321

25 aprile 2018 ore 18:39 segnala





“La maggior parte del tempo se n’è andata tra pianoforte e la lotta per non farmi travolgere dai miei pensieri negativi.
Ho scritto questo pezzo, “How far can you fly”: una domanda che mi sono fatto tutta la vita, quanto si può andare lontano? Cosa ci impedisce di volare? Il linguaggio della musica è uno, quello dell’anima; le parole ci ingannano con i loro significati, mentre la musica è libera, può volare in paradiso, scendere all’inferno o rimanere a galleggiare nel limbo, e io amo quei musicisti che cantano, scrivono e suonano ogni nota come se fosse l’ultima”.

(monologo tratto dal film “Piano, solo”)


430b3b32-ec7a-43ec-8631-09e79488e5de
« immagine » “La maggior parte del tempo se n’è andata tra pianoforte e la lotta per non farmi travolgere dai miei pensieri negativi. Ho scritto questo pezzo, “How far can you fly”: una domanda che mi sono fatto tutta la vita, quanto si può andare lontano? Cosa ci impedisce di volare? Il ling...
Post
25/04/2018 18:39:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    1

320

01 aprile 2018 ore 19:27 segnala





Un capolavoro del cinema muto
una tenera storia d’amore
che rappresenta l'importanza di ciò che amiamo e il dramma di perderlo.




fcd076b1-5cca-4e49-a0cd-475c31a4dd44
« immagine » Un capolavoro del cinema muto una tenera storia d’amore che rappresenta l'importanza di ciò che amiamo e il dramma di perderlo. « video »
Post
01/04/2018 19:27:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    4

319

27 gennaio 2018 ore 17:00 segnala



Il rock, Beatles e Rolling Stones, Bob Dylan e Bowie
Led zeppelin,
Smoke on the water
King Crimson
Il prog
Guccini, Dio è morto
Jane Birkin
I vinili, i negozi di dischi, le radio libere, la Dyane e la 2 CV.
Le polacchine
Profumo e sapore della miscela, le candele da pulire, il gigler
All'alba sulla spiaggia, le cabine con i buchi, i film francesi , Steve McQueen, Agostini, il Rally di Montecarlo.
Enzo Iannacci, Dario Fo
I picchettaggi
Lei che non mi fila
le gitanes come Alain Delon, fammi fare un tiro
Cuba libre
Cile libero!
el Pueblo Unido
Playboy e Playmen, Linus
John Steinbeck
Il nome della rosa,
1984
Il Mucchio Selvaggio, ultimo tango, novecento, apocalypse now
Blues brothers
Miles Davis, il jazz, il free jazz
Woody Allen, Stanley Kubrick,
Laura Antonelli, Nastassja Kinski
Maria Schneider.



4a95b055-3802-44ab-85e6-346ae311a4f6
« immagine » Il rock, Beatles e Rolling Stones, Bob Dylan e Bowie Led zeppelin, Smoke on the water King Crimson Il prog Guccini, Dio è morto Jane Birkin I vinili, i negozi di dischi, le radio libere, la Dyane e la 2 CV. Le polacchine Profumo e sapore della miscela, le candele da pulire, il...
Post
27/01/2018 17:00:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    1

318

26 novembre 2017 ore 22:14 segnala


Oh, vorrei tanto che ti ricordassi,
Questa canzone era la tua,
Era la tua preferita, credo
Che è di Prévert e Kosma
E ogni volta "Le Foglie Morte"
Ti riportano alla mia memoria,
Giorno dopo giorno
Gli amori morti
Non finiscono di morire
Dall'altra parte, ovviamente, mi arrendo,
Ma la loro canzone è monotona
E poco a poco mi lasciano indifferente,
Per questo non c'è nulla da fare
Poiché ogni volta "Le Foglie Morte"
Ti riportano alla mia memoria,
Giorno dopo giorno
Gli amori morti
Non finiscono di morire
Si può mai sapere da dove iniziare
E quando finisce l'indifferenza?
Passa l'autunno, viene l'inverno
E la canzone di Prévert,
Questa canzone,
"Le Foglie Morte"
Svanisce dal mio ricordo
E quel giorno
I miei amori morti
Avranno finito di morire
E quel giorno
I miei amori morti
Avranno finito di morire

(La Canzone Di Prévert)




LA CHANSON DE PRÉVERT

Oh je voudrais tant que tu te souviennes

Cette chanson était la tienne

C'était ta préféré je crois

Qu'elle est de Prévert et Kosma

Et chaque fois "Les feuilles mortes"

Te rappelle à mon souvenir

Jour après jour les amours mortes

N'en finissent pas de mourir.

Avec d'autres bien sur je m'abandonne

Mais leur chanson est monotone

Et peu à peu je m'indiffère

A cela il n'est rien à faire

Car chaque fois "Les feuilles mortes"

Te rappelle à mon souvenir

Jour après jour les amours mortes

N'en finissent pas de mourir.

Peut-on jamais savoir par où commence

Et quand finit l'indifférence

Passe l'automne vienne l'hiver

Et que la chanson de Prévert

Cette chanson "Les feuilles mortes"

S'efface de mon souvenir

Et ce jour là mes amours mortes

En auront fini de mourir

Et ce jour là mes amours mortes

En auront fini de mourir
9fab7792-954d-4f79-b97d-51563483d70a
« immagine » Oh, vorrei tanto che ti ricordassi, Questa canzone era la tua, Era la tua preferita, credo Che è di Prévert e Kosma E ogni volta "Le Foglie Morte" Ti riportano alla mia memoria, Giorno dopo giorno Gli amori morti Non finiscono di morire Dall'altra parte, ovviamente, mi arrendo, Ma la...
Post
26/11/2017 22:14:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

317

17 ottobre 2017 ore 21:39 segnala







Buio non è Ancora

Cadono le ombre, ed io sono stato qui l'intero giorno
Troppo caldo per dormire, e il tempo che rotola via
La mia anima ora si è rivoltata in acciaio
Ho ancora le cicatrici che il sole non ha rimarginato
E neppure un posto per stare in un posto qualunque
Buio non è ancora, ma presto lo sarà

La mia umanità è sgocciolata via nella fogna
Dietro ogni cosa bella, c'è sempre qualche tipo di dolore
Mi hai scritto una lettera, ed era così dolce
Nelle parole ci hai messo tutto quello che aveva in testa
Ma perché tutto questo dovrebbe importarmi?
Buio non è ancora, ma presto lo sarà

Sono stato a Londra e nella gaia Parigi,
ho seguito il fiume per giungere al mare
visitatore del fondo del mondo delle menzogne
Non cerco più niente negli occhi degli altri
perché a volte il peso sembra più possente di me
Buio non è ancora, ma presto lo sarà

Qui sono nato, qui morirò mio malgrado
Sembra che io stia correndo ma sono qui inchiodato
e ogni nervo del mio corpo è assente e insensibile
Non ricordo neppure da cosa stessi fuggendo
quando sono giunto qui
Non odo neppure il mormorio di una preghiera

Buio non è ancora, ma presto lo sarà





e0e2fb8e-1c33-4b50-a129-0e83e8956dd9
« immagine » « video » Buio non è Ancora Cadono le ombre, ed io sono stato qui l'intero giorno Troppo caldo per dormire, e il tempo che rotola via La mia anima ora si è rivoltata in acciaio Ho ancora le cicatrici che il sole non ha rimarginato E neppure un posto per stare in un posto qualu...
Post
17/10/2017 21:39:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    4

316

10 ottobre 2017 ore 22:38 segnala


Dendrocronologia
La scienza della datazione attraverso lo studio degli anelli di crescita degli alberi.

La sequenza anulare, insieme ad altre evidenze, permette di:

ricostruire il clima di una regione in un determinato periodo storico e questo è di fondamentale importanza per le aree in cui non si avevano in passato regolari registrazioni meteorologiche;
valutare le caratteristiche ecologiche e ambientali passate e presenti di un’area geografica;
determinare l’autenticità di un’opera d’arte;
capire la struttura e datare le parti lignee di edifici storici.



I batteri possono vivere 20 minuti,
una farfalla può vivere 12 ore, la pulce d’acqua può vivere una settimana.

I roditori possono vivere mediamente due anni, un gatto quindici,
un cavallo può arrivare a superare i venti.

La vita media dell’essere umano si aggira intorno agli 80 anni.

Uccelli come pappagalli, gufi, falchi possono vivere fino a 100 anni.

Gli elefanti, le balene e altri grandi mammiferi possono superare il secolo.

Le tartarughe giganti delle Galápagos possono vivere fino a 200 anni,

ma tra i vegetali ci sono specie di alberi come il Pinus longaeva
che possono vivere oltre 4.700 anni.

La loro nascita precede l'invenzione della prima forma di scrittura alfabetica,
accompagnando tutta la storia dell'uomo fino ad oggi:
C’erano quando sono state costruite le Piramidi e la Sfinge.

C’erano prima del sorgere della civiltà greca, della fondazione di Roma.
C’erano prima di Gesù Cristo,
di Buddha, di Maometto e di Confucio.

C’erano durante la caduta dell’Impero Romano e l’incoronazione di Carlo Magno.

C’erano prima dell’invenzione della stampa, della scoperta dell’America,
prima di Copernico e prima della teoria della gravitazione universale.

C’erano e sono sopravvissuti alla rivoluzione industriale,
alla Rivoluzione Francese, a Napoleone.

C’erano quando sono stati stesi i primi cavi telegrafici e quelli della corrente elettrica,
C’erano e sono stati attraversati dai primi segnali radio, dagli aeroplani,
e sono sopravvissuti a due guerre mondiali e alle radiazioni degli ordigni nucleari,

Hanno visto l’uomo sulla Luna,
e continueranno ad essere testimoni della nostra evoluzione.



90e59536-cb98-44f8-bbcd-817ef92691b5
« immagine » Dendrocronologia La scienza della datazione attraverso lo studio degli anelli di crescita degli alberi. La sequenza anulare, insieme ad altre evidenze, permette di: ricostruire il clima di una regione in un determinato periodo storico e questo è di fondamentale importanza per le ...
Post
10/10/2017 22:38:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    3

315

01 giugno 2017 ore 16:06 segnala



Il fuoco
accoccolato,
spegne la tristezza del legno,
cantandogli
La sua ardente canzone.

E il legno
lo ascolta
mentre si consuma
fino a dimenticare
che è stato albero.

(Humberto Ak'abal)






(I Dirty Three sono una rock band australiana, attiva dal 1993)
dda3bba1-8a4b-4991-8619-1f7ecc26fc82
« immagine » Il fuoco accoccolato, spegne la tristezza del legno, cantandogli La sua ardente canzone. E il legno lo ascolta mentre si consuma fino a dimenticare che è stato albero. (Humberto Ak'abal) « video » (I Dirty Three sono una rock band australiana, attiva dal 1993)
Post
01/06/2017 16:06:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    4

314

19 marzo 2017 ore 11:39 segnala


l'inganno
sparsi, come scogli, mi riaffiorano ricordi e senzazioni
il ricordo di splendide estati dove soffiava il profumo dell' immortalità
estati in cui si perdeva il conto delle ore, delle notti e dei giorni
la sfacciata presunzione di dominare il mare,
e si assaporava l'inebriante sensazione che tutto sarebbe durato per sempre
















9b3230e7-726d-4522-b034-623e2089318a
« immagine » l'inganno sparsi, come scogli, mi riaffiorano ricordi e senzazioni il ricordo di splendide estati dove soffiava il profumo dell' immortalità estati in cui si perdeva il conto delle ore, delle notti e dei giorni la sfacciata presunzione di dominare il mare, e si assaporava l'inebrian...
Post
19/03/2017 11:39:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    5

313

11 febbraio 2017 ore 22:37 segnala
Ci sono vuoti che
le parole colmano,
altri che le parole scavano.

Ci sono silenzi che
sono un dono
altri che uccidono
che non hanno senso.

Ci sono parole giuste
parole sbagliate
parole dette o taciute
per non fare del male.

Parole attese, sospirate.

Ci sono parole…
Ci sono silenzi…
Un “ci sono" mancato
un “mi dispiace"
non pronunciato.

Un “sospeso" non colmato.

Ci sono silenzi che attendono
l’arrivo di una spiegazione
per poter spegnere il tormento
di quei perché senza senso.


(Silvana Stremiz)




le immagini:Joseph Lorusso





























db76f453-c7dc-4329-9cc1-9283909057a7
Ci sono vuoti che le parole colmano, altri che le parole scavano. Ci sono silenzi che sono un dono altri che uccidono che non hanno senso. Ci sono parole giuste parole sbagliate parole dette o taciute per non fare del male. Parole attese, sospirate. Ci sono parole… Ci sono silenzi… Un “ci sono"...
Post
11/02/2017 22:37:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    3

312

06 febbraio 2017 ore 16:52 segnala



"Se tutto durasse eterno ed immobile, non avrebbe senso alcuna fotografia. Crediamo di fotografare ciò che vive, ma lo scegliamo, in verità, perché muore.
E in quanto morente, è vivo, interessante, imperdibile perché destinato a essere perduto."

(Il bambino magico - Maria Paola Colombo)




























5015a592-fd53-4b29-8d43-35a0696d8fa0
« immagine » "Se tutto durasse eterno ed immobile, non avrebbe senso alcuna fotografia. Crediamo di fotografare ciò che vive, ma lo scegliamo, in verità, perché muore. E in quanto morente, è vivo, interessante, imperdibile perché destinato a essere perduto." (Il bambino magico - Maria Paola Co...
Post
06/02/2017 16:52:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    6