Onestà

18 gennaio 2016 ore 13:04 segnala
« Guardiamo all’Iraq. Se gli americani fossero onesti dovrebbero dire: ”Volete guidare continuamente la vostra automobile, averne altre due in garage, possedere tutta una serie di cose? Bene, allora dobbiamo andare a fare la guerra in Iraq, perché lì c’è il petrolio, così noi lo prendiamo e possiamo usarlo come ci pare”. Io capirei se dicessero così. Potrei perfino capire quella gente che dice ammazziamo altri duecentomila bambini ma a noi all’automobile non ci si può rinunciare, almeno le cose sarebbero chiare. Invece ci prendono in giro, ripetono: andiamo a liberare il popolo iracheno, a ristabilire la democrazia. Ci dicano la verità: vogliamo fare la guerra perché voi volete andare in automobile. Chi accetta che il prezzo sia ammazzare i bambini, è libero di farlo, la pagherà dopo, magari in un’altra vita sarà lui il bambino che muore perché qualcun altro non vuole rinunciare ai propri privilegi. Vogliono convincerci che sia possibile rendere l’intero pianeta come noi, ma sappiamo bene che non è così, basta considerare che se solo tutto il mondo consumasse tanta carta quanta ne consumiamo noi in Occidente, non ci sarebbero più alberi.
È necessario capire che se vogliamo evitare l’asimmetria che produce il terrorismo, - che è poi asimmetria politica ed economica, ma anche morale, bellica e sociale -, dobbiamo cominciare a condividere la nostra felicità. Soltanto se saremo in grado di limitare i nostri bisogni allora potremo fare un mondo diverso. »
Tiziano Terzani

3346b4e5-739f-4936-a005-83e779212bb8
« Guardiamo all’Iraq. Se gli americani fossero onesti dovrebbero dire: ”Volete guidare continuamente la vostra automobile, averne altre due in garage, possedere tutta una serie di cose? Bene, allora dobbiamo andare a fare la guerra in Iraq, perché lì c’è il petrolio, così noi lo prendiamo e...
Post
18/01/2016 13:04:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Commenti

  1. lazagara 18 gennaio 2016 ore 13:20
    si è creato un mondo a dismisura e la rinuncia non è più fattibile :-(
  2. barrylindon73 18 gennaio 2016 ore 13:23
    @lazagara Io credo che abbiamo ancora libertà di scelta. E possiamo, non dico tornare all'essenziale, ma certamente ridurre.
  3. lazagara 18 gennaio 2016 ore 13:25
    Se mai qualcuno ce ne darà la possibilità perchè intravedo anche un volere dei potenti al non cambiamento
  4. barrylindon73 18 gennaio 2016 ore 13:34
    @lazagara C'è sicuramente un volere dall'alto. Un tramutarci in consumatori più che persone. Ma possiamo fare molto. Cominciamo con il non delegare la nostra felicità agli oggetti.
  5. storia.infinita 04 febbraio 2016 ore 19:15
    possiamo fare molto, per cominciare liberarci di un po' d'egoismo e riappropriarci dell' "onestà" di valutazione, nessuno può obbligarci a prendere ciò che per noi è superfluo, ciò che per noi è superfluo, per molti rappresenta una speranza di vita.
    ripenso all'Iraq... e ai tanti che in questo istante, in Siria, stanno letteralmente morendo di fame... ripenso al Maestro, il suo mancare pesa, tanto.
  6. barrylindon73 04 febbraio 2016 ore 19:29
    @storia.infinita Ritrovare un po' di essenzialità farebbe bene anche al nostro essere felici. Manca anche a me il Maestro Tiziano. Fortuna che ci ha lasciato tanti scritti. Ogni tanto rileggo qualche brano, mi fa bene al cuore.
  7. storia.infinita 04 febbraio 2016 ore 19:50
    fa bene anche al mio cuore.

    un sorriso...
  8. barrylindon73 04 febbraio 2016 ore 19:52
    Ricambio il sorriso.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.