Antica origine storico-esoterica del maschilismo

08 giugno 2018 ore 04:10 segnala
Se si considera il maschilismo come fenomeno anticamente radicato nelle masse, la sua origine storica può forse essere rintracciata nel momento in cui, diciamo grosso modo tra il secondo ed il primo millennio avanti cristo, personalità di potere sacerdotale e/o governativo di alcune aree geografiche quale ad esempio parte di quella mediorientale, reinterpretarono - per stoltezza o per malafede - certe allegorie cosmogoniche e certe mitologie di un'era più antica deviando dal loro significato reale.
Altre personalità, come quelle della casta sacerdotale brahmanica, che si rifaceva ai veda, antichi testi sacri del subcontinente indiano, riservavano gli insegnamenti sacri più profondi solo ai maschi.
Il momento menzionato inizialmente coincide, - guarda caso - se non con la nascita del patriarcato, con un suo consolidamento.

È logico presumere, come taluni hanno già fatto, che prima dell'era del patriarcato, ossia la forma di società o di famiglia in cui potere ed importanza maschili sono al di sopra dei femminili, ci fosse un'era di parità dei sessi.
Termometro, almeno in parte, di tale parità, sono proprio le cosmogonie allegoriche e le mitologie sacre antiche. In quelle risalenti circa al quarto/quinto millennio avanti cristo, la personificazione della polarità sacra maschile, nel riflettersi sul ruolo del maschio umano non comportava una sua superiorità, perlomeno non molto evidente, sulla femmina umana.

Ma come detto, ad un certo punto della storia, personalità di potere sacerdotale e/o governativo reinterpretarono - per stoltezza o per malafede - le allegorie cosmogoniche e le mitologie deviando dal loro significato reale.
Gli effetti di tale devianza sono oggi lievemente presenti in molti paesi; in altri sono presenti in maniera molto più marcata.
Possiamo vedere la devianza in questione leggendo ad esempio i famigerati testi sacri giudaisti presenti nell'Antico Testamento biblico, la cui particolare fama (causata o forse concausata dal potere della chiesa romana, sfruttatrice del cristianesimo evangelico canonico in suo favore) fa sì ancora oggi, che la religione ebraica, il cristianesimo stesso, e l'islam che deriva da essi, appaiano, a differenza delle altre religioni, come racconti reali, anziché come mitologia.
E con ciò non si deve intendere che certi elementi mitologici non possano celare elementi di verità scientifico-metafisica.

Nell'Antico Testamento vi è l'episodio della nascita del maschio umano, l'adamo, dal cui fianco, continuando la lettura, è nata la femmina umana.
Questo, al pari di svariati altri passi, ha origine dalla mitologia sumera.
Nel giudaismo l'episodio in questione è modificato, ed il maschio e la femmina umani coincidono con divinità allegoriche, mantenendo comunque la sostanza, che vede l'essere umano nascere da Madre Terra e dalla sua acqua.
Ma le personalità di potere di cui sopra, deviando dal reale significato dei racconti sacri, videro nell'umano un essere creato da un Dio che ordina la legge; e nella donna un essere realmente nato dal fianco dell'uomo; nonché, in virtù di ciò, inferiore all'uomo stesso ed al suo servizio.
Inoltre, influenzati anche dalla cosiddetta prostituzione sacra (appartenente a certe civiltà, e con la quale autorità celebranti il rituale sacro simboleggiante la dualità composta delle polarità maschile e femminile dell'universo si univano sessualmente alla donna, che poteva anche lasciare delle monete nel tempio), appresa ad esempio dagli israeliti allorché furono schiavi dell'impero babilonese, videro la donna come strumento di tentazione sessuale ai danni dell'uomo; e per questo la obbligarono per legge a coprirsi come minimo i capelli, elemento di seduzione; ad essere pubblicamente casta, e a non utilizzare abbellimenti quali ad esempio trucco, orecchini, collane, ed anelli.
Persino nell'era contemporanea occidentale, molte delle nostre nonne o madri, entravano nella chiesa fisica cristiana con un velo sopra la testa, ma senza ovviamente conoscere il reale significato di ciò.
1f6b72cb-f18e-4acc-a6b6-51d8bd214bf9
Se si considera il maschilismo come fenomeno anticamente radicato nelle masse, la sua origine storica può forse essere rintracciata nel momento in cui, diciamo grosso modo tra il secondo ed il primo millennio avanti cristo, personalità di potere sacerdotale e/o governativo di alcune aree...
Post
08/06/2018 04:10:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.