Sbattuti come canne al vento ...oggi!

07 luglio 2009 ore 17:27 segnala

Certo è molto difficile credere che siamo sopravvissuti fino ad oggi!
Da bambini, andavamo in macchina (quelli che avevano la fortuna di averla) senza cinture di sicurezza, air bag e senza navigatore e si viaggiava alla grande.
Viaggiare nel cassone posteriore di un trattore in un pomeriggio torrido era un regalo speciale.

I flaconi dei medicinali non avevano delle chiusure particolari.
Bevevamo l'acqua dalla canna del giardino, ...non da una bottiglia. Che orrore!
Andavamo in bicicletta e in motorino senza usare un casco.
Passavamo dei pomeriggi a costruirci i nostri "carri giocattolo".
Ci lanciavamo dalle discese e dimenticavamo di non avere i freni fino a quando non ci ‘sfracellavamo’ contro un albero o un marciapiede, …che risate!
E dopo numerosi ‘incidenti’, imparavamo a risolvere il ‘problema’.... noi da soli!

Uscivamo da casa al mattino e giocavamo tutto il giorno; i nostri genitori non sapevano esattamente dove fossimo, nonostante ciò sapevano che non eravamo in pericolo, non c’erano né zingari, né pedofili, né satanisti in giro!
Ci procuravamo delle abrasioni, ci rompevamo le ossa o i denti e non c'erano mai denunce, erano soltanto incidenti: nessuno ne aveva la colpa.
Avevamo delle liti, a volte dei lividi. E anche se ci facevano male e a volte piangevamo, passavano presto; la maggior parte delle volte senza che i nostri genitori lo sapessero neppure.
Mangiavamo dei dolci, del pane con moltissimo burro e bevande piene di zucchero... ma nessuno di noi era obeso né si preoccupava della linea o del colesterolo.
Mangiavamo con gusto gli alimenti della terra che avevano ancora il loro buon sapore, poiché privi di ormoni, additivi, pesticidi e ogm!
Ci dividevamo un’aranciata con altri amici, dalla stessa bottiglia, e nessuno mai morì a causa di germi o virus ‘nati in laboratorio’!

Non esistevano i telefoni cellulari. Incredibile!
Non avevamo la playstation, né il nintendo, né videogiochi, né la tv via cavo, né le videocassette, né il pc, né internet; avevamo semplicemente degli amici veri.
Uscivamo da casa e li trovavamo lì, …senza bisogno di mouse e tastiera!
Andavamo, in bici o a piedi, a casa loro, suonavamo al campanello o entravamo e parlavamo con loro. Figurati: senza chiedere il permesso a nessuno! Da soli. Nel mondo freddo e crudele!
Senza controllo, ...né telecamere! Ma come siamo sopravissuti? ..chissà!
Ci inventavamo dei giochi con bastoni e sassi. Giocavamo con vermi e altri animaletti e, malgrado le avvertenze dei genitori, nessuno tolse un occhio ad un altro con un ramo e i nostri stomaci non si riempirono di vermi.
Alcuni studenti non erano intelligenti come gli altri e dovevano rifare la seconda elementare. Che orrore! Non si cambiavano i voti, per nessun motivo.

I peggiori problemi a scuola erano i ritardi o se qualcuno masticava una cicca in classe.
Le nostre iniziative erano nostre. E le conseguenze, pure. Nessuno si nascondeva dietro a un altro.
L'idea che i nostri genitori ci avrebbero difeso se trasgredivamo ad una legge o regola di condotta non ci sfiorava; loro erano sempre dalla parte della legge, non sempre e inesorabilmente dalla nostra parte!

Se Ti comportavi male i tuoi genitori ti punivano severamente mettendoti in castigo e nessuno li metteva in galera per questo, …mancava il ‘telefono azzurro’!
Sapevamo che quando i genitori dicevano "NO", significava proprio NO, senza inflessioni!
Nessuno ancora pensava di 'spegnere e (mal-)trattare' con gli psicofarmaci i bambini più vivaci!

I giocattoli nuovi li ricevevamo per il compleanno e a Natale, non ogni volta che si andava al supermercato per comprare l’inutile e il superfluo.

I nostri genitori ci facevano dei doni con amore, non per sensi di colpa o per tenerci buoni.
E le nostre vite non sono state rovinate perché non ci diedero tutto ciò che volevamo.

C’era più spirito di sacrificio, amore, pazienza e dedizione, …e i matrimoni duravano ancora tantissimo; …non si correva dall’avvocato al primo litigio.

Le emittenti radiofoniche cantavano ancora i buoni sentimenti …e la tv era ancora guardabile!
Avevamo libertà, insuccessi, successi e responsabilità ed abbiamo imparato a gestirli.

Negli ultimi 50 anni c'è stata un'esplosione di innovazioni, nuove idee assieme a stress e… pesantissime ‘complicazioni’ fabbricate ad arte!

Certo che abbiamo avuto una gran fortuna a crescere e vivere bene prima che gli avvocati, i governi, le leggi e le macchine regolassero, ...invadendo la nostra vita. Prima che il ‘grande architetto planetario’ ci trasformasse da cittadini a sudditi …depressi e senza volontà!

Oggi l'insoddisfazione regna sovrana!
Tutto passa velocemente, ...anche i rapporti di coppia, spesso sono esautorati o mal vissuti!
Nulla più ci appaga purtroppo, ...si cerca altrove ciò che abbiamo 'sotto il naso', con l'illusione che la prossima volta saremo più felici, ma ciò non accade mai:... è solo una semplice illusione, …un 'miraggio sulfureo'!

Il messaggio comune, diffuso a piene mani, è quello detto... in gergo sociologico: "l'Americano"! Ossia il pensiero divulgato dai films hollywoodiani... e dalla propaganda nostrana, da cui deriva pure la moda del 'carpe diem' (...ogni lasciata è persa!).

E’ la mentalità predominante di questo tempo, dove tutto è aleatorio, passeggero, effimero... 'delirio consumistico':
- la passione è più importante dell'amore;
- la trasgressione è auspicabile e salutare;
- il divertimento è l'unico scopo della vita;
- devi essere come la massa (...belante!) per stare bene;
- i soldi non contano, ma se non ce n'hai non avrai donne;
- la 'libertà' (...o meglio 'il libertinaggio'), il 'Fai ciò che vuoi" (...motto e filosofia del noto satanista-occultista inglese Aleister Crowley 1875 -1947, ...che, poi fece una brutta fine:... quella che meritava!), ...il vivere senza regole e limiti, è un valore al di sopra di tutto... e di tutti, spesso (!); …ecc..

In un periodo storico di grandi paure e cupe profezie; un momento dove guerra, democrazia e terrorismo hanno assunto connotati del tutto diversi rispetto ai decenni precedenti; un momento, quello attuale, in cui buoni e cattivi faticano a distinguersi.
E’ questo, anche il tempo (speriamo si possa parlare soltanto di momento!) in cui si assiste al diffondersi di paure più o meno irrazionali, di allarmi sempre meno sostenuti da dati concreti e attendibili, alla sistematica emarginazione (…e a volte soppressione) del ‘diverso’: …nemmeno il pensiero ‘diverso’, o critico, è più tollerato!
Vengono minimizzate o ignorate prospettive nuove, ritenute scomode; vengono criminalizzate idee e scoperte, scienziati e pensieri che osino dirigersi verso lidi diversi da quelli convenzionali.

Negli ultimi anni si sono intensificati gli annunci di possibili ‘nemici’ che attendono nell’ombra, di sbucare fuori e agguantare l’umanità per il collo: virus di cui si ipotizza la comparsa e fanatici pronti ad usarli senza pietà.
Così, è arrivata la mucca pazza, l'influenza dei polli, l’antrace.
Più di recente abbiamo avuto a che fare con la Sars, l'influenza suina e si fa nel contempo sempre più intensa la pressione degli ‘esperti’, nazionali e internazionali, che annunciano quasi ogni settimana il pressoché certo arrivo di un nuovo virus mortale, il virus del millennio, al quale è già stato affibbiato l’inquietante nomignolo di “Big One”: gli stessi medici e rappresentanti istituzionali ammettono che nessuno sa come e cosa sarà né quando di preciso arriverà, ma certamente arriverà!

Quindi, il messaggio (subliminale) …è: rammentate che siete tutti in pericolo, nessuno è, ...ne sarà mai al sicuro. E soprattutto: stiamo moltiplicando gli sforzi per darvi sempre nuove risposte e nuovi farmaci, che naturalmente, data la situazione contingente, non dovete ne potrete rifiutare!

Nessuno però parla dei settemila morti l’anno in Italia per infezioni ospedaliere. La denuncia è arrivata da un docente dell’Università la Sapienza, ma non è stata diffusa dai mass(-onici) media!
Ci 'propongono' il Codex alimentarius (...come mela avvelenata!), nessuno parla dei dati sconcertanti raccolti dal Condav, il Coordinamento Nazionale Danneggiati da Vaccino, che sta raggruppando chi, in un modo o nell'altro, è rimasto vittima o ha un famigliare rimasto vittima delle vaccinazioni, ...mentre le multinazionali del farmaco 'godono'!

Perché dobbiamo vivere nella paura? Come funziona il sistema (…del ‘nuovo dis-ordine mondiale’) che ci inganna?

Tra gli altri pericoli che si sono ventilati come incombenti sull’opulenta società occidentale, sicuramente uno dei più angoscianti è quello della minaccia di epidemie catastrofiche propagate ad opera di bio-terroristi o disastri nucleari che diffonderebbero impunemente virus, batteri o radiazioni nei luoghi pubblici e privati.

E, per questo motivo, …bisogna controllare tutto e tutti, con conseguenti, enormi violazioni della privacy personale (…vedi il chip-pino da impiantare sottopelle!) degli ignari cittadini, …giustificate dall'improbabile guerra a nemici terribili!
Tutti i mass-media si concentrano per mesi su notizie allarmanti con un’insistenza veramente straordinaria… ma quanto c’è di vero in tutto ciò?

Uno strumento potente per condizionare e controllare le ‘masse belanti senza pastore’ è la paura.
Il megafono principe della paura è la televisione.
Teniamola spenta il più possibile, soprattutto quando si sta mangiando. Il rituale del pasto è sacrosanto e va consumato nella totale tranquillità interiore ed esteriore. Se mangiamo con immagini e notizie di violenza, stupri, terremoti, eutanasia, incidenti, cani impazziti, ecc. anche i cibi che mangiamo saranno inquinati da tossine emozionali, deleterie quanto quelle fisiche.

Giorni fa, assistendo al ripugnante spettacolo proposto dal telegiornale (…a tamburo battente, ogni giorno), ad un certo punto lo speaker, dopo aver enumerato a raffica una lunga serie di notizie orrende: uccisioni, tragedie familiari, catastrofi ambientali, ...e commoventi 'animal-news', …affermò con maligno compiacimento e sorrisino a denti stretti, che non potevamo stare tranquilli, non c'era nulla di che stare allegri, ...passando subito dopo ai goals del campionato di calcio!

A cosa …e a chi sarebbe funzionale uno stato generalizzato di incertezza e paura?
Del resto, …una piccola riflessione: quale strumento di controllo è migliore di quest’ultima?
Forse, per rispondere a questa domandina bisogna riflettere sul fatto che una minoranza ben organizzata prevale sempre sulla maggioranza impaurita e disorganizzata.
E siccome chi detiene il potere è una minoranza organizzata di persone che agiscono al di fuori di ogni controllo (…e questo perché, sia che le elezioni le vinca la destra o la sinistra, comunque, da dietro le quinte del teatrino della politica, saranno sempre gli stessi a comandare!), ad essi enormemente giova, che i ‘comandati’ siano il più possibile disuniti e impauriti, …il più possibile intenti ad odiarsi reciprocamente (…iniziando all’interno delle famiglie: …per loro, istituzione obsoleta da eliminare!) …e ‘imbestialiti’ …con l’ausilio di abbondanti dosi di pornografia e ‘animalismo mediatico’!

Maggiore è la disunione nella maggioranza, tanto più facile sarà comandare da parte della minoranza organizzata che opera, ‘senza se e senza ma’, per l’avvento di un ‘nuovo ordine mondiale’. A tal fine servono le pandemie, le guerre, il terrorismo, l'avvelenamento del cielo (scie chimiche), la crisi economica mondiale, …le paure collettive e generalizzate!
Loro fabbricano terrore e paure globali, …e poi come salvatori dell’umanità piagata …applicano ‘soluzioni’ universali …che reputano (…ehm) ‘sommo bene comune ...sulfureo’!
                                                               

Come sempre Cristo Gesù viene in nostro soccorso con la Sua Parola:                                               

Matteo – Capitolo 10 [26] Non li temete dunque, poiché non v'è nulla di nascosto che non debba essere svelato, e di segreto che non debba essere manifestato. Quello che vi dico nelle tenebre ditelo nella luce, e quello che ascoltate all'orecchio predicatelo sui tetti.

1 Corinzi – Capitolo 7 [23]  Siete stati comprati a caro prezzo: non fatevi schiavi degli uomini!

Giovanni - Capitolo 14 [27] Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.

Marco - Capitolo 16 [17] E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demoni, parleranno lingue nuove, [18] prenderanno in mano i serpenti e se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno».

Matteo - Capitolo 10 [28] E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l'anima; temete piuttosto colui che ha il potere di far perire e l'anima e il corpo nella Geenna.

Luca - Capitolo 21 [18] Ma nemmeno un capello del vostro capo perirà.

Indipendentemente da ciò che viviamo e avviene intorno, la vera pace dimori dentro di noi, …quella che solo Cristo Gesù può donare in abbondanza, …senza l’ausilio di megafoni e alcuna
propaganda!                         

Riprendiamoci ...la vita!             

10965568
Certo è molto difficile credere che siamo sopravvissuti fino ad oggi!Da bambini, andavamo in macchina (quelli che avevano la fortuna di averla) senza cinture di sicurezza, air bag e senza navigatore e si viaggiava alla grande.Viaggiare nel cassone posteriore di un trattore in un pomeriggio...
Post
07/07/2009 17:27:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. dolceluna71x 17 luglio 2009 ore 14:35
    ..bellissimo blog....
  2. Animafragile.73 15 agosto 2009 ore 16:34

    complimenti al tuo post.......buon ferragosto da anima:bye

  3. mari.02 11 marzo 2018 ore 21:33
    Eravamo semplici , io credo più puri e vivevamo di valori autentici , assecondando gli istinti più naturali e , pertanto sani.
    Eravamo nell'idea di una libertà che oggi è impossibile da capire.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.