Bloggers, bloggers and… copiaincollers!

23 luglio 2017 ore 21:10 segnala
Se un post mi prende, leggo tutto prima ancora di prestare attenzione al blogger e ai commenti già ricevuti. È un modo per non essere condizionata da chi scrive e da chi ha già letto.
Non cerco maestri di vita o grandi scrittori; mi piace leggere pensieri, poesie, storie vere o inventate, esperienze o sensazioni vissute, attualità, storia… Spesso mi fermo anche su foto, video e citazioni che, in qualche modo, mi riportano a particolari miei vissuti.
Ciò che conta, per me, è il rispetto per l’autore e per il lettore che, a volte, sono vittime ignare dell’ “astuzia” di quelli che io chiamo “copiaincollers”.
Mi cadono le braccia quando vedo interi post copiati senza neppure citare la fonte o specificare che sono presi dal web. Davanti agli elogi ricevuti per le riflessioni fatte o per l’idea avuta, il/la copiaincoller di turno accetta i complimenti e, a volte, addirittura si autocongratula e si autoclicca un “mi piace”. Vale tanto per il loro ego; ma come la mettiamo con la grande figura di pupù?
Certo che, per fare due click e, per i più furbi, sostituire qualche parola con dei sinonimi, ci vuole impegno. Ma forse non tutti sanno che basta un click (senza poi tanto impegno) anche a noi lettori per risalire alla vera fonte del post e vedere chi realmente merita il tempo, l’attenzione e i bei commenti.

aly :rosa
4a345dfa-9bbf-496a-9e1a-a97f57b39ec8
Se un post mi prende, leggo tutto prima ancora di prestare attenzione al blogger e ai commenti già ricevuti. È un modo per non essere condizionata da chi scrive e da chi ha già letto. Non cerco maestri di vita o grandi scrittori; mi piace leggere pensieri, poesie, storie vere o inventate,...
Post
23/07/2017 21:10:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    10

I cambiamenti

28 giugno 2017 ore 20:56 segnala
Con semplicità e facilità si cambia il taglio ai capelli, la lunghezza della gonna, la misura del tacco… Si può anche lasciare aperto il secondo bottone della camicetta per il piacere proprio e/o altrui. Si può “osare” con un colore che non si preferisce per scoprire quanto risalta il chiarore della pelle, oppure con un abito di modello diverso per notare come evidenzia bene i fianchi. Tirare su i capelli per cambiare aspetto, andare a piedi nudi sul prato appena spuntato, o sul marmo fresco, per percepire la morbidezza o la consistenza. Si può cambiare casa, cambiare città, cambiare strada, cambiare programma, cambiare idea, cambiare numero di telefono, cambiare auto… Ma quando devi cambiare la prospettiva da cui guardi la vita, tutto è diverso: vorresti fermarti per capire qual è il lato migliore, ma il tempo non è tuo alleato, e non puoi cambiare il suo scorrere. Però puoi usarlo: devi solo decidere se restare a guardare le immagini sbiadite che ti passano davanti, o togliere quel velo e vedere da vicino il resto del paesaggio.
Forse l’importante non è la prospettiva, ma una luce diversa. In quel momento capisci che il mondo è dentro di te, che si aggrappa alla forza che ancora hai, e che ti chiede di lottare, perché se ce l’hai fatta una volta, puoi farcela di nuovo. ‘Fancul* le aspettative; restano il modo di pensare, di valutare, di scegliere se vogliamo soltanto provarci o se vogliamo farcela.
Possiamo giocarci l’asso o decidere di abbandonare la partita: dipende soltanto da noi.
I cambiamenti fanno parte della vita, e, ca**o!, questa è la nostra vita!

aly :rosa
25675f13-b8e3-4a98-b0c4-5b1242a3fa90
Con semplicità e facilità si cambia il taglio ai capelli, la lunghezza della gonna, la misura del tacco… Si può anche lasciare aperto il secondo bottone della camicetta per il piacere proprio e/o altrui. Si può “osare” con un colore che non si preferisce per scoprire quanto risalta il chiarore...
Post
28/06/2017 20:56:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    30

Un mio vecchio post

31 ottobre 2016 ore 17:56 segnala
Cose dell'altro mondo

Il sole non azzardava a mostrarsi: al suo posto fitte nubi oscuravano cielo e terra.
Nelle stradine che s'intrecciavano tra marmi e cipressi, mi accorsi di non esser sola in quel luogo desolato: "E che modi, vi pare questa l'ora?" disse uno dei due uomini seduti a giocare a carte su una grossa pietra che ancora mostrava timidi segni di un nome e di una data cancellati dal tempo.
"Sono le nove e trenta, e vengo a far visita ai miei cari", dissi decisa e piccata a quei due giocatori accaniti.
"Azz, Pasca', s'è fatto juorno e manco ce ne simme accuorte.Jammuncenne a cucca' che sta arrivanno gente!" disse l'uomo di prima al suo compagno di gioco, mentre si accingeva a rientrare nel suo giaciglio sotto la grossa pietra.
Fu in quel momento che lo riconobbi ed osai: "Ma voi siete Gennarino 'o scupatore! che ci fate qui, quando potreste riposare in quel bellissimo prato che ha acquistato, per voi, vostro figlio lo scorso anno?"
E lui: "Tiempo fa, 'o figlio mio, me chiedette 'e ce da' 'nsuonno 'e nummere vincenti, e je c'e diette volentieri. Nu terno sicco 'ncopp'a rota 'e Napule è bastato pe nun 'o vede' cchiù. Pe me cunsula',m'accattaje nu piezzo 'e terra e ce mettette 'ncoppa nu marmo pregiato scolpito a mano e scritto cu 'e llettere 'e oro. Signuri', preferisco sta cca, sott'a sta preta, cu l'amici mieje, e arricurdamme quanno chillo figlio me veniva a truva' e me parlava comme si fosse ancora vivo!". Triste in volto, salutandomi cortesemente, l'uomo sparì.
Mi avviai pensierosa verso il luogo dove riposano i miei cari e mi accingevo a lasciargli il mio piccolo dono raccolto in giardino, quando un sorriso mi colse di sorpresa: una carta da gioco napoletana, dimenticata lì da qualcuno...

aly :rosa
aef4abde-3f77-43a6-ae11-a3b013ddbbeb
Cose dell'altro mondo Il sole non azzardava a mostrarsi: al suo posto fitte nubi oscuravano cielo e terra. Nelle stradine che s'intrecciavano tra marmi e cipressi, mi accorsi di non esser sola in quel luogo desolato: "E che modi, vi pare questa l'ora?" disse uno dei due uomini seduti a giocare a...
Post
31/10/2016 17:56:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    9

" 'A livella referendaria"

03 ottobre 2016 ore 15:20 segnala
sulla falsariga di quella di Totò. Bellissima! (dal web)



Quest’anno, il quattro dicembre,
ci sarà l’usanza, per il popolo italiano,
di votare il Referendum.

Ognuno l’adda fa’ chesta crianza,
ognuno adda tene’ chistu penziero.
Quest’anno, in questo giorno,
di importante ricorrenza,
anch’io ci andrò, per sbarrare il NO
con impavida veemenza.

Cert ‘stu voto é diventat’ ‘navventura.
Madonna! Si ce penzo, e che bruttura!
Ma anima e coraggio,
alla faccia di chi ci narra di un tragico presagio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire.
Guardavo tomo tomo, il mio televisore,
buttando un occhio a qualche trasmissione.

“Qui si rischia l’involuzione e di buttar per
l’aria i veri cambiamenti”,
gridava il Presidente,
bello spaparanzato, ‘ncopp a ‘na pultrona,
di una delle reti preminenti.

Che assurdità! ‘Ncapo a me penzavo.
Chissà si all’atu munno,
chi ha scritto ‘a Costituzione,
se sta turcenn ‘a panz ed ogni articolazione.

Mentre fantasticavo ‘stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e pront me cuccaie, ca sveglia ‘ncopp e l’otte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a dint ‘o scuro?
Doje ombre avvicenarse ‘a parte mia.
Penzaje: ‘stu fatto a me mme pare strano,
stongo scetato, dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia, erano duie padri ‘e
l’Assemblea Costituente, Alcide e Benedetto.
Int ‘a ‘stu fatto i’ nun ce veco chiaro,
cu tanta governanti,
venen addu me ca nun conto neinte?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘Alcide me sussurr:

“Giovanotto non ti meravigliare della
nostra presenza, se siamo qua è perché
si é passata l’indecenza”.

È vero, proseguí Benedetto,
quello che é stato fatto?
E chi l’avrebbe detto?

Ma ‘o vulite capí ca ‘o problema e ‘stu Paese
nun é a Costituzione,
ma più semplicemente ‘o ‘ntrallazzo e ‘a corruzione?
‘A Costituzione é ‘na cosa seria!

Perciò, sentite a nuje, nun facite assaje ‘e restivi,
‘sta riforma, nun é chell ca ce vò,
‘sti pagliacciate lasciamo elementi ‘e Sì ,
nuje simmo seri, appartenimmo ‘o NO!”
d4fcd0d1-5d50-45a3-b1e9-e408cdb26c8c
sulla falsariga di quella di Totò. Bellissima! (dal web) Quest’anno, il quattro dicembre, ci sarà l’usanza, per il popolo italiano, di votare il Referendum. Ognuno l’adda fa’ chesta crianza, ognuno adda tene’ chistu penziero. Quest’anno, in questo giorno, di importante ricorrenza, anch’io ci...
Post
03/10/2016 15:20:43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment
    6

Natale

22 dicembre 2015 ore 16:29 segnala
Cumm’è bell’ Natale,
a sera d’a Virgilia è tutta n’allegria p’a nascit’e Gesù.
A tavola apparicchiata, l’arber’ allumminato.
‘O presepio sta 'stutato pecchè a mezzanotte s’add’appiccia'.

Mammà int ‘a cucina prepar’e cose bone
e frie ‘o capitone ca nun ce po' manca'!
” ‘A casa è chiena ‘e fummo!”,
allucca già papà; “arape stu balcone ca nun se po' respira'!”

O’ nonno friddigliuso annanz’a nu vrasere
ch’e mmane dint’e mane se piglia tutt’o calore!
Natale è pruvverenza, ce penz’ ‘o Bambiniello
‘o ricco e ‘o puveriello, a tutti fa campa' !

(Anonimo)

La “lingua” napoletana non è fatta solo di parole.
Provate ad immaginare questa poesia recitata da un bambino di tre anni che, incurante del pubblico, l’arricchisce di espressioni e di gesti: uno spettacolo!

aly :rosa
7a71259c-68ed-4e66-b082-0a2d19f24021
Cumm’è bell’ Natale, a sera d’a Virgilia è tutta n’allegria p’a nascit’e Gesù. A tavola apparicchiata, l’arber’ allumminato. ‘O presepio sta 'stutato pecchè a mezzanotte s’add’appiccià. Mammà int ‘a cucina prepar’e cose bone e frie ‘o capitone ca nun ce po' mancà! ” ‘A casa è chiena ‘e...
Post
22/12/2015 16:29:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    19

Quando il tempo é per sempre

20 ottobre 2015 ore 18:06 segnala
Quel viaggio le sembrava interminabile, ed ancora non riusciva a credere che Richard fosse partito senza di lei; non aveva tenuto fede alla decisione presa insieme anni prima, ritenendola ancora troppo giovane per seguirlo.
Ariel, invece, avrebbe voluto fare quel viaggio con lui così come l’avevano progettato e tanto desiderato insieme; ma lui l’aveva lasciata là, sola, ad aspettarlo inutilmente.
Stanca, ma decisa a seguirlo, lei si abbandonò, lasciandosi cullare dai chilometri che scorrevano velocemente e dai ricordi ancora vivi che attraversavano la sua memoria… Una frenata la scosse: un gesto veloce per scostare i lunghi capelli biondi che le cadevano sul viso, e si trovò al capolinea.
Nessun bagaglio; tutto ciò di cui aveva bisogno era già lì. Ma, guardandosi intorno, si ricordò di non aver avvisato del suo arrivo.
L’immensità di quel posto spaventò Ariel; abituata al suo piccolo mondo, si perse tra la folla che, in fretta, si dirigeva verso una stessa meta.
Una mano le spostò i capelli e un alito caldo le scaldò il collo con poche parole: “ Mi sei mancata”. Ariel si voltò lasciandosi avvolgere da quell’abbraccio che ben conosceva: “Lo so”, rispose afferrando la mano che le veniva offerta, e avviandosi con lui verso l’eternità.

aly :rosa
8be39d1b-c438-43e7-ac5d-60dd0de8483c
Quel viaggio le sembrava interminabile, ed ancora non riusciva a credere che Richard fosse partito senza di lei; non aveva tenuto fede alla decisione presa insieme anni prima, ritenendola ancora troppo giovane per seguirlo. Ariel, invece, avrebbe voluto fare quel viaggio con lui così come l’avevano...
Post
20/10/2015 18:06:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    17

‘A ‘mmiria, a bucìa e l’ammore

20 gennaio 2015 ore 19:35 segnala
Nu juorno, ‘a ‘mmiria chiammaje ‘a bucia e le dicette: “Stu sintimiento nunn‘o supporto cchiù. Se chiamma ammore, ma nun è maje venuto a casa mia! Che dici, buci’, tu ‘o ssaje comm’è fatto?”.
‘A bucìa, mentenno pure a essa stessa, rispunnette: “È sulamente ‘na parola, e niente cchiù!”.
‘A ‘mmiria, accecata d’a stessa ‘nfamità soja, continuaje: “Je e te simme cchiù putiente si ce mettimmo ‘nzieme; damme nu poco ‘e povere, ca je ce metto ’o culore, e ‘a curnice, po’ appendemmo ‘o quadro e facimmo ‘mpazzi’ l’ammore”.
‘A bucìa facette mente e sparaje doje tricchetracche.
‘A ‘mmiria facette, sfacette, arravugliaje, sciaravugliaje, fravecaje e sfravecaje, tanto che ‘e buttarelle addeventarono cannunate ca sparaje a ‘o povero ammore. ‘O sintimiento, sturduto, nun avette manc’o tiempo pe’ capi’ da addo’ venevano i colpi, e cadette ‘nterra svenuto.
Felice e soddisfatta, ‘a ‘mmiria turnaje addò ‘a bucìa e le dicette: “ Tutto a posto, l’aggio ‘nterrato, mò l’ammore è cecato comme a me!”.
‘A bucìa, nu poco titubante pe’ chello che aveva fatto, addimmannaje: “Nun te pare che, stavota, avimmo esagerato? Che t’aveva fatto ca te roseca tanto?”.
‘A ‘mmiria, cu l’amaro ‘nmocca, rispunnette: “Nun m’a maje sfiorato co’ ‘e mmane soje, s’o mmeretava!”.
A ciorta vulette ca l’ammore teneva l’anema ca ‘o scetaje e, ripigliannese, accuminciaje a vede’ cu l’uocchie suoje ca ‘a ‘mmiria e ‘a bucìa se sfruguliavano ‘e mane e s’addecreavano.
‘O primmo a vederlo fuje ‘a bucìa ca, p’o scuorno, s’annascunnette ‘a faccia. Ma ‘a ‘mmiria, sfacciata comm' a sempe, ancora tentaje e s’appara', dicenne ca l’aveva fatto sulo p’o bene ca ‘nce vuleva.
L’ammore, addulurato po’ male ricevuto ‘a chelli doje cummare, ‘e guardaje fisse e dicette: “Oi nè, facitela ‘na cosa bbona: pigliateve p’e mane, guardateve int’o specchio tutt’e doje ‘nzieme... e sputateve ‘nfaccia!”.

aly :rosa
99077213-fe30-490d-872e-579d74eb2d5f
Nu juorno, ‘a ‘mmiria chiammaje ‘a bucia e le dicette: “Stu sintimiento nunn‘o supporto cchiù. Se chiamma ammore, ma nun è maje venuto a casa mia! Che dici, buci’, tu ‘o ssaje comm’è fatto?”. ‘A bucìa, mentenno pure a essa stessa, rispunnette: “È sulamente ‘na parola, e niente cchiù!”. ‘A ‘mmiria,...
Post
20/01/2015 19:35:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    57

un mio vecchio post

11 gennaio 2015 ore 11:53 segnala
La scatola dei silenzi: il ricordo di te


Riapro con rabbia quella scatola,
in cerca di un ricordo lontano:
un gesto, una carezza, o soltanto uno sguardo.
Ancora una volta .... nulla.

In un angolo, forse, una speranza,
il racconto di chi ancora mi è vicino:
un mazzo di rose rosse, l'unico.
È il tuo modo di esprimere, senza parole,
la gioia per il mio arrivo.

Cerco tra i silenzi, frugo tra i desideri,
ma resta vuota la mia mano,
che ancora aspetta.

Una scossa improvvisa
mi riporta ad un momento
molto più recente.

È qui che devo cercare.

Ora la tua voce vorrebbe gridare,
ma sono i tuoi occhi a parlarmi,
e le nostre mani si stringono.
Quasi mi fai male per farmi capire.

Mi avvicino, ti chiamo,
e riempi, finalmente, quel vuoto
che da troppo tempo mi accompagna.

Mi rispondi col gesto più bello
che una figlia possa desiderare:
un bacio .... l'unico .... l'ultimo.

aly :rosa
5bb65487-fc77-4d2b-8977-75852b7c6afb
La scatola dei silenzi: il ricordo di te Riapro con rabbia quella scatola, in cerca di un ricordo lontano: un gesto, una carezza, o soltanto uno sguardo. Ancora una volta .... nulla. In un angolo, forse, una speranza, il racconto di chi ancora mi è vicino: un mazzo di rose rosse, l'unico. È il...
Post
11/01/2015 11:53:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    15

Il primo presepe napoletano (secondo me)

07 dicembre 2014 ore 15:30 segnala
Quann’o Signore facette ‘o Munno,arrivaje pe’ fa’ Napule, mettette ‘e mmane int’a sacca,e s’accurgette che l’era rimasta sulo ‘na manciata ‘e farina.
Nu guaglione ‘o guardaje e, allunganno ‘a mano pe’ s’a piglia’, dicette: «Signo’, ‘o ssaccio ca Tu nun te l’aviva scurdato, a stu’ popolo: ce aje astipato ‘a farina, l’oro bianco, ‘a richhezza cchiù grossa ‘e chistu munno».
All’intrasatta, ‘a cielo, accumenciaje a strizzechia’, ma ‘o guaglione nun se perdette ‘e curaggio: ‘mpastaje chilli strizzeche cu ‘a farina, e accuminciaje a ce da’ forma.
‘A matina appriesso, nu presepe fatto ‘e pane troneggiava ‘ncoppa ‘a tavula, e sotto nu biglietto: Grazie, Signore, per il pane che ci hai donato!».

aly :rosa

(L'estate scorsa, dopo aver abbracciato, finalmente, un grande amico, gli ho donato un libro: "Gesù è nato a Napoli" di Luciano De Crescenzo. Sul frontespizio questa mia dedica per lui che ora, di comune accordo, vogliamo condividere con voi)
bfd9ea19-d5c1-4eb4-b549-75395da20c05
Quann’o Signore facette ‘o Munno,arrivaje pe’ fa’ Napule, mettette ‘e mmane int’a sacca,e s’accurgette che l’era rimasta sulo ‘na manciata ‘e farina. Nu guaglione ‘o guardaje e, allunganno ‘a mano pe’ s’a piglia’, dicette: «Signo’, ‘o ssaccio ca Tu nun te l’aviva scurdato, a stu’ popolo: ce aje...
Post
07/12/2014 15:30:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    40

Il profumo delle rose

02 novembre 2014 ore 17:54 segnala
La notte di San Silvestro del 18.., mentre giochi pirotecnici illuminavano il cielo, il duca monsieur Gauthier era lì: nell’aria, nonostante il gelo, solo il profumo delle rose. Il ponte di ferro era l’unica via per giungere a valle, ma in quel periodo il gelo impediva il passaggio.
Gli occhi di monsieur Gauthier, in lacrime, sembravano celebrare il ricordo di un anno prima, e ancora cercavano, tra i rovi, quel volto innocente, che aveva avuto l’unica colpa di credere in un amore sbagliato. Poi si abbandonò ai ricordi…

Una giovane donna della bassa ciociaria attraversava il mercato in una splendida giornata di inizio primavera. Monsieur Gauthier, che era lì per affari, notò subito quel viso (poco più che infantile) immerso in una massa di riccioli biondi che si ribellavano all’acconciatura. In un baleno scese dalla sua carrozza, le si pose davanti con il suo portamento aristocratico, e con tono autoritario disse: “Mia madre ha bisogno di una nuova cameriera”. Lei arrossì rispondendo che a decidere era suo padre. Una modesta somma di denaro convinse quest’ultimo, che aveva da sfamare altri sette figli più piccoli; così la ragazza salì sulla lussuosa carrozza indossando gli unici suoi averi: un abito lungo alla caviglia, calze di lana, un paio di ciocie, uno scialle, e un cappellino che indossava solo la domenica. Il duca le sedeva di fronte avvolto nel lungo mantello, in testa un cilindro nero che lasciava scoperti solo quei grandi occhi scuri che la fissavano accanitamente.
Le lunghe ore di viaggio furono devastanti per quel corpo fragile che mai prima aveva lasciato il suo paesello. Era l’alba quando fu bruscamente svegliata da un vocione che le ordinava di scendere e di prepararsi per essere presentata alla signora duchessa.
Il profumo di quelle rose pallide riempì subito il respiro della giovane donna, felice di sapere che avrebbe dovuto occuparsi, tra le altre cose, anche del giardino.
L’estate non tardò ad arrivare, e quei magnifici fiori, per il duca, diventarono un pretesto per sfiorare le mani della giovane. Le sue attenzioni si spinsero ben presto oltre, lasciando sempre meno spazio al suo fare autoritario; finché, un giorno, egli si piegò su quel viso innocente, che non si ritrasse. Il fascino dell’ultratrentenne soggiogò l’adolescente, che così conobbe baci e carezze in un alloggio dismesso della servitù. Continuarono a vedersi in quel posto dimenticato da tutti, e l’amore proibito cresceva proprio come il pancino che quell’abito non riusciva più contenere; presto lo scandalo avrebbe travolto la nobile famiglia.
L’inverno era ormai tornato. Nella notte di San Silvestro, l’invito del duca a scendere a valle fu, per la ragazza, una vera sorpresa. L’ora tarda e il gelo avrebbero impedito il passaggio sul ponte, ma la voglia di uscire sola con lui era tanta che ella non fece domande neppure quando le fu chiesto di scendere dalla carrozza. Fu tanto presa dai giochi pirotecnici che, improvvisamente, illuminarono il cielo, da non sentire che i suoi piedi, immersi nella neve, stavano gelando. Le sembrò di volare quando, con gli occhi ancora rivolti verso l’alto, si sentì spingere nel vuoto da quelle mani che per mesi l’avevano accarezzata, e d’istinto avvolse in un abbraccio il suo pancino come per proteggerlo.
Solo uno sguardo parve chiedere il motivo di quel gesto, mentre gli occhi dei due si incrociarono, un’ultima volta, per pochi istanti.
Un mantello ed un cilindro nero ricoprivano quell’uomo che mai avrebbe perdonato se stesso. Nell’aria, nonostante il gelo, solo il profumo delle rose.

aly

N b ogni riferimento a nomi e persone è casuale
eb276280-644f-4fbd-9db2-af6b1156b1bc
La notte di San Silvestro del 18.., mentre giochi pirotecnici illuminavano il cielo, il duca monsieur Gauthier era lì: nell’aria, nonostante il gelo, solo il profumo delle rose. Il ponte di ferro era l’unica via per giungere a valle, ma in quel periodo il gelo impediva il passaggio. Gli occhi di...
Post
02/11/2014 17:54:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    11