Le vie del silenzio

28 luglio 2017 ore 20:10 segnala
A volte non so dove voglia arrivare


la persistenza di un silenzio.


Sempre che mi attraversi


insieme ai segni dell'abbondanza,


mi chiama dove in fila si mettono gli alberi.


E dove un ordine naturale delle cose regna sovrano.





Dove mi abbasso,


a sentire il fremito della terra.


Dove più salta agli occhi la differenza


tra una piena di fiume e le mie stanze.


E dove mi ripiego


a cercare i frutti caduti a terra.




Dove esplode in un coro di voci


la stagione degli amori


e vanno fin dove li guidano antiche scale.


Per poi ridiscendere in un frastuono,


in una festa di mimose in fiore,


fino al silenzio dal quale siamo nati.




Akret - Segreti e oblii
256304a5-5bd8-4e30-909e-87b4bb4be803
A volte non so dove voglia arrivare la persistenza di un silenzio. Sempre che mi attraversi insieme ai segni dell'abbondanza, mi chiama dove in fila si mettono gli alberi. E dove un ordine naturale delle cose regna sovrano. Dove mi abbasso, a sentire il fremito della terra. Dove...
Post
28/07/2017 20:10:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

La filosofia dei gatti

14 luglio 2017 ore 19:14 segnala
Sono riuscito a non morire prima del tempo

grazie alla filosofia dei gatti,

che per me rappresenta l'apice del pensiero.


Un po' distante e un po' dormiglione como loro,

scatto al primo movimento o al primo rumore

come se stessi presagendo una catastrofe.


Quando sono tranquillo, dormo,

e ogni tanto apro un occhio per controllare la situazione.

E se osservo, osservo a lungo, prestando la stessa attenzione che prestano i gatti.



E quando mi distacco,

mi distacco esattamente come loro,

per poi desiderare nuovamente una carezza.



E giro nei cortili.

E con una certa aria di sufficienza

guardo quello che accade.



Akret


7250d061-a8c5-478f-9696-db6ff5e611bb
Sono riuscito a non morire prima del tempo grazie alla filosofia dei gatti... che è l'apice del pensiero. Un po' scostante e un po' dormiglione come loro. Ogni tanto apro un occhio come se dovessi controllare non si sa bene cosa...e se osservo, osservo a lungo, prestando la stessa attenzione che...
Post
14/07/2017 19:14:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

A partita contro l'americani

01 luglio 2017 ore 12:00 segnala
Racconto in dialetto frascatano
da "Tre metri da u scapicollu" di Akret


1) “Vabbè…sabbetu ae cinque au campu dei Mercedari”. Quanno Mauretto ce portà a notizzia che l’americani erunu 'ccettatu a sfida, ‘nte dico a contentezza. “ Mo ce facemo vedè…atru che cazzi, ce facemo fa’ na figura davanti ae compagne de scola che sa ricordenu finchè campenu. Mo iamo subbitu a prenotà u campu e po’, domà, doppu esciti da scola, se vedemo tutti au campittu de Villa Campitelli pe fa un primu allenamento e decide a formazzione. "Me riccomanno, tu avvisa quillu, tu avvisa quill’atru…’ntè da mancà nisunu"... “Si, vabbè, ma chi u fa l’allenatore?”. Senza mancu sta a discute venne subbitu nominato allenatore Maurizzio Cresci…u capu riconosciuto de a banda de Villa Lina.
Doppu l’allenamento, Maurizzio nominà subbitu a formazzione che teneva da scenne ‘n campu. Praticamente tutti, perché sinnò ‘nce se riveva de nummero. Io me ritrovà titolare solo perché e riseverve teneveno, unu sett'anni e unu otto…n’pratica i fratelli più piccheli di quilli che giochevenu. ‘N porta tenevamo Maurizzio Giammarco, che avria datu spettacolo e avria lasciatu a bocca aperta e regazze americane, co lì tuffi che sapeva fa issu senza a paura de sgrugnasse. Au torneo di rioni de Capucroce era fattu stravedè, che poi se l’era piatu pure a G.I.O.C comme secondo portiere. A difesa era ‘mpò fiacchetta, ma tantu fino a là ‘nce sariano mai arivati, co u pressing a centrocampo che tenevamo da fa pe favorì e folate offensive de Mastrella. Gianni Mastrella avrà tenutu allora 13 o 14 anni, ma teneva già ‘n sinistru che faceva pizzicà i mani ai portieri. Infatti, ‘n po’ d’anni doppu fece carriera e diventà ala sinistra titolare de a squadra du Frascati. Quill’atri ‘npò sa caveveno, e ‘mpo erenu pippe comme mi. Comunque, quissi eravamo e co l'americani saria bastatu e avanzatu pe facce u cappottu da 10 a zero che tenevamo ‘n mente de facce.


2) Siccome nisunu teneva na lira pe isse a comprà a maietta co i carzoncini, se pià a decisione de giocà co a divisa bianca, perché era più facile da riccapezzà. M’aricordo che l’invidia ce se magnà, quanno u venerdi sera verso e sette vedessimo arivà all’albergo de ziima u pulma dell’americani co ‘n mani e buste de u negozzio de articoli sportivi più esclusivo de Roma. Quanno ce chiedemmo se ce facevenu vedè a robba che s’erenu comprato, tirerenu fori da a busta certe divise de rasu russu e certi scarpini de a Superga che nui se l’eravamo sognati solo quanno credevamo ‘ncora a Befana. Ce consolemmo co u fatto che da lontano n'se saria capitu che s’eravamo vestiti co i panni ricapezzati e se sariano potuti crede che e divise bianche erenu e divise ufficiali de a squadra de Villa Lina.
‘N somma, pe falla breve, sabbetu ae quattro e mezza tuttu u corteo de e squadre e de i tifusi se 'ncammina a piedi versu u campu di Mercedari. Arivati au campu comincemmo a spoiasse ghietro i tabelluni che stevenu de ghietro ae porte….e ‘nte dico che escì fora: bè o male ‘na maiettaccia bianca l’erenu rimmediata tutti, ma da a vita ‘n giù…chi porteva i mutannuni de u padre, chi e scarpe de sola…e i pedalini, ce ne fusse statu ‘n paru uguale…chi i porteva gialli, chi russi, chi verdi, chi maruni.
U pubblico era quasi tuttu de parte americana e era formato da quasi tutte femmine che facevenu na caciara ‘ndiavolata e n’se sa a rabbia che provemmo quanno sroltoleruno nu striscione de na ventina de metri ‘ndo ce steva scrittu: “ Bears of Norfolk Fine Art Hight Scoool College” che steva a significà:” “ E belve de u liceo artisticu de Norfolk”. E po’…bandierine, fischitti, tric trac…e n’mare de palloncini russi e blu, comme i coluri de a scola.



3) A fa u tifu pe a squadra de Villa Lina, ‘nvece, ce stevenu solo cugginema Tizziana co du amiche see e s’erunu messe a sede sole sole da 'na parte senza mancu u coraggiu de rifiatà, mentre dall’atra parte de e gradinate se sentevenu arivà urli, cori e ‘ncitamenti che pareva de sta a finale de a coppa di campiuni.
Ae cinque ‘n puntu, senza ‘n minuti de ritardo e squadre stevenu allineate au centro de u campu pe l’inni nazzionali, ma siccomme nisuno era riescitu a rimmedoà l'inno nazzionale americano, toccà a fa’ 'na colletta e mannà de cursa Italo a comprallu au negozzio de Capocciò. Così toccà aspetta che rivenesse e u cerimoniale inizià co 'na ventina de minuti de ritardo. Mo.. u disco novu novu appena comprato se sentì chiaru e limpidu dall’inizziu a fine che era ‘na bellezza, ma quanno se mise dentro au giradischi l’innu de Fratelli d’Italia che Giovannitu s’era fattu prestà da u nonno che u teneva da parte dentro a ‘n cassitto da u 1952 comincià a fa certi fruscii che pareva de sta a coce e castagnole e ogni tantu, pe giunta, sarteva pure qua pezzu, finchè versu a fine ‘n se ‘nceppà proprio. Così toccà a spegne u giradischi e finì de cantallu a voce.
Prima de ‘ncomincà a giocà, l’americani ce feceru notà che mancheva l’arbitru. All’arbitru, pe a verità, ‘n cera pensatu nisuno e mancu ce se potevenu mette ‘lle creature che tenevamo ‘n panchina e che ‘n sapevenu bè e regole. Tra l’amercani nun ne parlemo pe gnente, de ‘lli tre o quattro che tenevenu issi ‘n ce ne steva unu che sapeva distingue ‘n carciu d’angolo da ‘n carciu de rigore, perché, comme ce spieghereno i compagni, essi conosceveno bè solo e regole de u rebby, dePe ogni discussione ce volevenu armeno 5 minuti. Quadunu comincià a pensà che ienno avanti de su passu, prima de finì a partita, se saria fattu notte, ssosì se decise de segnalà solo l’irregolarità più grosse, passenno sopra a tante cose e mettenno comme punti de riferimento quattro zippi all’angoli de u campu, mentre pe decide se ‘n fallu era avventu dentro l’area de rigore se teneveno da contà otto passi ‘n orizzontale e ‘n verticale dai pali de porte. Fissate ‘se regole e discussioni durevenu de meno e a partita i avanti senza troppe ‘nteruzzioni. Doppo e prime azziuni de gioco comincemmo a rendice cuntu che l’americani ereno più tosti de quantu pensessimo. Giochenno co a palla a tera facevenu partì certe folate offensive che pe fermalli ce saria voluta a pistola a pallini. Doppu i primi 5 minuti erenu segnatu già u primo go e ereno iti ‘n atre du o tre vote vicino au secondo, tantu che se comincessimo a preoccupà. M’aricordo che io me tenevo da regge ‘n certu William che era pure ‘n giocatore de baseball e appena riveva parteva me pieva subbitu 3 o 4 metri su a partenza, Na vota, pe fermallu ce tenette da da ‘na gomitata ‘nfaccia, che ce fece escì pure u sangue da u nasu. Vistu che io ‘m ciaf avevo a reggelu, a marcatura de su William venne affidata a Piero Erani…po’ vistu che nun riesciva a fermallu mancu issu, passà a Sergio Bertarelli…po’ a Giancarlo Panettuni….po’ a Michele Santarelli….gnente, su William, nisunu riesceva a fermallu, né co e bone e né co e cattive e versu u 15° munutu de u primu tempu, nonnostante e parate de Maurizzio che piva pure i sputi che volevenu per aria, su William segnè u secondo go co n’azione travorgente da 60 metri ‘n solitaria sotto u recird mondiale de Mennea, u besboll e de a palla a canestru. Quanno sentì ‘sa notizzia, Sarvatore me dette ‘ncorpettino au gomito, comme a volemme di che a vince co quissi saria stata ‘na passeggiata. ‘Nsomma, doppu ‘n po’ de consurtazioni se pià a decisopne de giocà senza arbitru e de mettise d’accordu tra de nui. Comme inizà a partita vennere subbetu fora e prime lamentele su a linea de u fallu laterale, che ognunu sa ‘mmaggineva a modo seu...‘ndo 'n ‘metru più avanti, n’do du metri più ghietro, pe nun parlà de i carci d’angolo, che tante vote se ieva a finì a marcà finu a ghietro e porte.




4) Pe ogni discussione ce volevenu armeno 5 minuti. Quadunu comincià a pensà che ienno avanti de su passu, prima de finì a partita, se saria fattu notte, ssosì se decise de segnalà solo l’irregolarità più grosse, passenno sopra a tante cose e mettenno comme punti de riferimento quattro zippi all’angoli de u campu, mentre pe decide se ‘n fallu era avventu dentro l’area de rigore se teneveno da contà otto passi ‘n orizzontale e ‘n verticale dai pali de porte. Fissate ‘se regole e discussioni durevenu de meno e a partita i avanti senza troppe ‘nteruzzioni. Doppo e prime azziuni de gioco comincemmo a rendice cuntu che l’americani ereno più tosti de quantu pensessimo. Giochenno co a palla a tera facevenu partì certe folate offensive che pe fermalli ce saria voluta a pistola a pallini. Doppu i primi 5 minuti erenu segnatu già u primo go e ereno iti ‘n atre du o tre vote vicino au secondo, tantu che se comincessimo a preoccupà. M’aricordo che io me tenevo da regge ‘n certu William che era pure ‘n giocatore de baseball e appena riveva a palla me pieva subbitu 3 o 4 metri su a partenza. Na vota, pe fermallu, ce tenette da da ‘na gomitata ‘nfaccia, che ce fece escì pure u sangue da u nasu. Vistu che io n'ce riescevo a reggelu, a marcatura de su William venne affidata a Piero Erani…po’ vistu che nun riesciva a fermallu mancu issu, passà a Sergio Bertarelli…po’ a Giancarlo Panettuni….po’ a Michele Santarelli….gnente, su William, nisunu riesceva a fermallu, né co e bone e né co e cattive e versu u 15° munutu de u primu tempu, nonostante e parate de Maurizzio che pieva pure i sputi che volevenu per aria, su William segnà u secondo go co n’azione travorgente da 60 metri ‘n solitaria sotto u record mondiale de Mennea.




5) N’sapevamo più che fa. C’erenu dittu che giochevenu a beisbol, ma chi cazzu su credeva che a beisbol se cureva a sa magnera. Gnente…u terzu go arivà da a parte opposta, perché pe’ riddoppià a marcatura su William tenemmo da alleggerì dall’atra parte e lascià scoperti ‘na ventina de metri de campu. Morale de a favola: a ‘ncertu punto, doppu essese sarvati ‘n paru de vote pe’ opera de u Spiritu Santu, arivà ‘na ficilata a fir de palo che ce mancà pocu che Maurizzio, buttennose, n’ce iesse a sbatte a capoccia. Mo e cose se se comincevenu a mette male pe’ davero. “Sa, u cappottu, me sa che c’iu fannu issi” se n’esci quadunu piatu da u sconforto…e ‘nfatti, a tre minuti da a fine de u primu tempu fecero pure u quartu go. N'so comme successe che Sergio, pe i a parà n’incursione su a fascia destra era tenutu da lascià a marcatura de William, e quissu,’ncora friscu comme ‘na rosa, doppu tutte e sgroppate che s’era fattu e doppu tutte e botte ch’era piatu, era trovatu ‘ncora u spuntu pe isse a pià ‘na palla che steva pe’ escì ‘n fallu laterale…e co’ du zumpi era rivatu fina au portiere, buttenno a palla dentro da du metri.
A su puntu,su u punteggio de 4 a 0 a favore dell'americani decidemmo che era finitu u primu tempu, nonostante che issi continuevemo a insiste che ce manchevenu ‘ncora tre minuti e che ce fusse da recuperà ‘na mezz’ora bona pe' tutte e discusioni sui falli de giocu.
Escenno da u campu parevamo ‘na squadra de deportati, senza mancu a voia de arza l’occhi da pettera, che arzennoli per aria se vedeva ‘nu sventolio de bandiere a stelle e strisce e tutte l’americane che facevenu l’ola-oppe sopra i gradinate e cuginema Tiziana co’ l’amiche che se ne stevenu a i via.
“Che facemo?” disse Maurizziu Cresci a sede a panchina a capoccia bassa. Seguì ‘nsilenziu che pareva de sta a messa de a Madonna de Capucroce. Doppù avecce pensatu n’po’ ce n’escì mauretto facennosa a stessa domanda e trovanno subbito l’unica risposta che se poteva trovà: “ E che volemo fa?...tenemo da eliminà William co n’entrata decisa”. Maurizzio arzà a capoccia e guardenno a uno a uno i giocaturi disse: “ chi sa sente de fallu fori?”.



Akret - continua nel prossimo post
07fd56ea-fda3-4115-b63c-b72ea1c24b52
“Vabbè…sabbetu ae cinque au campu dei Mecedari”. Quanno Mauretto ce portà a notizzia che l’americani erunu ccettatu a sfida, ‘nte dico a contentezza. “ mo ce facemo vedè…atru che cazzi, ce facemo fa’ na figura davanti ae compagne de scola che sa ricordenu finchè campenu. Mo iamo subbitu a prenotà u...
Post
01/07/2017 12:00:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Omaggio a Giuni Russo

07 giugno 2017 ore 10:20 segnala
"Volevano una canzonetta radiofonica, gli ho risposto che non ho canzonette nel cassetto e non ne cerco. Se devo fare la fame, per non cedere a compromessi, la farò. La mia forza è questa: non avendo marito né figli ai quali pensare, posso vivere con poco. E così mi concedo il lusso, perché ormai è un lusso, di essere un'artista libera."

Giuni Russo








"Proprio oggi pensavo ai tempi in cui andavo in bicicletta a studiare canto, attraversando una città dai profumi speziati o dolci; i suoi giardini e le tante architetture arabeggianti. Volevo studiare anche pianoforte, che oggi suono da autodidatta, come la chitarra o la tromba, grazie ad un regalo che mi fece Louis Armstrong; ma il canto è la mia vita. Vivo per cantare!"

Giuni Russo









"La certezza l'ho avuta a nove anni, dopo avere visto mia sorella cantare in uno chalet a Palermo. Ma in cuor mio lo sapevo già da qualche anno: il sogno della mia vita era cantare. Qualunque cosa. Fino alla morte. Da bambina mi piaceva ripetere "A me piace cantare", accompagnando le parole con un gesto delle braccia verso l'alto. Non sapevo perché. L'ho capito da adulta: il canto per me è una cosa sacra, un gesto rivolto al cielo. Un dono di Dio che guarisce l'anima."

Giuni Russo