Solo due righe.

10 agosto 2017 ore 19:56 segnala


Ero sicuro che mai più mi sarei aperto.
Poi senza accorgermene uno splendido sorriso.....

Le voglie.

10 agosto 2017 ore 09:37 segnala


Ho voglia di un bacio, non uno qualunque, il tuo.
Un bacio sfacciato, spudorato, senza limiti, né misure.
Un bacio "sporco" che ti toglga il fiato e te lo riia.
Un bacio che sa di voglia e desiderio, un bacio che sia orgasmo di pensiero.
Ecco così.
Ed io ti bacerò.
Indecentemente, naturalmente.
9aa17053-72c4-48cc-ba53-3b4ae3d8f74b
« immagine » Ho voglia di un bacio, non uno qualunque, il tuo. Un bacio sfacciato, spudorato, senza limiti, né misure. Un bacio "sporco" che ti toglga il fiato e te lo riia. Un bacio che sa di voglia e desiderio, un bacio che sia orgasmo di pensiero. Ecco così. Ed io ti bacerò. Indecentemente, ...
Post
10/08/2017 09:37:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Dimmi di Te.

23 luglio 2017 ore 14:29 segnala


Quante volte v’è capitato di sentire qualcuno che dice di voi ciò che siete, spesso e volentieri senza avervi mai rivolto la parola,che tanto sei di quel segno zodiacale lì, e la cuspide e il grimaldello, e questo è l’occhio bello e l’altro suo fratello.
E voi uomini siete tutti così, e le donne altrettanto.
E io, ad esempio, ti guardo e non commento. Ma di certo un’idea me la faccio, poi la cambio, la rivedo, la ristrutturo. Ognuno di noi è ciò che gli altri credono, e io di me faccio credere quello che gli altri preferiscono.Evito loro la fatica di provare a conoscermi. Del resto io di me non so poi granché, a parte stereotipi e antiquati cliché.
Una volta, ad esempio, si diceva: raccontami di te,
e io sto lì ad ascoltare, che in realtà va a finire che parli di me. Come se io mi riconoscessi,non mi conosco neanche io, figuriamoci.
Io, ad esempio, non t’ho mica ancora capita. ma non soltanto a te, bensì a tutte quelle persone che, pur di non raccontarsi, si son difese con l’alibi del “non mi fido”.
Io non chiedo mica nulla di tuo, ma almeno qualcosa di te dilla.
e invece, è preferibile parlare addosso agli altri, ingabbiarli e renderli luoghi comuni per sentirsi a proprio agio.
Si cerca di giocare in casa. e allora descriviamo ciò che siamo cucendolo addosso al prossimo, come se lo invitassimo a prendere il caffè nella nostra cucina senza avergli mai dato neanche l’indirizzo di dove poterci trovare.
Alla fine, si torna alle propria camera da letto con la convinzione d’aver conosciuto qualcun’altro, ci si guarda allo specchio, e siam tutti uguali a quello lì.
Quello insomma, quello che vorremmo essere e che negli altri non vediamo,
io, se tu lo volessi t’ascolterei volentieri. Però, ti prego, parla di te. e non di quello che gli altri dicono di te.
05e75012-b098-4f0d-96b4-7ccf0d483920
« immagine » Quante volte v’è capitato di sentire qualcuno che dice di voi ciò che siete, spesso e volentieri senza avervi mai rivolto la parola,che tanto sei di quel segno zodiacale lì, e la cuspide e il grimaldello, e questo è l’occhio bello e l’altro suo fratello. E voi uomini siete tutti così...
Post
23/07/2017 14:29:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2