Rilassante

26 marzo 2011 ore 08:37 segnala



troppo piaevole e rilassante :-)
73699aa2-a3de-4120-a9c7-b28381ba9723
« video » troppo piaevole e rilassante :-)
Post
26/03/2011 08:37:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    6

Il regalo di Elazar per me :-))

08 aprile 2010 ore 10:28 segnala

Elazar, Silvano nella vita, mi ha fatto un regalo, ha pubblicato nel suo blog uno scritto dedicato a me ed essendo io una egocentrica esibizionista, lo riporto nel mio blog, così posso rileggerlo quando voglio. :-))

 

 

A.Levante è Margherita,come la Thatcher,come la Buy,come la Yourcenar e la Santa da Cascia, così ci divertivamo a elencarle,una più famosa dell'altra,fino ad arrivare inevitabilmente a quella di Cocciante.
Pubblicamente la invito a confermare come io cantassi magistralmente,la modestia è un mio dono , il ritornello che fa :"Perchè Margherita è un sogno, perchè Margherita è il sale,perchè Margherita è il vento,e non sa che può far male". Levante è alta,elegante,occhi grandi di" donna Leone,espansiva,immediata e concreta,a guardarla ricorda una celebre modella di Newton...non esattamente famosa per i suoi blog...
A dire il vero non credo che nemmeno Margherita sia eccessivamente attratta dalla comunicazione scritta,specie quando rappresenta un momento di intimità che preferisce rivolto alla specifica persona anzichè ad una vetrina.
Ciò non toglie che di questo sito lei sia una autentica memoria storica di cui ricorda moltissimi personaggi,è davvero divertente ripercorrere insieme strane figure e autentici "fenomeni" che animavano le prime litigiose bacheche e le sovraffollate chat serali. Ma con Margherita il dialogo travalica sempre la pur divertente dimensione virtuale,lei mi ha dato consigli finanziari,indicazioni precise su situazioni che non capivo e sempre in modo chiaro.
Se questa è una ragione in più per apprezzarla,so che talvolta può non essere unanime.
Girare attorno agli argomenti,condirli di aspettative e ineffabili sospiri,creare attese e sofferenze interiori da romanzo di appendice non è la sua specialità. Margherita ha una visione organizzata e per molti versi disincantata della vita,questo non ne riduce la partecipazione e il calore,la contagiosa vitalità e la carica travolgente con cui sa conquistare,e allora ? beh allora come la Margherita di Cocciante è forse un tantino pericolosa...per i non addetti ai lavori !!!


A.LEVANTE : LE VIOLETTE

Il treno arriva a Sommariva alle 13,30. Come tutti i giorni, scendo ridendo in compagnia delle mie amiche, sempre a giocare, a scherzare, a prenderci gioco dei compagni di scuola, quelli che vanno a Carmagnola.
Siamo adolescenti, consapevoli di esserlo, felici. Oggi poi la giornata è tiepida, si sente la primavera nell'aria e siamo ancora più felici. Non ci vedo più per la fame. Di corsa vado a casa, so che mi aspettano, so che
il tavolo è apparecchiato per me. E sul tavolo trovo un mazzolino di violette, le prime della stagione. Siamo solo
a febbraio, eppure come ogni anno questo miracolo si rinnova. E lo vedo, nascosto dietro la porta che spia le mie reazioni, con gli occhi lucidi, sorridente. Il miracolo di questo uomo, grande, grosso, rude, ex fante nella guerra
del 15-18,sopravvissuto nelle trinceee sul Carso, duro con le sue figlie e tenerissimo con la sua nipotina, io. Il miracolo di queste violette, le prime, raccolte per me, tutti gli anni da quando andavo all''asilo, fino a quando è vissuto



metti nei post preferiti Commenti ricevuti

da Elazar alle 16.59 di mercoledì 24 marzo 2010 Blocca: Elazar
Margherita
Margherita mi ha prestato i suoi occhi per la "mia Cattedrale".
Qualche anno fa nella sua città,costruivamo una grande chiesa,
una di quelle opere che si realizzano una volta nella vita e la distanza e l’effetto di queste mani pietra che crescevano a preghiera in un’antica area industriale mi venivano raccontati da Margherita,viste da fuori.Quando non potevo essere presente in cantiere lei mi informava della neve, della nebbia,del gelo che ostacolava i lavori e il giorno in cui giunse la notizia di un incendio che ci fece tremare,la mia prima telefonata fu per Margherita, parlare con lei era ascoltare il cuore della città. Come vedi Margherita, ben oltre l’effimero i nostri ricordi e il nostro incontro resta affidato a torri che sfideranno i secoli a campane di bronzo che tu hai saputo raccontarmi con infinita dolcezza.


Scrivi a Elazar Cancella da A.Levante alle 17.17 di mercoledì 24 marzo 2010 Blocca: A.Levante
grazie
Grazie di cuore, mi hai emozionata ed era tanto che non mi emozionavo.

E’ un bel regalo questo, un regalo graditissimo per una leonessa.

Ti voglio bene, tanto.

Margherita
Scrivi a A.Levante Cancella da GRAINdeBLE alle 18.59 di mercoledì 24 marzo 2010 Blocca: GRAINdeBLE
...
ho grande stima per le leonesse.
Scrivi a GRAINdeBLE Cancella da milady444 alle 20.11 di mercoledì 24 marzo 2010 Blocca: milady444
buonasera
vi leggo molto volentieri

buona serata

graziella





grazie per essere passato da me se pur silente
Scrivi a milady444 Cancella da calypte alle 21.03 di mercoledì 24 marzo 2010 Blocca: calypte
........................
Ora si!

Solare e sorridente...è Margherita?

Non ti conosco ma gia’ la foto mi ispira a scrivere qualche rigo!

La semplicita’ poi...!!

Veniamo a noi...veniamo ai nonni!

I nonni...grande dono!

Il bene sagio che ti prende per mano bambina...e ti acompagna fino a che si diventa grandi!

Poi..........la natura ci dice...che loro devono andare....grande perdita!

Il nonno...la nonna....calore negli insegnamenti...anche precauzioni!..........tutela...perche’ i nonni sanno sempre tutto!



margherita

Silvano
Scrivi a calypte Cancella da cosillo alle 21.49 di mercoledì 24 marzo 2010 Blocca: cosillo
Violette
per te.

Adriano
Scrivi a cosillo Cancella da DonnaDiClasse alle 22.14 di mercoledì 24 marzo 2010 Blocca: DonnaDiClasse
Nemmeno io.......
...........ti conosco ma, la descrizione fatta dal nostro Elazar è più che esaustiva, donna che sa il fatto suo , decisamente affascinante!

bello il ricordo di quel nonno che aveva per te sempre quel dolce e profumato pensiero; un pochino ti invidio, non ho conosciuto il mio nonno materno e l’altro lo persi che avevo 5 anni, quindi ho un ricordo molto vago di lui.

Ricordi teneri di chi ti ha tanto amata.

Una per te

Anna
Scrivi a DonnaDiClasse Cancella da A.Levante alle 10.44 di giovedì 25 marzo 2010 Blocca: A.Levante
Grazie
Grazie per i commenti, grazie a tutti.

Anche io non vi conosco ma se siete amici di Silvano, sicuramente siete persone di valore, persone pregiate ed uniche.

Mio nonno, come mio padre, mi adoravano, sono stati i primi uomini della mia vita. Grandi uomini, da loro ho imparato moltissimo e li porto sempre nel cuore.


Scrivi a A.Levante Cancella da mombasa alle 13.45 di giovedì 25 marzo 2010 Blocca: mombasa
eccomi....
Non potevo non entrare qui, anche se in punta di "tasto"....sono molto schiva ultimamente, ma volevo lasciare un abbraccio a Margherita e un saluto ad Elazar che l’ha magistralmente descritta
Scrivi a mombasa Cancella da methos1phd alle 13.57 di giovedì 25 marzo 2010 Blocca: methos1phd
TROVO
Commovente il ricordo del nonno "duro con le figlie ma tenerissimo con la nipotina" dolcissimo il ricordo del mazzo di violette che ogni anno si rinnovava a omaggiare l’arrivo della bella stagione ma soprattutto la bellezza e l’innocenza della sua preferita. Un caro saluto a Margherita by Angie Scrivi a methos1phd Cancella da A.Levante alle 17.09 di giovedì 25 marzo 2010 Blocca: A.Levante
Ed ancora
Mombasa, geniale creatura, grazie di cuore ed un abbraccio fortissimo

Angie, grazie, mio nonno era eccezionale
Scrivi a A.Levante Cancella da MadisonCounty alle 17.23 di giovedì 25 marzo 2010 Blocca: MadisonCounty
a te margie
(nick in prestito)

Trascorro con Margherita molto tempo durante la settimana..e non è mai abbastanza..per capire, per sorridere, per imparare, per dialogare, per confrontarci..è una fonte di vita senza la quale non potrei vivere!

Ti voglio bene,

P.
Scrivi a MadisonCounty Cancella da A.Levante alle 17.27 di giovedì 25 marzo 2010 Blocca: A.Levante
Paola
Paoletta (con nick in prestito) tu sai benissimo che ti adoro e che insieme ci divertiamo moltissimo.

Son felice di averti come collega, così ho avuto la possibilità di diventare tua amica, felice di passare del tempo con te

Grazie
Scrivi a A.Levante Cancella da ChantalDeNotreDame alle 21.20 di giovedì 25 marzo 2010 Blocca: ChantalDeNotreDame
Leoni
Leone lui Leonessa lei un bel ruggito Scrivi a ChantalDeNotreDame Cancella

07/04/2010 alle 19.37EliminaInoltra
11513417
Elazar, Silvano nella vita, mi ha fatto un regalo, ha pubblicato nel suo blog uno scritto dedicato a me ed essendo io una egocentrica esibizionista, lo riporto nel mio blog, così posso rileggerlo quando voglio. :-))     A.Levante è Margherita,come la Thatcher,come la Buy,come la...
Post
08/04/2010 10:28:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

dell'amore

10 marzo 2010 ore 17:42 segnala
Ho una strana concezione dell'amore, che esula dal concetto di possesso.

Sono giunta alla conclusione che il possesso o l'eccessiva vicinanza, logora l'amore.

Lo trasfroma in abitudine, in noia, in ripetitività.

L'importante è amare e non è neanche necessario conoscere così a fondo il partner. Tanto ognuno di noi ama nell'altro solo ciò che gli piace, ama le sensazioni che gli da, ama tutto un corollario di cose che esulano dall'essenza della persona.

Personalmente preferisco "sentire" che conoscere.

Mi fido del mio sesto senso, della mia sensibilità, in tanti anni non mi hanno mai tradita.

Diciamo che sono per l'amore universale, concetto orientaleggiante ma al quale mi sono molto avvicinata in questi ultimi anni.

Mi preparo per la mia prossima "vita", sarà sicuramente meglio di questa anche se non me ne posso lamentare.



:-))
11468642
Ho una strana concezione dell'amore, che esula dal concetto di possesso. Sono giunta alla conclusione che il possesso o l'eccessiva vicinanza, logora l'amore. Lo trasfroma in abitudine, in noia, in ripetitività. L'importante è amare e non è neanche necessario conoscere così a fondo il...
Post
10/03/2010 17:42:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Maturità

13 luglio 2009 ore 11:51 segnala

Maturità è accettare i nostri limiti ma soprattutto quelli degli altri.

Maturità è comprendere che ci crogioliamo in una visione dei fatti che è solo nostra,

Maturità è saper sognare ricordando che è un sogno.

 

 

 

(preso dal blog di Spelonga, mi piaceva troppo. Grazie Spelonga)

10978192
Maturità è accettare i nostri limiti ma soprattutto quelli degli altri. Maturità è comprendere che ci crogioliamo in una visione dei fatti che è solo nostra, Maturità è saper sognare ricordando che è un sogno.       (preso dal blog di Spelonga, mi piaceva troppo. Grazie Spelonga)
Post
13/07/2009 11:51:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

sto

12 giugno 2009 ore 18:38 segnala

Sto, non so bene dove ma sto.

La primavera può essere lunga, a volte...

Il mio Paullinooooooo

07 aprile 2009 ore 11:32 segnala

Da ragazza lo chiamavo Paullino, è sempre stato il mio preferito fra i preferiti Beatles...

Questa canzone mi piace moltissimo, farebbe sicuramente parte del mio eventuale Ipod ;-)

 

 

L'ipocrisia

03 aprile 2009 ore 17:57 segnala

Ho notato che la gente tanto più è ipocrita, tanto più accusa gli altri di esserlo, tanto più è faziosa, tanto più dice agli altri di esserlo, tanto più critica e giudica, tanto più dice che sono gli altri a farlo...

Incredibile...

 

:-))

Leggere il forum politico

01 aprile 2009 ore 15:49 segnala

E' divertente leggere il forum politico e non partecipare.

Ti rendi conto della mediocrità diffusa.

Persone che dovrebbero avere (secondo loro) una mentalità aperta si lasciano andare a commenti di  dubbio gusto sulle donne ministre dell'attuale governo, commenti bigotti nei confronti di una donna mentre invece  esaltano le doti di Luxuria. Ma se Luxuria ha diritto di dire e fare ciò che vuole, perchè non possono farlo le giovani donne dell'attuale governo?

Altri fanno i maestrini o le maestrine e correggono gli errori di grammatica o di battitura commessi da utenti di destra.  Eppure erano quelli che accusavano gli altri  di farlo.

Proprio vero, si vede sempre bene negli occhi degli altri e mai nei propri.

E sarebbero quelli che sanno argomentare secondo loro, quelli che dicono agli altri di non saper argomentare.

Pensa un po'... :-(

 

;-)

 

 

A volte

23 marzo 2009 ore 10:53 segnala

A volte si è costretti a tacere per evitare inutili attacchi, pesanti e polemici oltre ogni dire.

Succede anche qui, su chatta. Preferisco tacere e defilarmi piuttosto che continuare sterili polemiche, sterili perchè non c'è disponiblità da parte  altrui di capire, di accettare che si possano avere idee diverse.

Credo che si ritorni a quello che ho già detto più volte nel blog, credo che sia la paura e la voglia di comunque aver ragione, di comunque affermarsi.

Ognuno di noi si muove in territori conosciuti, questo da sicurezza ed è invece causa di disagio ogni volta che qualcuno tenta di farti conoscere territori diversi.

Magari si preferisce chiudere ogni tipo di rapporto piuttosco che conoscere.

E diventa pura teoria la tolleranza, che è semplice retorica, visto che a parole si è tolleranti verso i diversi e verso gli stranieri e poi invece si è intolleranti verso chi ti sta vicino, chi è come te.

E si accusano gli altri di giudicare senza rendersi conto che è quello che si sta facendo: chiudere un rapporto significa aver emesso un giudizio di condanna. O no?

Comunque sia la mia libertà di espressione è stata tarpata, sia pubblicamente che privatamente.

Non sono mai riuscita a sbattere la porta in faccia a nessuno, mai. E non so neppure portare rancore, peccato forse.

 

:-))

 

 

La prepotenza

20 marzo 2009 ore 15:54 segnala

Posso capire che la nostra società abbia creato persone sempre più insicure, che ovviano a tale insicurezza con  la prepotenza mascherata da diritto ma che persone adulte si comportino come i bambini dell'asilo, questo proprio no.

Persino qui su Chatta  o su Facebook, ci sono persone "che ti fanno amico" e che se non la pensi come loro, se osi proporre il tuo pensiero (diverso dal loro), non ti fanno più amico e ti cancellano, non senza aver prima inscenato una sceneggiata napoletana cercando di sputtanarti. Eppure si professavano amiche, amiche anche di fronte a idee diverse. Sì, questo in  teoria perchè in pratica non avevano, non hanno nessuna disponibilità nei tuoi confronti, nè di ascoltaare, nè di capire.

 

Pazienza, succede.

 

:-))