La mia Penna...

01 giugno 2011 ore 17:11 segnala



Il cielo blu cobalto,le stelle scintillano silenziose..
Piccoli puntini di polvere dorata impreziosiscono la distesa marina capovolta.
Estasiata la mia anima che riscopre il sapore magico delle piccole cose.
E' come un sogno che si mischia di realtà,il dolce fruscio degli alberi,il silenzio notturno,le note di musica che interagiscono con la mia mente...
Sono sola eppure sono piena,senza voglia di nessun'altro corpo che sazi i miei vuoti;una volta mi davano l'illusione di riuscirci,ora invece non mi donano neanche più quella.
Ma non riesco a comprendere se questo sia un bene o un male o forse è semplicemente una via di mezzo...cerco di rifletterci e le risposte non sono poche.
E' perchè sto bene con me e quelle volte che qualcosa mi manca voglio riuscirlo a colmarlo da sola oppure perchè essendo più consapevole sono diventata troppo selettiva e non riesco a lasciarmi andare davvero?
I baci una volta avevano sicuramente un sapore diverso,più intenso,il cuore è aperto eppure si fa fatica a farlo battere ritmicamente come musica energica.
La risposta verrà da sè,con pazienza da saggio,troppa fretta non porta a nulla di buono se non ad affannarsi inutilmente.Siamo già imprigionati in un tempo in cui tutto scorre troppo veloce,perchè non donare almeno alla nostra anima il piacere di riscoprire il valore di ogni istante?
Librarsi dolcemente tra gli attimi scanditi da un orologio a cucù..
E' così bello scrivere,accade stranamente però.
Penso,sono piena di sensazioni e vorrei scriverle per poi riscoprirmi,ma prendendo il pc,ogni volta davanti alla tastiera ho come un blocco..allora prendo la penna e i fogli bianchi ed ecco che dalla prima parola tutte le altre nascono spontanee senza quasi che me ne renda conto,come se la mia mano non sia altro che la mia anima che prende un'altra forma.
Allora capisco che è molto più meraviglioso tenere la penna tra le dita,sentire l'odore di inchiostro nero che scorre sul foglio bianco e sentire che ogni lettera,ogni parola,ogni rotondità di essa è un attimo di me stessa.
Sono felice di rivivere la mia prima grande passione,la scrittura non è solo terapeutica e di scoperta,ma mi riempie di gioia....
Quando rileggo,quando passo le dita sui segni lasciati dalla penna,quando arrivo alla fine del mio scritto e riesco a vedere che i miei pensieri hanno preso vita...
In quell'istante anche io mi sento più viva.




2e5b0d00-db18-4a28-9721-3d3b0a1ec75b
« VIDEO: jDeMU9VLR4o » Il cielo blu cobalto,le stelle scintillano silenziose.. Piccoli puntini di polvere dorata impreziosiscono la distesa marina capovolta. Estasiata la mia anima che riscopre il sa...
Post
01/06/2011 17:11:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. CaraPoesia 01 giugno 2011 ore 23:40
    condivido...scrivere è bello e ci fa sentire meglio!
  2. 3vanessa3 01 giugno 2011 ore 23:42
    decisamente sì...!
  3. DrAdamski 02 giugno 2011 ore 14:40
    Come un tuono compresso fra le pareti dell'anima, a volte le sensazioni rischiamo di rimbalzarci dentro e frantumarci dall'interno; ognuno ha la sua necessaria valvola di sfogo: ogni tanto bisogna aprirla e lasciarsi fluire...
  4. 3vanessa3 02 giugno 2011 ore 15:21
    esatto.... ma per me la scrittura non è solo una valvola di sfogo,è più una necessità,come ammirare qualcosa di bello...
  5. DrAdamski 02 giugno 2011 ore 15:57
    Appunto di necessità interiore parlavo :-) E condivido questo bisogno di esternare almeno una parte di sé, di testimoniarmi, se vogliamo, non tanto per sentirmi più vivo, quanto per imparare a conoscermi meglio, forse...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.