Paura

23 luglio 2013 ore 20:01 segnala
Guardi il mare
profondo, scuro, in tempesta
e scorgi un punto.
Troppo immobile,
la schiuma si infrange
sul suo dorso.
E aspetti.

Il terrore, la nausea
ti impediscono la fuga
gli occhi fissano,
incapaci di distogliersi.
E poi ecco
la consapevolezza
in un respiro.

Tu sei Paura
rannicchiata in sé stessa
e il fondo del mare
resta indifferente


4acb1f3d-dd40-4fc9-9f9c-0046a25f1c2c
Guardi il mare profondo, scuro, in tempesta e scorgi un punto. Troppo immobile, la schiuma si infrange sul suo dorso. E aspetti. Il terrore, la nausea ti impediscono la fuga gli occhi fissano, incapaci di distogliersi. E poi ecco la consapevolezza in un respiro. Tu sei Paura rannicchiata in sé...
Post
23/07/2013 20:01:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Un'Eco

18 luglio 2013 ore 15:41 segnala
Dov'è quell'unico pensiero che mi lega a te?
Nulla sembra nasconderlo eppur nulla lo mostra.
Per mesi ha velato la mia realtà
fino a confondersi con essa ed ora,
ora si è dissolto portandosi via la mia angoscia.

La mia angoscia, la tua angoscia,
perché tu ne eri la fonte, ignara e distante.
Un solo contatto, tutto ciò che chiedevo
mi è stato concesso, e ora? Il dolore,
nulla mi lega a te, nulla stringe il mio cuore.

Eppure cerco ancora quel pensiero.
Un'eco, un battito che risuona di assenza.


85972625-e65d-47e2-abb7-d894041e8500
Dov'è quell'unico pensiero che mi lega a te? Nulla sembra nasconderlo eppur nulla lo mostra. Per mesi ha velato la mia realtà fino a confondersi con essa ed ora, ora si è dissolto portandosi via la mia angoscia. La mia angoscia, la tua angoscia, perché tu ne eri la fonte, ignara e distante. Un...
Post
18/07/2013 15:41:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

La Mia Realtà

16 luglio 2013 ore 20:21 segnala
Ho perso le ali
sotto un arco di menzogne,
le ho ritrovate
sui rami di un albero
rivolte al cielo.
Sono sveglia
mentre la vita dorme,
pregando a bassa voce
nel tempio decadente
della mia anima.
Cammino
tra le statue logore
e il colonnato,
senza scarpe,
senza età
e quando arriva l'alba
con un inchino
mi dimetto
dalla mia realtà.



b29bf8fc-1559-43ed-a74a-dd169404deb6
Ho perso le ali sotto un arco di menzogne, le ho ritrovate sui rami di un albero rivolte al cielo. Sono sveglia mentre la vita dorme, pregando a bassa voce nel tempio decadente della mia anima. Cammino tra le statue logore e il colonnato, senza scarpe, senza età e quando arriva...
Post
16/07/2013 20:21:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Lacrime Naufraghe

12 luglio 2013 ore 23:29 segnala
E poi ci sono quelle
lacrime che sopprimi
nell'anima,
Quasi naufraghe
in quel silenzio,
e ti accorgi che non è
il dolore che poi
ti fà stare così male,
no non il dolore,
ma l'impotenza che
si crea
in quel dolore,
quella solitudine
che ti stringe,
quasi a lasciarti
senza respiro,
e ad un tratto
sai che
sei sola, tu le tue
lacrime ed il tuo
dolore!



66e581f9-440e-4184-8efe-8021ea4b07d4
E poi ci sono quelle lacrime che sopprimi nell'anima, Quasi naufraghe in quel silenzio, e ti accorgi che non è il dolore che poi ti fà stare così male, no non il dolore, ma l'impotenza che si crea in quel dolore, quella solitudine che ti stringe, quasi a lasciarti senza respiro, e...
Post
12/07/2013 23:29:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

Silenzio Sinfonico

30 giugno 2013 ore 20:33 segnala
Piccola aspra goccia
cristallizzata e contorta
che perenne ed inarrestabile
solca le pareti della mia casa
vuota e spenta
quasi quanto questo rozzo cuore
di troll piccolo e schizofrenico
per incapacità di dissetarsi
con le mani a coppa,
traboccanti spesso
d'ogni antico vuoto.
La roccia al collo
mi trascina nell'antro,
non resta che buio
a comporre silenziose
sinfonie mielose,
assorta da un coccio scolpito nel marmo
incompleto ed instabile
srotolo la pellicola sedentaria nel negativo
rimuginando menzogne.
Così scavo nell'ombra
che oramai non è che un altro sole
più triste e friabile,
amaro ed appassito.


e487e6db-961b-4850-bc3a-21e031f32d38
Piccola aspra goccia cristallizzata e contorta che perenne ed inarrestabile solca le pareti della mia casa vuota e spenta quasi quanto questo rozzo cuore di troll piccolo e schizofrenico per incapacità di dissetarsi con le mani a coppa, traboccanti spesso d'ogni antico vuoto. La roccia al collo mi...
Post
30/06/2013 20:33:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

L'urlo Di Un Angelo

22 aprile 2013 ore 23:04 segnala
Avete mai desiderato uscire in strada, in balcone, vestiti o in mutande...
e gridare?... gridare forte... fortissimo...
lanciare un urlo di una tale intensità da squarciarti i polmoni...
perché tanto sai già che quel dolore è nulla
in confronto a quello che hai in quel momento...

Avete mai desiderato urlare?... urlare forte...
urlare fino a quando avete ossigeno...
urlare fino a diventare viola... ed infine svenire inermi...
e magari cadere sul freddo suolo in attesa di qualcuno che si accorga di voi
e che venga a darvi una mano... ed a farvi rialzare...
ma il tempo passa... e tu sei ancora lì svenuta...
nessuno si è accorto di te... nessuno...
e non appena te ne rendi conto...
vuoi solo ricominciare ad urlare... fino a svenire nuovamente...
fino a morire magari...
perché sai già che dormire per sempre è nulla
in confronto a quello che provi in quel momento...

Avete mai desiderato urlare?
Urlare talmente forte da squarciare il cielo...
in modo che quelle poche stelle che riesci a vedere ti cadino addosso...

Avete mai desiderato urlare?
Urlare al mondo...
urlare così forte fino a farlo girare più vorticosamente...
nella disperata speranza che cambi... anche di poco...
perché sai già che in un mondo così lento non c'è spazio per te...
ma è nulla in confronto a ciò che ti porti dentro in quel momento...

Avete mai desiderato urlare?
Urlare forte... così forte da far spaventare tutti...
urlare così forte da distruggerti interiormente...
urlare così forte da far emergere un'altra te stessa...
più forte... più determinato... che non sappia soffrire come te in quel momento
urlare così forte da farti tremare l'anima...
urlare così forte da annullare persino il mondo intorno a te...

Urlare... urlare... e urlare ancora...
finché alle orecchie di tutti non giunga la tua disperata voce...
finché tutti non capiscano perché stai urlando...
e già sai che non lo capiranno mai...
ma vuoi urlare lo stesso...
vuoi urlare per gettare fuori tutto quello che hai dentro...
e allo stesso tempo tenerlo per te...
urlare per far capire a tutti che stai male... che stai soffrendo...
e magari neanche tu sai bene il perché... ma vuoi solo gridare...
solo gridare...

E allora urli... urli al cielo... urli al mondo... urli alle persone...
urli a lui... urli contro di lui... anche se lui non ti sente...
ma questo non è importante... tu ne hai bisogno...
forse dopo ti sentirai meglio... forse no...
ma tu urli lo stesso... urli con tutto il fiato che hai in corpo...
gli urli di andarsene... di sparire...
gli urli di tornarsene nel suo maledetto mondo e di lasciare in pace il tuo...
gli urli di odiarlo...
gli urli di odiarlo...
gli urli di odiarlo...
ma chi vuoi prendere in giro?
Il tuo odio è proprio come quell'urlo...
forte e potente... che rimbomba nell'aria...
che arriva lontano... che entra nelle orecchie degli altri...
che ti scuote dall'interno... che ti fa soffrire...
ma proprio come un urlo... dura un attimo... un istante...
un soffio di respiro...
e poi svanisce... nel nulla... all'improvviso... così come è arrivato...
e basta poco... e di lui nessuno si ricorderà più...
perché anche il suo eco tra poco sparirà...
e ti rendi conto che in fin dei conti... vorresti essere un po' come quell'eco
vorresti sparire come lui... sparire con lui... sparire...

E allora che ti resta più da fare?
Urlare... urlare da sola...
urlare contro te stessa... contro di lui... contro di tutti...
urlare perché non hai più nessun altro scopo... non per ora almeno...
urlare perché non sai chi mente e chi è sincero...
urlare perché non sai chi ti ama e per chi sei solo un'amica...
urlare perché non sai proprio niente di niente...
o forse semplicemente non vuoi saperlo...
perché in fin dei conti... forse è meglio una bugia che illude...
piuttosto di una verità che ti uccide...

Un ultimo urlo...
ancora una volta contro di lui...
gli urli di andarsene... di andarsene via per sempre...
di fare le valigie e di uscire dal tuo cuore...
perché?
Perché ti sei resa conto che forse è meglio quando lui non c'è...
forse è meglio quando non lo vedi...
forse è meglio quando è lontano...
perché soffri di meno... è inevitabile...
perché se una cosa non puoi averla... è meglio che ti stia lontano...
in modo che possa dimenticartene... in modo che non ti ossessioni più...
perché ti rendi conto che dopo quell'urlo...
non ti è rimasto nient'altro dentro...
e qualsiasi cosa dovesse camminare nel tuo cuore...
camminerà da sola... completamente sola...

Ed ora è tardi... fuori è già buio...
la luna non c'è... magari starà flirtando col sole...
le stelle non si vedono... staranno giocando con le nuvole...
qualche goccia di pioggia mi fa compagnia
sul vetro contro il quale poggio la testa...
e scende giù veloce verso l'ignoto... proprio come me...
ma c'è una goccia... più grande delle altre...
che scende più lentamente...
la guardo bene... e mi rendo conto che luccica al suo interno...
è una goccia speciale...
poi un rumoroso silenzio invade le mie orecchie...
ed un istante dopo il suo posto è preso da un silenzioso urlo...
un urlo disperato e feroce... ma comunque silenzioso...
un urlo che nessuno può sentire...
perché nasce e muore dentro di te... nasce e muore... dentro di te...
e così guardi di nuovo verso la finestra...
ma la goccia speciale ha ormai raggiunto le altre
e con loro ha concluso il suo cammino...
e anche l'urlo dentro di te è cessato...
ma di loro il ricordo ancora non è finito...
e ti sembra di vedere una figura riflessa nel vetro... dietro di te...
la goccia... una lacrima...
il grido... di un angelo...
io... tu... noi... davvero soli e divisi?
Non ci voglio credere...


656d95af-812a-4f09-9919-8defbb0adf04
Avete mai desiderato uscire in strada, in balcone, vestiti o in mutande... e gridare?... gridare forte... fortissimo... lanciare un urlo di una tale intensità da squarciarti i polmoni... perché tanto sai già che quel dolore è nulla in confronto a quello che hai in quel momento... Avete mai...
Post
22/04/2013 23:04:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Il Giorno Dopo Il Dolore

21 aprile 2013 ore 20:20 segnala
Ho imparato a mentire,
tessere trame di vite fasulle,
cucire ragnatele di fragili scuse.
Spesso lo richiede la vita
per sopravvivere.
Ma ho avuto buoni maestri:
i miei quasi amori,
insegnanti di un tempo strappato,
capaci solo di respirarti l'anima,
incapaci di sciogliere
quel vuoto denso
che ho dentro.
Ed ogni volta che se ne vanno
lasciano un cuore da rammendare,
un letto i cui cuscini fanno male,
una vita cambiata in pianto
che abita un mondo cieco.
Chissà se è possibile cogliere un fiore
il giorno dopo il dolore.


f4d1e86a-bff8-412c-9c96-b79049c99cd9
Ho imparato a mentire, tessere trame di vite fasulle, cucire ragnatele di fragili scuse. Spesso lo richiede la vita per sopravvivere. Ma ho avuto buoni maestri: i miei quasi amori, insegnanti di un tempo strappato, capaci solo di respirarti l'anima, incapaci di sciogliere quel vuoto...
Post
21/04/2013 20:20:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

A Volte...

21 aprile 2013 ore 20:11 segnala
A volte la vita è fantastica,
meravigliosa e stupefacente.
A volte la vita è triste,
cupa e dolorosa.

A volte ti sembra di toccare
il cielo con un dito,
che ogni sogno debba avverarsi,
che il mondo ti appartiene.

A volte sprofondi
in quel mare di tristezza.
Tutto sembra andare a fondo,
che la vita ti stia ingoiando.

Ma dal momento più nero
a quello più colorato,
hai sempre quella grande opportunità,
che la vita ti dà: vivere.


70d0eb56-4adb-4694-818f-717280b6e282
A volte la vita è fantastica, meravigliosa e stupefacente. A volte la vita è triste, cupa e dolorosa. A volte ti sembra di toccare il cielo con un dito, che ogni sogno debba avverarsi, che il mondo ti appartiene. A volte sprofondi in quel mare di tristezza. Tutto sembra andare a fondo, ...
Post
21/04/2013 20:11:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

La Mia Pazzia

15 aprile 2013 ore 17:15 segnala
E la mia pazzia si manifesta dentro queste mura,
con la voglia di evadere, di scappare,
di andare lontano da un mondo che non capisco.
Con solo una cosa fissa nella mente,
la felicità, quella vera che tutti cercano,
si pensa di avere ma che non sempre si ha...
sì, è fatta cosi, va, viene, resta lontana e poi ritorna...
e tutte le volte che vuoi stringerla fra i tuoi pensieri,
lei non c'è, è occupata, impegnata.
Ti chiudi, chiudi la tua pazzia in un'unica parola
che nessuno capisce: l'amore.
Quante persone pensano di aver trovato l'amore?
Quante di esse però sono veramente felici?
Eppure credo che nessuno potrà mai essere veramente felice, sempre.
Ma alla fine la vita è così;
o tiri o molli, senza vie di mezzo.

La voglia di evadere,
di cambiare.


83f7b7a2-0a22-466c-8eda-1d64ec2b55c1
E la mia pazzia si manifesta dentro queste mura, con la voglia di evadere, di scappare, di andare lontano da un mondo che non capisco. Con solo una cosa fissa nella mente, la felicità, quella vera che tutti cercano, si pensa di avere ma che non sempre si ha... sì, è fatta cosi, va, viene,...
Post
15/04/2013 17:15:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

La Musica

15 aprile 2013 ore 17:01 segnala
Le note che si irradiano nell'aria
la loro danza trasmette sensazioni aggraziate.
Suoni magici di onde armoniose,
emozioni non provate.
Melodie uniche in momenti silenziosi...
Dolcezza invade
l'essere e sei consapevole
d'esser parte di un mondo magico,
surreale e infinito...
E la musica va.

8ff0ecb0-234a-451d-b7c4-be8bb23f8a40
Le note che si irradiano nell'aria la loro danza trasmette sensazioni aggraziate. Suoni magici di onde armoniose, emozioni non provate. Melodie uniche in momenti silenziosi... Dolcezza invade l'essere e sei consapevole d'esser parte di un mondo magico, surreale e infinito... E la musica...
Post
15/04/2013 17:01:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment