Il giorno di un poeta

13 gennaio 2007 ore 11:03 segnala
Aspettare la sera stemperare il livore. A stento Non mi pento del sarcasmo, dell'odio della mia apatia della mia poesia Aspettare la notte dove non mi puoi vedere mentre fatico a sognare e mi giro nel letto a cercare qualcosa un corpo di donna un antiacido un fazzoletto usato Ormai sai che so aspettare che ho rinunciato al tempo ad una digestione corretta ad una retribuzione adeguata ad un decoro scrostato Adesso ho il buio tutto intorno una coperta tiepida e nera un giaciglio un nascondiglio un pretesto ancora per passare la notte dentro al mio letto e rinunciare ad un altro per svegliarmi un po' più onesto e mettere il caffè sul fuoco vederlo passare come tutti i miei giorni impetuoso, caldo, amaro: necessario vederlo sul fondo della tazza rappreso, disperato: un'ombra Aspettare un nuovo giorno (l'entusiasmo cosa di altri tempi Si nutrono consapevolezze avendo rinunciato già da tempo al verde speranza al sole che scalda) Tutti i miei giorni arrivano a sera tutti in fila, uguali così non mi posso sbagliare Ne pesco uno a caso recupero una citazione sgualcita il sorriso di un amico un paio di seni rosa una camicia pulita e so che andrà benone che nessuno si accorgerà della differenza tra il giorno di un poeta e una comparsa in pausa .
7237629
Aspettare la sera stemperare il livore. A stento Non mi pento del sarcasmo, dell'odio della mia apatia della mia poesia Aspettare la notte dove non mi puoi vedere mentre fatico a sognare e mi giro nel letto a cercare qualcosa un corpo di donna un antiacido un fazzoletto usato Ormai sai che so...
Post
13/01/2007 11:03:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.