Ballerina di seconda fila

15 giugno 2017 ore 13:01 segnala
Quando sono nato io, non suonavano gli angeli.
Solo un organetto dalla strada, ma non si sentiva perché coperto dalle urla di mia madre.
Mia madre, ragazza col sogno della danza, ma agile e flessuosa come un burattino del teatro dei pupi.
Possedeva però una bellezza che fermava gli orologi e gli occhi degli uomini e spesso il loro cuore. Fu scelta dunque come ballerina di seconda fila, giusto compromesso tra le sue scarse doti nella danza e la sua figura meravigliosa.
Quando scoprirono che era incinta, inizialmente lei aveva fatto di tutto per coprire le tracce della sua gravidanza, fino a fasciarsi stretta il ventre, a discapito della mia stessa incolumità, fu immediatamente licenziata e a nulla valsero le sue rassicurazioni e promesse e infine le urla, mia madre è un'urlatrice di professione. Fu una sostituta che, occhieggiandola con sguardo malevolo e insidioso, allo scopo di rubarle il posto, spifferò il segreto al direttore del teatro.

62b3ddf7-8d60-4ce0-b3ab-c3e070632cf9
Quando sono nato io, non suonavano gli angeli. Solo un organetto dalla strada, ma non si sentiva perché coperto dalle urla di mia madre. Mia madre, ragazza col sogno della danza, ma agile e flessuosa come un burattino del teatro dei pupi. Possedeva però una bellezza che fermava gli orologi e gli...
Post
15/06/2017 13:01:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. AllegroRagazzo.Morto 19 giugno 2017 ore 00:51
    @barrylindon73
    Una graziosa ballerina in meno sul palco, ma una madre ciò nnn di meno...

    Spesso penso al fratello maggiore che non ho mai conosciuto, se lui fosse qui probabilmente non ci sarei io ma ciò non di meno non puoi immaginare quanto lunghe e frequenti siano le nostre conversazioni.
  2. barrylindon73 19 giugno 2017 ore 16:23
    @AllegroRagazzo.Morto Preciso che si tratta di un racconto di finzione. Il possibile incipit di un romanzo al quale potrei lavorare un giorno.

    Grazie per questa toccante di condivisioni. Continua le vostre preziose conversazioni.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.