La mia città

22 novembre 2016 ore 14:31 segnala
La mia città è
un museo a cielo aperto.
E' una striscia di bellezza
tra il mare e le colline,
bagnata da un cielo
quasi sempre benevolo.
Incorniciata sullo sfondo
da un vulcano che
pare un bacio soffiato in aria.
La mia città è una sirena
che mi ha cullato bambino,
come una madre tenera,
ma che ha le braccia,
la coda di pesce piagate
e non possiamo distogliere
gli occhi da quelle ferite.
La mia città è
una donna che ribolle di vita,
amore, morte,
passione, odore,
urla, abbracci, folla,
verità, fantasie,
sospiri, lacrime,
risa, silenzi,
tenerezza e odio,
giustizia e povertà,
pioggia e sole,
vento e bonaccia,
antica, fragile,
caduca, maestosa,
capace di bruciare e
risorgere dalle sue stesse ceneri.
La mia città contiene moltitudini.
Ed è per questo,
anche per questo,
che la amo.

980e19da-c024-4e0a-84e8-a1f75ba40fa3
La mia città è un museo a cielo aperto. E' una striscia di bellezza tra il mare e le colline, bagnata da un cielo quasi sempre benevolo. Incorniciata sullo sfondo da un vulcano che pare un bacio soffiato in aria. La mia città è una sirena che mi ha cullato bambino, come una madre tenera, ma che ha...
Post
22/11/2016 14:31:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. Njlo 22 novembre 2016 ore 20:10
    Una città bellissima, colorata come questa poesia. Colori sgargianti ed altri più scuri, ma tutti pieni di vita come l'amore che si legge nei tuoi versi.
  2. barrylindon73 23 novembre 2016 ore 00:07
    Meraviglia e terribile. Napoli è un ossimoro vivente.
  3. nessun.attesa 23 novembre 2016 ore 08:58
    Mille volti in un unico nome.
  4. barrylindon73 23 novembre 2016 ore 12:14
    Una bella definizione
  5. AllegroRagazzo.Morto 24 novembre 2016 ore 02:00
    @berrylindon73
    e il vento mi chiese... dove vuoi andare piccola foglia? Vuoi fluttuare, sollevarti, ricadere, volteggiare su di un prato, una radura, una sconfinata prateria...

    e il vento mi disse anche... bada anche piccola foglia... qualcunque cosa deciderai ti porterà via da casa...

    ed io risposi al vento... non importa dove tu voglia portarmi, per ogni angolo del cielo o della terra, dietro le nuvole o giù per terra, ovunque tu possa spirare, ovunque tu voglia andare, verso ogni luogo, verro ogni giorno, ogni giorno... ogni luogo è casa.
  6. barrylindon73 24 novembre 2016 ore 12:53
    La magia del vento, delle foglie, dei luoghi che tramutiamo in casa. Bella. Ti ringrazio.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.