Un mantello di parole

26 novembre 2016 ore 22:44 segnala

Lui ha cura, dedizione, la stringe a sé che nessuno gliela rubi. E che nemmeno un soffio di vento a lei si appoggi senza il suo permesso.
Lei è avvolta da un mantello fatto di parole, dipende fatalmente dai gesti con cui lui si racconta.
Si ascoltano, non per convenienza.
Spariscono nella nebbia, fitta dei miei pensieri.
Forse mai esistiti, se non per quanto avrei voluto io esser quel mantello su di lei.
Ognuno dovrebbe avere un mantello di parole da cui farsi avvolgere senza che nessuno potrà più far male.
cf1fcf22-d6f7-426c-ab9a-3f2e5fe50e07
« immagine » Lui ha cura, dedizione, la stringe a sé che nessuno gliela rubi. E che nemmeno un soffio di vento a lei si appoggi senza il suo permesso. Lei è avvolta da un mantello fatto di parole, dipende fatalmente dai gesti con cui lui si racconta. Si ascoltano, non per convenienza. Spariscono...
Post
26/11/2016 22:44:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. Njlo 26 novembre 2016 ore 23:58
    Un mantello di sole parole, d'Amore. Credo che ogni donna vorrebbe averlo addosso, per stringerselo intorno al corpo e sentirne tutto il calore e sapere così di essere al sicuro.
    Grazie, il solo immaginarlo è un'emozione.
  2. JealousGuy 27 novembre 2016 ore 00:26
    Non credo che un mantello basti per evitare il male...
    Ma è pur sempre un inizio... ;-)
  3. Illumia 27 novembre 2016 ore 01:07
    Esatto!!!
  4. algerino1937 27 novembre 2016 ore 11:21
    Avete fatto fatica a comprendermi?!
    Essendo straniero (mai frequentato scuole italiane) so bene che non è facile comprendere quello che scrivo, scrivo io....mah non so se si possa chiamare "scrivere". Spesso non sempre le parole (i miei) possono essere colte da chi non è nato nell'area di quella terra e non ne ha respirato l'atmosfera ....dovrebbe migrare verso altre letture, ma al di là di questo, si impara comunque qualcosa senza pretendere di capire tutto e di riuscire a leggere tra le righe sempre ... E per questo vi ringrazio tutti/e.
    @Njlo sono io che dovrei ringraziare te...sempre. Ti ringrazio perché riesci a portarmi, a catapultami in una dimensione parallela fatta di emozioni, ricordi, sorrisi e lacrime. Ti ringrazio perché riesci a coinvolgere il lettore e a farlo entrare nel tuo racconto, lo avvolge nei tuoi colori, nei tuoi cieli, lo prende per mano, pian piano la realtà svanisce ed il racconto prende vita.
    Grazie davvero.
  5. Njlo 27 novembre 2016 ore 12:15
    Spesso occorre andare oltre le righe scritte o almeno fare un tentativo in questo senso per poter cogliere l'inespresso, le sensazioni, l'anima. Mi sforzo sempre, anche se non sempre ci riesco. Purtroppo la superficialità è uno dei peccati del nostro tempo.
    Algerino, non ho doti particolari, mi piace viaggiare con la mente e con le parole in un'altra dimensione, che so esserci, che è a portata di mano e che non riusciamo ad afferrare, per inerzia, per cattiva volontà, per paura, perché viziati da questa realtà spesso cruda alla quale sembriamo esserci assuefatti.

    Scusa se mi sono dilungata. Un sorriso.
  6. algerino1937 27 novembre 2016 ore 13:28
    "non hai doti particolari" sei una Donna particolare
    sempre un piacere per me leggerti, viaggiare e perdermi tra le tue righe la semplicità del tuo esprimerti è sinonimo di veracità, qualità che apprezzo.
    Ed io ringrazio fortemente te, per le emozioni, sensazioni che carinamente mi doni! Davvero GRAZIE INFINITE!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.