....A me...

09 giugno 2015 ore 21:43 segnala
di Mario Benedetti (Uruguay) ita/espa

Non ti arrendere, ancora sei in tempo
di conseguire e cominciare di nuovo,
seppellire le tue paure,
liberare il buonsenso,
riprendere il volo.
Non ti arrendere perché la vita e così.
Continuare il viaggio,
perseguire i tuoi sogni,
sciogliere il tempo,
togliere le macerie
e scoperchiare il cielo.
Non ti arrendere per favore, non cedere
anche se il freddo brucia
anche se la paura morde
anche se il sole si nasconde
e taccia il vento
ancora c'è fuoco nella tua anima
ancora c'è vita nei tuoi sogni.
Perché la vita è tua e tuo anche il desiderio
perche lo hai voluto e perché ti amo.
Perché esiste il vino e l'amore, è certo.
Perché non vi sono ferite che non curi il tempo
aprire le porte, togliere i catenacci,
abbandonare le muraglie che ti protessero,
vivere la vita e accettare la sfida,
recuperare il sorriso,
provare un canto,
abbassare la guardia
e stendere le mani
dispiegare le ali
e tentare di nuovo.
Celebrare la vita e riprendere i cieli.
Non ti arrendere, per favore non cedere,
anche se il freddo brucia
anche se la paura morde,
anche se il sole tramonti e taccia il vento,
ancora c'e fuoco nella tua anima,
ancora c'è vita nei tuoi sogni
perché ogni giorno è un nuovo inizio,
perché questa è l'ora e il miglior momento.
Perché non sei sola, perché ti amo.
d429b2eb-7bc5-494d-a75c-801d7593514d
di Mario Benedetti (Uruguay) ita/espa Non ti arrendere, ancora sei in tempo di conseguire e cominciare di nuovo, seppellire le tue paure, liberare il buonsenso, riprendere il volo. Non ti arrendere perché la vita e così. Continuare il viaggio, perseguire i tuoi sogni, sciogliere il tempo, togliere...
Post
09/06/2015 21:43:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

la più bella donna della città

28 ottobre 2013 ore 23:21 segnala
Cass era la piú giovane e la piú bella di 5 sorelle. Cass era la piú bella ragazza di tutta la città. Mezzindiana, aveva un corpo stranamente flessuoso, focoso era e come di serpe, con due occhi che proprio ci dicevano. Cass era fuoco fluido in movimento. Era come uno spirito incastrato in una forma che però non riusciva a contenerlo. I capelli neri e lunghi, i capelli di seta, si muovevano ondeggiando e vorticando come il corpo volteggiava. Lo spirito, o alle stelle o giú ai calcagni. Non c'era via di mezzo, per Cass. C'era anche chi diceva ch'era pazza. Gli imbecilli lo dicevano. Gli scemi non potevano capirla. Agli uomini in genere Cass pareva una macchina da fottere, e quindi non gliene fregava niente, fosse o non fosse pazza. E Cass ballava e civettava, si lasciava baciare dagli uomini, ma, tranne qualche rara volta, quando si stava per venire al dunque, com'è come non è, Cass si eclissava, Cass aveva eluso gli uomini.
Le sorelle l'accusavano di sprecare la sua bellezza, di non fare buon uso del cervello. Ma Cass ne aveva da vendere, di cervello e di spirito. Dipingeva, danzava, cantava, modellava la creta, e quando qualcuno era ferito, mortificato, nel corpo o nell'anima, Cass provava compassione per costui. Il suo cervello era, ecco, differente; la sua mentalità non era pratica, ecco quanto. Le sorelle eran gelose perché essa attraeva i loro uomini; ce l'avevano su con Cass perché, secondo loro, sciupava un sacco d'occasioni. Di solito Cass era gentile con quelli piú brutti; i cosiddetti fusti non le dicevano niente. Le facevano schifo. «Senza nerbo,» diceva, "senza grinta. Arrivano, alti in sella, con quei nasi ben fatti, quelle orecchie ben disegnate... Tutta esteriorità, e niente dentro." La sua indole era affine alla pazzia; aveva un temperamento che certi chiamano pazzia.
1ba10251-cf1d-4096-afe2-c8c79688ed7d
Cass era la piú giovane e la piú bella di 5 sorelle. Cass era la piú bella ragazza di tutta la città. Mezzindiana, aveva un corpo stranamente flessuoso, focoso era e come di serpe, con due occhi che proprio ci dicevano. Cass era fuoco fluido in movimento. Era come uno spirito incastrato in una...
Post
28/10/2013 23:21:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    1

ricordo...

28 ottobre 2013 ore 23:13 segnala


I ricordi veramente belli continuano a vivere e a splendere per sempre, pulsando dolorosamente insieme al tempo che passa.
0b1f0467-c457-4dc6-8510-10cc97118c00
« immagine » I ricordi veramente belli continuano a vivere e a splendere per sempre, pulsando dolorosamente insieme al tempo che passa.
Post
28/10/2013 23:13:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment

ricordo...

28 ottobre 2013 ore 18:11 segnala





Il ricordo è un modo d'incontrarsi.
c8cdf663-8208-457c-80ec-33dc675a55a7
« immagine » “ Il ricordo è un modo d'incontrarsi.
Post
28/10/2013 18:11:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

Margherita

04 settembre 2013 ore 23:55 segnala
La colpa di Eva è stata quella di voler conoscere, sperimentare, indagare con le proprie forze le leggi che regolano l'universo, la terra, il proprio corpo, di rifiutare l'insegnamento calato dall'alto, in una parola Eva rappresenta la curiosità della scienza contro la passiva accettazione della fede.

Le mie favole, 2008 Margherita Hack

489a3009-05d4-4e1c-817d-3407d7502fb8
La colpa di Eva è stata quella di voler conoscere, sperimentare, indagare con le proprie forze le leggi che regolano l'universo, la terra, il proprio corpo, di rifiutare l'insegnamento calato dall'alto, in una parola Eva rappresenta la curiosità della scienza contro la passiva accettazione della...
Post
04/09/2013 23:55:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    4

umiltà

01 settembre 2013 ore 23:23 segnala
ritratto di giovanni p.


-Il verme, calpestato, si rattrappisce. E questo è intelligente. Diminuisce così la possibilità di venir calpestato nuovamente.

Nel linguaggio della morale: umiltà…cosi’ scriveva Nietzsche e sull’umilta’ si sono espressi alti rappresentanti della cultura

e in generale della civilta’ rappresentata in ogni suo ordine e grado.

Umiltà è la virtù che frena il desiderio innato dell’uomo di innalzarsi sopra il proprio merito questo lo disse Tommaso D’Aquino.

Parto da queste due affermazioni fatte da personalita’ antitetiche tra loro, per soffermarmi sul significato e

sull’alto valore che da sempre e per ogni essere pensante ha ricoperto la parola umilta’.

L’aggettivo umile è riferito a persona, non orgogliosa di sé e dei propri meriti, priva di superbia e rispettosa

o ancora come si puo’ trovare in un qualsiasi dizionario :

“Di chi ha piena coscienza dei propri limiti e non prova orgoglio per le proprie doti e i propri meriti

né superbia per i successi che consegue”.

Oggi ritengo il valore dell’umilta’ uno dei perni principali su cui dovrebbe basarsi l’educazione

sia familiare che scolastica, ovvero far capire che l’arroganza, l’auto-elogio e la disistima

o sminuizione dei valori altrui, non è un’arma positiva come purtroppo oggi in molte occasioni

invece si fa credere. Non puo’ ammettersi l’auto elogio in quanto si deve aspettare che gli altri

ti dicano come ti vedono e mai quindi potrei ad es. affermare di me di essere “onesto, cortese, disponibile,

sincero” e quant’altro se non dopo aver avuto “affibiate” tali qualita’ da altre persone e ugualmente dopo,

non far vanto di cio’ perche’ si perderebbe ad esempio credibilita’ apparendo pieni di se’ e

quindi perdendo le qualita’ suddette nonche’ l’umilta’.

Quasi sinonimo di umilta’ e compagno di cammino è la modestia ovvero :

“Qualità di chi è consapevole dei propri limiti, non mostra presunzione, non ostenta le proprie qualità”.

Jean De La Bruyere diceva :

“La modestia è per il merito quello che sono le ombre per le figure di un quadro: gli dà forza e rilievo.”

Altre virtu’ oggi andate in disuso e per me sicuramente da rimettere come basi di una rinascita culturale sono

la semplicita’ e il rispetto, semplicita’ nel porsi e il rispetto per le differenze di qualsiasi tipo

e per le liberta’ di ogni genere.

Ancora oltretutto si fa confusione tra l’esser buoni e il buonismo, o tra il rispetto dei valori morali e il moralismo;

mentre la base di queste parole indica qualita’ e doti positive,

l’alterazione con “ismo” accentua l’eccesso dell’utilizzo e quindi rende negative le stesse;

quindi io mi auguro di apparire buono ma non buonista,

di esser portatore di regole morali e non moralista e cosi’ via.

Molti considerano l’umilta’ una debolezza, mentre l’aggressivita’ e l’orgoglio delle virtu’;

io vorrei che questi stereotipi fossero completamente sovvertiti; è un mio desiderio,

forse una delle tante utopie ma lo sento come reale dentro me.

Questa è una delle tante riflessioni introspettive che faccio, ma ho voluto esternare il tutto,

perche’ di solito mi fermo a riflettere su cio’ che faccio e su cio’ che ho fatto,

specie quando a volte l’istinto prende il sopravvento e mi rendo conto che ragionare

e razionalizzare a volte farebbe bene a tante persone,

me compreso, che ancora mi ostino a credere che la mente sia perno fondamentale dell’uomo e

la speranza che le avversita’ della vita non facciano mai perdere il sano spirito del saper vivere e

dell’essere gioiosi positivi e pieni di speranza nel futuro e nel genere umano.
19da6d24-7831-43b9-ba1a-5b9aed406c79
ritratto di giovanni p. -Il verme, calpestato, si rattrappisce. E questo è intelligente. Diminuisce così la possibilità di venir calpestato nuovamente. Nel linguaggio della morale: umiltà…cosi’ scriveva Nietzsche e sull’umilta’ si sono espressi alti rappresentanti della cultura e in generale...
Post
01/09/2013 23:23:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Un uccello azzurro

31 agosto 2013 ore 22:30 segnala
nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire
ma con lui sono inflessibile,
gli dico: rimani dentro, non voglio
che nessuno ti
veda.

nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire
ma io gli verso addosso whisky e aspiro
il fumo delle sigarette
e le puttane e i baristi
e i commessi del droghiere
non sanno che
lì dentro
c'è lui

nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire
ma io con lui sono inflessibile,
gli dico:
rimani giù, mi vuoi fare andar fuori
di testa?
vuoi mandare all'aria tutto il mio
lavoro?
vuoi far saltare le vendite dei miei libri in
Europa?

nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire
ma io sono troppo furbo, lo lascio uscire
solo di notte qualche volta
quando dormono tutti.
gli dico: lo so che ci sei,
non essere
triste

poi lo rimetto a posto,
ma lui lì dentro un pochino
canta, mica l'ho fatto davvero
morire,
dormiamo insieme
così col nostro
patto segreto
ed è così grazioso da
far piangere
un uomo, ma io non
piango, e
voi?
77656e33-86fb-4df7-82c6-8996c7e6e9df
nel mio cuore c'è un uccello azzurro che vuole uscire ma con lui sono inflessibile, gli dico: rimani dentro, non voglio che nessuno ti veda. nel mio cuore c'è un uccello azzurro che vuole uscire ma io gli verso addosso whisky e aspiro il fumo delle sigarette e le puttane e i baristi e i commessi...
Post
31/08/2013 22:30:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

caos

31 agosto 2013 ore 22:26 segnala

il senso della vita

29 agosto 2013 ore 22:04 segnala
http://youtu.be/n61VzOixOnA