SPIRITISMO – FANTASMI , altre storie vere

25 maggio 2017 ore 11:57 segnala
La mano e la candela spiritica

Un’altra storia di fantasmi è quella avvenuta in una vecchia casa del centro di Roma. A volte nel salotto facevano dormire su un divano gli eventuali ospiti. Una notte, una cugina della padrona di casa, mentre stava dormendo, fu svegliata da uno strano chiarore. Era molto tardi, circa le due, e ci volle un pò di tempo perchè la donna si rendesse conto di essere completamente sveglia. Ai suoi occhi apparve una scena a dir poco stupefacente: nella stanza buia vedeva una candela sostenuta da una mano troncata poco più su del polso, aggirarsi a mezza altezza lungo le pareti. E’ inutile soffermarsi sulle reazioni della donna presa dal terrore di una tale visione. Questo fenomeno si ripetè varie volte per circa due anni e divenne un assillo per gli abitanti della casa. Io, interessato al caso, nell’analizzare il fenomeno, lentamente potei capire che ogni volta c’era un fatto che si ripeteva. Cioè la mano che teneva la candela sostava alla fine in un angolo, ove era posta una cantoniera. Questi fenomeni spiritici sono importanti, perchè non solo provocano la visione, ma qualche volta lasciano un segno tangibile. Nel caso della candela, non era raro, che la mattina, si notassero tracce di gocce di cera sul pavimento vicino alla cantoniera. Nel caso precedente, accaduto nello studio dell’avvocato di Milano, un segno tangibile fu quello di un evidente ematoma presente sulla spalla sinistra del figlio, cioè sulla spalla che aveva subito la stretta della mano del fantasma. Tornando al caso di Roma il fatto che la cera si trovasse sempre vicino alla cantoniera, e che la candela si fermasse a lungo intorno ad essa mi fece sorgere il sospetto che uno spirito volesse indicare qualcosa di nascosto dentro il vecchio mobile. E così fu infatti. In un doppio fondo furono trovati dei preziosi di grande valore, che alla morte di una vecchia zia, non erano stati più trovati. Indubbiamente la morte improvvisa non aveva dato il tempo all’anziana signora di revelare il segreto a chi le era vicino. Trovati i preziosi, il fenomeno non si verificò più. E questa è la conferma che spesso gli spiriti appaiono per placare un loro tormento legato a segreti lasciati insoluti su questa Terra. Una volta rivelato il segreto, hanno via libera per allontanarsi da ogni legame terreno, e iniziare così la loro lenta evoluzione verso la luce.



Storie vere

Un gruppo di lettori di Napoli, Adriano, Mario, Anna, Teresa e Roberto che usano spesso effettuare delle sedute spiritiche, sono stati diretti testimoni di uno sconcertante avvenimento. Durante una seduta si è presentato uno spirito di una persona, che ha detto loro, tramite i battiti del tavolo, di essere morto quel giorno stesso per una disgrazia. Il giorno seguente i lettori hanno saputo che effettivamente quella persona era morta quasi alla stessa ora in cui avevano effettuato la seduta, e pertanto mi chiedono se devono considerare il fatto come eccezionale e se ci sono stati altri esempi simili al loro. Le domande postemi aprono uno dei grandi problemi dello spiritismo, e precisamente la possibilità o meno degli spirti di apparire a noi subito dopo la morte. Infatti sono più noti i fatti relativi ad apparizioni avvente dopo molti anni, o addirittura secoli, quali quelle che ci sono state tramandate nei racconti degli antichi castelli. Ma indubbiamente il fenomeno dell’apparizione simultanea alla morte è meno raro di quanto si creda, esistono vari esempi nella storia dello spiritismo che confortano questa mia affermazione. Il noto scienziato Camillo Flammarion, che oltre a trattati astronomici ha scritto vari testi sullo spiritismo, nei suoi profondi studi ha raccolto una lunga serie di esempi sull’apparizione degli spiriti, e fra questi anche sulle apparizioni vicine alla morte. Sono fatti reali e ampiamente documentati di cui lo scienziato ha avuto diretta conoscenza. Pertanto, a vantaggio di tutti i lettori ne riporto tre molto significativi, che provano chiaramente e molto seriamente la possibilità di queste apparizioni spontanee. Dico spontanee perchè gli spiriti non furono sollecitati ad apparire tramite sedute spiritiche.

SPIRITISMO – FANTASMI storie vere

24 maggio 2017 ore 07:06 segnala


Nella immensa casistica dei fenomeni spiritici possiamo distinguere due principali tipi di manifestazioni fantasmatiche: indotte e spontanee. Le prime rientrano in quei fenomeni ottenuti tramite le classiche sedute effettuate con una catena di partecipanti posti attorno ad un tavolo e con l’apporto di un valido medium (a volte basta la sola sua presenza quando questi abbia doti medianiche eccezionali). Le seconde invece sono prodotte spontaneamente, al di fuori di ogni volontaria sollecitazione umana, senza cioè che alcuna persona le abbia cercate e volute. Di apparizione di spettri o fantasmi è piena la cronaca passata e la letteratura sperimentale occulta e i fatti spesso sono tali da confermare, senza ombra di dubbio, la realtà della dimensione dell’aldilà oltre la morte terrena. Voglio quindi narrare due storie eccezionali che rientrano nella cronaca attuale di cui sono venuto a conoscenza direttamente.

Il fantasma e l’orologio a pendolo

Qualche anno fa morì un noto avvocato di Milano. Passato il dolore in famiglia, alquanto numerosa, la vita riprese il suo corso nella grande casa. Lo studio non fu smantellato, ma per desiderio sia della moglie che dei figli già grandi, rimase così come l’aveva lasciato l’estinto. Veniva spesso spolverato e pulito a fondo ogni tanto, si da apparire sempre in ordine, come fosse in attività. Ma dopo qualche tempo avvenne un caso molto strano, direi terrorizzante. Mentre la domestica era intenta a pulire la stanza, e precisamente quando era chinata in terra per pulire con uno straccio vicino ad una poltrona, sentì ad un tratto un forte peso sulle spalle come se qualcuno avesse poggiato con forza le mani su di esse. Nello stesso tempo avvertì sulla schiena la vicinanza e il peso di un corpo. Istintivamente la donna alzò il capo, senza riuscire però a sollevare il corpo schiacciato da quel peso estraneo. Una volta sollevata la testa, gi occhi si posarono su un grande specchio di fronte. Nello specchio le apparve riflessa una scena raccapricciante: vide deitro di sè uno spettro che pigiava le sue mani sulle sue spalle. Lo spettro, in quell’istante sollevò la mano sinistra portandola in aventi conl’indice proteso. La donna comiciò a urlare, e con uno sforzo sovrumano si liderò dalla stretta e fuggì dalla stanza cadendo stremata nelle braccia della signora che era stata attirata dalle sue grida strazianri. Naturalmente della cosa se ne parlò in famiglia, ma ben presto il tuttto fu ritenuto un’allucinazione della domestica forse suggestionata dalla sacralità dello studio del morto. La cosa sembrava essersi così archiviata, quando un’altro fatto venne a turbare la quiete familiare. Questa volta la persona coinvolta fu la stessa moglie dell’avvocato morto. Una sera, la signora, si era seduta su una poltrona dello studio, come qualche volta faceva, per ricordare in solitudine il marito. Ad occhi chiusi ripensava alla loro vita e a tanti fatti tristi e lieti accaduti, quando a un tratto, anch’essa si sentì spingere sulle spalle da due mani sempre con più forza. La donna, in stato di lieve torpore, in un primo momento non si capacitò, ma lentamente la cosa assunse uno stato sempre più reale, fino a che aprì gli occhi e si accorse di essere sveglia. Il peso sulle spalle era ben concreto. Anche’essa allora con scatto alzò la testa e gli occhi si volsero verso il grande specchio. La stessa scena raccapriccante vista dalla domestica si ripetè. Vide riflesso il fantasma con l’indice puntato verso lo specchio. La donna caccio un urlo, ma non ebbe forza di alzarsi perchè subito dopo svenne. La nipote, accorse nella stanza trovò la zia svenuta sulla poltrona. Aquesto punto la questione fu presa più seriamente in quanto gli avvenimenti non si potevano più spiegare conla semplece suggestione, perchè le persone che avevano avuto la visione erano due, una delle quali la consorte stessa dell’avvocato, donna colta, non così facile a cadere vittima di una suggestione. La questione venne dibattuta dai figli e dalla madre. La visione fu analizzata in tutti i particolari e vennero fuori dei punti che attrassero l’attenzione di tutti. Il fantasma ricordava vagamente il defunto. Inoltre, in ambedue le visioni lo spettro, facendo pressione sulle spalle delle donne, le aveva spinte ad alzare la testa si da costringerle a volgere gli occhi sul grande specchio dello studio perchè potessero vederlo. Non solo, ma il fantasma aveva nelle due circostanze puntato la mano verso lo specchio stesso. Da ciò si poteva dedurre che lo spirito aveva ripetuto gli stessi gesti forse con un fine preciso, come se lo dovessero assolutamente vedere in quella posa. Che cosa significava tutto ciò? Lo spirtio aveva qualcosa da dire? Questo sospetto si fece strada tra i membri della famiglia e fu così presa una decisione. Uno dei figli, il secondogenito, si offerse di trascorrere molte ore nello studio dovendosi preparare per un concorso medico, si da poter essere pronto ad eventuali nuovi segnali spiritici.

Il segreto svelato

E il segnale puntuale avvenne, proprio nell’ora classica dei fantasmi, cioè alla mezzanotte. L’uomo era ormai assorto da molte ore a studiare e comincava ad accusare una certa sonnolenza. Era seduto alla scrivania del padre, di fronte a cui si ergeva il grande specchio. Lentamente poggiò la fronte sulle braccia incrociate sulla scrivania per riposare. La sonnolenza gli aveva provocato un forte torpore, quando i dodici tocchi di un orologio a pendolo posto in una parete dello studio gli giunsero ovattati alle orecchie. All’ultimo tocco una pressione si fece sentire sulla schiena. L’uomo lentamente ne prese coscienza, ma essendo preparato cercò di non spaventarsi, ma di ragionare in un evento così agghiacciante. Avvertì che la spinta si faceva sempre più forte. Allora lentamente alzò il capo, facendo forza su se stesso, ripromettendosi mentalmente di resistere ad ogni macabra visione. I suoi occhi fissarono lo specchio. Lo spettro era dietro di lui, così come lo avevano descretto la domestica e sua madre.

La mano dello spirito si alzò, puntando verso lo specchio l’indice proteso. L’uomo, facendosi forza, seguendo la traiettoria dell’indice si accorse che indicava un punto preciso, e precisamente l’orologio fermandosi alla sua base, per un tempo che al medico sembrò eterno. A quel punto la mano sinistra dello spirito gli strinse la spalla come in una morsa tanto da provocargli un dolore acuto, come se volesse fargli capire che l’attimo importante era quello. Quidni si riebbe, fece enorme fatica a muoversi, tanta era la sua spossatezza. Ci volle più di mezz’ora perchè potesse alzarsi e svegliare tutta la casa per narrare quanto era accaduto. A tutti fu chiaro che qualcosa era nascosta nell’orologio, perchè lo spirito lo aveva indicato con troppa evidenza, facendo scorrere la mano per tutta la sua lughezza. Forse nella base c’era il segreto che lo spirito voleva svelare? E così fu. Nella base dell’orologio fu trovata una carta di valore eccezionale che era di massima importanza per certe gravi questioni rimaste in sospeso.

Il tormento degli spiriti nell’aldilà

Il morto aveva così voluto, in un estremo tentativo, risolvere quella grave questione che aveva lasciato in sospeso e che non aveva potuto risolvere prima della sua morte. Probabilmente questo segreto portato nella tomba era un suo tormento e lo spirito non avrebbe trovato pace se non lo avesse potuto rivelare. Nello svelare il nascondiglio, il morto si era così sgravato dellos tato di angoscia che indubbamebnte lo tormentava nell’aldilà. Ma questo avvenimento lasciò un altro segno su chi lo aveva vissuto in prima persona. Il figlio che aveva avuto il coraggio di affrontare la cosa ebbe la sorpresa di vedere i suoi capelli imbiancarsi un poco, perchè il coraggio non basta a frenare le conseguenze di una paura naturale che fa parte profonda dell’animo umano. Infatti si dice che gli eroi non sono coloro che hanno il coraggio di affrontare un pericolo, ma coloro che hanno il coraggio di affrontare la paura che esiste in qualsiasi individuo. Questa storia è un esempio classico di come le manifestazioni spiritiche possono avvenire spontaneamente. Ma è importante sottolinearecome queste apparizioni siano per lo più legate a particolari motivi. Gli spiriti si fanno vedere perchè di solito sono spinti da una causa grave, che può essere sia quella di cercare di portare a termine qualcosa di importante lasciato in sospeso durante la vita terrena, sia per rivelare qualche segreto, sia perchè attratti dai luoghi ove hanno vissuto ore drammatiche della propria vita, o dove hanno subito una morte tragica. In fondo tutti questi motivi resta un punto uguale per tutti; la necessità dello spirito di comparire per placare una sua angosca che lo tormenta nell’aldilà. E’ noto come l’angoscia di uno spirito, lega questi alla Terra e quindi gli impedisce la sua evoluzione verso la luce della perfezione. Il tormento lega lo spirito algi aspetti terreni, ai luoghi della sua vita, agli affetti materiali, per cui tutto il suo essere viene vicolato ad una esistenza passata anche dopo la morte. Il corpo astrale non si allontana dalla terra, tenendo così lo spirito prigioniero dei vincoli terreni. In tal modo il distacco dal corpo viene ritardato enormente e questo rende lo spirito oltremodo inquieto. Come è stato raccolto in messaggi durante le sedute siritiche, gli spiriti che si trovano in questo stato, dicono di essere circondati da una oscura nebbia e intorno a loro possono vedere solo ombre. Il loro grande tormento è quello di tendere spasmodicamente verso chiarori lontani e di non poter raggiungere la luce. E’ un vagare senza meta con il terrore di non poter mai raggiungere la pace, perchè sono spinti da una forza misteriosa verso una voragine oscura, che è la Terra con i suoi problemi materiali.

Come avvengono le intuizioni?

23 maggio 2017 ore 08:18 segnala


Cos’è l’intuizione, come funziona e come seguire il proprio intuito con un esercizio in 7 passi ed un intero capitolo di: I nove segreti dell’Intuizione.



Hai un presentimento, una vocina interiore, un fiuto particolare?…In qualsiasi modo tu possa chiamare l’intuito sappi che è scientificamente confermato che prendiamo decisioni migliori quando ci affidiamo all’intuizione.


7 Passi per seguire il tuo intuito fisico



Vuoi allinearti con sincronicità?.. Per sentire il flusso nella tua vita? Per sapere con certezza che le scelte che si fanno sono quelle giuste, in linea con il tuo sé superiore?..

L’intuizione non è una cosa strana. E’ un modo di conoscere che siamo tutti biologicamente collegati e che tutti possiamo essere in grado di accedervi.
Malcolm Gladwell, autore di Blink: “il potere del pensiero intuitivo” sostiene che siamo in grado di prendere decisioni in un batter d’occhio.

Dice che spesso prendiamo decisioni migliori con meno informazioni. In altre parole: possiamo fidarci delle nostre intuizioni ed istinti.

La Dottoressa. Frances Vaughan, una psicologa conosciuta per il suo lavoro sull’intuizione classifica le esperienze intuitive in quattro categorie di consapevolezza:

Quello Fisico
Quello Emotivo
Quello Mentale
Quello Spirituale



Come si accede alla propria intuizione?…

Per la maggior parte di noi, a meno che non ci siamo allenati nella meditazione, le nostre emozioni non sono le guide più affidabili quando ci troviamo di fronte a decisioni, semplicemente perché non siamo ancora riusciti a diventare pienamente consapevoli dei flussi della vita.

Cerchiamo di superare le onde, invece di farci guidare. Però con i nostri pensieri possiamo fare lo stesso. E l’intuizione spirituale sembra provenire per lo più spontaneamente…

Intuizione fisica, il numero uno sulla lista della dottoressa Vaughan, è il più facile da scoprire, identificare e sviluppare.

Ecco quindi un potente modo per accedere al tuo intuito fisico, per identificarlo e farne pratica :


Una Bussola per riconoscere l’intuizione del corpo


1. Prendi un foglio di carta.

2. Traccia una linea orizzontale da un bordo all’altro, lasciando un piccolo spazio su entrambe le estremità.

3. Sul lato sinistro della linea, scrivi – 10. Sul bordo destro della linea, scrivi 10.

Questa linea rappresenta la tua gamma di esperienze intuitive: da un lato ci sono i tempi ed i luoghi in cui ti sentivi molto sicuro/a, anche se non sei stato certo/a del perché.

Dall’altro lato ci sono i tempi ed i luoghi in cui ti sei sentito molto incerto/a, anche se sembrava che tu avessi tutti i fatti dalle tua parte per fare una scelta intelligente.

4. Chiudi gli occhi e ricorda una specifica istanza o più casi in cui si sentivi molto sicuro/a, soprattutto se non sai bene perché ti sentivi in quel modo. Tuffati in profondità di questi ricordi, notando tutto su di loro. Che cosa vedi, cosa senti, cosa gusti, lo puoi toccare?.. Ora sposta la tua consapevolezza alle sensazioni fisiche. Come ti trovi con questi ricordi, che cosa senti nel tuo corpo?.. Scansione dalla testa, attraverso le spalle, tra le tue braccia, dal busto verso il basso, nello stomaco, i fianchi, attraverso le gambe, ed infine i piedi.

5. Nota ogni sensazione fisica. Ricorda che stiamo cercando sensazioni fisiche, non emozioni. Sii molto specifico/a su ciò che senti nel corpo.

6. Dai un nome descrittivo o un’etichetta per questo gruppo di sensazioni. Come si può chiamare in modo che semplicemente pronunciando il nome scelto ti ricordi il modo in cui ti sei sentito/a?…

7. Fai la stessa cosa per una situazione specifica, o per più situazioni, in cui ti sentivi molto incerto/a, soprattutto se sembrava che si dovrebbe essere in grado di sapere che cosa fare, in base a tutti i fatti.

Ora hai la bussola dell’intuizione del tuo corpo! Da usare con sconsiderato abbandono e determinata intenzione.


Qual è il segreto che porta alcune persone a compiere le scelte migliori?

Queste caratteristiche che ammiri negli altri non sono frutto del caso: dipendono dall’Intuizione, un’arma potentissima che ti può guidare verso il successo e rendere davvero molto più facile la vita.
L’ottima notizia è che l’Intuizione o la cosiddetta “Intelligenza Intuitiva” si può sviluppare,


L’intuizione ci collega direttamente al nostro emisfero destro del cervello, come fanno le Mappe Mentali. Questo emisfero è lo specialista dell’immaginario, della nostra capacità di sintesi e ci offre accesso al mondo delle emozioni, ai nostri cinque sensi e ai dati immagazzinati nell’inconscio. Nel momento in cui ci poniamo delle domande, parte il processo intuitivo

Nel corso dei giorni accumuliamo e memorizziamo una quantità di informazioni senza esserne davvero consapevoli. Tutto ciò si decanta nell’inconscio e, in un dato momento, in una frazione di secondo ne emerge un’intuizione.

Per seguire la propria intuizione occorre essere in grado di individuarla quando si esprime. L’intuizione infatti ha lo scopo di fornirci una risposta, un’illuminazione, e di orientarci in una situazione. Si manifesta in molti modi specifici sfruttando tre dei nostri canali sensoriali. Ognuno possiede una modalità percettiva privilegiata che è interessante individuare, per amplificarla e soprattutto per riuscire a sollecitarla ulteriormente.


1. La prima è la modalità uditiva. Sussurra parole nella nostra testa; è la vocina. Questa modalità ci aiuta soprattutto negli aspetti pratici della vita, nei quali ci offre direttive ben precise. La nostra mente è attraversata da molte idee e dunque per capire che si tratti proprio d’intuizione è opportuno seguirne i messaggi, così da verificare o meno la risposta nei fatti. Per esempio, all’improvviso ti viene da pensare: “Va’ in quel luogo!” e quando ci vai incontri una persona che volevi proprio vedere. “Chiama quella persona” e durante la conversazione lei ti dà un’informazione di cui avevi bisogno. Se non accade nulla di speciale, vuol dire che non eravamo in presenza di un’intuizione.

2. Il secondo canale, quello cinestesico, ci guida attraverso le impressioni, sensazioni fisiche che vanno da quella gradevole a quella sgradevole. Può trattarsi di un’espansione o una contrazione del torace, fino a un senso di malessere o una stretta all’addome: tutto dipende dalla situazione incontrata. Il nostro corpo è un messaggero straordinario per accedere al linguaggio intuitivo, con sensazioni fisiche accompagnate da sentimenti ed emozioni spesso intensi. Le persone predisposte a questo tipo d’intuizione cinestesica sono profondamente in contatto con le loro emozioni. Si dimostrano sensibilissime all’atmosfera di un luogo, di una stanza, perché entrano facilmente in simbiosi con l’ambiente. Analogamente, per osmosi possono avvertire lo stato di un’altra persona. Questa singolare sensibilità trasmette loro la capacità di “sentire” e avere fiuto.

3. Infine, l’intuizione visiva si manifesta attraverso dei flash che si rivelano in maniera chiara alla mente. Questo terzo canale agisce come un radar che riceve un’informazione e riflette la nostra capacità di vedere. L’intuitivo visivo è in grado di vedere chiaramente delle immagini, dei simboli o delle scene. Questo tipo d’intuizione ci fa drizzare le antenne, cosa che favorisce il nostro accesso al discernimento e al linguaggio dei segni, alla preveggenza e quindi alla possibilità di anticipare. "Vediamo" i fatti prima che accadano. Abbiamo dunque la possibilità di giocare d’anticipo e, in certi casi, modificare o sistemare le cose prima che nella realtà si crei un fastidio. In un lampo, scansioniamo la situazione.

L’intuizione è un alleato importante. A chi sa ascoltarla facilita le scelte giuste, stimola la creatività e offre una comprensione immediata di una situazione complicata.


Che cos’è l’intuizione?


Per scegliere l’orientamento corretto, prendere la decisione giusta o avere un’idea che funzionerà a colpo sicuro, abbiamo a disposizione un’intelligenza favolosa! Tutti quelli che hanno successo affermano che a svolgere il ruolo maggiore nella loro riuscita è stata l’intuizione! Per imparare quindi a farvi più affidamento, cominciamo a capire che cosa sia davvero l’intuizione.

Presentimento, fiuto, sesto senso, feeling, vocina interiore, istinto, intelligenza intuitiva; indipendentemente dal nome attribuito all’intuizione, ce ne serviamo senza esserne per forza di cose consapevoli. Il suo campo d’applicazione molto vasto ci consente di scoprire il significato di una difficoltà, avvertire in anticipo che un evento accadrà, percepire il vero stato fisico o psicologico di una persona, capire immediatamente una situazione, fare la scelta giusta, essere ispirati, anticipare un pericolo… e soprattutto, grazie ai suoi saggi consigli, dirigerci verso una felicità maggiore!

L’intuizione ci trasmette un senso di unità, ci proietta in un’intima convinzione nella quale non è più possibile alcun dubbio. Seguendola, ci sentiamo trasportati nel flusso della vita, dove tutto diventa facile e fluido.

Oltre al suo aspetto pratico, ci apre a una nuova concezione della vita e del mondo, perché ci mette in collegamento con un sapere che racchiudiamo nel più profondo di noi stessi. Come vedremo, ci collega direttamente al nostro emisfero destro, così come a tutti i nostri sensi che si occupano della gestione dei codici d’accesso al nostro benessere. Il suo ruolo è proprio quello di farci vivere esperienze positive suggerendoci le risposte giuste.

In fondo al cuore sappiamo ciò che va bene o non va bene per noi, anche se non sempre ne siamo consapevoli.

Poiché l’intuizione non fa ancora parte della nostra cultura alquanto razionale, questo libro ne illustrerà i vari aspetti, per permetterti di farla tua e canalizzarla. In questo modo, riuscirai a utilizzarla con sicurezza nella quotidianità.

Ho conosciuto molti secondo i quali l’intuizione era magica, mistica e quindi riservata a una piccolissima schiera. In alternativa, affermavano che era poco affidabile perché non si manifestava – credevano – quando ne avevano davvero bisogno. Di conseguenza, trascuravano quest’attitudine. Ciò significa disconoscere il vero ruolo dell’intuizione e la sua applicazione pratica. Il suo lato magico, quello che ci inganna, consiste semplicemente nel constatare il verificarsi, quando la si segue, di situazioni ed eventi favorevoli.

A chi non è mai capitato di rimpiangere di non aver dato ascolto alla “prima impressione”?

Allorché diciamo: “Il mio intuito mi dice che…“, in realtà vogliamo dire: “So che…“. Tutti facciamo esperienza dell’intuizione, ma la riconosciamo soprattutto nel momento in cui non la seguiamo! Constatando i risultati delle nostre decisioni sulla nostra vita prendiamo coscienza, purtroppo dopo l’accaduto, che avevamo ricevuto l’informazione giusta.

Per aiutarti a identificare meglio l’intuizione quando si presenta e imparare a fidarti, sappi che si tratta di un’attitudine naturale la quale si manifesta attraverso immagini, impressioni, sensazioni e messaggi verbali. Tuttavia, indipendentemente dalla sua modalità di espressione, presenta sempre un carattere di per sé chiaro e veritiero.

Sappiamo che l’informazione è giusta perché si impone con chiarezza nella nostra mente.
Nonostante ciò, dobbiamo dar prova di grande fiducia e coraggio per seguirla, perché non si basa sulla razionalità. In un primo momento nessun evidente fatto tangibile sembra provarla.

Lo psichiatra Carl Gustav Jung d’altro canto l’ha soprannominata “funzione psichica irrazionale“.




Oggi si parla di intelligenza intuitiva

Ben più che una semplice caratteristica, l’intuizione affonda le radici nell’emisfero destro del nostro cervello. Questo emisfero è lo specialista dell’immaginario, della nostra capacità di sintesi e ci offre accesso al mondo delle emozioni, ai nostri cinque sensi e ai dati immagazzinati nell’inconscio.

Nel momento in cui ci poniamo delle domande, parte il processo intuitivo. Nel corso dei giorni accumuliamo e memorizziamo una quantità di informazioni senza esserne davvero consapevoli. Tutto ciò si decanta nell’inconscio e, in un dato momento, in una frazione di secondo ne emerge un’intuizione. Si tratta di un processo psichico immediato che consente di riassumere una situazione complessa in un qualcosa di evidente, di avere quella famosa idea che funzionerà…

Non è assolutamente dovuto al caso, è il risultato di una combinazione tra i nostri incontri, le nostre riflessioni, le nostre esperienze e insegnamenti, le letture e i film che guardiamo. Nel nostro emisfero destro si creano delle associazioni automatiche che portano a far emergere una folgorazione, ecco perché parliamo di intelligenza intuitiva.

Tuttavia, l’intuizione non è sprovvista di razionalità; come vediamo, possiede una sua logica. Per le neuroscienze, si tratta in altre parole dell’elaborazione e dell’associazione di informazioni sensoriali captate dal nostro cervello senza che ce ne rendiamo conto. Di fatto, la nostra intuizione mette in luce la conclusione di questo processo. Costantemente alla ricerca, il nostro cervello registra a livello sensoriale il minimo cambiamento nell’ambiente, in vista di un possibile adattamento. Ecco perché numerosi neuroscienziati chiamano l’intuizione “inconscio di adattamento“.

Dal punto di vista della psicologia moderna l’intuizione viene descritta come un processo di scansione superficiale, ossia attraverso il quale in un batter d’occhio comprendiamo ciò che avviene in una data situazione. D’altro canto, a ogni nuovo incontro, in situazioni insolite oppure quando dobbiamo cogliere all’istante qualcosa ricorriamo a questa analisi “lampo”, un vero e proprio scanner. Sappiamo senza riuscire a spiegarcelo!

Nel corso di questo libro ti verranno dati spunti chiari per riuscire a utilizzare questa fantastica attitudine e capire quando sembra essere fuori servizio.


E se l’intuizione assumesse un’altra dimensione?

Affrontiamo ora l’argomento dal punto di vista spirituale. Non si tratta di provare l’esistenza dell’intuizione, ma piuttosto di fare appello alle convinzioni profonde che alimentiamo sul senso stesso della vita e della nostra presenza sulla terra. A tale scopo possiamo considerare l’intuizione come l’espressione e il prolungamento della nostra anima, la quale agisce grazie all’esperienza terrena.

Diventa quindi la voce del nostro Cuore.


Abbiamo allora la tendenza a personificarla e la chiamiamo guida interiore. A questo punto le facciamo assumere una dimensione sacra e la impregniamo di valori quali saggezza, compassione, presenza divina ecc.



Mettiamo così del sacro nell’abitudinarietà della vita!

I quattro parametri dell’intuizione

Sembra emergere dal nulla
Sappiamo che è vera ma ignoriamo come lo sappiamo
È così convincente che ci spinge ad agire
Ascoltandola, ci accadono situazioni favorevoli


A che cosa serve davvero e possiamo fidarci?


L’intuizione è un alleato importante, come abbiamo appena visto. A chi sa ascoltarla facilita le scelte giuste, stimola la creatività, e offre una comprensione immediata di una situazione complicata.

Che si tratti di cambiare lavoro, attuare il lancio di un prodotto, assumere un nuovo collaboratore, trovare un nuovo appartamento, sapere se vivremo una bella storia con la persona che abbiamo appena conosciuto… o, in maniera più pragmatica, scegliere l’abbigliamento per la giornata, la migliore consigliera è proprio l’intuizione. Paradossalmente, l’eccesso di informazioni, di analisi dei dati rischia di compromettere la nostra efficienza e questo frena la capacità di prendere decisioni. Il nostro lato razionale eccelle nei dettagli, ma perde troppo tempo a soppesare i pro e i contro.

L’intuizione permette di trovare rapidamente la risposta che orienterà le nostre azioni, cosa che in seguito si verifica nei fatti.

Che ne siamo coscienti o meno, l’intuizione svolge un ruolo nelle nostre decisioni quotidiane.


Dobbiamo sapere che ha la tendenza a manifestarsi quando siamo emotivamente preoccupati. Se temiamo che un contratto ci sfugga o che il nostro partner si stanchi di noi, mettiamo in azione il nostro “radar” intuitivo per cogliere il minimo segno e poter così reagire. Allo stesso modo, l’intuizione si esprime anche nelle nostre attività quotidiane o nei nostri interessi. In quei momenti la coscienza si acuisce e riusciamo a giocare d’anticipo con una precisione stupefacente.

Per esempio, un terapeuta o un medico di natura empatica ci guadagna a servirsi del suo intuito per formulare più rapidamente una diagnosi e accompagnare così il paziente. Il responsabile di un progetto riuscirà a capire meglio il prodotto da lanciare sul mercato.




Mettiamo così del sacro nell’abitudinarietà della vita!
fa591923-947c-4729-8bec-d6d2a67521a0
« immagine » Una splendida spiegazione scientifica di come avvengono le intuizioni nel nostro cervello. “La ghiandola pineale è responsabile della produzione di due neurotrasmettitori assai importanti per la coscienza della corteccia cerebrale: il neurotrasmettitore serotonina e il neurotrasmett...
Post
23/05/2017 08:18:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

QUATTRO MODI PER ATTIVARE LA GHIANDOLA PINEALE.

22 maggio 2017 ore 11:35 segnala


Cartesio descriveva la ghiandola pineale come la sede principale dell'anima.
Questa ghiandola corrisponde anche al terzo occhio, il sesto chakra situato nel bel mezzo delle sopracciglia. Ha l'aspetto di una piccola pigna e si trova nel centro del cervello allo stesso livello degli occhi.



Questo piccolo organo produce la melatonina, la qualità e la durata del sonno si basano su quanto bene è prodotto questo ormone.
La ghiandola pineale regola anche i ritmi circadiani giornalieri e stagionali, i modelli di sonno /veglia che determinano i livelli di ormoni, i livelli di stress e le prestazioni fisiche.



Attivare la ghiandola pineale, può essere utile per regolare il livelli di umore, sonno ed energia. Di seguito quattro modi per iniziare.

1- L'esposizione al sole favorisce la produzione di serotonina e stimola la mente. Qualsiasi tipo di esposizione alla luce, direttamente o indirettamente, attiva la ghiandola pineale indotta a produrre serotonina. Questo neurotrasmettitore è responsabile dell'umore e migliora i livelli di energia.
Questo è il motivo per cui è preferibile evitare la luce dopo che cala il sole perché la ghiandola pineale ha necessità del buio per produrre la melatonina e reprimere la serotonina. Questo processo può essere realizzato soltanto riducendo la luce.



2- Dormire in completa oscurità aiuta la ghiandola pineale a produrre sufficiente melatonina per garantire un buon sonno ristoratore. È bene quindi evitare dispositivi retroilluminati come cellulari, tablet, monitor di computer e tv. L'illuminazione di questi dispositivi stimola la produzione di serotonina ingannando la ghiandola pineale e disturbando così il ciclo veglia/sonno.




3- Sun gazing,
guardare il sole, è una tecnica che molte persone usano per l'attivazione della ghiandola pineale, ma non ci sono prove scientifiche a riguardo.
Consiste nel guardare il sole per pochi secondi, entro i primi 15 minuti dall'alba e nei 15 minuti prima del tramonto.
Tuttavia anche la semplice esposizione alla luce solare, favorisce l'attivazione della ghiandola pineale senza dover fissare
direttamente il sole.

4- La ghiandola pineale risponde ai segnali bioelettrici di luce/buio e la meditazione attiva questa energia bioelettrica.
Con la pratica si può imparare a dirigere quest'energia a quest'organo altamente sensibile.



Problemi moderni con la ghiandola pineale.

La calcificazione è il problema più grande per la ghiandola pineale.
Il fluoruro si accumula nella ghiandola pineale più di qualsiasi altro organo e porta alla formazione di cristalli di fosfato.
Più la ghiandola pineale s'indurisce a causa della produzione di cristalli, meno melatonina viene prodotta disturbando il ciclo veglia/sonno.



La ricerca riporta anche che l'indurimento da parte del fluoruro, accelera lo sviluppo sessuale nei bambini, soprattutto nelle ragazze. Uno studio di 30 anni fa svolto in America, riferiva che il 40% dei ragazzi sotto i 17 anni avevano calcificazioni pineali.
Da allora si è vista l'insorgenza di pubertà precoce specie nelle ragazze.

Eliminare il fluoro può essere il primo passo per ridurre i problemi di salute. Utilizzare un dentifricio senza fluoro, evitare l'acqua del rubinetto e mangiare cibi ricchi di calcio piuttosto che prendere integratori di calcio per ottenere la vitamina D. Senza abbastanza vitamina D infatti il calcio non diventa biodisponibile e calcifica nei tessuti umani tra i quali la ghiandola pineale.



Il frutto dell'albero di tamarindo è estremamente efficace nel rimuovere il fluoruro dal corpo.
Uno studio ha trovato che i bambini ai quali è stato dato il tamarindo, hanno espulso una maggiore quantità di fluoro attraverso le urine rispetto al gruppo di controllo.


SBLOCCARE E ATTIVARE LA GHIANDOLA PINEALE




Se vogliamo sfruttare i nostri più profondi stati di intuizione, intelligenza e illuminazione spirituale, è necessario sbloccare e attivare la ghiandola pineale.
Comunemente indicato dalle antiche culture e mistici come il terzo occhio , la nostra ghiandola pineale si trova al centro del nostro cervello tra i nostri emisferi destro e sinistro ed è responsabile per la produzione di neurotrasmettitori come la serotonina e la melatonina .
Eppure,alla ghiandola pineale non è stato conferito il nome di terzo occhio a caso.




Si è constatato infatti che la ghiandola pineale contiene in realtà fotorecettori, proprio come i nostri occhi, e in realtà è attivata dalla luce trasmessa attraverso i nostri occhi.
Questa luce solare trasmessa attraverso i nostri occhi stimola la produzione di serotonina e lavora ulteriormente per rafforzare la capacità della ghiandola di liberarsi di specifiche sostanze chimiche nocive che possono incrostarla.
La ghiandola pineale è anche stimolata dal buio, a cui la ghiandola risponde producendo melatonina per aiutarci ad indurre il sonno.
Sole = serotonina
Buio = melatonina



Come decalcificare e disintossicare la vostra ghiandola pineale.

La ghiandola pineale non è protetta dalla barriera emato-encefalica e quindi non ha una linea supplementare di difesa contro le tossine nocive che entrano nel flusso sanguigno.
È stato dimostrato che tossine specifiche, come il fluoruro di sintesi e calcio sintetico, indeboliscono la capacità della ghiandola pineale di produrre i nostri neurotrasmettitori e di ricevere i fotoni di luce del sole, luna e stelle.



Tuttavia, è importante distinguere la differenza tra fluoro sintetico e calcio sintetico rispetto al fluoro organico e calcio organico.
Se ricevuto da fonti vegetali, come frutta e altri alimenti organici, calcio e fluoruro sono minerali essenziali sani.

Ma, quando il fluoro e calcio sono prodotti sinteticamente attraverso lavorazione industriale e aggiunti all'acqua di rubinetto, integratori vitaminici, dentifrici, cereali fortificati e vari altri prodotti, questi minerali sintetici si sono dimostrati dannosi colpendo la ghiandola pineale e numerosi altri organi del corpo.



Prima di iniziare ad attivare la ghiandola pineale, è necessario rimuovere le sostanze chimiche tossiche che impediscono di lavorare, come il fluoruro sintetico, calcio sintetico, farmaci e altre tossine.
Se state bevendo l'acqua del rubinetto, cercate di sostituirla con le opzioni più pure e più sicure, come l' acqua di sorgente naturale, acqua di pozzo, acqua ad osmosi inversa.
Si possono inoltre rimuovere eventuali integratori vitaminici e minerali, alimenti fortificati e dentifrici che contengono fluoro o calcio aggiunto.



Come attivare la ghiandola pineale.

Una volta iniziata la rimozione delle impurità che impediscono alla ghiandola pineale di essere azionata, si possono iniziare a implementare pratiche per stimolare e far crescere il funzionamento e le capacità della ghiandola pineale.
Una grande pratica che si può fare per tutta la vita è quella della meditazione.
L'atto di meditare stimola il sistema dei chakra del nostro cervello e del corpo che è responsabile per la conduzione e la generazione di energia vitale. La meditazione porta energia bioelettrica alla ghiandola pineale consentendo ad un maggiore stato di chiarezza e all'intuizione di entrare nella nostra vita cosciente.



Dopo la meditazione, un più avanzato esercizio che lavora per attivare la ghiandola pineale, così come tutti i punti chakra del corpo, è quello del Kundalini Yoga.

La Kundalini, che poggia avvolta nel chakra più basso della nostra colonna vertebrale, è un trasduttore di energia che sale lungo la spina dorsale, attraverso la pratica, fino a quando finalmente raggiunge la ghiandola pineale.

L'energia della Kundalini sale ed attraversa le ossa della spina dorsale, attivando i 33 punti delle vertebre uno per uno fino a raggiungere i punti di energia della ghiandola pineale e della corona ai livelli superiori della spina dorsale.

Nutrizione per la ghiandola pineale.

Gli alimenti che specificamente sostengono e attivano la ghiandola pineale sono curcuma (thè e cruda), semi di cacao, piante verdi e verdure, acqua di sorgente, Reishi (thè e compresse), succhi di erba, barbabietole, aceto di sidro di mele.

È possibile usare dei supplementi per contribuire a disintossicare ed attivare la ghiandola pineale come zeolite, bentonite, MSM organico e oro Ormus .


e0cf761e-9a0e-4743-920c-cb8a1cebe433
« immagine » Cartesio descriveva la ghiandola pineale come la sede principale dell'anima. Questa ghiandola corrisponde anche al terzo occhio, il sesto chakra situato nel bel mezzo delle sopracciglia. Ha l'aspetto di una piccola pigna e si trova nel centro del cervello allo stesso livello degli oc...
Post
22/05/2017 11:35:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

IL GRUPPO SANGUIGNO SVELA LA PERSONALITÀ.

21 maggio 2017 ore 12:18 segnala

A-ATTENTO /AB-UNICO/ B-LIBERO/O-FELICE

In Giappone la correlazione tra gruppo sanguigno e personalità, è tenuta in grande considerazione.


Infatti, per esempio, quando Yomiuri Shimbun
, il più grande quotidiano giapponese, nel 2010 pubblicò il profilo del nuovo Primo Ministro, fece in modo di includere questo importante particolare : " Il nuovo Primo Ministro Naoto Kan ha sangue di tipo O".

I giapponesi prestano da tempo molta attenzione ai gruppi sanguigni.

Tutto è iniziato nel 1916 quando un medico giapponese, Hara Kimata, diffuse un documento sul legame tra gruppo sanguigno e carattere.

La teoria guadagnò terreno nel 1927, quando Takeji Furukawa, un ex professore della Ochanomizu University di Tokyo, pubblicò una serie di articoli dal titolo " Lo studio del temperamento attraverso il gruppo sanguigno".

Nel 1971 lo scrittore Masahiko Nomi, ampliò la premessa di Furukawa.


Riporto qui di seguito le caratteristiche dei principali gruppi sanguigni, tratte dal sito del Dott. Andrea Ienca. Gruppo A - Amore.

Tutti gli A son persone Amorevoli! Sono Asceti, stanno stare benissimo da soli a meditare e sono le persone più ispirate...Se li metti nella casetta da soli sotto l'Himalaya in mezzo alla Natura e agli animali stanno benissimo, in pace con il loro essere.
Sanno Ascoltare, Aspettare e sanno Accogliere gli altri, sono degli ottimi Artisti.
La A è una piramide, il simbolo della piramide con l'occhio al vertice è il simbolo della "veggenza", il terzo occhio, l'ispirazione appunto.
La A rovesciata è un calice, sanno Accogliere e tutte le donne A sono delle ottime Amanti.
Tutte le belle parole con la A li rappresentano, se c'è qualche parola bella con la A che non li rappresenta, significa che non sono in linea con se stessi a quel livello.

Gruppo B - Bontà.

Tutte le persone con il gruppo B sono Belle, Buone e Brave, tutte le parole che iniziano con la B li rappresentano se non ci si rispecchiano significa che non sono in armonia con il proprio essere... Sono anche un po' Brontoloni e piuttosto chiusi, dei Buoni orsetti che è meglio non disturbare, altrimenti diventano delle Bestie.
La B sdraiata sul fianco diventa il simbolo dell'infinito, a me fa pensare parecchio ai due emisferi cerebrali connessi tra loro, sarà mai che i B sono gli unici in grado di connettere la parte razionale alla parte emozionale meglio di chiunque altro? La cosa vale anche per gli AB naturalmente, ma dato che sommati sono la minoranza della popolazione mondiale non ho ancora abbastanza elementi per poter dire di più... Spero che qualche B incuriosito dalle mie ricerche mi dia una mano .

AB - Amore e Bontà.


Gli AB sono il gruppo più raro sulla faccia della terra!! Hanno tutte le caratteristiche degli A e dei B e le dovrebbero integrare, quindi la cosa è più difficile... Di solito sono dei frustrati perchè ricevono cose materiali da tutti e non riescono a dare niente a nessuno!! Consiglio di fare molta attenzione alla parte materiale, gli AB dovrebbero ricevere da tutti (regali, doni, soldi) e non dovrebbero dare a nessuno se non agli stessi AB, dovrebbero semplicemente godere nel ricevere!!!

Questo è in funzione degli scambi sanguigni tra donatori e riceventi, il gruppo AB+ è ricevente universale e donatore unico (allo stesso AB+), il gruppo AB- riceve da tutti tranne che da AB+ e può donare solo ad AB- e AB+.

O - Olos.

Tutti gli O (è una lettera non un numero) sono persone Omnicomprensive, la parola che li rappresenta è Olos.
Abbracciano le caratteristiche degli altri gruppi sanguigni e hanno la capacità di riunire le persone, sono degli ottimi organizzatori.
La O è un cerchio perfetto, di fatti ricercano la perfezione, sanno stare in mezzo agli altri, li amalgamano e li fanno "funzionare" alla perfezione.
Sono Buoni come i B e Amorevoli come gli A... Se non si ritrovano in queste caratteristiche significa che non sono allineati con loro stessi!!

I gruppi Rh negativo costituiscono una categoria a parte.


da http://riccamente.blogspot.com/

Rh negativo – Caratteristiche e origini di un sangue misterioso





Il sangue Rh negativo del gruppo 0, risulta essere il sangue più “puro” sulla terra, poiché scientificamente risulta negativo al test Rhesus ovvero al nesso genetico tra uomo e scimmia.
L’Rh negativo può essere donato a tutti i tipi di sangue umano (a parte qualche rara eccezione) ma può riceverlo solo da donatori Rh negativo.
Ricerche scientifiche affermano che nell’intera umanità solo il 15% degli esseri umani sono portatori di Rh negativo.
Questo aspetto di rarità e di compatibilità totale determina l’Rh negativo sia un sangue raro e pregiato.

Essendo negativo al test Rhesus la scienza non sa capire l’origine di questo sangue e come sia apparso sulla terra.
Mentre nel sangue Rh positivo si determina che tra uomo e scimmia vi è una correlazione, questa non la si può affermare per l’Rh negativo.
Altra particolarità si evince negli inconvenienti che sorgono quando una madre Rh negativo dà alla luce un bambino Rh Positivo. Si tratta di una malattia emolitica, o meglio di una reazione allergica che può produrre conseguenze gravi quando i due diversi gruppi sanguigni si mescolano nel corso della gravidanza, dal momento che le sostanze antigeniche presenti nel tipo Rh negativo attaccano le cellule Rh positivo.
Sono stati scritti molti articoli e trattati sul fatto che l’Rh negativo sia una manipolazione genetica degli alieni o il sangue di esseri evoluti approdati sulla terra qualche migliaio di anni fa, di fatto questo sangue risulta un mistero.



Alcuni studiosi hanno studiato il comportamento e alcune caratteristiche dei portatori Rh negativo.




Caratteristiche dei portatori dell’Rh negativo:

• Senso di non appartenenza
• Tendenza a ricercare la verità
• Senso di dovere compiere una “missione” nella vita
• Empatia e compassione
• Quoziente intellettivo superiore alla media
• Percettività extrasensoriale
• Amore per lo Spazio e la Scienza
• Sguardo profondo
• Tendenza a fare sogni molto vividi




Come ipotesi di studio, i portatori di Rh negativo non avendo nel sangue caratteristiche dei primati hanno un comportamento che verte più alla conoscenza che alle leggi del mondo animale che sono territorio, riproduzione e cibo.
Questo non significa che gli Rh positivo sono delle bestie, ma solamente che a livello di struttura fisica hanno delle predisposizioni diverse.

LE ENTITÀ ANGELICHE

20 maggio 2017 ore 06:07 segnala




Gli Angeli sono Entità che appartengono alla dimensione dei Misteri Insondabili dello Spirito. Nella quiete del silenzio, quando il cuore è aperto e la mente tace è possibile entrare in contatto con la Loro ineffabile realtà.
Amore, fratellanza, lealtà, candore, umiltà e compassione sono solo alcune delle virtù che permettono a queste meravigliose Entità di avvicinarsi agli esseri umani in modo sorprendente: più i sentimenti sono puri e sinceri maggiore è la possibilità di entrare in contatto con gli Angeli e ricevere il Loro aiuto.



Ogni volta che ci si appresta a compiere una buona azione, ogni volta che si riesce a percepire l’esistenza di un fluido sottile che collega tutti gli esseri umani fra loro, ogni volta che si ha il coraggio di non accettare compromessi e di proseguire diritti verso la meta che conduce alla propria Divina Essenza… ebbene, in quei momenti è possibile che nelle vicinanze ci sia un Angelo, o magari più di uno, intento a svolgere la propria missione che consiste nel sostenere e ispirare le azioni di tutti gli esseri che lo meritano, soprattutto nei momenti più importanti e più difficili della loro vita.



Le vie che scelgono per manifestare il Loro aiuto sono molteplici: a volte si palesano attraverso il consiglio di un amico, il ritardo di un treno, un imprevisto, un dono che si riceve in un momento inaspettato, proprio quando si aveva bisogno di un gesto d’affetto da parte di qualcuno.
A volte accade che si senta la necessità quasi impellente di compiere una determinata azione in un determinato momento come se fosse il solo ed unico momento per compierla e nel farlo si vive uno strano senso di estrema lucidità e chiarezza della mente ed ogni gesto viene compiuto in modo cosciente; in quei momenti, è probabile che si stia manifestando la Volontà Divina per mezzo di alcune Entità Angeliche.
Sebbene non sia facile parlare e descrivere concretamente ciò che è invisibile agli occhi della maggior parte degli esseri umani, esistono molti libri ricchi di testimonianze che narrano di esperienze eccezionali vissute in situazioni limite, spesso ai confini fra la vita e la morte.



Le Meditazioni di Comunione con gli Angeli offrono la possibilità di elevare il livello vibratorio favorendo in tal modo l’opportunità di predisporre l’essere ad una maggiore percezione della presenza sublime di queste straordinarie Entità che attendono di essere contattate per offrire il Loro amorevole aiuto.





Arcangelo Raziel – Sciogliere i blocchi karmici



Salute a voi, IO SONO l’Arcangelo Raziel. La scienza riconosce sempre più che creature meravigliose siete voi esseri umani. Va anche detto che le vostre vere possibilità superano di gran lunga la vostra immaginazione. Dentro di voi c’è un sistema a livello subatomico che vi collega con qualsiasi particella dell’universo. Ciò significa che siete veramente collegati con tutto non solo sul piano spirituale, ma anche su quello fisico. Perciò siete in grado di ricevere tutte le informazioni che desiderate ottenere. Può sembrare incredibile, ma è proprio così.
Probabilmente credete che questo sia possibile solo a pochi eletti, ma non è vero. Ciascuno di voi possiede delle capacità nascoste. Dipende da voi decidere di cercarle all’interno e non più all’esterno, perché tutto il sapere è dentro di voi.
Mentre vi prendete il tempo per imparare a mettere le cose in chiaro con voi stessi, a lasciarvi alle spalle l’ego e diventare dei canali, sarete sempre più nella condizione di far riaffiorare tutte le antiche conoscenze acquisite in innumerevoli vite, di ricevere le informazioni presenti nell’universo e di decifrare i segreti spirituali che desiderate capire.



Permettetemi di entrare nei vostri sogni per liberarvi dai traumi e dai blocchi, e farvi familiarizzare sempre più con la saggezza dell’universo, perché è giunto il momento di riportare alla luce il vostro potenziale per prendere parte al processo di ascesa dell’umanità e della Terra. Questo è il vostro vero compito, siatene consapevoli, altrimenti non vi sareste messi in cammino.
Fate in modo che l’amore sia il vostro compagno di ogni giorno, perché l’amore unisce tutto e supera qualsiasi barriera. Più le vostre cellule vibreranno nell’amore, più sarà elevata la vostra frequenza e avrete accesso a tutte le informazioni. Permettetemi di aiutarvi a raggiungere questa condizione. Vi saluto dal profondo del cuore e rendo onore alla vostra vera forza.



**************

Raziel significa “Segreti di Dio”. Egli conosce tutti i segreti del mondo e ha accesso alla cronaca dell’Akasha. Ha raccolto e messo per iscritto questi segreti in un libro, il Sefer Raziel. Nella tradizione ebraica si dice che Raziel abbia affidato questo libro ad Adamo e più tardi anche ad Abramo per istruirli sulle leggi spirituali del mondo. Anche Noè aveva dimestichezza con il libro e, con l’aiuto delle informazioni contenute al suo interno, costruì l’arca.
Ancor oggi l’Arcangelo Raziel aiuta le persone a comprendere segreti spirituali complessi. Tra i suoi compiti rientra anche quello di sciogliere i blocchi e i voti spirituali e psichici che certe persone si portano dietro da questa vita o da esistenze precedenti.
Inoltre, può procurare informazioni alle persone dalla cronaca dell’Akasha, in modo che al momento giusto riescano a ricordare le vite passate.
Raziel agisce come un mago divino e aiuta le persone attraverso la manifestazione.
La sua energia risulta mistica, saggia e piena di amore. La sua aura rispende di tutti i colori dell’arcobaleno.



Invocazione per liberarsi dai traumi

“Arcangelo Raziel, mentre di notter dormo,
ti prego di liberarmi, nella maniera più delicata e
piacevole possibile, dai traumi di questa vita e
delle precedenti ancora accumulati dentro di me.
Ti ringrazio con tutto il cuore!”.



Favorire la chiaroveggenza

In questi casi vi sarà particolarmente utile un cristallo di rocca caricato con l’energia di Raziel. Coricatevi e posizionate il cristallo di rocca sul vostro terzo occhio. Chiudete gli occhi e pronunciate tre volte l’affermazione: “E’ certo che io veda”. Inspirare ed espirare profondamente e fate agire l’energia del cristallo.



Insegnamento nel sonno

Pregate l’Arcangelo Raziel di istruirvi durante la notte e farvi familiarizzare con i segreti spirituali. E’ possibile che percepiate queste lezioni in sogno e che riusciate a capire informazioni complesse di cui la mattina dopo non vi ricorderete più. Ciò dipende dal fatto che riceverete la lezione in una dimensione superiore, mentre nella vita quotidiana vi trovate su un altro piano. Tuttavia potete stare certi che queste informazioni sono state salvate nel subconscio e verranno alla luce quando sarà il momento.



Raziel e i chakra

L’Arcangelo Raziel aiuta le persone a sciogliere i blocchi karmici dal terzo occhio e ad aprire il chakra della corona per imparare a capire i segreti spirituali.

Meditazione – Allontanamento dei blocchi dal terzo occhio

Chiudi gli occhi, inspira ed espira profondamente. Senti come il tuo corpo si rilassa sempre più.



Ti trovi su un prato verde avvolto dalla nebbia. Non riesci a riconoscere nulla tutt’intorno, finché all’improvviso davanti a te appare una luce chiara che sembra volerti indicare la strada. Con cautela metti un piede davanti all’altro e la segui.

Davanti a te compare un ponte che ti conduce verso un fiume impetuoso. Ti muovi con passo misurato sul ponte, attraverso la nebbia, e approdi in un luogo paradisiaco. Il solo splende nel cielo e inonda tutto di una luce dorata.



Allora riconosci all’orizzonte una piradime cristallina che brilla di tutti i colori dell’arcobaleno. Acceleri il passo e improvvisamente si apre nella piramide un portone invisibile attraverso il quale entri. L’interno della piramide è ancora più grandioso di come telo eri potuto immaginare dall’esterno. Il vertice sembra arrivare fino in cielo e ai tuoi occhi umani non è più percepibile. Negli angoli si trovano enormi cristalli di quarzo che creano un’atmosfera di chiarezza e purezza totale.



In mezzo a questa meravigliosa stanza si trova una specie di trono di cristallo di rocca.

Lentamente ti ci avvicini, quando tutt’a un tratto appare accanto a te un enorme Angelo con ali simili a quelle di un’aquila e l’energia di un mago.

Supponi immediatamente che debba trattarsi dell’Arcangelo Raziel, colui che conosce tutti i segreti. Ed è proprio così. Raziel ti fa ceno di sederti sul trono di cristallo. Avverti la superfice fresca ma piacevole sotto di te e chiudi gli occhi.



Allora l’Arcangelo Raziel punta i suoi indici sul tuo terzo occhio e una luce cristallina vi scorre attraverso. Forse percepisci la vibrazione prodotta dalla luce mentre l’Arcangelo Raziel pronuncia le seguenti parole:
“Con questo dissolvo i blocchi che hanno origine da questa vita. Inspira ed espira profondamente. Così va bene… E quando ti sentirai pronto, dissolverò nella maniera più delicata e piacevole dal tuo terzo occhio anche i ricordi dolorosi delle vite precedenti, durante le quali sei morto a causa della tua chiaroveggenza. Inspira ed espira profondamente più volte o liberati”.



Senti come ti liberi dai tuoi vecchi fardelli e la tua visione interiore diventa sempre più chiara.

Colmo di gratitudine, ti inchini davanti l’Arcangelo Raziel che ti riconduce al portone della piramide.

All’aperto vi aspetta una moltitudine di Angeli che volteggiano con te nell’aria per mostrarti il mondo dall’alto.

Profonde conoscenze si espandono dentro di te.

Infine, pervaso da un forte sentimento di felicità, atterri suoi tuoi piedi molto delicatamente e senti come le profonde radici sotto la pianta dei tuoi piedi ti congiungono con la Terra. Sei collegato con il Cielo e la Terra.

Inspira ed espira ancora un’ultima volta profondamente e ritorna nel qui ed ora.


Come vedere e interpretare l'aura, (energie)

19 maggio 2017 ore 10:52 segnala


Questa esercitazione è destinata a coloro che vogliono vedere per la prima volta l'aura e/o per esercitarsi per vedere le aura altrui. La scelta delle circostanze è importante: non soltanto vedete al meglio l'aura, ma anche otterrete una riservatezza su cosa andrete a vedere.
Situate la persona davanti una parete bianca molto morbida. Una priorità bassa del colore cambierà i colori dell'aura, tale da avere bisogno della conoscenza supplementare sulla combinazione dei colori. Alcune combinazioni di priorità bassa e di colori dell'aura possono causare problemi di interpretazione errata.






Scegliete un punto da guardare: in mezzo alla fronte è ottimo. E' la posizione cosiddetta chakra della fronte o terzo occhio. In alcune culture (India) mettono un simbolo sulla fronte. Un tale segnale nei periodi antichi significava l'invito ad osservare e vedere l'aura.

Guardate questo punto per 30 - 60 secondi o più lungamente




Dopo 30 secondi analizzate i dintorni con la vostra visione periferica, rimanendo ancora a guardare lo stesso punto: la continuazione della concentrazione è più importante. Resistete alla tentazione di osservare intorno perdendo la concentrazione su quel punto. Dovreste vedere che i contorni vicino alla persona sono più luminosi ed hanno un colore diverso. Questa è la vostra giusta percezione dell'aura. Più a lungo vi concentrate, meglio la vedrete. Ricordatevi di mantenere la concentrazione sul punto e la vostra sensibilità andra' ad aumentare l'effetto della vibrazione dell'aura che raggiunge i vostri occhi.




Presa istantanea di un'aura.


Dopo la concentrazione tenuta abbastanza a lungo per vedere l'aura, fermate i vostri occhi. Per un secondo o due vedrete soltanto l'aura: siate preparati. Avete soltanto un secondo o due e poi le vostre cellule fotosensibili smetteranno di vibrare e trasmettere le sensazioni visive al cervello. E se avviene questa mancanza , dovete cominciare a concentrarvi ancora. Provate a sperimentare quanto velocemente o lentamente dovreste chiudere i vostri occhi.



Osservazione dell'aura della gente

la cosa migliore è di guardare direttamente qualcuno sul chakra della fronte (terzo occhio o occhio di saggezza, che è a circa 1.5 centimetri sopra il naso, fra gli occhi) e di giungere a realizzare la condizione della mente simile alla tecnica di concentrazione descritta precedentemente per almeno 30-60 secondi, provate anche a guardare i chakra del cuore e della gola ed otterrete risultati simili. Tuttavia, se vi concentrate su qualcuno e lo osservate intensamente, la cosa e' così insolita che la persona interessata è solitamente molto restia a farsi guardare. Quando esaminate a qualcuno il chakra della fronte potete continuare la conversazione liberamente.



Anche qui, occorre che la persona sia in una posizione molto strategica, come descritto precedentemente, ossia deve trovarsi in un posto con molta luce, meglio ancora se dietro alla persona v'e' qualcosa di bianco, come un muro, e senza ombre che è senz'altro la cosa migliore. Con la pratica, tutta la luce non chiara viene uniformemente illuminata (quale ad esempio un cielo blu).



Come vedere la vostra propria aura

Ponetevi in piedi (alzatevi), circa 1,5 m. davanti ad un buon specchio. All'inizio è meglio se gli oggetti dietro di voi siano bianco normale e non ci siano ombre. L'illuminazione dovrebbe essere molto morbida ed uniforme e non luminosa. Seguite le istruzioni date sopra per vedere l'aura.
esercitatevi per almeno 10-15 minuti ogni giorno per aumentare la vostra sensibilità e per sviluppare la vista aurica. Ricordatevi che la pratica è richiesta per sviluppare la vista aurica.



Vista aurica ed immagini persistenti

Una delle domande più frequentemente fatte è: "ma, sono i miei occhi che giocano a fare i prestigiatori oppure c'e' qualche trucco ?" La risposta è no, voi avete appena imparato a prestare attenzione a quello che i vostri occhi sono capaci di fare. I sensori "chiari" nei nostri occhi (verde rosso ed azzurro) sono sensori di vibrazione che sono altamente "non lineari" e hanno memoria. La conseguenza della memoria è che possono oscillare fino a parecchi secondi dopo che lo stimolo visivo sia stato interrotto.



Questa memoria di stimolo visivo è percepita frequentemente come immagine persistente. Le immagini persistenti hanno precisamente la stessa figura delle immagini originali. L'immagine persistente di un oggetto circondato dalla relativa aura è più grande dell'immagine originale. L'aumento in tale immagine persistente è dovuto alla vibrazione di un'aura e rappresenta realmente "una fotografia istantanea" di un'aura. È quindi essenziale mettere a fuoco in un punto quando si guarda l'aura e resistere alla tentazione di cambiare il punto di concentrazione, altrimenti un'immagine dell'aura può essere confusa con l'immagine persistente di un oggetto.



Significato dell'aura e dei relativi colori

l' aura è un riflesso della nostra natura. A questo punto è necessario forse spiegare che cosa significa "della nostra natura" perchè un certo sforzo è necessario per scoprirlo. La nostra società sembra dare risalto ai simboli, agli stereotipi, alle abitudini, ai modi, al comportamento superficiale, fingendo, e seguendo personaggi e mettendo la propria vita nelle mani di alcune "Guide" con molta disinvoltura e con massima liberta', e con piena volonta'. La nostra "formazione" sembra essere basata sulle convinzioni e sulle aspettative della gente che prova a controllare la moltitudine.



La nostra natura vera, è ciò che resta quando riconosciamo e scartiamo tutte le nostre abitudini, stereotipi, modi e finzione, i comportamenti superficiali; solo allora si diventa completamente cosciente, naturale e spontaneo. Si noti che molte persone sono talmente radicati nei loro modi ed abitudini che è molto duro, se non impossibile, far scoprire loro chi sono realmente. L'unico modo per ottenere una comprensione della loro personalità sembra essere quello di guardare la loro aura, perché l'aura mostra la loro vera natura, dietro tutto la finzione del comportamento superficiale.



In generale, più colorati, più puliti e più luminosi sono i colori dell'aura, e migliore e più spirituale sono le persone. Inoltre, più uniforme e' la distribuzione di energia dell'aura, e più sana ed equilibrato e' la persona.

la nostra aura circonda l'intero corpo, ma l'interpretazione dei colori riportata si riferisce all'aura intorno alla testa soltanto. Quando imparerete a vedere bene l'aura, potete verificare concentrandovi su determinati pensieri, la vostra vera natura, mentre guardate la vostra aura, o dicendo alla gente quali sono i loro pensieri quando vedete le loro aure.



Solitamente, la gente ha uno o due colori dominanti (punti forti) nella loro aura. Questi colori (o i loro accoppiamenti aurici) saranno probabilmente i loro colori favoriti.

Oltre ai colori dominanti, l'aura riflette solitamente i pensieri, le sensibilità ed i desideri, che compaiono come " flash", " nubi" o " fiamme", ma un po' piu' lontano dalla testa. Per esempio un flash arancio nell'aura indica un pensiero o un desiderio che indica il desiderio di esercitare il potere ed il controllo. L'arancio come colore dominante è un segno di potere e di capacità generale di controllare la gente. "i flash" che cambiano rapidamente indicano i pensieri che cambiano con molta rapidita'.

Significato dei colori puliti dell'aura



(colori luminosi, lucidi, dell'arcobaleno):

La porpora: indica i pensieri spirituali. La porpora non è mai un punto forte nell'aura. Compare soltanto come "le nubi" provvisorie e "fiamme", indicanti i pensieri veramente spirituali.

Azzurro: esistenza equilibrata, vita soddisfacente, facilita il sistema nervoso, la forza muscolare e l'energia. La gente con un punto "forte blu" nella loro aura e' molto rilassata e rilassante, e' molto equilibrata ed e'capace e pronta a vivere in una caverna ed a sopravvivere. Il pensiero blu è un pensiero per la distensione del sistema nervoso e per realizzare l'equilibrio della mente o di un pensiero per sopravvivere. L'azzurro elettrico può escludere qualunque altro colore nell'aura, quando la persona riceve o trasmette le informazioni in una comunicazione telepatica emette luce frequentemente con l'azzurro elettrico durante le sue comunicazioni, ed in particolare quando risponde alle domande di qualcuno.



Turchese: indica la qualità dinamica di essere, personalità altamente iperattiva, capace di proiezione, ed influenza la gente. Le persone con il punto forte color turchese nella loro aura possono fare simultaneamente molte cose e sono buoni organizzatori. Si annoiano una volta che si sono impegnati in qualunque impresa. Bisogna dare amore con l'aura turchese, perché tali colori emettono vibrazioni e permettono di raggiungere gli obiettivi e coloro che hanno questi colori dominanti nella propria aura diventano carismatici e ottengono rispetto senza eclatanti gesta e riescono ad ottenere immediata esecuzione ai loro voleri, piuttosto che diventare esseri dispotici ed intolleranti.



Verde: energia d'amore e di modificazione, abilità nella guarigione naturale. Tutti i guaritori naturali dovrebbero averla. La gente con un punto forte verde nella loro aura sono guaritori naturali. Più forte e' l'aura verde, migliore e' il guaritore. Inoltre amano fare giardinaggio e solitamente hanno "il pollice verde" -. Essendo in presenza di una persona con un'aura forte e verde, otteniamo un'esperienza molto pacifica. Il pensiero verde indica una condizione di pace e di guarigione.



Colore giallo: gioia, libertà, non-collegamento, libera le forze vitali. La gente che emette luce gialla è piena di gioia interna, molto generosa e non legata a qualche cosa. Aureola gialla intorno alla testa: alto sviluppo spirituale. Una garanzia di un vero insegnante spirituale. Non accettate gli insegnamenti spirituali da chiunque non abbia un'aureola gialla. Buddha e Cristo hanno avuto aureole gialle che si estendevano fino alle loro braccia. Oggi è raro incontrare sulla terra una persona con un aura (aureola) più grande di 1 pollice. L'aureola o aura gialla compare come conseguenza di un chakra altamente attivo della fronte (che può emettere luce visto come colore viola da molta gente). La gente altamente spirituale stimola continuamente il chakra della fronte per molti anni, perché ha sempre pensieri spirituali intensi nella propria mente. Quando questo chakra viene osservato mentre e' altamente attivo, ( mostra un'aureola gialla) compare intorno alla persona, circondando l'intera testa. Il pensiero giallo indica un momento di gioia e di contentezza.



Arancio: purificazione e assorbimento. Ispirazione. Un segno di potere. Capacità e/o desiderio di controllare la gente. Quando l'arancio si trasforma in in un punto forte, contribuisce solitamente ad un aureola (aura) gialla, che allora si trasforma in oro, indicante non soltanto un insegnante spirituale, ma un insegnante spirituale potente, qualcuno capace di dimostrare le sue abilità altamente pure. Il pensiero arancione è un pensiero sull'esercitare "il donare" o un desiderio di controllare la gente.



Colore rosso: pensieri materialistici, pensieri sul corpo fisico. L'aura rossa indica la persona orientata materialisticamente.

Colore rosa (= porpora+rosso): amore (in senso spirituale). Per ottenere un colore rosa pulito, dovete mescolare la porpora (la frequenza più alta che percepiamo) con il colore rosso (la frequenza più bassa). L'aura vibrante indica che la persona ha realizzato un equilibrio perfetto fra consapevolezza spirituale e l'esistenza materiale. La gente più avanzata ha non soltanto un aureola gialla intorno alla testa (un punto forte permanente nell'aura) ma anche una grande aura brillante che si estende moltissimo. Il colore brillante nell'aura è abbastanza raro sulla terra e compare soltanto come pensiero provvisorio, mai come punto forte nell'aura.

Colori poco evoluti

(colori che appaiono più scuri simili ad un fumo)



Marrone: sconvolgimento, distrazione, materialita', che nega la spiritualità.

Grigio: pensieri scuri, pensieri deprimenti, intenzioni poco chiare, presenza di un lato scuro della personalità.

Zolfo (colore senape): dolore o mancanza di agio, rabbia



Bianco: malattia seria, stimolazione artificiale ( medicine). Perché il colore bianco nell'Aura indica problemi? Il colore bianco è come un rumore, piuttosto che un set di toni armoniosi. E' impossibile "accordare" il rumore con un'orchestra che suona musica armoniosa, l'Aura bianca indica una mancanza dell'armonia nel corpo e nella mente. La Natura della quale noi siamo una parte, è armonia. Questa armonia entra in "toni" di vibrazione distinti o armonici, parzialmente descritti dall'intervallo moderno psichico.



Molte ore prima della morte, l'Aura diviene bianca, e gradualmente aumenta in intensità. Per questa ragione in più culture la "morte" viene dipinta di colore Bianco (non nero), perché in passato, le persone davvero potevano vedere una Aura bianca rappresentare la morte. Sembra che i nostri antenati sapessero molto più di quello che noi siamo preparati ad ammettere.


6fdb6b03-b55a-4c54-b3df-611035548085
Questa esercitazione è destinata a coloro che vogliono vedere per la prima volta l'aura e/o per esercitarsi per vedere le aura altrui. La scelta delle circostanze è importante: non soltanto vedete al meglio l'aura, ma anche otterrete una riservatezza su cosa andrete a vedere. Situate la persona...
Post
19/05/2017 10:52:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

PROCESSI TELEPATICI

18 maggio 2017 ore 08:55 segnala


“Siccome non tutti di voi hanno la capacità di seguire i nostri simboli attraverso il cosmo, ricevendoli con un processo di sintonia visiva che è proprio dei processi telepatici, vi vogliamo avvertire del fatto che, quando ricevete i messaggi telepatici, dovete prestare attenzione al modo in cui essi vengono inviati nello spazio. Si tratta di una diffusione di onde magnetiche che, ripetute, arrivano a formare la struttura esatta del simbolo trasmesso, e captate attraverso la sensibilità psichica che le trasmette alla vostra capacità intellettiva, la quale le registra dopo averle captate e le pone nella memoria.



Questo simbolo indica appunto il diffondersi nell’etere delle nostre onde elettromagnetiche che si trasformano poi in un’ immagine psichica che viene captata da quelli di voi che possiedono queste capacità in maniera più sviluppata. Si tratta di un processo conosciuto per altri fenomeni sulla vostra Terra: gli animali possiedono questa capacità in modo più sviluppato, e, come voi sapete, prima dell’arrivo di un evento climatico (temporali ed altro), avvertono questo avvicinarsi di fenomeni e lo registrano con le loro antenne attraverso appunto la telepatia.



Dovete prestare maggiore fiducia a questa facoltà che, nel futuro, verrà usata in modo sempre crescente per captare messaggi provenienti da altri pianeti, o da altri esseri che possiedono queste facoltà più avanzate, e comunicano con noi attraverso di esse.



La vostra memoria registrerà questi dati trasmessi nell’etere, e li trasmetterà poi attraverso la diffusione parlata o scritta. Non dovete perciò stupirvi quando avvengono questi fenomeni, perché essi sono solo l’espressione di una facoltà che nel futuro verrà comunemente usata da tutti gli uomini per comunicare tra di loro con rapidità e senza l’uso di complicati processi di comunicazione che necessitano di tempo e fatica.



Usare la telepatia per comunicare diventerà un mezzo comune nel prossimo vostro futuro, e quindi dovete abituarvi a considerare questo mezzo di comunicazione con naturalezza. Non si tratta di un fenomeno stupefacente, ma di un semplice metodo di comunicazione per tutti.”
Gli Amici di Syrion … a LET





ESERCIZI DI RIGENERAZIONE e DI COMUNICAZIONE TELEPATICA




« Mettete le vostre mani in ricezione delle energie e visualizzate vostro Padre il Sole, il Cristo Solare. Provate a vedere la sua immensa Luce come se lo vedeste in pieno giorno in un cielo magnifico. Potete guardarlo, non vi abbaglia, non è pericoloso.



Visualizzate un immenso fascio di Luce che parte dal suo centro e che si dirige verso di voi. E’ un’immensa strada che vi porta a lui, alla sua Energia di Amore, e che lo conduce a voi.
Rimanete qualche istante in ricezione delle energie affinché di essere connessi a questa sorgente di Amore meravigliosa, a questa sorgente di energia che vi genera.
Il Cristo Solare dà sempre la vita a tutti i pianeti del vostro sistema solare, a tutti i satelliti, ma a secondo della distanza e dell’illuminazione che ogni pianeta può sopportare o integrare, il suo livello di aiuto è diverso e tuttavia importante lo stesso.



Provate a sentire la sua energia diffondersi in voi. Provate a connettervi sul cammino della Luce che emana da lui e provate a fare il cammino inverso, cioè di andare da lui percorrendo questo cammino di Luce.

Adesso che siete connessi alla sua energia, visualizzate il vostro corpo di materia. Innanzitutto visualizzerete la vostra colonna vertebrale e tutte le ossa del vostro scheletro. E’ l’albero, e l’albero deve essere solido. Dirigerete l’energia del Cristo Solare, del vostro Padre il Sole sulla vostra colonna vertebrale.



Immaginate una piccola sfera di Luce che è un’energia condensata. Fatela circolare nella vostra colonna vertebrale, vertebra dopo vertebra.

In seguito fate circolare questa piccola sfera di Luce nelle vostre costole, nella vostra gabbia toracica, in tutte le ossa delle vostre membra.



Abbiate adesso coscienza che la vostra struttura ossea è in perfetta salute, che il vostro albero di vita può ancora portarvi molto lontano, in perfetta salute, sul cammino che vi resta da percorrere.


Vestite adesso la vostra struttura ossea con la vostra carne. Inviate molta Luce in tutto quello che veste la vostra struttura ossea. Lavorate sempre con la luce dorata.


Visualizzate tutto il vostro sistema sanguigno. Le vostre arterie e le vostre vene sono i vostri fiumi, i vostri ruscelli interiori. Proiettate la luce dorata in tutto questo sistema sanguigno affinché sia rigenerato.



Vi può sembrare strano che sia sufficiente solo questo esercizio, o il semplice fatto di pensare ad illuminare la vostra struttura ossea con una luce dorata e a inondare il vostro sistema sanguigno con questa luce sia sufficiente. Il lavoro si compie al secondo nel momento in cui lo pensate, molto semplicemente!


Proiettate adesso la luce dorata nella vostra testa, e irrigate in modo particolare il vostro cervello con questa energia.

Sentite l’armonia in voi. Siete in accordo con voi stessi, siete in accordo con l’Universo. In questo istante, non vi sono più pesi esteriori, non ci sono più catene, siete in armonia.




Proiettate adesso la Luce del Cristo Solare, di vostro Padre il Sole, sui vostri corpi energetici come per « purificarli”, pulirli da ogni contagio di pensieri involutivi che avete generato.
Provate a percepire una luminosità attorno a voi, come se delle luci si accendessero attorno al vostro corpo fisico.


Vi sentite completamente bene. Siete perfettamente allineati sul livello dei vostri centri di forza e sul livello dei vostri corpi sottili. Quando siete cosi, non percepite la stanchezza e non percepirete nessuna energia inferiore.



Quando siete in pace con voi stessi, quando siete perfettamente centrati, la vostra capacità di aiuto è molto importante e l’influsso di Amore che proiettate sugli altri è, anche essa, molto importante.

La vostra guida si posiziona adesso davanti a voi. E’ molto luminoso. Opererà sul vostro centro di forza fra i due occhi. Provate ad aprirvi a questa coscienza, all’aiuto che vi dà.
Soprattutto non siate distratti da tutto ciò che può accadere attorno a voi ! Siate semplicemente centrati su voi stessi.



La vostra guida comunicherà per telepatia con voi, e esprimerete ad alta voce la parola o la frase che ricevete. E’ importante farlo ad alta voce. Soprattutto non usate il mentale! Una parola, due parole, una frase…è importante !


« E’ facile fare parlare il vostro cuore, molto più facile di quanto lo supponete. Le vostre uniche barriere sono il mentale e il dubbio. Vi dite a volte: non sono capace di trasmettere, è il mio intelletto, è il mio mentale…Se sareste un poco più liberi, potreste rendervi conto che si tratta veramente di una comunicazione che può venire dal più profondo di voi stessi, dall’Essere Divino che è in voi, una comunicazione che ricevete dai vostri Fratelli di Luce o dalle vostre guide beniamini.



Il contatto telepatico si farà sempre più tra voi, figli della Terra, e noi, i vostri fratelli delle stelle. E’ in questo modo che potrete essere avvisati dei grandi cambiamenti su voi stessi e sul pianeta Terra.



La telepatia è il modo con cui funziona l’Universo. Non ci sono lingue diverse. Nell’Universo, l’essenziale delle comunicazioni si fa per telepatia.

Dovete imparare a comunicare con i vostri fratelli di Luce e a comunicare fra voi. Con la telepatia non potete falsare, siete sempre sulla strada giusta, onesti con voi stessi, onesti con i vostri fratelli.



Soprattutto non vi lamentate, perché questa facoltà che dimora in voi nascerà sempre più, e vi renderete conto fino a quale punto è facile comunicare in questo modo gli uni con gli altri.

Quando comunicherete con la telepatia, vi renderete conto che la fratellanza esiste veramente, che siete tutti uno e che vi amate veramente. »
3ee2a33a-c6ad-4d66-b220-1fd3347d6e7d
« immagine » “Siccome non tutti di voi hanno la capacità di seguire i nostri simboli attraverso il cosmo, ricevendoli con un processo di sintonia visiva che è proprio dei processi telepatici, vi vogliamo avvertire del fatto che, quando ricevete i messaggi telepatici, dovete prestare attenzione al...
Post
18/05/2017 08:55:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

OGNI AZIONE CREA DELLE VIBRAZIONI IN TUTTO L’ETERE…

17 maggio 2017 ore 10:41 segnala
…IL MAGNETISMO E IL RAGGIO D’AZIONE DELL’ENERGIA



Fra voi, il mondo che vi circonda e le persone con cui venite a contatto si determina un costante scambio di magnetismo. Ad esempio, incontrando qualcuno, potreste avere la sensazione che vi stia accadendo qualcosa; state percependo, infatti, la sua vibrazione. Perché gli altri possano trasmettervi il proprio magnetismo debbono essere vicini a voi. Quando stringete la mano a qualcuno, si crea una sorta di magnete che determina uno scambio di magnetismo. Se siete il più forte o il più positivo dei due trasmetterete all’altro le vostre vibrazioni; se invece siete il più debole assorbirete le sue. Ciò spiega perché alla gente piace, inconsciamente, stringere la mano a uomini e donne famosi.



Ogni azione, positiva o negativa che sia, crea delle vibrazioni in tutto l’etere. Quando vi trovate nel loro raggio di azione, le vibrazioni attraversano il vostro corpo come le onde radio.



Se vivete o avete contatti con qualcuno che si comporta male, sentirete la vibrazione magnetica delle sue azioni negative, qualsiasi cosa facciate per evitarla. I deboli dovrebbero fare di tutto per sfuggire la compagnia di chiunque abbia abitudini cattive. Soltanto chi è dotato di un forte potere mentale può avere a che fare con persone del genere e aiutarle a cambiare, senza subirne l’influenza negativa.



Questa è la legge. Se una persona è dedita all’alcol e la forza magnetica della sua abitudine è più potente della vostra volontà di non bere, non frequentatela. Se avete rapporti con persone che hanno abitudini negative, dovete essere certi che il vostro magnetismo positivo sia più potente del loro magnetismo negativo.



I sedicenti maestri e i cosiddetti riformatori che non si proteggono sviluppando prima un potente magnetismo spirituale, sono facili vittime delle vibrazioni negative di coloro che cercano di aiutare.

Quando stringo la mano a qualcuno, o comunque sto in compagnia di altre persone, trasmetto il mio magnetismo e, talvolta, se voglio, percepisco le loro vibrazioni. Ma quando non voglio, evito di sintonizzarmi con tali vibrazioni e rimango al di là del loro raggio di azione. Poiché ho sviluppato un forte magnetismo, la mia forza magnetica è più potente, e posso quindi escludere tutte le vibrazioni indesiderate.



Sono costantemente consapevole di questi misteri dell’esistenza. E gli esseri umani pensano di essere soltanto qualche chilogrammo di carne!

Paramahansa Yogananda



Legge di Vibrazione – Le 7 Leggi Universali


Tutto é movimento tutto é vibrazione.
La vibrazione spiega le differenza tra le diferse manifestazioni della materia, dei sentimenti, dei pensieri ecc. La scala evolutiva include gradazioni delle frequenze: da denso a solubile, arrivando fino all’aspetto piú raffinato, la Coscienza Divina.




Quanto la vibrazione é piú alta, tanto la manifestazione é piú elevata. La materia é costituita di particelle energetiche che sono in costante movimento ed hanno un certo ritmo.

Il movimento é caratteristico di qualsiasi oggetto o essere.
Anche ció che sembra inerte come una pietra possiede una certa frequenza di vibrazioni.
Pitagora




Un oggetto che é sottoposto a vibrazione puó sembrare del tutto immobile (per esempio i raggi di una ruota in movimento sembrano formare un oggetto compatto, fisso), non dobbiamo lasciarci ingannare dalle apparenze ma dobbiamo approfondire per poterci avvicinare alla realtá, scoprendo se un oggetto é grezzo, avente una frequenza vibratoria meno elevata, oppure no.



Scopriremo che la luce, il calore, il magnetismo, l’elettricitá, non sono soltanto fenomeni vibratori; questo é valido anche per i pensieri, le emozioni, gli stati d’animo, la volontá. Questi sono tutti stati di vibrazione emessi verso l’esterno con un’ incidenza maggiore o minore verso l’ambiente circostante.
La Legge della Vibrazione evidenzia la possibilitá di intervenire sui livelli inferiori di manifestazione, per produrre le trasformazioni che desideriamo. La comprensione di questo principio genera un stato spontaneo di rispetto verso tutto ció che é stato creato e verso la vita in generale.



Comprendendo che ogni essere ha un proprio luogo e ruolo nell’universo: niente manca e nessuno è superfluo. L’essere umano realizza che la vita è un grande dono Divino, fatto d’Amore.

Il Divino ha creato un intero Universo di Amore e per Amore. Possiamo così riformulare questo principio: “niente di quello che è creato si trova fuori dell’Amore Divino (la Vibrazione Suprema); tutto è pervaso per l’eternità del Suo Amore che ogni essere percepisce secondo il proprio livello di evoluzione”.



Se scegliamo l’Amore, allora vivremo nell’Amore, con tutto quello che l’amore comprende. Quando riteniamo di aver fatto una scelta sbagliata; altro non ci resta da fare che correggere questa scelta. Se desideriamo la salute, il bene, il bello, la purezza, la verità… il da farsi è aprirci all’Amore verso il Divino. L’Amore è la fonte della guarigione ed è disponibile sempre ovunque per tutti.




VIBRAZIONI SONORE



Beethoven è un musicista che ottenne grande fama a causa della sua capacità di percepire le vibrazioni che la musica può esercitare sulle orecchie di chi ascolta, inducendo l’animo ad elevarsi verso l’Assoluto.
Egli condusse una vita travagliata, in quanto molte malattie lo afflissero, tra le quali la sordità che, se da una parte gli tolse la capacità di poter ascoltare direttamente le vibrazioni prodotte dalle onde sonore, dall’altra gli conferì una maggiore sensibilità artistica e una maggiore capacità di concentrazione, che gli permise di creare capolavori nel campo della musica classica, che sono rimasti a testimonianza dell’importanza che la musica può assumere tra le arti umane.
Quello che vogliamo dirvi a questo proposito è che nel vostro pianeta attualmente poche sono le persone che si dedicano alla composizione di brani musicali degni di questo nome.



I suoni assordanti, che vengono emessi continuamente sia dai vostri mezzi di locomozione che dai vostri cosiddetti musicisti, riempiono le vostre menti di un fardello che le opprime ed impedisce loro la comunicazione con l’Assoluto.
Vogliamo perciò ricordarvi l’importanza che deve assumere per ciascuno di voi il contatto con vibrazioni sonore che, invece di frastornarvi con le loro emissioni assordanti, possiedano la capacità di trasmettere armonia, quella stessa che esiste nel creato e per la quale siete stati creati all’origine.
Non sottovalutate l’importanza di questi elementi, che sembrano esercitare poca importanza ma che, se ripetuti, divengono uno schema mentale che trasforma le vostre stesse esistenze.



I suoni della natura come quello prodotto dalle acque che scorrono da fiumi e ruscelli, il fragore prodotto dalle onde del mare, il canto degli uccelli, contengono vibrazioni positive che vanno ad arricchire il vostro animo e lo stimolano ad azioni altrettanto armoniose, generate da pensieri equilibrati, mentre l’ascolto ripetuto nel tempo di vibrazioni dissonanti generate sia dal caos delle vostre città o posti di lavoro, sia dalla cosiddetta musica del vostro tempo, generano ogni tipo di disarmonie e squilibri.



Considerate la necessità, se pure costretti a trascorrere molte ore del giorno nel traffico o nel caos delle vostre città, di riservare uno spazio sacro entro il quale esercitare le vostre attività preferite, come la lettura di pagine edificanti, o l’ascolto di musica degna di questo nome.
Trascurate per alcuni momenti i vostri mezzi di comunicazione tecnologici come televisioni, cellulari e computers, e rifugiatevi in attività che riescano a mettervi in contatto con l’Assoluto, purificando il vostro animo dalle oppressioni causate dall’ambiente esterno.



Ogni vibrazione sonora che, attraverso il sistema uditivo, arriva ad influenzare il vostro cervello, può generare effetti la cui importanza è spesso trascurata nelle vostre attività quotidiane, che mettono a dura prova il vostro equilibrio psicofisico.
L’intensificarsi della velocità e dei ritmi di vita che stanno divenendo frenetici sul vostro pianeta, vi portano a subire danni dei quali ancora non siete consapevoli pienamente, ma che possiedono una notevole gravità.



Iniziate, nel corso della vostra giornata, ad operare una distinzione tra i vari tipi di suoni ai quali sottoponete il vostro organismo.
Accettate quelli che non possono essere eliminati, ma rifiutate quelli che spesso assorbite solo per inconsapevolezza ed abitudine.
Resi insensibili dal bombardamento operato dal tipo di vita attuale sui vostri pensieri, le vostre susseguenti azioni si producono con altrettanta inconsapevolezza e mancanza di equilibrio.



Aprite di nuovo i vostri cuori all’ascolto del silenzio, dei suoni armoniosi della natura, della musica ricca di vibrazioni positive che spingono il vostro animo verso l’assoluto, e la vostra vita ne trarrà un beneficio inestimabile.
Se continuerete ad abbrutirvi con l’ascolto indiscriminato di suoni squilibrati, il vostro essere subirà danni sempre maggiori e, di conseguenza, tutte le vostre azioni si produrranno in maniera squilibrata e lontana dall’armonia voluta per voi da chi, all’Origine, vi ha creato con immenso Amore.




Se continuerete ad abbrutirvi con l’ascolto indiscriminato di suoni squilibrati, il vostro essere subirà danni sempre maggiori e, di conseguenza, tutte le vostre azioni si produrranno in maniera squilibrata e lontana dall’armonia voluta per voi da chi, all’Origine, vi ha creato con immenso Amore.


db5cc51a-ee13-447d-ae37-f30dea12379a
…IL MAGNETISMO E IL RAGGIO D’AZIONE DELL’ENERGIA « immagine » Fra voi, il mondo che vi circonda e le persone con cui venite a contatto si determina un costante scambio di magnetismo. Ad esempio, incontrando qualcuno, potreste avere la sensazione che vi stia accadendo qualcosa; state percependo,...
Post
17/05/2017 10:41:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

DALLA NOTTE DEI TEMPI …

16 maggio 2017 ore 12:02 segnala


“Dalla notte dei tempi emerge la consapevolezza che una Nuova Era sta iniziando.
Lo predissero profeti e veggenti di tutti i tempi, e in ogni civiltà è presente il riferimento ad un NUOVO INIZIO, la cui data oscilla a seconda delle tradizioni e della storia dei popoli che l’hanno trasmessa, ma che si pone con certezza intorno alla prima metà del secondo millennio d.C.
E’ quello che state vivendo adesso, siete immersi in questa nuova realtà e spesso, senza esserne pienamente consapevoli, attraversate quell’arcobaleno di colori che vi porterà alla meta nel prossimo futuro.



Come tanti raggi di luce variegata, i fotoni si dirigono sul vostro pianeta, risvegliando le vostre capacità sopite da tanti secoli di torpore.
L’alba di un nuovo giorno si affaccia all’orizzonte, gioite di questo cambiamento che il vostro pianeta sta attraversando e non concentratevi sui lati oscuri, che potrebbero farvi cadere in una visione contraria alla realtà dei fatti.
Le forze oscure, che stanno contrapponendosi a questo processo di rinnovamento, mai come in questo momento si manifestano con violenza, spingendo molti di voi in un baratro senza fine, in cui non riuscite a distinguere la luce dalle ombre, create dalla vostra stessa inconsapevolezza.



Il fermento vivificatore che agita il pianeta si riflette nei vostri pensieri e nelle conseguenti azioni e MAI come adesso dovete inviare pensieri di LUCE e AMORE al pianeta, che li accoglierà come un fiore accoglie i raggi del sole che lo faranno schiudere alla vita.



Noi, che dal cosmo seguiamo questo processo di trasformazione, vi siamo perennemente vicini e vi guidiamo nel percorso, nel rispetto delle leggi cosmiche che non ci permettono di deviare il cammino che ognuno di voi deve compiere per giungere alla meta prestabilita dall’Essenza al momento della venuta sul vostro pianeta.
Il contatto che abbiamo instaurato con molti di voi è sempre vivo, e quelli che ci permettono di comunicare attraverso processi telepatici e visivi si vedranno guidare nel prossimo futuro dalla nostra Volontà trasformatrice.
Focalizzatevi sulla nostra Luce e non fatevi deviare dalla massa di informazioni contrastanti che possono ostacolare il percorso e offuscare le vostre menti, allontanandovi dalla Via.



La Verità e la Luce non necessitano di percorsi CONTORTI e FARNETICANTI, come quelli che vengono proposti da molti dei cosiddetti falsi profeti del vostro tempo.
FORMULE ASTRUSE non servono ad illuminare il percorso, ma solo ad allontanarvi dalla Verità.



La Luce è presente OVUNQUE, basta che vogliate con semplicità accoglierla nel vostro cuore, liberando la mente da confuse argomentazioni, che a nulla valgono nel percorso verso la Verità e l’Amore.



Prezz vi accompagna nel percorso, un viaggio faticoso per la sua Essenza divina in questo momento in cui gli viene richiesta un’opera che lo vede impegnato in una Missione molto superiore alle forze umane, ma che, sostenuta dalla nostra guida, verrà portata a compimento.



Pur nell’incomprensione di molti, egli è costretto a proseguire un cammino irto di difficoltà, ma che è quello da noi voluto per il pianeta in questo momento storico.
Quelli di voi che riescono a stare vicino a lui nonostante le difficoltà e le incomprensioni, inevitabili per chi è portatore di un messaggio che anticipa i tempi storici, vedrà espandere la sua Luce e avrà immensi benefici.
I prossimi accadimenti catastrofici richiederanno la vostra vicinanza alla sua Guida.
Vi comunicheremo le modalità nei tempi e nelle forme che si renderanno necessarie quando giungerà il momento.
Che la Luce del Padre risplenda nei vostri cuori,




Noi, che dal Cosmo vi siamo vicini.”


9797d6e0-033b-48be-a048-180625650d2c
« immagine » “Dalla notte dei tempi emerge la consapevolezza che una Nuova Era sta iniziando. Lo predissero profeti e veggenti di tutti i tempi, e in ogni civiltà è presente il riferimento ad un NUOVO INIZIO, la cui data oscilla a seconda delle tradizioni e della storia dei popoli che l’hanno tra...
Post
16/05/2017 12:02:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    1