Le direzioni per la felicità..

15 aprile 2011 ore 00:21 segnala


Quei momenti che sembra che qualcuno ti stia schiacciando il torace...la fame d'aria....il battito veloce del cuore Tum Tum Tum Tum che sembra voler esplodere.
Felpa col cappuccio...le mie nike nere e i jeans che metto sempre (perchè metterò sempre gli stessi pantaloni se ne ho tanti?)chiavi attaccate al jeans,senza borsa...solo le sigarette già fatte,il telefono e 20 euro in tasca.
Ore 19.30 cammino sotto al portico,verso il centro..sembra stia cominciando a piovere ma è dolcemente presente,non vuole esplodere.
Incontro una ragazza..nella direzione opposta alla mia,è vestita con una felpa azzurra e il pantalone marrone con strisce azzurre,ha i capelli biondi e ricci e un viso dolcissimo...i nostri sguardi si incrociano per un attimo e poi ognuna continua a dirigersi nella propria direzione.
Continuo a camminare guardando le luci soffuse del centro e la pioggia che mi tocca appena il cappuccio...
Sono le ore 20.15 e devo mangiare qualcosa...quale sarà la mia cena?...Sì,lo so..lo so già... Non posso resistere:Cappuccino&Brioche,ohhh sì! Mi siedo in una bar nel quale non ero mai andata...è bello vedere che la gente mangia pizza,panini e beve.. e tu invece sorseggi il tuo cappuccio come se fossero le 8 del mattino..mi ha divertito sentirmi strana!
Mi soffermo a parlare con un signore anziano,sembra abbandonato dal mondo..alla fine anche io sono sola.. alla fine siamo tutti un po' soli!
-"Le posso offrire qualcosa?"-
-"Ma no signorina la ringrazio,sono io che dovrei offrirle qualcosa"-
-"E perchè?lasci che le offra qualcosa,lo faccio con piacere"-
-"La ringrazio signorina per la sua gentilezza,prendo un bicchiere di vino bianco,ma voglio regalarle un pensiero-"
-"No,non deve,non ce n'è bisogno."-
Tira fuori dalla tasca della sua giacca di velluto verde una penna e prende un fogliettino di quelli che si usano per pulirsi le mani,scrive....
"Le vie della felicità non hanno una sola direzione."
Lo guardo stupito,scioccata quasi...ricambia lo sguardo sfiorandomi la mano,non ci diciamo nulla.
Pago ed esco dal bar.
Penso quanto era stato meraviglioso il pensiero che mi aveva lasciato,molto più grande dei 3 euro che avevo regalato con quel bicchiere di vino.
Mi incammino per tornare verso casa,con tanti pensieri...la pioggia è fine ma un po' più intensa...continuo a camminare lungo il portico,con lo sguardo dritto a me...le colonne mi fanno compagnia...una dopo l'altra con una splendida magia di proporzione..quanto è bello alcune volte sentirsi soli con la bellezza dell'arte.
Ma...ma...quella felpa azzurra..la vedo da lontano dritto a me..
E' lei,di nuovo lei nello stesso identico punto nel quale l'avevo incontrata prima,ancora una volta nella direzione opposta alla mia... il cuore batte più veloce e penso "Dio mio che cosa strana"...
I nostri sguardi si incontrano di nuovo,questa volta più a lungo e un sorriso appena accennato nasce spontaneo...sono certa che abbiamo pensato la stessa cosa in quell'istante.
Tutti flash mi vengono nella mente..la frase..quegli incontri...
La vita è incredibile,assurda,magica,sorprendente.
Devo attraversare..tolgo il cappuccio...vedo la viuzza che mi riporta al mio nido,cammino piano... voglio che la pioggia mi bagni.
Alzo lo sguardo,vedo la pioggia scendere attraverso la luce dei lampioni...mi fermo un attimo davanti al portone,respiro,allargo le mani come a voler prendere la pioggia...sorrido come una bambina e mi viene da piangere.
Giro la chiave nella serratura e anche questo gesto ha qualcosa di magico questa sera.
Ore 21.30;sono a casa.
Le vie della felicità non hanno una sola direzione.





7f9b02b4-2a96-48a1-95a1-152ea20f889f
« VIDEO: Dyo4tNwNIvQ » Quei momenti che sembra che qualcuno ti stia schiacciando il torace...la fame d'aria....il battito veloce del cuore Tum Tum Tum Tum che sembra voler esplodere. Felpa col cappuc...
Post
15/04/2011 00:21:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. STARLIGHT 15 aprile 2011 ore 02:20
    Un bel racconto...con il sapore del "ritrovarsi",,, ed ha volte inizia proprio con un semplice cappuccino e da incontri casuali...
    Quei incontri che si fanno solo se ci si ferma ad ascoltare ed ascoltarsi.

    Notte

    Pedro
  2. 3vanessa3 15 aprile 2011 ore 14:00
    Sono assolutamente d'accordo con te.. è proprio questa l'essenza del racconto.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.