321

25 aprile 2018 ore 18:39 segnala





“La maggior parte del tempo se n’è andata tra pianoforte e la lotta per non farmi travolgere dai miei pensieri negativi.
Ho scritto questo pezzo, “How far can you fly”: una domanda che mi sono fatto tutta la vita, quanto si può andare lontano? Cosa ci impedisce di volare? Il linguaggio della musica è uno, quello dell’anima; le parole ci ingannano con i loro significati, mentre la musica è libera, può volare in paradiso, scendere all’inferno o rimanere a galleggiare nel limbo, e io amo quei musicisti che cantano, scrivono e suonano ogni nota come se fosse l’ultima”.

(monologo tratto dal film “Piano, solo”)


430b3b32-ec7a-43ec-8631-09e79488e5de
« immagine » “La maggior parte del tempo se n’è andata tra pianoforte e la lotta per non farmi travolgere dai miei pensieri negativi. Ho scritto questo pezzo, “How far can you fly”: una domanda che mi sono fatto tutta la vita, quanto si può andare lontano? Cosa ci impedisce di volare? Il ling...
Post
25/04/2018 18:39:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. s.hela 29 aprile 2018 ore 11:53
    E volare si può, soprattutto
    con i pensieri , che fuggono
    via e si librano nell'infinito
    dove forse nessuno li ode ,
    ma qualcuno potrà coglierli e
    farli suoi .

    Giulia :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.