A volte ti scelgono percependoti.....

21 settembre 2018 ore 21:06 segnala
Stavo uscendo dal portone di casa mia, un giorno come tanti,una signora che passava di li' proprio in quel momento,mi scruta e si avvicina, mi saluta ed io ricambio per cortesia (chiedendomi chi potesse essere questa persona a me non nota). Le sorrido dato che lei si ferma proprio davanti a me e le chiedo :"ci conosciamo?". Lei mi dice di essere una biologa ,di aver lavorato per anni presso un ente della nostra città abbastanza noto, di aver insegnato anche all'università,di aver collaborato a delle ricerche scientifiche. Mentre l'ascolto osservo il suo viso, segnato da varie rughe ,alcune espressive come tutti, altre son segni lasciati da momenti tristi,sofferti,lo capisci se hai studiato un pò la morfologia dei muscoli del viso,da come si muovono e se usati in una certa posizione ripetutamente,a lungo, alla fine lasciano un solco. Lei parla senza freni,convulsamente,animatamente, come se nel suo raccontarsi stesse rivivendo quei momenti della sua vita trascorsa. Noto che trema,le sorrido, sento la sua gioia di essere ascoltata, da me, una perfetta sconosciuta per lei. E' ben vestita questa donna,ma la sua aria é di smarrimento di solitudine.L'impressione che mi fa è quella di una persona confusa,che però ha tante cose da dire. Ogni tanto mi ripete il suo nome e cognome, quasi temesse di scordarli o forse deve farlo per tenere la mente attiva.. Parlando mi dice il nome di un noto psicologo che la segue,e le chiedo se a lui racconta tutte queste cose e che le risponde quando è in seduta con lui. Mentre l'osservo , percepisco il suo disagio ,le sue paure, cerco di rasserenarla ,mi complimento con lei per i successi ottenuti nella vita e con tanto impegno. Ha glissato sulla mia domanda ,se racconta tutte queste cose al medico, mi dice che le ha dato tante medicine, che le deve prendere per stare bene ma che spesso si sente in stato confusionale ,anche in quel momento e la sua agitazione cresce. A quel punto comincio a preoccuparmi e le chiedo se vuole che facciamo due passi insieme, magari verso casa sua. All'improvviso vedo il suo volto preoccupato e mi dice:" non dica a nessuno chi sono, cosa le ho raccontato, il dottore non vuole". Ovviamente le rispondo di stare serena e tranquilla su questo . Per tutto il tempo le ho tenuto la mano che lei mi ha teso e di colpo poi ha tolto come se fosse uscita da un sogno mentre mi dice:"devo prendere le medicine o il dottore si arrabbia,grazie di aver perso del tempo con me signora!" Le ho risposto che mi ha fatto piacere ascoltarla e di stare serena sulla mia discrezione. Poi si è allontanata voltandosi un paio di volte, ma il suo volto ,la sua persona, la sua"anima" (che ha cercato la mia trovandola), non li dimenticherò. Certe persone ci percepiscono, ci sentono,ci scelgono,io lo so perché questo accade : han bisogno di energia, di ascolto, di amore e calore umano. Per me è stata una gioia donarglieli ,so come ricaricarmi e so di aver fatto non solo il mio dovere ma anche un gesto di umanità. Dicono che il bene che fai ritorna indietro, proprio come il male, questa persona mi ha insegnato qualcosa quel giorno, se le ho donato una piccola parte di me lei mi ha fatto riflettere. Nella vita non si smette d'imparare da tutti se lo vuoi, se desideri evolverti devi aprire la mente e l'anima.
c5999b18-f34e-4dce-aa7d-13112860cc10
Stavo uscendo dal portone di casa mia, un giorno come tanti,una signora che passava di li' proprio in quel momento,mi scruta e si avvicina, mi saluta ed io ricambio per cortesia (chiedendomi chi potesse essere questa persona a me non nota). Le sorrido dato che lei si ferma proprio davanti a me e le...
Post
21/09/2018 21:06:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.