guida per una vacanza di merda.

03 settembre 2016 ore 17:37 segnala
stanchi del solito mare? il sole e la sabbia vi procurano fastidiose irritazioni sulla pelle? il pesce fresco ormai vi fa solo vomitare? . . . e la sera in disco vi rompete le palle per il casino che c'è e non sopportate più i soliti imbecilli che v'infastidiscono o le solite svampite che se la tirano? nessun problema, ora vi elencherò un paio di posticini dove potrete rilassarvi in santa pace senza interferenze, attorniati solo da un silenzio . . . tombale.

Pripyat, Ucraina.

Pripyat, una vera e propria città fantasma, situata a nord dell’Ucraina, città abbandonata dopo il disastro nulceare avvenuto nel 1986 alla centrale di Cernobyl, 3 km di distanza.


una città moderna, funzionale, la qualità della vita era molto alta rispetto agli standard dell’Unione Sovietica. grandi alberghi, numerosi ristoranti, cinema, centri commerciali. nel 1986, anno della sua evacuazione, contava di 50.000 abitanti mentre oggi sono ridotti a 400, vivono nelle campagne e mangiano cibo contaminato.


Le case di Shanzi, in Taiwan

Sanzhi è un piccolo villaggio sulla costa di Taiwan, costruito tra la fine degli anni '70 e gli inizi degli anni '80. queste misteriose abitazioni hanno dato vita a una serie di leggende riguardanti alieni e fenomeni paranormali, tanto da sostenere che il villaggio sia maledetto. le chiamano "UFO houses", le case degli UFO, e basta guardare le numerose foto che sono state scattate in questo luogo per capirne il motivo . . .


gli edifici incompleti delle UFO houses hanno subito nel corso del tempo un progressivo degrado strutturale e la vegetazione si è impossessata di ogni edificio. all'interno è possibile trovare mobili, letti, divani, suppellettili di ogni tipo, come se il luogo fosse stato abitato. questo dipende dal fatto che a Taiwan quando si propongono delle abitazioni in vendita, una o più case vengono completamente arredate per dare una dimostrazione di come si possa organizzare l'ambiente.


Discovery Island il Parco Disney in Florida.

ecco come si presenta Discovery Island, il primo parco acquatico Disney costruito nel 1976 a Orlando in Florida e abbandonato nel 2001. a 15anni dalla chiusura, la vegetazione ha quasi completamente inghiottito le strutture i cui scheletri emergono dalle paludi tra gli alberi e i rampicanti
.

negli anni ’80 il parco fu reso tristemente famoso da un inquietante episodio di cronaca. un 11enne venne ucciso da un malattia mortale rarissima causata dal contatto con un’ameba che si sviluppa in stagni e fiumi di acqua dolce e che si era insidiata nelle acque non completamente purificate contenute nelle vasche del parco acquatico dove il ragazzino si era tuffato.
.

:koka BUONE VACANZE :koka
0f974d74-cb15-4f7d-b542-5fa0d683b82c
stanchi del solito mare? il sole e la sabbia vi procurano fastidiose irritazioni sulla pelle? il pesce fresco ormai vi fa solo vomitare? . . . e la sera in disco vi rompete le palle per il casino che c'è e non sopportate più i soliti imbecilli che v'infastidiscono o le solite svampite che se la...
Post
03/09/2016 17:37:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. Hiromito 17 settembre 2016 ore 20:58
    :ammucchiata
    Adesso mi segno questi posti così la prossima vacanza sceglierò la mia destinazione tra di loro.

    L’Isola delle bambole, vicino ai canali di Xochimilco a sud di Mexico City, è la casa di centinaia di bambole sinistre. Scoperta negli anni ‘90, sembra che l’isola sia dedicata alla memoria di una bambina affogata nel canale anni fa, Altro posticino ameno da non sottovalutare. :neteye:neteye
  2. Fragoladifretta 21 ottobre 2016 ore 16:34
    Bei posticini, ci andrò di sicuro.......contaci.
    Oradour-sur-Glane, Francia

    Questo piccolo villaggio francese era il luogo di uno degli eventi più orribili durante la seconda guerra mondiale. I 642 residenti sono stati uccisi dai soldati tedeschi come punizione contro la resistenza della Francia.
    Dopo di che, i tedeschi cercarono di radere al suolo la città e demolire tutto sul suo cammino. Le rovine sono state tenute lì per ricordare l'orrore della guerra e come un omaggio alle vittime della Resistenza.
    Queste città sono di solito chiamate città fantasma, perché sono città che in qualche modo sono morte, non esistono più in quanto tali, ma restano lì senza scomparire fisicamente, permettendo ad altri di immaginare quello che una volta erano quando erano vive e popolate.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.