Pelle

03 gennaio 2017 ore 22:08 segnala
Questa pelle scura
di cui il cielo mi ha fatto dono
come il vestito per una festa
elegante, sobrio, distinto,
questa pelle scura che
indosso da quando ero bambino
mi ha fatto scambiare spesso,
ad occhi inesperti,
per un uomo che venisse dalla terra
dei leoni e delle gazzelle e
dei deserti e della savana
dove il sole batte forte come
il martello del fabbro sul metallo caldo.
Questa pelle scura
ancor più vicino mi fa sentire,
non bastasse il cuore rosso che mi sfugge in petto,
a chi da quella terra scappa,
su barche dure poco più che quelle di carta,
prendi un foglio piegalo tira qui, eccola,
e a quelli anch'essi che restano
tra la fame e la sete,
la guerra e l'oblio.
E mi rammenta come il nascere
più su o più in giù su questa sfera che giraa,
nello spazio buio e profondo,
sia figlio del caso e della fortuna,
alla quale fare l'inchino e
rialzandosi,
uno come noi, ma a terra,
tirare su.

1d99e096-d6e1-4af3-b61d-1cb611352c1b
Questa pelle scura di cui il cielo mi ha fatto dono come il vestito per una festa elegante, sobrio, distinto, questa pelle scura che indosso da quando ero bambino mi ha fatto scambiare spesso, ad occhi inesperti, per un uomo che venisse dalla terra dei leoni e delle gazzelle e dei deserti e della...
Post
03/01/2017 22:08:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. Njlo 05 gennaio 2017 ore 14:19
    E purtroppo molti restano a terra, come quel bimbo di cui han mostrato la foto tutti i Tg. Non dovremmo dimenticare, mai. E invece tra qualche giorno pochi ci penseranno, travolti dalla loro vita. Dalla vita. Allora dovremmo venire qui e rileggere questa tua poesia, così vera, così piena di cuore e di tenerezza e di partecipazione.
  2. barrylindon73 06 gennaio 2017 ore 11:34
    Il mondo è colmo di sofferenza e ignorarla è profondamente non umano. Senza voler dare soluzioni facili e demagogiche. Occorre ritrovare la compassione.
    Il fatto che tu consideri queste mie semplici righe, una sorta di memoria del cuore, della mente tocca le mie corde profonde.
    Grazie, sempre belle, le tue parole.
  3. ombra.dargento 08 gennaio 2017 ore 21:14
    pelle dell'anima... mosaico d'infinite sfumature.

    un abbraccio...
  4. barrylindon73 09 gennaio 2017 ore 10:14
    Bella immagine. Anche se, in quanto ad anima, credo di essere sprovvisto di pelle. Ipersensibilità.
    Ben riletta.
    Un abbraccio.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.