Notte di Natale...

25 dicembre 2010 ore 12:44 segnala
Notte di Natale, notte di magia, quella magia accompagnata dal dolce suono di un violino, quel suono che passando tra le fiamme di un camino riscalda i nostri cuori e mentre la calda luce delle fiamme rendono i nostri occhi un libro aperto senza domande, lentamente entrano le note di un pianoforte, una melodia così dolce, che,  sembra essere suonata da una piuma avvicinando le nostre labbra sempre piu e per finire il dolce  e puro coro degli angioletti accompagnato da una leggera fragranza di mughetti unisce i nostri corpi,  mano nella mano verso la lunga e dolce notte  d'amore... senza segreti. Buon Natale. :batanatale
11862689
Notte di Natale, notte di magia, quella magia accompagnata dal dolce suono di un violino, quel suono che passando tra le fiamme di un camino riscalda i nostri cuori e mentre la calda luce delle fiamme rendono i nostri occhi un libro aperto senza domande, lentamente entrano le note di un pianoforte,... (continua)
Post
25/12/2010 12:44:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    2

GRIGIO...LUCE...POI GRIGIO ANCORA...POI...

15 dicembre 2010 ore 01:04 segnala
In una bellissima giornata di maggio, l'unico desiderio, quello di sdraiarsi sul letto.
La temperatura magica, perfetta per chiudere gli occhi, rende quasi surreale l'atmosfera tutto attorno.
Pian piano, gli occhi si chiudono, per un attimo tutto attorno a me, inizia a girare, mi sento come risucchiato in un vortice ma la sensazione è bella, sembra di volare...
Appena terminato di girare dentro a questo vortice, tutto ciò che vedo e grigio, la sensazione in quel momento è d'ansia, sento i brividi lungo la schiena scendere, un peso sullo stomaco mi rende faticoso il respiro.
La prima cosa che noto fronte a mè, la foto di mamma e papà, li vedo tristi ed in quel momento le lacrime iniziano a scendere incessantemente, non riesco fermarle, penso a tutto quello che ho fatto di male verso chi mi ha dato la vita e tutto quello che avrei dovuto dirgli e non l'ho mai detto, ora non posso piu tornare indietro nel tempo, ugualmente gli chiedo perdono per tutto, per non avergli mai detto grazie, per non avergli mai detto che gli volevo bene, per averli lasciati soli e come di magia, più il mio dolore cresceva e le lacrime scendevano, li vedevo sempre più sereni, forse quasi a dirmi di non preoccuparmi, mi avevano capito...affianco vedo la foto della mia ragazza, il suo sguardo come stasse guardando il vuoto, tento di guardarla negli occhi ma da qualsiasi parte la guardassi, i miei occhi non riuscivano mai ad incrociare i suoi, avevo capito la sofferenza di quel giorno che per gioco avevo tradito il suo amore, annullato ogni suo sogno, distrutto ogni progetto...oltre a vedere tutto grigio, faticavo a vedere nitido per il continuo scendere delle lacrime, il fiato pesante e quel peso sullo stomaco sempre più presente, le chiedo perdono ma ormai sembra non sentirmi più, il suo sguardo rimane impassibile nel vuoto...affianco a lei la foto del mio migliore amico, seduto sul prato guardando dalla parte opposta, tento di chiamarlo ma sembra quasi non sentirmi, gli chiedo perdono per averlo lasciato solo nel momento di difficoltà piu grosso della sua vita, ricordo d'averlo salutato con una pacca sulla spalla dicendogli...tutto si sistemerà...me ne sono andato...ora ho bisogno di lui ma non mi sente, grido e non sente, lo chiamo e non si volta...tutto attorno a me ricomincia a girare...mi sento male, non riesco quasi più a respirare e le lacrime sono come un fiume in piena...
A fatica riapro gli occhi e ricomincio a respirare, tutto sembra essere tornato alla normalità, alla vita, tutto sembra aver ripreso colore...mi alzo piano piano quasi timoroso e gurado le foto dei miei genitori, ora li vedo sereni, sorridenti quasi a dirmi grazie ed in quel momento ho capito il vero valore di mamma e papà, affianco la foto della mia ragazza, ora mi stà guardando ma tra mè e lei sento il freddo, quel freddo che ha congelato nel tempo il ricordo ma non la persona...e seduto sul prato il mio migliore amico che sembra avermi sentito, mi sta guardando ma il suo sorriso sembra quasi a dirmi...perdona ora non posso venire...tutto andrà apposto...
In quel momento stò sofferendo per le mie indifferenze, per le mie bugie, per i miei tradimenti, per non essere riuscito ad essere perfetto e non essere riuscito costruirmi un fututo assieme a chi aveva creduto in mè...in quel momento desidero solamente sdraiarmi sul letto ma come per magia, mi volto e mi vedo sdraiato sul letto, mi vedo triste e teso allo stesso tempo sommerso da quel mare di lacrime che inarrestabili mi hanno tolto anche il respiro...ora mi sento bene, sereno, tutto attorno a mè torna grigio e sul tavolo vedo chiudersi l'album delle foto, quell'album che tiene tutte le foto della mia vita, quell'album che le terrà segrete per l'eternità e che nessuno guarderà, quell'album che per l'ultima volta si ciuderà e mai più si riaprirà...
11851593
In una bellissima giornata di maggio, l'unico desiderio, quello di sdraiarsi sul letto. La temperatura magica, perfetta per chiudere gli occhi, rende quasi surreale l'atmosfera tutto attorno. Pian piano, gli occhi si chiudono, per un attimo tutto attorno a me, inizia a girare, mi sento come... (continua)
Post
15/12/2010 01:04:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    2

MALEDETTA FALSITA', MALEDETTA INDIFFERENZA...

14 dicembre 2010 ore 00:54 segnala
In questi giorni, nel centro della città, la piazza era completamente piena di banchetti per Santa Lucia.
Assaieme ad amici, in un banchetto di giocattoli, i pochi sopravissuti dato che tutti gli altri vendevano di tutto dimenticandosi che la festa è soprattutto per i bambini, c'era una coppia di mezza età che stava parlando con il commerciate dicendo di voler fare acquisti di giocattoli da mandare ai bambini poveri all'estero (non abbiamo capito in quale luogo). Il gesto è ammirevole ma la bella faccia è caduta quando una bambina che guardava i giocattoli, ha detto alla signora titolare del banchetto che a lei Santa Lucia avrebbe portato nulla, il suo papà era rimasto senza lavoro.La coppia di signori, dopo aver sentito queste parole, hanno fatto finta di nulla continuando nelle loro chiacchiere, ignorandola completamente. Forse i veri poveri li abbiamo affianco a noi e non ce ne accorgiamo o forse non li vogliamo vedere, la cosa sicura è che qui nessuno fa niente per niente ma per farsi vedere grandi e belli fanno queste scenette da circo. Non dico come è finita la scenetta perchè sembra solamente pubblicità, ma la bimba ha potuto festeggiare Santa Lucia come tutti gli altri bambini.
Buone feste a tutti.
11850696
In questi giorni, nel centro della città, la piazza era completamente piena di banchetti per Santa Lucia. Assaieme ad amici, in un banchetto di giocattoli, i pochi sopravissuti dato che tutti gli altri vendevano di tutto dimenticandosi che la festa è soprattutto per i bambini, c'era una coppia di... (continua)
Post
14/12/2010 00:54:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Ricordi nel Silenzio...

27 novembre 2010 ore 23:54 segnala
Sentire il caldo, il freddo dell'acqua, sentirla scendere, salire, sul proprio corpo...tutto il silenzio attorno, fa quasi paura ma la sensazione che si prova la provi una sola volta nella vita...
Guardando quella scala, la stessa che ti ha portato per anni nel luogo piu intimo, mi sembra di rivederti, vederti salire e scendere, dolcemente, con i passi leggeri di un angelo, quei capelli lunghi, biondi, muoversi come onde, quegli occhi azzurri come il cielo, il tuo profumo indimenticabile...
Ricordo quando ti ho conosciuta, seduto in un bar, in riva al lago, ero solo con la mia tazza di caffè e fissavo la bellezza delle onde infrangersi sugli scogli, assorto nei miei pensieri, non mi ero accorto di te.
Dolcemente, ti eri avvicinata per chiedermi una sigaretta e nell'incrociare il tui occhi, il tuo sguardo mi aveva come fermato il cuore per un attimo.
In quel momento, avevo provato una sensazione unica, non la provavo da quando la mia migliore amica, per un banale incidente, era salita al cielo, in silenzio, come quando in silenzio era arrivata.
Nell'offrirti la sigaretta, la mano mi tremava e non riuscivo trovare una parola per iniziare un discorso.
Ricordo la tua domanda con lo sguardo stupito...tutto bene?...con voce bassa ho risposto si...si...
In un attimo, un brivido è sceso dalla testa al bacino, la voglia di parlare ma il timore di rovinare la magia del momento.
A fatica ti avevo chiesto di sederti al tavolo per la paura di sentirmi dire di no ma da quel momento il sogno si era realizzato...
La magia ed il calore delle tue mani tra le mie, il tuo modo di parlare, di camminare, di guardare, di te ho amato qualsiasi cosa.
Sei stato l'angelo che mi ha fatto tornare alla vita.
Ogni volta seduti al bar con il solito caffè, era come al primo incontro, ogni volta seduti al tavolo di un ristorante, era come al primo appuntamento, ogni tuo bacio era come il primo bacio.
Al lavoro, il mio pensiero, era sempre rivolto a te, quando le cose andavano bene vedevo il tuo sorriso ovunque, quando andavano male, il mio sforzo piu grande era quello di non pensare a te per non vederti soffrire.
Assieme, prendavamo le decisioni piu importanti, belle e brutte...
Mi piaceva il tuo gioco nel chiedermi consigli per i vestiti, poi, le tue scelte erano ben altre, lo sapevo oramai e ci giocavo pure io.
Quando sdraiata sulla spiaggia, ti abbronzavi addormentandoti sotto il sole, non smettevo mai di guardarti ed amarti in silenzio, non te lo avevo mai detto, ma quante volte mi sono scese lacrime di gioia con il desiderio di baciarti.
La magia piu bella, la nostra prima notte d'amore, quasi quasi, temevo di far brutta figura ma sentire la tua pelle liscia sulla mia, mi ha fatto passare tutti i timori, quante volte abbiamo fatto l'amore fino al mattino, addormentarsi e svegliarsi il pomeriggio, quante volte abbiamo fatto il bagno assieme e poi parlare, ridere, scherzare, ogni cosa era motivo per baciarti, pure il silenzio era motivo...poi...la grande decisione di condividere lo stesso tetto ha completato il senso della nostra vita, per un po non riuscivo nemmeno a crederci.
Quando per motivi professionali non potevo stare con te, sentivo d'essere incompleto ma purtroppo per me il lavoro era troppo importante, troppi anni di sacrifici, di momenti belli e brutti, non potevo rinunciare e la tua presenza nei momenti brutti era troppo importante, mi davi la forza di guardare il domani, cercare di vedere il sole anche se fuori pioveva e di ricominciare un nuovo giorno col sorriso.
La mia professione era una scelta di vita ed una promessa a me stesso che con onestà e professionalità ho sempre cercato di portare avanti ma quella scelta, si è comportata come tutti i brutti mali, in silenzio mi è entrata dentro e non mi ha piu mollato, mi ha corrotto inconsciamente portandomi sempre piu con lei e portandomi sempre piu lontano dal mio angelo fino al punto che un bel giorno...
Rientrato dal lavoro, come mio solito fare, mi porto in camera da letto e sul cuscino trovo una lettera con sù scritto:
Caro amore, di te ho sempre amato tutto perche amo te ma per mè è diventato impossibile continuare a vivere con un fantasma, non ho mai chiesto ne soldi ne successo, solo un uomo da amare per sempre.
Il tuo lavoro ha preso piano piano il mio posto ed io non resisto più, tu non lo hai mai voluto capire ma purtroppo tutte le belle favole, prima o poi finiscono, ti voglio tenere nel mio cuore come la cosa piu bella che la vita mi abbia donato e non voglio rovinare i bellissimi ricordi che ho dell'unica persona che ho amato veramente con onestà e sincerità fino a questo momento.
Ti prego, non odiarmi, questo non è un modo elegante per dirti che da questo momento, con il cuore a pezzi, esco per sempre dalla tua vita e da questa casa...
Ti chiedo di non cercarmi, non mi troverai, me ne andrò lontano, in un posto dove nulla mi darà modo di cambiare idea, ti lascio le mie cose.
So che soffrirai molto ma pensa quanto stò soffrendo io e se un domani ti ricostruirai una nuova vita pensa un po a me, forse non rifarai gli stessi errori.
Ricordati che trovare una persona d'amare per tutta la vita non ha prezzo, non la puoi comperare a nessun prezzo, ti amo e ti amerò per sempre tua D...
Da quella sera, il mio cuore è in pena, ho ancora i tuoi abiti nell'armadio e per ricordarti ogni tanto metto oncora il tuo profumo preferito sui tuoi vestiti, guardo le nostre foto come il piu bel film d'amore mai esistito, mi sdraio sul divano e mi sembra di vederti ancora salire e scendere quelle scale con quei bei capelli biondi, i tuoi occhioni azzurri come il cielo, il tuo profumo...
Il prezzo per poter dire...io sono...io ho...è stato troppo alto...
Ora mi rendo conto di ritrovarmi solo e di esserre nessuno...
Sono ancora una volta seduto da solo in quel bar, in riva al lago, con il mio solito caffè, l'ultimo...ho fumato anche l'ultima sigaretta...
Sul letto affianco alla tua lettera, ho lasciato la mia con su scritto...
Caro amore mio, a leggere questa lettera non sarai tu, ma forse il mondo intero ne parlerà in modo che, ovunque tu sia, possa ricevere le mie ultime parole d'amore...
Ti chiedo perdono, non mi ero accorto della tua sofferenza, in silenzio mi hai amato, in silenzio hai sofferto, in silenzio sei uscita da quella casa ma non sei mai uscita dalla mia vita...
La voglia di potere, ha distrutto la nostra vita, i nostri progetti, i nostri sogni...
Mi sono messo l'abito piu bello che ho, mi sono messo addosso il tuo profumo e tengo in mano la nostra foto più bella, tutto questo sarà per me amore eterno...
Domani, camminerò lungo la via del sole, dove esisterà solo amore, un mare puro, monti infiniti, erba sempre verde e con tutto l'amore possibile continuerò a camminare lungo quel viale alberato, ti aspetterò per poterti riabbracciare come il primo giorno...per sempre solo tuo...ti amo...
Dopo l'ultima sigaretta, l'ultimo caffè e con l'amore eterno in mano, piano piano sento l'acqua di questo magnifico lago in questa stupenda giornata di primavera, abbracciare il mio corpo, sento prima il freddo, poi il caldo, sento la vita abbandonarmi piano piano, vedo gli ultimi momenti di vita e li vedo con te, sento il mio corpo leggero...leggero...poi il silenzio...
Ora, mi trovo in questo viale alberato, non ti posso dire cosa è più importante nella vita, il viale è infinito, stò rivedendo la mia vita e per tante cose ho chiesto perdono ma non riesco perdonarmi di essere mai riuscito di dirti... "Perdono"...
11832812
Sentire il caldo, il freddo dell'acqua, sentirla scendere, salire, sul proprio corpo...tutto il silenzio attorno, fa quasi paura ma la sensazione che si prova la provi una sola volta nella vita... Guardando quella scala, la stessa che ti ha portato per anni nel luogo piu intimo, mi sembra di... (continua)
Post
27/11/2010 23:54:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    1