SAREBBE UN BEL MODO

20 dicembre 2012 ore 23:24 segnala
A volte mi capita di pensare alla morte…e mi dico……………………morire per una persona che ami…………………sarebbe davvero un bel modo per andarsene….
Ma son pensieri lugubri e senza forma…che lasciano il tempo che trovano……
Era una di quelle sere fredde e pungenti alle porte del Natale...mi tamburellavo il naso con l’indice mentre guardavo fuori dal finestrino della macchina di Luca…mi stava accompagnando come al solito all’aeroporto, intenta a partire per uno dei miei soliti viaggi di lavoro…la lama tagliente della luna stava scomparendo dal cielo plumbeo…la mattina era vicina.. e la pioggia anche…non mi sentivo un gran che bene…insomma io mi domando…perchè devo lavorare a Natale…?...e perché lo devo fare lontana da casa??
“Non ti preoccupare Elly” disse Luca all’improvviso, come se mi avesse letto nel pensiero.. “ci rifaremo quando torni a casa, ti porto a fare un bel viaggetto, da soli… io e te”
Voltai la testa verso di lui distogliendo lo sguardo dal cielo…le prime gocce cadevano pigre sul vetro..
“ma certo Lù” dissi ,con il mio solito sorrisetto amorevole.. “possiamo andare dove vuoi, l’importante è che siamo da soli…che non faccia troppo caldo…e niente cammelli che ti sbavano addosso”
“Ok affare fatto!” sorrise lui trattenendo a stento la sua risatina da adolescente che amavo tanto…
Mi trovai a fissare il suo profilo perfetto, naso dritto, occhi grigi, capelli scuri…bocca perfettamente scolpita…come potevo meritarmi qualcosa del genere?…io…con il mio solito pallore…la mia magrezza troppo pronunciata…i miei capelli indomabili….e i miei occhi scuri… troppo grandi per il mio viso…ma ….cavolo….quanto amavo quest’uomo…e per non so quale arcano motivo…Lui amava me…!
Gli bastava un attimo per capirmi…uno sguardo per fermarmi…era il mio placebo …il mio mondo…non avevo mai pensato ad una famiglia prima di conoscere Lui…ora…non pensavo ad altro!
“Siamo arrivati!” disse all’improvviso distogliendomi dai miei sogni su di lui...era già intento a trovare parcheggio…che ovviamente non si trovava, come al solito…
“Dai Lù lasciami qui, ho solo un trolley.. ce la faccio ad arrivare dall’altra parte della strada da sola” dissi io frettolosamente…
“ma sei sicura piccola?” mi chiese guardandomi con quello sguardo ansioso come se dovesse mandarmi a morire …
“Ma si certo…ora zitto e baciami…ci sentiamo stasera, ti chiamo appena arrivo”
Mi si avvicinò piano prendendomi il mento con la mano e sfiorandomi il labbro inferiore con il pollice , mi schioccò un bacio casto e mi lascio andare
“Dai vai corri…o non ti lascerò partire!”
Sorridendogli presi al volo il mio bagaglio e via di corsa…
Come al solito…avevo i miei tacchetti…solo io potevo prendere un aereo con un tacco 10..ma purtroppo non avevo tempo di cambiarmi…avevo i minuti stra contati…
Correndo notai una piccola macchia sull’asfalto…acqua… vomito….. “oddio olio!”….prima di rendermene conto mi trovai a guardare il cielo distesa sulla schiena…
“MALEDIZIONE!!!!!!!!!!!” imprecai , cercando di ricompormi e rialzarmi alla meglio …sentì solo una terribile frenata e Luca che gridava il mio nome………..
Tutto in un secondo…uno sguardo a lui…uno al camion che mi stava venendo addosso…e poi…………IL BUIO..
Quando riaprii gli occhi…c’era tanta gente intorno a me…mani che mi sfioravano che mi toccavano “ODDIO”…iniziai a guardarmi intorno disperata …persa..
“ Sono viva…io……io sono viva”
“ Si signora , ma dobbiamo fare in fretta l’aereo sta partendo” mi disse un uomo guardandomi dritto negli occhi…come se stesse cercando di farmi capire qualcosa…mi teneva le spalle con le due grosse mani e mentre parlava mi scuoteva come un alberello…mi aveva preso per un imbecille probabilmente….
“Ha visto per caso il ragazzo che era con me??...lui …lui era qui con me”
“ No signora”
“Come sono arrivata qui?...sono svenuta…e Lui dov’è?”
“ Signora ne parleremo in aereo…ora dobbiamo andare”
...mi prese per mano e mi trascino a forza verso il check-in.
Una volta saliti sull’aereo, presi posto …e accanto a me c’era proprio l’uomo che mi aveva parlato…
“Allora adesso mi dica che diavolo è successo…io ricordo solo la frenata del camion”
“Non ora signora, le partenze mi creano un po’ d’ansia…appena decolliamo parliamo”
Merda che angoscia...ma era possibile sapere che diavolo era successo??
..iniziai a guardarmi in giro, c’era un silenzio surreale e stranamente, iniziavo a sentire freddo…e il bagaglio a mano?…dove ho lasciato il mio bagaglio a mano??...oddio io………..
“Elly…non ti devi preoccupare, non ti servirà” mi disse l’uomo accanto a me
“Cosa non mi servirà…?..di che diavolo sta parlando? E come fa a sapere come mi chiamo? Io non credo di averglielo mai detto…o si??”
“Dico solo che non credo ti servirà il tuo bagaglio a mano per dove stiamo andando noi...tutti noi…sei bellissima sai?? Te l’hanno mai detto…?...è un vero peccato…quel povero ragazzo era a pezzi…”
Lo guardo inghiottendo la saliva “Quale ragazzo scusi ?”
Lui si gira verso di me con un sorriso disorientato
“Non saresti mai partita se te lo avessi detto prima…e avresti vagato per sempre in cerca di Lui...comunque io mi chiamo Mike” allunga una mano verso di me per stringere la mia …ma io mi accascio contro il finestrino…qualcosa dentro di me si è rotto…qualcosa dentro di me …forse… ha capito…
ritira la mano tristemente…poi la riallunga aggiustandomi una ciocca ribelle di capelli dietro l’orecchio… glielo lascio fare…
“Io so dove siamo solo perché ci sono già stato…ero gravemente malato, stavo morendo e mi son trovato qui…ho capito quasi subito cosa mi stava succedendo…poi mi han rianimato e son tornato indietro…giusto il tempo per vedere il mio corpo steso su un letto…ma ora son ancora qui…quindi presumo di non avercela fatta”
Affondo le dita nella testiera del sedile…ho le labbra secche…le parole mi muoiono in gola…riesco solo a dischiudere le labbra…prova ad allungare ancora la mano…ma il mio sguardo terrorizzato lo blocca…allora sposta la mano dall’altra parte indicando la donna seduta tre posti più avanti …alla nostra destra …è una donna anziana, con un volto gioviale e speranzoso…ma terribilmente pallido...sulle gambe ha un bellissimo gatto persiano che accarezza metodicamente senza fermarsi ..
“Lei si è lasciata morire con il gas aperto…suo marito è morto un mese fa…lei ci ha provato a resistere… ma non ce l’ha fatta…la solitudine l’ha uccisa dentro..ora spera solo di ritrovare l’amore della sua vita”
Poi indica una bambina sulla sinistra…è minuscola, avrà all’incirca sei anni, folti capelli biondi e ricci…due occhi azzurri…luminosi e terrorizzati…canticchia piano una canzoncina…una specie di ninna nanna credo…
“ Un incidente stradale...lui era ubriaco…lei continua a chiedere della madre”
Mi sento lo stomaco in subbuglio…non posso…io non posso essere morta…ho una vita davanti...un sacco di cose da fare…io non posso…voglio sposarmi…avere dei figli…invecchiare con Luca…è un mio sacrosanto e dannato diritto……………
…………lo è…?---------------
mi alzo di scatto e vado di corsa verso il bagno...chiudo la porta a chiave dietro di me e mi rannicchio per terra …mi porto le gambe al petto e me le cingo con le braccia… la testa nascosta fra le ginocchia…come può essere successo...?...come posso fare??...che cosa mi aspetta…non vedrò più nessuno…nemmeno Luca…nemmeno Lu………… mi alzo avvicinandomi allo specchio…
Apparentemente sono la stessa…i miei capelli indomabili…due occhi sempre troppo grandi per il mio viso…e il mio pallore…un esagerato pallore…mi guardo attentamente con gli occhi sgranati…ora so che sono morta…e mentre me ne rendo conto…una goccia di sangue mi scorre dall’attaccatura dei capelli sul viso…
Un ombra dietro di me…mi giro di scatto e vedo la bambina di prima
“Non trovo più la mia mamma…mi aiuti?”mi dice con un viso pieno di paura…mi avvicino a lei…le sfioro il viso , lei sorride e mi dice in labiale
“ORA .STA .A .TE. DECIDERE”
“Elly…Elly…. dai siamo arrivati... svegliati…oih!!!!!”
apro gli occhi di scatto e tiro una boccata d’aria come se fossi stata in apnea due ore…mi guardo intorno frenetica, e trovo lo sguardo di Luca.. che mi osserva perplesso
“ Sembra tu abbia visto un fantasma Elly...che diavolo hai sognato?”
“Luca…” mormoro senza voce e mi avvento su di lui rannicchiandomi sulle sue ginocchia, la faccia affondata nel suo collo…
Lui sghignazza “si piccola mi mancherai anche tu…ma ora è tardi…perderai l’aereo”
Dopo 5 minuti buoni, mentre io rimango avvinghiata a lui e lui mi accarezza i capelli, mi i sfrego gli occhi e ritorno in me…..ok……………..ok…………….era solo un sogno…nulla di cui preoccuparsi…controllo nella borsa se ho tutto e scendo dalla macchina prendendo il bagaglio…ha trovato parcheggio...bene…nessuna strada da attraversare..
Lui mi prende il mento nella mano sfiorandomi il labbro inferiore con il pollice…si china e mi bacia castamente…io mi lancio su di lui…affondando le mani nei suoi capelli…baciandolo con una passione mai provata prima…quando ci stacchiamo siamo senza fiato… “dovresti partire più spesso Elly” mi dice ridacchiando
“Ti chiamo stasera appena arrivo” prendo il mio bagaglio e mi avvio…lui sale in macchina e se ne va…dopo meno di 30 secondi sento gridare il mio nome…mi giro…e Luca è dall’altra parte della strada con il mio biglietto aereo in mano...lo sventola distrattamente gridando
“Senza questo non vai da nessuna parte piccola” e viene verso di me
Mi si gela in sangue…lo stomaco mi si rivolta…lascio il bagaglio li dov’è e mi dirigo a passo svelto verso di lui..
“Fermo Luca…ti prego fermo!!!”
il passo sempre più veloce…lo vedo scivolare davanti ai miei occhi su quella maledetta macchia d’olio…lo sento imprecare e rialzarsi toccandosi un fianco…sento la frenata…ora sto correndo…sono a due centimetri da lui…raccolgo le forze con tutta la determinazione che ho nelle vene e lo spingo con forza…..ma io…………….io non ho tempo………non ho tempo di muovermi…
dura tutto un secondo…un interminabile implacabile secondo…lo sento cadere a terra a 4 metri da me…gli devo aver sicuramente rotto qualcosa ..ho sentito un rumore sordo quando è caduto …ma lui è li…a terra …mi guarda terrorizzato…ma è salvo…il mio Amore è salvo………..
Faccio solo in tempo a muovere le labbra in labiale “ TI AMO”
Poi il buio
“Ciao Mike”
“Come sai il mio nome?”
“Credo che io e te ci siamo già incontrati”
“Non so non mi ricordo”
Siamo seduti entrambi su quella panchina, dall’altra parte della strada…ha smesso di piovere…e nel cielo c’è un bellissimo arcobaleno
“Mi mancheranno questi colori …lo sai Mike?”
“Perché dovrebbero mancarti? non ci sono nel posto dove vai? E poi…mi sai spiegare che ci faccio qui, io stavo male, ero in un letto e…………..”
Mi giro verso di lui con un sorrisetto accondiscendente “ si lo so Mike, ma te lo spiego in volo…se non ci muoviamo perdiamo l’aereo” lo prendo per mano e lo trascino con me
Davanti a noi camminano altre persone, intercetto un cespuglio di capelli biondi che canticchia una ninna nanna… e trema mentre cammina…mi avvicino a Lei e la prendo in braccio
“ Ho scelto piccola …grazie…la tua mamma non so dove sia, ma se vuoi ..mentre la aspettiamo… puoi stare con me”
Si asciuga il naso con il dorso della mano e sorride
Mentre cammino saluto ciò che ho lasciato con il pensiero…sicura che prima o poi lo ritroverò
In fondo………morire per la persona che ami….è un buon modo per andarsene!
…………Anche a Natale………………………….





Questo post nasce come gioco di scrittura tra amici, sulla base di elementi dati da qualcuno di noi(questa volta sono state usate parole come :Natale , panchina, gatto, arcobaleno e solitudine....scelti da ClarissaDallowey).
Partecipano al gioco, oltre a me : Back.tothefuture, Dealma, Malena, Rivoluzione, ClarissaDallowey, Bikiko1, Elazar, Pollastro.mi e Morganamagoo…scusate la poca cura del racconto, ma questa volta il tempo è stato poco
Ah dimenticavo….BUON NATALE A TUTTI
66fe402b-df1d-4908-a62d-65cbc2b9b226
A volte mi capita di pensare alla morte…e mi dico……………………morire per una persona che ami…………………sarebbe davvero un bel modo per andarsene…. Ma son pensieri lugubri e senza forma…che lasciano il tempo che trovano…… Era una di quelle sere fredde e pungenti alle porte del Natale...mi tamburellavo il...
Post
20/12/2012 23:24:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13

Commenti

  1. dealma 20 dicembre 2012 ore 23:36
    wow! una sceneggiatura per un film romantico! Mi piace cogliere lo slancio che io non riesco più ad avere. Brava! :rosa
  2. apocalixx 20 dicembre 2012 ore 23:42
    grazie Dealma...e auguri!
  3. NeraDiNotteNN 21 dicembre 2012 ore 09:59
    meraviglioso :rosa
  4. bikiko1 21 dicembre 2012 ore 10:22
    io tu e Clarissa, tre post che parlano di morte,
    saranno mica i Maja?
    il tuo pare la sceneggiatura di un film...
    brava, ben scritto, mi è piaciuto,
    ti auguro un sereno Natale
    Bik
  5. MorganaMagoo 21 dicembre 2012 ore 10:48
    ... incantata, apocalixx. da sempre mi piace pensare a cosa ci sarà dopo la morte, anche senza risposte, anche solo la domanda mi piace.... ho provato quindi un immenso piacere nel leggerti. Bellissimo post. :-)
  6. malenaRM 21 dicembre 2012 ore 12:02
    Molto bello: sequenziale e thrilleresco (si può dire? ma sì:-)) ) con colpi di scena a mitraglia e un finale che lascia l'amore in bocca...
    Bravissima, apo:rosa

    ...io direi che sei romantica quanto basta...o che fingi di esserlo con maestria:-)
  7. back.tothefuture 21 dicembre 2012 ore 12:50
    E questa si che è una storia d'amore... con un suo tipo di lieto fine, per così dire, ma indubbiamente romantica. E con un incalzare da film, come dice Dea.
    Buffo che tutte le più accanite ciniche del nostro giro abbiano scritto di romantico amore... :-))) Cose che succedono a Natale... La colonna sonora è perfetta direi. Brava la nostra penultima... :rosa
  8. PollAstro.MI 22 dicembre 2012 ore 23:59
    Piaciuto, piaciuto molto ... bel ritmo, un racconto che mi ha tenuto incollato allo schermo dalla prima all'ultima parola.
  9. rivolUZI.ONE 24 dicembre 2012 ore 13:03
    si,ce piace molto!sembra un film,io ho pensato a sliding doors,flash che vanno e vengono ,occhi chiusi che sognano ..e poi si svegliano...o forse il contrario?mah...non è importante.
    Per morire se si deve scegliere quella è l'unica ragione accettabile.
  10. iopensierino50 28 dicembre 2012 ore 14:56
    Ti auguro di gioire delle cose belle e farne la tua forza,
    ma sopra ogni cosa...ti auguro un amore sincero accanto a te
    che sappia comprenderti e guardarti negli occhi con amore
    per cio’ che sei. :rosa Buon 2013 :rosa
  11. apocalixx 28 dicembre 2012 ore 16:46
    @Back...rimango sempre la solita cinica :-)))
    @grazie Pollastro, sempre gentile
    @rivoluzione, anche a me ha ricordato quel film, solo che un testo simile lo avevo scritto alle medie, e mi è tornato in mente, l'ho solo ristrutturato
    @iopensierino..ma grazie, sei molto molto gentile, è una cosa che spero anche io...e la auguro anche a te...buon 2013 :rosa
  12. Cattivome73 04 settembre 2013 ore 09:40
    Che bello il racconto, sembra che la protagonista abbia fatto la sua scelta :)
    Se ti capita e sei una che guarda serie di telefilm, prova "Dead like me", potrebbe piacerti.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.