:hihi:hihi tesora sappi che io amo gli animali (soprattutto se cucinati bene)
    :hoho:hoho:hoho
  6. eldan 14 aprile 2015 ore 11:30
    Ma complimenti, che bontà! Bye :)
  7. 1BRIVIDO 15 aprile 2015 ore 19:54
    @eldan

    un altro amante degli animali (ben cotti)
    :smile1

  8. Hiromito 30 maggio 2015 ore 19:39
    Povero Eduardo......

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.