Fasi Della Seduzione!!!

06 giugno 2010 ore 03:43 segnala
Mi guarda ?   Gli interesso ?   Chissà cosa pensa di me ?

Quante Volte ci saremmo tormentati con domande come queste ? 

 

             Magari siamo in grado di dare consigli e giudizi azzeccati all’amico o all’amica che ci chiede se piace ad una data persona.

Ma quando la cosa riguarda noi, veniamo assaliti da mille dubbi, insicurezze, paure.

Se poi prendiamo coraggio e ci facciamo avanti comunque, finiamo magari con il fare gaffe, dire le cose sbagliate, incorrere in “ figuracce “.

Quanti problemi !  E pensare che basterebbe affidarsi al proprio istinto per far filare le cose lisce . Facile a dirsi  ! L’istinto, quello  stesso che nelle “ altre “ specie  fa si che il pavone sfoggi la coda o che il cervo si esibisca in articolate “ danze “ di corteggiamento, nell’essere umano viene soffocato e represso da cultura, morale ed educazione.

                                              Ora, però la scienza della comunicazione ha studiato a fondo il comportamento che porta al formarsi di una coppia nel regno animale e ha rilevato che strategie analoghe possono essere riscontrate anche nell’uomo.

Con un’unica differenza:

in quest’ultimo sono per lo più inconsce e proprio per questo scarsamente disponibili alla volontà e all’intenzionalità.

L’antropologo David Givens ha individuato cinque fasi nel corteggiamento: ma sono le prime tre che poi danno luogo alle due seguenti fasi in cui l’attrazione è evidente e porta all’approccio sessuale.

I tre passi che precedono questo momento sono:

 

- L’approccio

– la fase della Valutazione

– l’epilogo dell’Intesa

 

                               L’approccio : in un primo frangente, l’uomo o la donna che provano attrazione per qualcuno, esordiscono fornendo tre tipi di messaggi:

 

1)     sono qui

 

2)     sono una femmina o un maschio

 

3)      non ho intenzioni minacciose ( vale soprattutto per l’uomo )

 

 

 

L’approccio:

non avendo la possibilità di variare il colore del manto o di emettere stimolazioni olfattive, l’essere umano fa uso di artifici materiali.

Cosi la donna, analogamente a quanto fa il pesce, quando sfoggia una livrea dai colori sgargianti, dipinge le sue labbra, esalta le ciglia con il mascara, adorna le orecchie con orecchini e pendenti.

L’uomo, dal canto suo, veste abiti eleganti, rade il suo volto ( uno stratagemma che serve a rassicurare sulle sue intenzioni, evocando una condizione di imberbe, cioè di adolescente ) , prende possesso di un territorio, stazionandovi o delimitandone il perimetro ( ad esempio ad una festa ) con oggetti personali o con il proprio bicchiere o piatto.

La donna, al contrario si muove molto di più: passa da un tavolo ad un altro, si sposta dalla cucina al salotto e cosi via,

In questo suo andirivieni, sembra ignorare i maschi presenti, ma ogni tanto, lancia occhiate oblique, rapide e ripetute.

L’attestazione del genere sessuale:  per farci notare dal potenziale partner e per fargli comprendere la nostra disponibilità, esaltiamo la nostra identità sessuale.

La donna, può sedere accavallando le gambe e incrociando i piedi sulle caviglie ( postura impossibile per conformazione anatomica, per un uomo e quindi simbolo di femminilità ) , toccandosi con il polso piegato verso di sé, tenendo la mano poggiata sul fianco, in modo da accompagnarne la curva ( l’ampiezza del bacino è indice della capacità di procreazione: un forte stimolo per l’uomo ).

L’uomo, assume pose da “ maschio dominante “ : tiene le gambe esageratamente scostante, tira il petto in fuori, solleva il mento, ride e parla in modo più forte e sonoro.

Il segnale “ sono innocuo “ :  la sua funzione è di impedire un travisamento dei segnali di dominanza ( intesi per la verità si a “ mostrarsi belli “ di fronte ad una donna, ma anche ad intimidire i possibili rivali ).

L’uomo, sorride più del solito, distende i tratti del volto, parla tenendo i palmi delle mani rivolti verso l’esterno ( un segno di arrendevolezza e di pacificazione ).

La donna, per evitare che l’uomo si senta inibito o frenato, può mostrare posture infantili, come il piegare la testa verso la spalla, l’abbracciarsi o l’accarezzarsi la guancia.

Un’altra tattica è il simulare la condizione di affascinazione: realizzata abbassando le palpebre superiori e schiudendo la bocca.

 

 

 

La valutazione:

questa fase ha il fine di scoprire se l’altro, già giudicato attraente, ha i requisiti per essere anche interessante.

Una ricerca condotta su individui di entrambi i sessi, di cultura europea o asiatica,  ha messo in luce una scoperta notevole.

L’ambiente di provenienza fornisce forme e modi del comportamento:

tuttavia, la donna di qualsiasi nazionalità ha un modo fine e universale di segnalare attrazione e, nel contempo, spingere l’altro a scoprirsi.

In altre parole,  modifica velocità, durata, ampiezza e altre sottigliezze del movimento. Le movenze si fanno infatti gradualmente più pacate, frequenti e moderate.

Queste minime modificazioni, non sono avvertite coscientemente: nondimeno, si insinuano e il loro effetto si somma, influenzando l’apertura del compagno.

La conversazione è in genere leggera, generalmente priva di opinioni forti o personali: le divergenze di opinione vengono accuratamente evitate.

Durante, i primi scambi verbali, una donna mostra di trovare più attraente un uomo che nel parlare, solleciti il suo punto di vista, mostri di capirla ed esprima calore e gradevolezza.

Nel corso della valutazione, uomo e donna tessono una complessa trama di interazioni non verbali ad indicare gradimento, intesa o eventualmente rifiuto.

La reazione più caratteristica che segnala l’atteggiamento della donna è   la posizione delle braccia: sono quasi sempre conserte, quando l’uomo che le sta di fronte le è indifferente o non le piace: tendono invece a rimanere aperte, se prova attrazione.

In questo frangente dell’interazione i segnali che manifestano più apertamente un sentimento di interesse da parte dell’uomo e della donna sono simili e, per lo più sovrapponibili:  esistono     però dei segnali tipicamente maschili e altri più caratteristicamente femminili: buona parte di questi comportamenti sono stati catalogati dallo psicologo S. Benemeglio.

 

 

L’uomo

 

·        si può toccare l’avambraccio o accarezzarlo

·        si liscia la cravatta o, tenendola per la punta, la tira verso l’esterno

·        accavalla le gambe verso la donna o orienta il corpo o parte di esso verso   di  lei, mentre conversa con qualcuno o si mostra interessato ad altro

·        si passa una mano sul torace

·        si avvicina, spesso con un pretesto e mostra di voler stare vicino alla donna (ad esempio, appoggiandosi con la mano sullo stipite di una porta, tenendo i piedi sul poggiapiedi della sedia della partner, ecc. )

·        inclina il busto verso la donna e lo tiene inclinato oppure ( ma questo è valido per entrambi i sessi ) se è seduto a lato della donna, riduce l’angolo tra sé e lei

·        si strofina il retro del collo o il torso

 

 

 

 

La donna

 

·        si passa la lingua sulle labbra ( spesso sul labbro superiore e centralmente )

·        si accarezza i capelli o ne annoda una ciocca sul dito

·        si manopola un anello, il lobo dell’orecchio o la collana

·        si passa delicatamente la mano sulla spalla, sulla parte anteriore del collo e sul collo del piede

·        tocca l’altro anche se in modo apparentemente involontario ( come con uno sfioramento ), ma ripetutamente

·        si tocca dove è stata appena toccata dall’altro ( cosi, se l’uomo mette la mano sull’avambraccio della donna, nel dirle una cosa; quando lo toglie, lei può accarezzarsi nello stesso punto )

·        si abbottona e sbottona più volte un bottone della camicetta

 

Entrambi se si accorgono che l’interlocutore è antipatico o ( questo vale in particolare per la donna ) troppo spinto, possono dare dei segnali di rifiuto.

 

 

 

I segni di rifiuto  ( validi per entrambi i sessi )

 

·        incrociare le braccia

·        sfregarsi il naso

·        ritrarre il busto o fare un passo indietro

·        accavallare le gambe in senso contrario all’interlocutore

·        togliersi qualcosa dalla zona lacrimale ( nell’angolo interno dell’occhio )

·        mantenere il volto inespressivo

·        spazzolare all’improvviso la giacca, la gonna o i pantaloni da polvere, da un peluzzo o da un capello

 

La fase d’intesa

 

Se le prime due “ prove “ hanno dato esito positivo, si crea una maggiore esposizione reciproca:

la conversazione si fa più fluida, mentre gli argomenti diventano più personali ed intimi.

Si assiste inoltre ad un’intensificazione del comportamento non verbale di entrambi.

Osserviamo, in questa fase, che gli occhi appaiono come patinati, le pupille sono dilatate, la muscolatura diviene più tonica e scattante.

Si notano poi cambiamenti tipici dei due sessi:

nella donna, le labbra si gonfiano e arrossano, l’atto di passarsi la lingua sulle labbra diventa più frequente.

Il tono di voce dell’uomo diventa più nasale, questo curioso fenomeno, avverte la donna di uno stato di eccitazione sessuale.

Questo avviene per una concatenazione di effetti:

l’eccitazione porta ad un inturgidimento di tutte le parti cave; prima fra tutte, l’organo sessuale.

I turbinati, organi che si trovano nelle cavità nasali, si gonfiano, ostruendo i “ passaggi “.

Questo fatto a sua volta, conferisce alla voce  quella specifica sonorità nasale.

Per analogia, questa tonalità segnala che lo stesso rigonfiamento si è realizzato nei genitali.

L’aspetto più vistoso dell’intesa è una perfetta sincronizzazione dei movimenti dei due interagenti.

Quando l’affiatamento è grande, possono non passare più di due secondi che l’altro ripete posture, autocontatti, gestualità dell’interlocutore.

 Da questo momento, il passo al contatto fisico vero e proprio è breve.