Quando non sò cosa fare appunto frasi nel cel

18 aprile 2010 ore 19:43 segnala
Mi scivola il tempo tra le mani

Penso a cosa vorrei sentire prima di morire , come la fiaba prima di addormentarmi e spero me la racconti qualcuno di bello per me

Sei sparita dalla mia vita ma per sparire dai miei pensieri come hai intenzione di fare ? Sei un ricordo talmente lontano che non sò più se sei vera o solo fantasia.

a coloro che

22 marzo 2010 ore 21:47 segnala
...a coloro, che, soffrono per la fine di un amore,
 
del loro grande amore,
 
di quell'amore che gli ha preso le forze,
 
che gli ha preso la vita
 
e senza il quale
 
pensano di non poter più continuare a vivere.
 
.
 
a coloro che non comprendono quella fine
 
e continuano a non volerla vedere nei mille gesti,
 
nelle mille sfumature, intorno a loro,
 
e continuano ad alimentarsi della loro illusione.
 
...come sosteneva Milton H Erickson.
 
Devono avere il coraggio di esprimersi,
 
ed esprimendosi, finalmente,
 
firmeranno un trattato di pace con loro stessi
 
ed otterranno i loro scopi,
 
e se non li otterranno in questa occasione,
 
ci saranno infinite altre occasioni della loro vita.
 
Nessuna psicoterapia
 
potrà tornargli il loro amore: quell'amore,
 
quella specie di unico amore.
 
Io dico
 
di continuare ad amare,
 
di continuare a farlo, per loro stessi,
 
finchè, magari,
 
quando tutte le lacrime saranno piante,
 
quando raggiungeranno il fondo di quel terribile pozzo,
 
il loro sguardo si volgerà da un'altra parte,
 
per un amore che non solo chiede ma altrettanto da.
 
quando si renderanno conto
 
che nulla resta da fare in quel loro presente,
 
che è già passato,
 
allora, si renderanno conto
 
che può esistere un diverso futuro.
 
Io dico
 
di non pretendere che quell'amore venga ricambiato,
 
se ciò non può più avvenire.
 
L'importante è che quell'amore venga dato.
 
e come sempre accade,
 
scoprirai che il più grande amore,
 
è quello che ancora deve venire,
 
e quando tu lascerai che le cose accadano
 
allora le vedrai veramente accadere.
 
Esprimi ancora il tuo amore,
 
se lo vuoi,
 
esprimilo fino in fondo,
 
striscia per terra,
 
se lo vuoi e se lo puoi,
 
per quell'amore,
 
ma, poi, una volta,
 
che hai espresso tutto,
 
una volta, che,
 
hai svuotato la tua anima colma,
 
devi accettare la realtà delle cose.
 
Gioca
 
tutte le tue carte, ma, poi,
 
devi accettare la realtà di quel gioco.
 
Ti sentirai stanco come dopo aver percorso
 
più della metà del cammino della tua vita,
 
svuotato
 
lo so, lo sento, lo vedo, lo ascolto
 
lo comprendo,
 
ma, verrà il momento, che,
 
tutto ciò ti verrà tornato,
 
aspetta nel tempo, che,
 
il tempo faccia passare ed evolvere
 
questo momento..
 
Lascia passare questa stagione del Non Amore
 
E attendi le
 
Stagioni della tua vita
 
Tu hai detto,
 
hai espresso,
 
hai comunicato
 
tutto ciò che senti
 
e questo ti deve bastare
 
non puoi fare altro
 
Ora hai tutto fatto,
 
ora hai tutto detto.
 
non ti resta che aspettare,
 
che, tutto passi.
 
Non è amore
 
quello che si trasforma in odio,
 
non è mai stato amore,
 
ma solo possesso.
 
Un anima non la si possiede
 
non la si possiede mai,
 
ma, la si coltiva.
 
giorno per giorno
 
come un fiore
 
un anima non la si rinnega,
 
ma si continua ad amarla
 
anche se non c'è più.
 
Ma le risposte sono un'altra cosa..
 
Noi amiamo per quello che proviamo nel cuore
 
Non per le risposte che otteniamo
 
E quell'amore, che proviamo in noi, nessuno ce lo potrà mai togliere..
 

Frasi vecchie

22 marzo 2010 ore 21:31 segnala
Ero solo anch'io prima di incontrare te ,  
solo che prima non lo sapevo che c'eri.
Se ci guardi coi miei occhi ci vedi tutti e due.
E siamo insieme.
 
Non c'è acqua che posso raffreddare un amore ,
non c'è alluvione che possa annegarlo.
 
A volte ci sono soluzioni drastiche per comprendere la vita
 
 
Questa è la strada  
delle scelte sbagliate
degli incontri perduti
delle occasioni mancate . . . .  
 
1000 vite , 1000 morti , 1000 mani sfiorate
quanti cuori traditi , quanti amori volati
via
laggiù , nell'orizzonte velato alle spalle del treno dal binario infinito che ti porta
via
sulla strada delle scelte sbagliate
 
E del male che hai dentro per quell'unico incontro  
con Lei
 
            ... Il tempo non ha senso quando si percorre la strada sbagliata . .  
 
 

Frasi vecchie

12 marzo 2010 ore 18:58 segnala
Ero solo anch'io prima di incontrare te ,  
solo che prima non lo sapevo che c'eri.
Se ci guardi coi miei occhi ci vedi tutti e due.
E siamo insieme.
 
Non c'è acqua che posso raffreddare un amore ,
non c'è alluvione che possa annegarlo.
 
A volte ci sono soluzioni drastiche per comprendere la vita
 
 
Questa è la strada  
delle scelte sbagliate
degli incontri perduti
delle occasioni mancate . . . .  
 
1000 vite , 1000 morti , 1000 mani sfiorate
quanti cuori traditi , quanti amori volati
via
laggiù , nell'orizzonte velato alle spalle del treno dal binario infinito che ti porta
via
sulla strada delle scelte sbagliate
 
E del male che hai dentro per quell'unico incontro  
con Lei
 
            ... Il tempo non ha senso quando si percorre la strada sbagliata . .  
 
 

Alcool

09 marzo 2010 ore 08:40 segnala
dom 07 mar 2010 21:44:28 CET

Sono qua sul letto , la testa ancora che picchia , da fastidio , di quelli leggeri ma persistenti , come un rumorino di sottofondo quando cerchi di prendere sonno la sera.
ieri sera ho esagerato con il bere , ne avevo bisogno lo cercavo , che cosa stupida.
Di solito bevo in compagnia ma quasi mai sino a stare male riesco arrivare a un punto dove mi fermo dove dentro di me dico "ok basta se vado oltre rischio di stare male e vomitare" , stà li per me il segreto , bere con moderazione , quel tanto che basta a mantenerti sobrio ma non ubriaco da stare male.
Ieri sera non ho capito il mio limite , mi sono ritrovato la "botta" tutto di un colpo , nessun campanello di allarme che facesse presagire tutta la nausea che mi sarei portato dopo.
La cosa più sbalorditiva è che vorrei riuscire a essere come sono da ubriaco senza bere.
Ricordo appena arrivati nei pressi nella discoteca entriamo in un barretto piccolo , là dentro ci sono già delle ragazze più grandi di noi , saranno state sopra i 30 già belle che andate , ballavano erano tutte sguaiate ma animavano quel piccolo bar dove in tutto saremo stati in 15 tra persone dentro e nel poco spazio che offriva fuori per sedersi.
Vabbè fatto stà che queste ragazze cercano di coinvolgere il mio amico nel loro divertimento , ridono , scherzano... io avevo solo freddo , eravamo con i miei amici senza giacca x nn pagare il guardaroba e fuori c'era un freddo siberiano, io avevo solo quello: FREDDO , mani conserte e la voglia che gli altri 2 compari si sbrigassero a bere per entrare al caldo della discoteca.
Guardo il mio amico , cerca di entrare in sintonia con quelle ragazze , mi abbraccia perchè vuole la spalla , mi sorride come per dire "dai su andiamo a divertirci anche noi con loro" ed io facevo finta di non aver capito il suo sguardo di invito , me ne stavo li in disparte .... arrobbato.
Poi entraimo in discoteca inizia l'alcool , bevevo e mi sentivo allegro ma non da stare male però ero come desideravo essere.
Andavo in giro da solo e non era un problema non mi vergognavo , dopo un pò incontravo sempre qualcuno che conoscevo quella sera c'erano parecchi conoscenti in quel posto , ed ero a mio agio non mi facevo paranoie , riuscivo a ridere a divertirmi a socializzare insomma .
Se volevo andare in bagno andavo da solo non avevo bisogno della spalla perchè poi mi perdevo che ero da solo e sarei dovuto andare in giro come uno scemo a cercare gli altri , non me ne fregava nulla.
Poi si è presentato il prezzo della serata tutto di un botto ed io non ero preparato quindi si può immaginare la scena che ne consegue con vomito e giramenti di testa assurdi.
Quello che mi dà più da pensare è che sarei stato contento di aver mantenuto l'equilibrio senza stare male , cioè tradotto in parole povere , mi da pensare il fatto che sono arrivato alla conclusione che "senza bere non mi diverto"
ed è brutta come cosa , a un certo punto non ho più il muso duro con la smorfia ma ho il sorriso stampato sono solare sono come vorrei essere.
Me ne sono accorto già prima dicevo "cazzo se ero così dentro quel baretto con quelle ragazze là ma quanto mi sarei divertito?" gli avrei chiesto il numero gli avrei chiesto se andavano spesso li e se il prossimo sabato ci si poteva divertire tutti insieme e invece mi evitavano dapprima loro , mi evitavano perchè avveo la faccia da scazzato e non si avvicinavano a me , avevo il muso storto le mani incrociate e il broncio , non ispiravo di certo simpatia.
Non capisco davvero che mi manca per essere come vorrei essere , quando sono li in mezzo penso che vorrei essere enorme vorrei avere un sacco di muscoli per usarli come scudo , per nascondermi dietro di loro per non essere timido.
Che poi timidissimo non lo sono ma se vai in discoteca , beh la discoteca non è concepita per fare 2 discorsi devi essere solare e socievole se vuoi divertirti devi avere una buona gestualità e saperci fare nei modi attrarre simpatia solo dai movimenti visto che con tutta la musica che c'è non si può parlare , è un linguaggio fatto a gesti , di abbracci con amici di sorrisi , e io senza bere non ci riesco ed è.... triste.
Non sono nenache pentito di aver bevuto tornassi indietro lo rifarei , di meno ma avrei bevuto lo stesso , ho strafatto , quello che mi pesa ora è come mi sento , se giro la testa da una parte all'altra di scatto mi gira il mondo intorno anche solo se alzo lo sguardo per vedere l'ora sull'orologio di fronte a me accuso il giramento di testa , ecco di quello sono scazzato ma nn del fatto ke ho bevuto , i postumi mi fanno girare le scatole.
Come cosa per me vorrei riuscire a divertirmi riuscendo a bere solo 2 colpi e nulla di più , esagerare è brutto e alle volte lo reputo pure necessario per stare in mezzo alla gente , mi fà schifo l'idea di abbassarmi a così tanto , vorrei capire quale parte del mio carattere fà scattare questa cosa , cosa è che non và in me per portarmi a ridurmi come ieri sera.
Il bere tanto non è un divertirsi , il bere tanto non è un divertirsi !

Feel

06 marzo 2010 ore 17:04 segnala
mercoledì 25 giugno 2008 19.35

 
Rabbia , si un po’  
 
Delusione , si anche  
 
Chiudiamo il cerchio , paura ? si tanta  
 
Chiudi gli occhi , ricorda …  
 
"i miei problemi di fronte ai tuoi non sono un cazzo"
 
ho fatto un incidente sotto casa tua , volevo vederti dopo una settimana
"mio padre non vuole che scenda"

ho fatto la notte sono stanco , non ti ci può accompagnare la tua amica all'università?
"non ha voglia di prendere il motorino e non abbiamo voglia di andare a piedi , io come faccio ad andarci?"
 
beh magari potrei uscire insieme ai tuoi amici
"come faccio a portarti da loro? Te 6 un asociale e 6 pesante"
 
senti piove , ho l'auto distrutta dall'incidente e me la sono fatta a piedi xkè sin da te bus nn ne passano , mi puoi stare ad ascoltare?!
"ho fatto una torta alla Francesca se vuoi ti accompagno dalla fermata del bus"
 
"Non so + se t amo o no"
 
Ore sotto il sole a luglio ad aspettarti  
 Questa è l'ultima sera che sono qui esco con la mia amica , ci vediamo dopo ... "ma io veramente" -ormai ho deciso- sino alle 5 della mattina ad aspettare te sveglio senza nulla da fare
 
Ti accompagno in stazione se mi dici l'ora "mio padre non vuole che ci sei" .... dove 6 , che fai , dimmelo ti prego xkè mi tratti così? "scendo a tortona ho il cambio lì" , cambio li  x andare dove? "non posso dirtelo" , autostrada , caldo , non ho l'aria condizionata , sole , troppo , ho bisogno di acqua , litighiamo non posso andare là , torno indietro , stà finendo la benzina , ho sete , la saliva nn scende nemmeno + , arrivo a casa , non ho fame , 1 , 2 , 3 , le sigarette fanno da segnatempo con loro passa , i giorni vanno avanti io sono fermo a ieri  
 
Le persone cambiano io no  
 
 
Riaperti . . .  
 
Paura ancora di soffrire? No ho già sofferto 

Lampo di vita

21 febbraio 2010 ore 00:30 segnala
Diciamo in quell'anno sono uscite le canzoni più triste che abbia mai ascoltato , la segretaria al mio fianco la canticchiava come fosse un tormentone estivo , una di quelle canzoni allegre che fanno ballare tutti , io cercavo di capire chi la cantasse e quale fosse il titolo , ascoltavo le parole

Delirio

15 febbraio 2010 ore 11:41 segnala
domenica 20 gennaio 2008
 
DeLiRiO
 
No , non ce la faccio a guidare , la testa , si la testa mi pulsa , devo respirare piano , accostare , si devo accostare appena posso si , prima del ponte ,  arrivato , ora spengo il motore.   
 
Non respiro tranquillo , le lacrime scendono non ragiono + , ok non sono + io , mi escono parole che non fanno parte di me , che brutto ricordo . . .  
 
 
"[...]Sono immortale , non puoi uccidere chi è già morto! E allora di cosa hai paura? Di nulla io non ho paura di nulla [...] "   
 
- Paura di non tornare più come prima? -
 
Sapevo , credevo … speravo di ritornare in me , ci sarei ritornato solo che non sapevo dopo quanto tempo , minuti , mezz'ore , ore ….

Lei

13 febbraio 2010 ore 21:39 segnala
" è con lei che mi sveglio ogni mattina , è con lei che prendo sonno di sera"

Lei

13 febbraio 2010 ore 21:01 segnala
La mia chance per dimenticare per rompere l'anello mi diceva per spezzare la catena per non ridurmi a cantare "Perchè io da quella sera non ho fatto più l'amore senza teeeeeee" , la canzone è carina ma te te lo ricordi chi la canta? -NO... ecco infatti non fare la fine di quello che viene dimenticato.
Quello , quello è l'ultimo anello che ti tiene saldo a lei , spezzalo , spezzalo , -Oddio ma che rè? ma che fa parte della cura? è terapia?!? - diciamo di si

Ragazza normale , niente di superbo , di quelle che passano per strada e ti rimane indifferente non ti giri per commentare il suo culo e non ti volti nemmeno per commentare quanti facesse schifo , una ragazza comune insomma.
Beh 7 anni dall'ultima volta che l'ho vista erano pure passati , sarà stato un fine settimana , non faccio quasi mai nulla nei fine settimana , probabilmente una domenica perchè ai tempi il sabato avevo il turno fisso dalle 14 alle 20 e mi ricordi che l'ho vista di giorno.

Non ho ricordi del primo bacio con questa ragazza , sò solo che era la mia terapia ed io seguivo la cura.

Alle volte facevo turni pesanti , uscivo da lavoro a mezza notte e mezza e mi sembra di ricordare che per 2 volte mi ha fatto la sorpresa x lei gradita x me un pò meno (finito di camallare la roba volevo solo tornarmene a casa) di farsi trovare nei posteggi dove lasciavo la mia auto.

Arriva capodanno , ci voleva un bella bottiglia di vino per convincermi nell'impresa , le 2 volte precedenti ero stato a letto con la mia fidanzata non con una e basta , si insomma erano le mie 2 ex .

Arriva capodanno e lo facciamo poi qualche altra volta sempre a casa sua , ricordo che faceva freddo in giro che mi affacciavo alla finestra del suo salotto quando mi alzavo dal divano letto e c'era proprio quell'aria pungente invernale , ricordo solo quello il freddo , per strada nella via principale nessuno.

Ma cosa prendi? -Medicine che mi servono- non sapevo che stavi male -Più o meno-

Siamo svegli , siamo sul divano letto aperto , avvicino il mio (perso grazie a una cagna ed era un cel tr tr figo) N70 scelgo la canzone... "lei" , magari questa ragazza pensava che quella canzone era per lei , che ero carino appena sveglio a mettere quella canzone ... Nella canzone "la mia signorina" di Neffa alcuni accostavano la signorina alla "marijuana" in "lei" io ci vedo la mia dose.
Stavo meglio con lei , era la mia nuova abitudine , era la mia Lei.

Poi finita la sessione terapeutica è finito tutto , un'ultima cosa la volevo fare , l'ho sempre voluta fare con Lei ma è stata una di quelle cose che dici "vabbè prima o poi un giorno lo farò" , così mi pare era sera quando scendo dal suo portone proprio in quella via principale di passaggio attacco quel foglio "BUON GIORNO PRINCIPESSA" un pò freddo e privo di sentimento perchè fatto al PC però era più o meno quello che volevo fare con lei , in realtà lo volevo scarabokkiare per strada con una bomboletta con Lei ma anche così andava bene , si poteva accontentare.

Quando lo ha letto mi ha mandato un sms che mi ha fatto piacere riceverlo , non mi ricordo esattamente cosa diceva qualcosa del tipo che era stata una cosa dolce , insomma tutte cose che mi avrebbe fatto piacere leggere se me le avesse scritte Lei.

Iniziamo con mezza dose se non ci sono effetti collaterali puoi prendere la compressa intera