riflessioni

07 giugno 2019 ore 15:24 segnala
Giusto per essere onesto, devo dire che quando incontro qualche nero che chiede due spiccioli all'uscita dei supermercati (...per fortuna le mie esperienze con loro si riducono a questo, non avendo mai incontrato nessuno di loro che ha usato violenza a me od a qualcuno che conosco, violenza tipo furti, rapine etc. intendo), provo svariati e contemporanei stati d'animo: uno è una certa antipatia istintiva, perchè comunque non mi vergogno di dire che li sento estranei e diversi, un altro è decisamente di fastidio, come un senso di colpa, perchè sono consapevole che loro hanno niente, rispetto a me, anzi a noi e che in un certo senso ne siamo responsabili (nota)...un altro ancora è un senso di tristezza per questa loro situazione e per il nostro modo di essere, che considero egoista...eppure non sempre dò loro qualche spicciolo, perchè magari me lo tengo per il caffè, o magari perchè ho già dato qualcosa a quello di prima (...sai che sacrificio, magari dopo avere speso 50 o 70 euro di carrello, pieno di cose varie e non essenziali!) insomma, comunque sia mi mettono a disagio, ecco!
Nota: non mi interessa raccoglier dissensi o consensi, quindi posso liberamente affermare che, a mio avviso, la nostra responsabilità verso di loro,, deriva dall'essere "ricchi", in buona parte grazie al nostro sfruttamento del terzo mondo, cosa sviluppata e portata avanti almeno da 3 secoli. A mio avviso a nulla rileva che la singola persona, nella sua vita attuale, poco o nulla abbia fatto contro di loro, è rilevante invece il fatto che, anche se indirettamente, la persona di adesso "è diventa quella che è" perchè ha potuto godere, da generazioni, di benefici economici e sociali derivati dallo sfruttamento di popolazioni o stati più deboli.
(chiedo scusa, ma il discorso è talmente complesso che esaurirlo in poche righe è impossibile, quindi esprimo solo il concetto generale)
c652825f-ac1f-4f77-a8d5-9cdb92eacfab
Giusto per essere onesto, devo dire che quando incontro qualche nero che chiede due spiccioli all'uscita dei supermercati (...per fortuna le mie esperienze con loro si riducono a questo, non avendo mai incontrato nessuno di loro che ha usato violenza a me od a qualcuno che conosco, violenza tipo...
Post
07/06/2019 15:24:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Scripta manent....

28 gennaio 2019 ore 13:30 segnala
Già,... Verba volant, scripta manent, a significare che le parole sono labili, mentre lo scritto resta, imperituro, a trasmettere i concetti espressi. Bene, era una cosa affidabile, una certezza, una sicurezza.
Perchè ho scritto "era"? perchè sono arrivati gli "ipertesti", stringhe di simboli che trasferiscono immagini, filmati, scritti....e che possono essere modificati come e quanto si vuole, dopo il ricevimento, prima dell'invio e forse anche "durante", mentre passano in qualche server. E così la realtà scritta sembra reale ed invece non sappiamo più cosa è vero, originale e cosa è falso. Vediamo foto, filmati, scene e leggiamo scritti sul video, ma ben pochi, nel grande pubblico, possono sapere se sono cose vere o modificate...e tutto gira sulla rete, da un capo all'altro del mondo.
Con tutto il rispetto per la tecnologia e l'utilità di internet, che per molti aspetti è impagabile, forse dovremmo ripromuovere un pochetto l'arte della scrittura, oppure abbandonare quel vecchio detto latino, ..o forse è solo un pò di nostalgia per quando le cose erano semplici e facili.
9087644b-f0a8-4662-b504-0ce10d950d7f
Già,... Verba volant, scripta manent, a significare che le parole sono labili, mentre lo scritto resta, imperituro, a trasmettere i concetti espressi. Bene, era una cosa affidabile, una certezza, una sicurezza. Perchè ho scritto "era"? perchè sono arrivati gli "ipertesti", stringhe di simboli che...
Post
28/01/2019 13:30:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Ci sono persone....

27 settembre 2017 ore 22:20 segnala
...che fanno cose incredibili, persone ordinarie, magari poco "studiate", persone semplici che scendono in piazza e rischiano la vita per sostenere quello in cui credono e quando escono di casa non sanno se torneranno, pur avendo moglie, figli, genitori. Ho visto foto di persone ferme davanti ai carri armati, foto di persone intente a dimostrare e sostenere le proprie idee nonostante i fucili puntati loro addosso (e non quelli a proiettili di gomma)..Potrei fare e ricordare tanti esempi, ma il succo è questo.
Ed io, io che condivido il pensiero di Heidegger sul suo "si impersonale", sulla vacuità del "cosa SI può fare?", io che sostengo sovente e con convinzione di modificarlo in "cosa POSSO fare?"...quasi costantemente trovo ai banchi di frutta e verdura persone che, con le mani senza guanti, palpeggiano e toccano la merce o che nei dheors, pur con il grosso cartello "vietato fumare", accendono una sigaretta dopo l'altra.
Ed io non ho detto niente, pur essendo molto seccato del fatto.
Non ho mai detto niente ai diretti interessati, per la consapevolezza di innescare una discussione e magari arrivare a trascendere...e non ho neppure avvisato o chiamato i responsabili degli esercizie, perchè mi sembrava una vigliaccheria coinvolgere un terzo e schivare così l'intervento diretto.
Quindi...sopra abbiamo persone che rischiano la vita per cercare un qualcosa di meglio...sotto ci sono io che non riesco nemmeno a riprendere persone comuni che non si comportano bene...
E devo dire che un pò mi vergogno di questo....e che dovrò rimediare, prima o poi
a397267e-9b70-4092-9a1c-81856c1d2b0f
...che fanno cose incredibili, persone ordinarie, magari poco "studiate", persone semplici che scendono in piazza e rischiano la vita per sostenere quello in cui credono e quando escono di casa non sanno se torneranno, pur avendo moglie, figli, genitori. Ho visto foto di persone ferme davanti ai...
Post
27/09/2017 22:20:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    7

E' morto Jack

11 giugno 2017 ore 11:53 segnala
Io abito in periferia, in una delle tante casette della zona.
Nel cortile, da parecchi anni circolava un gattaccio, che così facendo invadeva il territorio della mia labrador...che ovviamente cercava di scacciarlo. Poichè parteggiavo per lei, a mia volta cercavo di mandarlo via.
Merita dire che era proprio un gattaccio di strada, brutto, senza un occhio, coda mozzata, un orecchio smozzicato, il tutto probabilmente nelle svariate risse tra gatti in cui si era coinvolto.
A quel tempo non sapevo che si chiamava Jack, lo seppi quando in un bar trovai un cartello ove qualcuno dichiarava la sua scomparsa;... bene, Jack era chiuso nel mio garage; lo liberai e telefonai al cellulare di riferimento, con successiva telefonata di ringraziamento della proprietaria. Seppi così che era un trovatello, da lei adottato. Però Jack restava uno spirito libero: faceva base da loro, ma sostanzialmente era sempre in giro. (ed altre volte ho trovato quel cartello). Era un tipo autonomo ed ostinato, il mio cane lo scacciava, lui andava via e dopo mezz'ora era di nuovo lì....se proprio doveva, si spostava nel cortile vicino e si stendeva al sole, in barba a tutto il suo ringhiare; tenendolo d'occhio...alla fine lo riuscivo ad incontrare, che girellava da uno spazio all'altro; era sempre più malconcio, graffiato, a volte zoppicante, ultimamente lo ho visto anche con l'altro orecchio mezzo distrutto. Però...devo dire che gli altri gatti gli stavano alla larga, quando passava, si spostavano e gli cedevano spazio. Alla fine, a forza di chiamarlo per nome, si era perfino lasciato accarezzare (incredibile).
Sulla staccionata del giardino dei proprietari c'era un cartello: " Jack abita qui"
L'altro giorno, prendendo la vettura, ho visto che il cartello non c'era più. Ho chiesto e mi hanno detto che era tornato a casa, ma questa volta proprio malridotto; il veterinario ha diagnosticato la rottura del bacino ed è stato giocoforza farlo sopprimere.
Non so perchè scrivo queste righe...ma piano piano ero arrivato ad affezionarmi un pò a quel gattaccio ed al suo modo di "essere", portato avanti a qualunque costo.
Se i gatti avessero una tomba ed una lapide, sopra ci dovrebbe essere scritto: " qui giace Jack, Principe Pirata"
6466b402-f376-42d0-976a-67dca7150b0e
Io abito in periferia, in una delle tante casette della zona. Nel cortile, da parecchi anni circolava un gattaccio, che così facendo invadeva il territorio della mia labrador...che ovviamente cercava di scacciarlo. Poichè parteggiavo per lei, a mia volta cercavo di mandarlo via. Merita dire che era...
Post
11/06/2017 11:53:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    3

la stessa strada..

02 giugno 2017 ore 10:50 segnala
Da un pò di tempo, tutte le mattine alle 07,30, prendo il mio cane e vado al bar, facendo sempre e di proposito la stessa strada. ...La stessa strada? Mica vero!
Per anni ed anni ho girato a destra ed a manca, andando da qui a là, sempre in posti diversi...senza vedere niente, tranne la partenza e l'arrivo. Ora mi trovo a fare la "stessa strada", ogni mattina ma ho tempo e voglia di guardarmi intorno...e non è affatto la stessa strada, perchè cambia continuamente: ho visto gli alberi nudi e scheletrici vestirsi di foglie, ho visto il verde aumentare di giorno in giorno, poi sono iniziate le gemme...i fiori...poi i frutti. l'intreccio di rami delle gaggie si è vestito di colori, violetto e rosati, poi sono comparsi i lillà, le rose e nel frattempo i ciliegi sono diventati, da un'esplosione di bianco, un verde punteggiato di frutti rossi. Ho visto il torrente che a fine inverno era colmo di acqua, diventare sempre più calmo e scoprire le sue pietre ed i piccoli canyon scavati nella roccia...e modificare così il suo aspetto. E poi qualche giorno addietro ho visto anche una anatra con i suoi piccoli..piccoli piccoli e sapendo dove guardare, li ho visti crescere, sempre sotto il suo occhio vigile...li portava su e giù lungo il torrente, li osservava e spingeva a salire e scendere dalle cascatelle ed ora sono cresciuti, molto e tra poco penso che prenderanno il volo.
Ho visto l'ultimo tratto della ripa che costeggia la strada, che mesi addietro era nuda e spoglia, rivestirsi prima di erba verde, che è piano piano cresciuta e riempita di papaveri rossi e di fiori prima gialli e poi azzurri...ed ora è uno bellissimo cuscino dorato che affianca la strada.
No, non è sempre la stessa strada...ogni giorno cambia, si veste di colori nuovi, di fiori diversi, dalle rose selvatiche a quelle piantate da un residente della zona, alle petunie, dai fiori degli alberi ai fiori selvatici...ma dovevo passare sempre di lì per accorgermene...e dovevo iniziare a guardarmi intorno, per vederlo.
3523a79e-7861-4a41-93aa-b994102da9fb
Da un pò di tempo, tutte le mattine alle 07,30, prendo il mio cane e vado al bar, facendo sempre e di proposito la stessa strada. ...La stessa strada? Mica vero! Per anni ed anni ho girato a destra ed a manca, andando da qui a là, sempre in posti diversi...senza vedere niente, tranne la partenza e...
Post
02/06/2017 10:50:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Chissà perchè, nelle festività penso e ripenso al passato...

27 marzo 2016 ore 15:17 segnala
e devo dire che quando lo faccio, in mente mi vengono solo ricordi non felici.
Non è che non abbia avuto, nella mia vita, momenti felici....ne ho avuto sicuramente tantissimi, ma non li ricordo più. Ricordo invece moltissimi momenti di particolare tensione, o preoccupazione, o dispiacere: i momenti degli esami, l'attimo di un piccolo incidente, la lite con un amico, le visite negli ospedali...un torto (o comunque presunto tale) subito.
Insomma, anche ripescando nel profondo della mente (e già non è un fatto istintivo, ma bensì voluto) ...non riesco a sentire niente, anche se ripenso alle gite, ai matrimoni, all'acquisto di qualcosa d'importante ed alle altre cose classificabili come "felici"....ne esce un ricordo piatto...freddo..
Invece le cose tristi sono lì, affiorano da sole, con l'emozione proporzionata al fatto.
Ma ditemi un pò, succede anche a voi, perchè è normale riuscire a "risentire", quasi, l'emozione delle cose tristi e non di quelle felici, oppure sono io che non funziono bene?
Amicotuo
a0ca68b7-84d2-41c1-8e35-4fc8e534b20c
e devo dire che quando lo faccio, in mente mi vengono solo ricordi non felici. Non è che non abbia avuto, nella mia vita, momenti felici....ne ho avuto sicuramente tantissimi, ma non li ricordo più. Ricordo invece moltissimi momenti di particolare tensione, o preoccupazione, o dispiacere: i momenti...
Post
27/03/2016 15:17:57
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    2

anonimato in rete

13 dicembre 2015 ore 17:54 segnala
Ho appena letto un messaggio privato pervenutomi, dove a seguito di un certo mio discorso mi strapazzavano un pò...mi si diceva che bisogna sbloccarsi...essere se stessi...buttare fuori l'anima.
E' vero, bisognerebbe riuscirci...e pensavo di farlo aiutato dall'anonimato; in altri termini, se nessuno ti conosce, teoricamente dovresti poter dire tutto quello che ti passa in mente, bello o brutto che sia. All'atto pratico però, nel pubblico non ci si riesce..od almeno io non ci riesco; forse nei messaggi privati, purchè anche l'altro sia una persona sconosciuta e dopo aver riscontrato una certa identità di carattere e sentimenti, sarebbe possibile......ma nel pubblico non ci riesco.
Non è che abbia particolari segreti...ma ci sono cose di un'intimità e di una riservatezza tali che non mi sento di gettare in pasto ai lettori...perchè nonostante tutto, anche in un blog personale si dà una certa immagine di se, che non può essere "tradita " o smentita da considerazioni, discorsi e desideri magari in contraddizione con tale immagine.
Probabilmente è un limite...o forse deve essere così, perchè è rarissimo trovare una persona alla quale ci si senta di dire tutto, di aprirsi completamente; certo che se capita è veramente molto bello, ma forse proprio questa rarità e questa sola merita le confidenze complete....
L'unico compromesso non è raccontare frottole...ma forse non dire, ovvero sorvolare sugli argomenti spinosi.
Ma allora a cosa serve un blog intitolato "pensieri in caduta libera"?....Mah!
9bf5ff4a-a6cd-4517-b673-3729f2777e58
Ho appena letto un messaggio privato pervenutomi, dove a seguito di un certo mio discorso mi strapazzavano un pò...mi si diceva che bisogna sbloccarsi...essere se stessi...buttare fuori l'anima. E' vero, bisognerebbe riuscirci...e pensavo di farlo aiutato dall'anonimato; in altri termini, se...
Post
13/12/2015 17:54:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    9

Riletture

01 ottobre 2015 ore 21:28 segnala
Non so se a voi capita, ma ogni tanto dagli scaffali della libreria tiro fuori, per caso o per reminiscenze varie, qualche vecchissimo libro....roba leggera, come "il capitano blood" di R. Sabatini. Lo rileggo, a distanza di decenni e...porco boia, mi piace ancora!
Questo non è mica normale....come può a distanza di decenni piacere adesso una lettura, un libro che ti piaceva allora? Se è così, vuol dire che non sono cambiato; ma cambiare vuol dire crescere....quindi il succo è che non sono cresciuto, o che comunque qualcosa si è incantato dentro di me e..... non so se è un bene od un male...mah!
Amicotuo
c1cae80c-1641-4bad-b066-650f64d115c8
Non so se a voi capita, ma ogni tanto dagli scaffali della libreria tiro fuori, per caso o per reminiscenze varie, qualche vecchissimo libro....roba leggera, come "il capitano blood" di R. Sabatini. Lo rileggo, a distanza di decenni e...porco boia, mi piace ancora! Questo non è mica normale....come...
Post
01/10/2015 21:28:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    10

felicità: si raggiunge da soli o per merito di altri?

02 agosto 2015 ore 22:54 segnala
Dalla bacheca mi permetto di riportare questo post:
“Da quando stiamo insieme il mio unico desiderio è di stare sempre con te..sei l'unica persona che mi rende felice all'estremo e non esagero se dico che con te sono in paradiso.
Siamo fortunati io e te.. siamo felici e innamorati l'uno dell'altra pazzi delle nostre principesse......
abbiamo gli stessi sogni, crediamo nei stessi progetti...
Sei la luce e la gioia della mia vita.
Sei tutto ciò di più caro che potrei desiderare insieme alle nostre figlie.. e non ho altri desideri..niente più mi interessa se non ogni tuo bene, la tua felicità, di vederti sempre sorridere, e ridere.. e gioire sempre con le nostre figlie
perchè la tua felicità è la mia.. i tuoi sogni sono i miei.
Amore.. sei magnifico. vorrei renderti felice, occuparmi di te per il resto della vita..... sei la mia felicità.
la mia famiglia..”


Io spero che le parole del post siano tratte da qualche canzone o da qualche racconto...se fossero invece quello che l'autrice pensa e vive per davvero in questo momento della sua vita....ecco, ne sono un po' preoccupato, perchè la vedo ovviamente bene per adesso, ma poichè non è logico nè naturale dipendere così da un'altra persona ...prima o poi l'autrice di questo testo avrà dei grossi dispiaceri, inevitabilmente.
La serenità ed i momenti di gioia dovrebbero essere un risultato interiore; noi dovremmo acquisirli, coltivarli, renderli reali dentro di noi, senza l'aiuto e quindi indipendentemente dalle situazioni esterne, che potrebbero essere tutt'al più stimolo, complemento o completaqmento a questo stato d'animo; ogni rapporto di dipendenza eccessiva non può che essere limitativo, poichè è una cosa aggiunta ed esterna al nostro IO.
Su noi stessi possiamo sempre contare; sugli altri, chiunque essi siano e per quanto bene si presentino ed interagiscano con noi....non si può e, lasciatemelo dire, non si deve, perchè le persone cambiano, per naturale crescita od evoluzione (in bene ed in male) e la personalità anche, in funzione magari di imprevisti problemi materiali, fisici od economici.
Detto questo, auguro ovviamente che la fortuna di questa persona duri, che lei e lui restino sempre così ...ma a mio avviso questa situazione è al top....e quando si è in alto, si può solo scendere....comunque è vero che un miracolo può sempre succedere.
Queste mie parole, per il poco che possano valere, non sono disfattiste, anzi, vogliono essere una spinta a realizzare dentro se stessi una condizione di durevole ed AUTONOMA serenità, anche se è molto molto difficile riuscirci.
Amicotuo
e020875a-0ed3-47a8-953b-732d4d62c6d8
Dalla bacheca mi permetto di riportare questo post: “Da quando stiamo insieme il mio unico desiderio è di stare sempre con te..sei l'unica persona che mi rende felice all'estremo e non esagero se dico che con te sono in paradiso. Siamo fortunati io e te.. siamo felici e innamorati l'uno dell'altra...
Post
02/08/2015 22:54:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    5

revisioni

29 marzo 2015 ore 20:04 segnala
Ci sono delle mattine che mi capita di ripensare alla mia vita....e ne esce un risultato di un grigiore unico.Ho studiato un mucchio per non imparare niente, non sono riuscito ad avere le donne che volevo, non credo di avere lasciato tracce; arrivo alla conclusione che stò transitando nell'anonimato più completo. Tutto questo lo riscontro a ragion veduta, mica a sentimento.
Ci sono poi delle mattine che mi capita di ripensare alla mia vita...e ne esce un risultato tutto sommato positivo. Ho fatto tutto quello che ho voluto, o quantomeno ho iniziato a farlo (se poi non ho continuato è una mia scelta). Ho avuto molti no dalle donne, ma anche molti si; ho avuto genitori positivi, esperienze interessanti, ho studiato sia per obbligo sia per passione....e tutto questo lo riscontro a ragion veduta, mica a sentimento.

Ma com'è questa storia? Come posso rimbalzare da una posizione ad un'altra completamente opposta? Eppure in entrambi i casi sono realista e faccio analisi razionali di quello che è stato.....
Mah!
967234ef-d3d1-4d2f-a7ec-72e8888d4c22
Ci sono delle mattine che mi capita di ripensare alla mia vita....e ne esce un risultato di un grigiore unico.Ho studiato un mucchio per non imparare niente, non sono riuscito ad avere le donne che volevo, non credo di avere lasciato tracce; arrivo alla conclusione che stò transitando...
Post
29/03/2015 20:04:26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    6