Copia e incolla 1....G. CAROFIGLIO

25 ottobre 2011 ore 17:43 segnala


"Non è che tutti i ricordi si dissilvano e scompaiano.
Sono tutti lì, nascosti sotto la crosta sottile della della coscienza.Anche quelli che credevamo perduti per sempre.
A volte ci restano per tuta la vita.
Il mangiadischi, le penne a quattro colori, Pippi Calzelunghe, le magliette Fruit of the Loom, Crocdile rock, ilCorriere dei Ragazzi,Rintintin,Ivanhoe,E le stelle stanno a guardare Con Alberto Lupo,Hit parade, Attenti a quei due, la Graziella cross gialla e arancione con il sellone, il subbuteo, gli Oro Saiwa calati nel latte quattro alla volta,..i ghiaccioli che lasciavano la lingua colorata,i rotolini di liquirizia, Capitan Miki, Paperinik, Tex Willer, I Fantastici quatro, Tarzan, buttare le fialette puzzolenti nei negozi e poi scappare via molto veloci, la Prinz verde che portava sfiga, Mafalda, Charlei Brown e quella ragazzina che non aveva i capelli rossi e però era vera e non si è mai accorta di me, la gomma pane, il club di Topolino, il flipper, il biliardino, quel bambino come noi che non ebbe il tempo di dimenticarsi tutte queste cose perchè il papà ebbe un colpo di sonno mentre tornavano dalle vacanze sulla loro Fiat 124, i cappelli col copriorechie, il lego, il monopoli, giocare con le figurine dei calciatori, il primo canale, il secondio canale e basta, la tv dei ragazzi, la cocoina, la focaccia, il latte della centrale, la luce fioca della cucina dei nonni, i sussidiari, cartelle di plastica, astucci con le matite, odore di bambini, di merendine, di cera pongo, silenzio nel cortile dopo la ricreazione, soldatni, le caramelle Rossana, filmini superoto, diapositive, le feste di compleanno, con le focaccine e succhi di frutta, le polaroid, le figurine dei calciatori, la pista di pattinaggio a rotelle, Carosello, la pasta al forno dai nonni la domenica.
La luce che filtrava attraverso la porta socchiusa della mia cameretta, i rumori della casa sempre più attutiti e per ultimi, sempre, i passi leggeri di mia madre mentre mi addormentavo"
bf2c3326-ec87-4185-aada-47001813083b
« VIDEO: HWvoiiMhCpg » "Non è che tutti i ricordi si dissilvano e scompaiano. Sono tutti lì, nascosti sotto la crosta sottile della della coscienza.Anche quelli che credevamo perduti per sempre. A ...
Post
25/10/2011 17:43:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Rivoluzioni..giù la testa

23 ottobre 2011 ore 23:42 segnala


Rivoluzione? Rivoluzione? Per favore, non parlarmi tu di rivoluzione! Io so benissimo cosa sono e come cominciano: c'e qualcuno che sa leggere i libri che va da quelli che non sanno leggere i libri, che poi sono i poveracci, e gli dice:" Oh, oh, e' venuto il momento di cambiare tutto" ...Io so quello che dico, ci son cresciuto in mezzo, alle rivoluzioni.
Quelli che leggono i libri vanno da quelli che non leggono i libri, i poveracci, e gli dicono: " Qui ci vuole un cambiamento! " e la povera gente fa il cambiamento.
E poi i piu' furbi di quelli che leggono i libri si siedono intorno a un tavolo, e parlano, parlano, e mangiano.
Parlano e mangiano! E intanto che fine ha fatto la povera gente? Tutti morti! Ecco la tua rivoluzione! Quindi per favore, non parlarmi piu' di rivoluzione...E porca troia, lo sai che succede dopo? Niente...tutto torna come prima".
Juan Miranda in Giù la testa
e5aeff68-bd42-4ee2-9333-f24e6378572f
« VIDEO: ZXSofUNDcgs » Rivoluzione? Rivoluzione? Per favore, non parlarmi tu di rivoluzione! Io so benissimo cosa sono e come cominciano: c'e qualcuno che sa leggere i libri che va da quelli che no...
Post
23/10/2011 23:42:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    3

E ora facciamo i conti

22 ottobre 2011 ore 16:08 segnala
E ora facciamo i conti
Non mi è mai piaciuta la matetematica, ma devo riconoscere che qualche volta serve
Facciamo il conto della serva
1/3 della nostra vita lo occupiamo dormendo; è necessario
1/3 della nostra vita lo occupiamo per lavorare, si dice che sia necessario, ho qualche dubbio ma ne parleremo un'altra volta.Raramente è piacevole; solo pochi riescono a fare delle proprie passioni un lavoro, io ne ho conosciuto uno solo (ma ora è morto)
Siamo quindi a due terzi
Su 24 ore... 16 se ne vanno così
Poi ci sono le ore che io definisco perse vediamone alcune:
Il tempo che perdiamo per andare al lavoro, preparativi vari: lavarci, sbarbarci, ecc insomma rendeci presentabili , poi i tempi di spostamento..ecc ecc
Il tempo per fare la spesa (aggrappati ad una gabbia con le ruote)
Il tempo per lavare, stirare, pulire (..ma quanti siamo?)
Il tempo per preparare il pranzo..e sentirti dire:"sempre le stesse cose!" oppure :"sì buona ma..."
Il tempo per trovare parcheggio (si ci sono alcuni ottimisti che lo cercano ancora)
Il tempo per andare dal dentista ( stendo un velo pietoso su quello che ci costa).e che non ci fa la ricevuta
Il tempo per le code alla posta per pagare bollette varie...o ritirare una raccomandata che ci fatto venire ansia; perchè a noi non scrive mai nessuno e quindi sono grane in arrivo.
Il tempo per andare a litigare con quello stronzo del direttore di banca
Il tempo per litigare con altri inclusi marito/moglie/compagno: tanto non si conclude mai nulla e ognuno resta nelle sue posizioni
Il tempo per andare a trovare la zia rincoglionita che manco ci considera e che non ci nominerà nel testamento,perchè preferisce l'altro nipote che naturalmente non va mai a trovarla, neppure a Natale
Il tempo in coda per fare le analisi mediche di routine..(tanto ci ammaleremo di tutt'altra cosa)
Il tempo per portare l'auto a lavare al sabato mattina..un mare di gente che ti guarda con aria di solidarietà tipo quella che si vede ai funerali.."ci tocca è la vita"
Il tempo per portare l'auto dal meccanico o dal gommista e che quando ti presentano il conto capisci cosa vuol dire rapinare le persone
Il tempo di andare a parlare con i professori di tuo figlio, quando che ti ripetono che è intelligente ma che potrebbe fare di più..le stesse cose che dicevano di te ai tuoi genitori
Il tempo perso per stare dietro al tipo o alla tipa che manco ti si fila
Il tempo perso a piangere sul latte versato
Va beh mi fermo qui... aggiungete voi ognuno ha il suo tempo perso
Tutto questo in quanto lo quantifichiamo?
Mediamente 4 ore al giorno?
Sì diciamo quattro ore perchè mi siete simpatici e mi viene bene come conteggio
Riassumendo 8 + 8 +4= 20 ore
Venti ore perse, venti ore volate, venti ore vissute male, venti ore...
Quindi ragazzi per vivere come ci piace restano 4ore Dico Quattro OREEE!!
Abbiamo solo 4 ore a nostra completa disposizione: Un sesto della nostra giornata
Un sesto della nostra vita!
Quattro ore di vera vita..e che immancabilmente noi gettiamo via
E cosa sono queste 4 ore rispetto alla intera vita?
Altro calcolo.. l'ultimo
In un anno queste quattro ore si traducono in 60 giorni circa
Due mesi...in un anno abbiamo due mesi a nostra disposizione
LA vita media di un uomo mi pare sia sia sui 70 anni, le donne vivono di più: 80 anni circa(quindi gli uomini non gli accorciano la vita anzi..)
Facciamo una media e diciamo 75 anni fra tutti e due ..ma è grasso che cola
QUINDI 75 anni per due mesi all'anno fanno : 150 mesi
150 mesi diviso 12mesi fa: 12.5 anni
Quindi alla fine noi abbiamo solo 12 (dodici) anni di vera vita
DODICI!!!
Senza contare di eventuali periodi di malattia (nappure un'influenza)
Un sesto di vita:
dividete una torta (quella che vi piace di più!) in sei parti e prendetene una fetta, questa è quella che vi spetta (fate la prova!) e guardate cosa lasciate in tavola...cosa non mangerete!
Se guardate al vostro passato 12 anni sono nulla..pensate a 12 anni trascorsi!
Un Lampo!
La vita è un lampo!
Pensate a quanto tempo avete ancora a disposizione!
Andate fuori a vivere...andate a viaggiare, leggere ..non fatevi mancare nulla..cercate di vivere al massimo
e Amate! che è lunica cosa che dilata il tempo di vivere
fe9e69f5-4ed3-4ea6-931c-8f925218627b
E ora facciamo i conti Non mi è mai piaciuta la matetematica, ma devo riconoscere che qualche volta serve Facciamo il conto della serva 1/3 della nostra vita lo occupiamo dormendo; è necessario 1/3...
Post
22/10/2011 16:08:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Italia - Germania

20 ottobre 2011 ore 17:33 segnala
Anche oggi è una giornata di sole...un po di vento ma si sta davvero bene.
Decido di andare a Finale al mercato che si svolge lungo la passeggiata.
Dopo un po di girovagare scendo sulla spiaggia praticamente deserta, un incanto, il mare è calmo e solo piccole onde si infrangono sulla riva.
Decido di togliermi le scarpe e le calze, arrotolo in jeans fino al ginocchio e inizio a camminare a piedi nudi sul bagnasciuga (battigia), qui lo chiamiamo "sbatisso" ; insomma la striscia di sabbia dove si infrangono le onde.
I jeans si srotolano e si bagnano..va beh succede, ma che importa è troppo bello.
L'acqua è stupenda, calda,si sta benisimo un piacere che non provavo da tempo.
Era tanto che non lo facevo, specialmente in questa stagione..in estate è diverso c'è troppa gente si è distratti.
Oggi invece è una giornata perfetta, i pensieri scorrono tranquilli e lascio che le mie orme mi seguano e vengano cancellate dalle piccole onde.
Vorrei fare il bagno, ma non ho il costume ,da ragazzino ricordo, non ci avrei pensato due volte lo avrei fatto in slip (mutante!)
Ma ora?...come si fa?...mi vergogno, la tentazione è forte mi guardo intorno e vedo che sono arrivati due giovani un ragazzo e una ragazza.
Sono tedeschi
In qualche modo mi chiedono comè l'acqua ,in qualche modo rispondo che si sta bene con i piedi a bagno, che non è fredda.
Mi imitano e anche loro iniziano a passeggiare a piedi nudi.
Poi mi viene voglia di tirare sassi in mare, anche queste erano le cose le facevo da ragazzino,ci si divertiva con poco.
Fare rimbalzare le pietre, piatte sulla superficie calma del mare.
Nel frattempo ritornano i tedeschi e anche il ragazzo inizia a lanciare le sue pietre piatte in mare.
E così senza metterci daccordo inizia la gara, comincia la partita, si apre la sfida.
Facciamo a chi le fa rimbalzare più volte e le fa arrivare più lontano...ma lui è giovane, è bravo non ha la mia esperienza di uomo di mare ma ha forza... mi da del filo da torcere.
Sono messo male...mi sto avviando alla sconfitta...lo leggo anche negli sguardi di alcuni ragazzini e di un cane sbucati da chissà dove
Il tedesco spera in una resa..si sente ormai il vincitore
Non è possibile farmi battere da un tedesco..non esiste...quello il mare lo ha visto poco nella sua vita..io ci sono nato ci sono cresciuto..ho imparato a camminare e nuotare nello stesso tempo..e naturalmente far rimbalzare le pietre.
Questo è il mio mare!
Cavolo quanta acqua di mare ho bevuto..non basta tutta la birra tedesca
Poi.. quando tutto sembra perduto..ecco vedo affiorare dalla la sabbia la pietra che cercavo, la pietra perfetta.
La mia pietra
E' bellissima arancione con striature rosse , il mare e la sabbia l'hanno lavorata bene resa ovale, completamente liscia.
La risciacquo in mare.
Mi preparo al tiro, come un lanciatore di baseball...mi concentro aspetto un momento di mare calmo e... lancio.
La pierta fa solo quattro rimbalzi, solo quattro, ma..ragazzi dovevate esserci! I rimbalzi sono lunghissimi e la pietra sembra avviarsi verso lorizzonte (va beh esagero)
Comunque è irragiungibile, il tedesco lo capisce che un lancio così non riuscirà mai a farlo. Mai
Esulto, lo guardo con lo sguardo del vincitore che perdona lo sfidante..sarà per un'altra volta oggi non c'è partita
Quattro salti lunghissimi
la storia si ripete
Italia Germania...quattro a tre!
21eb9f6b-60ba-435f-a074-a21bb12a271b
Anche oggi è una giornata di sole...un po di vento ma si sta davvero bene. Decido di andare a Finale al mercato che si svolge lungo la passeggiata. Dopo un po di girovagare scendo sulla spiaggia praticamente deserta, un incanto, il mare è calmo e solo piccole onde si infrangono sulla riva. Decido...
Post
20/10/2011 17:33:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    4