condivido la mia esperienza con voi

19 novembre 2008 ore 10:09 segnala
Ogni volta che vado in ospedale sono passato sempre davanti a quella porta verde chiusa a volte mi soffermavo a guardarla per capire cosa ci potesse essere al di la di quella porta, e’ normale e scontato che li dietro ci sia solo dolore e sofferenza,chiedendomi sempre fino a che punto si poteva spingere tanta sofferenza? Parlando con il mio amico che e’ medico in quell’ospedale mi ha spiegato per filo e per segno cosa ci possa essere al di la di quella porta, mi ha detto che anche li c’e’ vita ma la sofferenza piu’ atroce e’ vedere il logorio per i cari di quelle persone che sono li dentro, li vedi la vita delle persone vagare senza meta perche’ loro quasi non si rendono conto che la loro vita sta sfuggendo,comunque mi aveva detto che se volevo potevo varcare insieme a lui quella porta verde e che ssarebbe stata un esperienza molto importate della mia vita,io sinceramente non avevo mai avuto la serenita’ mentale per fare tale esperienza, ma poi ultimamente siccome la mia vita in questo ultimo periodo e’ molto tranquilla e serena allora pochi giorni fa ho deciso di fare quest’esperienza che volevo condividere insieme a voi,quindi da come avete potuto ben capire sono entrato per la prima volta in vita mia in una sala di rianimazione.Appena sono entrato c’era una saletta dove degli addetti ti mettono una camicia ,una mascherina ed una cuffia sterili,poi si entra in una stanza immensa con tutti macchinari intorno,il mio amico dottore stava insieme a me per andare a visitare un suo paziente, mi ha detto “ecco cosa c’era dietro quella porta verde”,le mie sensazioni sono state d’avvero forti qundo ho stretto la mano a quel paziente e lui stingeva forte la mia e mi ha sorriso,vedere tutte quelle persone che combattono tra la vita e la morte e nonstnte tutto hanno ancora la forza per ridere a chi li va a trovare tutto cio’ e’ bellissimo e mi ha lasciato un emozione indescrivibile.Tornando a casa in macchina mille domande hanno affollato la mia mente; che vita e’ quella e perche’ tanta sofferenza per continuare a vivere? Perche’ a volte la vita tanto e’ bella ma e’ altrettanto crudele?queste purtroppo sono domande a cui una risposta non c’e’……

Semplicemente grazie ad andrea.

10229685
Ogni volta che vado in ospedale sono passato sempre davanti a quella porta verde chiusa a volte mi soffermavo a guardarla per capire cosa ci potesse essere al di la di quella porta, e’ normale e scontato che li dietro ci sia solo dolore e sofferenza,chiedendomi sempre fino a che punto si poteva...
Post
19/11/2008 10:09:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. sanakore77 19 novembre 2008 ore 11:43

    caro boy quelle domande che ti sei posto purtroppo avrebbero milioni di risposte, quella a cui ho voluto dare una ragione io, è che il dolore e la sofferenza fisica, nonchè mentale, sono prove che il destino ci mette sul nostro cammino, per migliorarci, per renderci veri, a volte più umani... ciò che mi fa piacere è notare che in te c'è una grande sensibilità, e il mondo avrebbe davvero tanto bisogno di persone che come te afferrano in piccole cose la grandezza dell'essere vivi... un bacio e buonagiornata

    :rosa

  2. 25simona67 19 novembre 2008 ore 12:11
    :rosa ogni tanto ognuno di noi compresa me dovrebbe andarci più spesso in questi posti per comprendere appieno tutto ciò che abbiamo e che diamo per scontato ma che non sempre lo è,anche aprire gli occhi la mattina e godere di un sole bellissimo quando ci sono chi non può farlo più...una dolce giornata
  3. seilamialuna 19 novembre 2008 ore 14:07
    e grazie del commento..........un post bellissimo il tuo............

    voglio raccontarti forse qualche perchè..........vedi io nel 2003 non stavo molto bene ma sai ho avuto molti problemi in passato..........comunque era un periodo che avevo strani sintomi.............sintomi a cui una persona a volte non bada..........avevo i linfonodi alle stelle sembravano delle noci.........e continuavo a dire poi devo andare dal medico..........poi...........poi........e ancora poi..........fino a che una mattina mi svegliai con una specie di sacca dietro la testa con del liquido........il mio ex compagno mi portò subito in ospedale........entrammo al pronto soccorso e dissi che oltretutto accusavo dolori molto forti e non riuscivo a respirare bene............insomma per fartela breve mi diagnosticarono un tumore al torace ........un Timoma.........ma la cosa preoccupante non era tanto il tumore in sè quanto la sacca che si era formata e che lo racchiudeva piena di liquido...........fù un'operazione molto lunga 7 ore e mezzo passarono da sotto il braccio e il polmone sinistro infatti ho una vistosa cicatrice .........(avrebbero dovuto dal torace ma mi avrebbe lasciato una cicatrice molto poco piacevole da vedere)..........andò tutto bene .............però dopo 10 giorni mi venne un'infezione all'interno e non ti stò a dire cosa passai..........un mese con la ferita aperta ,tamponi e medicinali che sentivo le fiamme all'interno e due sonde che arrivavano una  al polmone e l'altra al torace.......................dopo un mese l'infezione scomparve e decisero di rifilare la cicatrice e ricucirmi..............vedi io ho sempre tenuto duro non mi sono mai arresa.........ero io che confortavo la mia famiglia e che minimizzavo tutto.......i miei figli erano terrorizzati al pensiero che non sarei tornata a casa...........la piccola aveva un anno e otto mesi la teneva mia sorella e a me quello che faceva soffrire era la lontananza dai miei figli...........per il resto non sentivo paura solo ero come quando da bambini si ha paura del buio e vuoi qualcuno che ti stringa la mano e ti dica tranquilla sono qui...............tra le sofferenze e i dolori che tutto ciò mi portava l'unico mio pensiero era ........dai che passa giò passa tutto e tra qualche mese ne riderai........poi c'erano giorni che dicevo ...........mi sà che non la supero sta cosa...........
    vedi ci si aggrappa alla vita .....anche se nello sconforto della malattia ti vien da dire basta è meglio morire non è vero ci si aggrappa con le mani e i denti...........e non molli la presa............si il pensiero ma che vita è questa? ti viene e i ricordi di quando stavi bene si affollano...............però vuoi vivere...............sai a me fa più paura quando penso basta non ce la faccio più....perchè in quel momento sono io a decidere di andare............che quando mi hanno detto gioia hai un tumore dobbiamo fare presto!

    Io sono una di quelle persone sempre a rischio ma ho capito com'è bella l'aria che respiro e non sai per quante persone sono stata d'aiuto con la mia esperienza....................chi soffre e stà male ha solo bisogno di sentirsi amato e stringere una mano che lo rassicuri perchè la cosa che fa più paura è andar via soli senza nessuno vicino che ci accompagni fino alla porta e poi ci lasci andare........(cosa di cui a volte i medici e chi lavora attorno a loro non tengo conto anche se sò che fanno molto )

    Perdonami se mi sono dilungata ma sai volevo solo raccontarti la mia!

    un :bacio..................luna@







  4. lunapiena13 19 novembre 2008 ore 14:58
    IO POSSO CAPIRE ORA COSA SI PROVA IN QUELLE SALE, NEI REPARTI....  VADO  NEGLI OSPEDALI A PORTARE I PAZIENTI.... E CERTA GENTE  SI LAMENTA PER UN PO' DI TOSSE...NON SA NEMMENO CHE VUOL DIRE.... SI VEDONO TANTE COSE...E DARE UNA MANO E UN SORRISO è LA MIA SODDISFAZIONE PIU' GRANDE.....LUNA.:bacio
  5. mammaxsempre 19 novembre 2008 ore 15:20
    MAMMA MIA SANTISSIMA MA XKE' NELLA VITA C'E TANTA SOFFERENZA? IO IN QUESTO XIODO SN A CONTATTO CN GLI OSPEDALI XKE' MI DEVP OPERARE....E TI GIURO CHE HO IL TERRORE...XKE' GENTE CHE HANNO AFFRONTATO UN INTERVENTO DA NULLA NN E' PIU' USCITA CN LE SUE GAMBE....MALASANITA'...C'E NE TANTA...E XSONE CHE STANNO MALE SUL SERIO NN SI POSSONO CONTARE....BHE' DOBBIAMO SPERARE SEMPRE IN BENE....E PREGARE!!!  CIAO
  6. jenifer65 19 novembre 2008 ore 15:45
    ciao boy la tua esperienza mi ha fatto venire i brividi ma stringere la mano a ki sta male e una cosa ke ti fa vivere il sapere ke sei di aiuto a qualkuno è la cosa + bella ci dovrebbe essere un pòò + umanità a questo mondo ognuno pensa a se e nn si guarda mai indietro cmq grazie di essere passato da me e dei saluti ti aspetto ancora e io di sicuro tornerò a leggere le tue esperienze  un bacio
  7. roseblu7 19 novembre 2008 ore 16:25
    ciao grazie anche a te ..hai scritto parole vere un sorriso aiuta nella sofferenza....:dottore
  8. Mine62 19 novembre 2008 ore 16:40

    PER CONDIVIDERE LA VOSTRA SPERIENZA CON NOI,

    MA NON PARLO DIL FATTO CHE DICI, PARLO DELLA TUA FORZA CHE HAI, IL CORAGGIO CHE HAI AVUTO PER VIVERE QUESTA SPERIENZA, VERAMENTE, CHE OGNI VOLTA CI DAI UNA MOSTRA DI FORTALEZA E DI CORAGGIO PER AFFRONTARE LE COSE COME QUESTE.

    UN SALUTONE

    MINE

  9. rosy2006 19 novembre 2008 ore 16:56

    solo quando pratichiamo ospedali ci rendiamo conto

    la sofferenza di tante persone

    noi a volte ci lamentiamo per nulla..per stupidate solo cosi ci rendiamo conto solo avendo la salute gia e tanto:-)

    serena serata nonnetto:hoho

  10. ada79 19 novembre 2008 ore 17:20

    L’amicizia è come un albero in primavera fiorisce sempre di più fino ad arrivare ai frutti. Avere un amico è una fonte di ricchezza dove potrai sempre appoggiarti dopo una burrasca. L’amicizia è come una giungla piena di avventure, emozioni, felicità e di insidie; ma se è davvero importante non morirà mai..buona serata passa  a leggermi il capitano

  11. claudia.conti 19 novembre 2008 ore 17:59

    anch'io non ho risposte e..non mi pongo neppure le domande....non ho mai accettato l'idea che persone siano costretta a vivere veri e propri calvari...per non parlare del fatto che non a tutti tocca quella sorte...

    ma questo sarebbe un altro discorso..

    dico solo che, se anche noi dovessimo trovarci in quelle situazioni, ..dovremmo avere almeno la fortuna di avere i nostri cari che si occupano di noi...alcuni di noi non hanno nessuno che voglia farlo...perciò sarebbe almeno auspicabile che i medici potessero decidere di abbrevviare le sofferenze senza dover fare i conti con le nostre leggi carenti in materia...

     

  12. lakyvr 19 novembre 2008 ore 18:22

    della vita questo ci hanno regalato...e sapere che ci sono persone che soffrono non per scelta loro è terribile..anch'io ho avute esperienze per quella stanza..ho toccato la mano..ho sussurato all'orecchio lacrime scendere con occhi chiusi e quando senti quella macchina che ti indica  è vivo  ed...ad un tratto  quella macchina inizia a fischiare e sentire le frequenze alzarsi a dismisura quasi stesse per passare il corpo dei bersaglieri...ecco in quel momento il tuo semplice gesto...si è dato  una risposta...UMANITA'....

    complimenti per il post....

                                            Luciano

  13. kes74 19 novembre 2008 ore 19:32
    ciaooo che dire?in questo post hai detto tutto cio che condivido in pieno!a volte davvero si sta male per le cose più stupide e nn ci si rende conto che invece sono queste le cose più importanti e vere!solo quando si tocca con mano il dolore degli altri capisci che tutto quello ke ti accade nn è nulla!io sono stata in ospedale per motivi più futili ma credimi quando avevo vicino persone ke stavano davvero male io ero li pronta a prendermene cura semplicemente con un sorriso o solo stringendogli la mano!e solo con quel semplice gesto li rendevo felici!ti auguro una buona serata!preparati ke metteroò una canzone di ninooo!!ciaoo un abbraccioo!smakk
  14. meri3palle 19 novembre 2008 ore 20:20

    Stiamo bene anche qua ...caro mio

    Anche quando ci buttiamo via
    per rabbia o per vigliaccheria
    per un amore inconsolabile
    anche quando in casa il posto ? pi? invivibile
    e piangi e non lo sai che cosa vuoi
    credi c'? una forza in noi amore mio
    pi? forte dello scintillio
    di questo mondo pazzo e inutile
    ? pi? forte di una morte incomprensibile
    e di questa nostalgia che non ci lascia mai.

    Quando toccherai il fondo con le dita
    a un tratto sentirai la forza della vita
    che ti trasciner? con se
    amore non lo sai
    vedrai una via d'uscita c'?.

    Anche quando mangi per dolore
    e nel silenzio senti il cuore
    come un rumore insopportabile
    e non vuoi pi? alzarti
    e il mondo ? irraggiungibile
    e anche quando la speranza
    oramai non baster?.

    C'? una volont? che questa morte sfida
    ? la nostra dignit? la forza della vita
    che non si chiede mai cos'? l'eternit?
    anche se c'? chi la offende
    o chi le vende l'aldil?.

    Quando sentirai che afferra le tue dita
    la riconoscerai la forza della vita
    che ti trasciner? con se
    non lasciarti andare mai
    non lasciarmi senza te.

    Anche dentro alle prigioni
    della nostra ipocrisia
    anche in fondo agli ospedali
    della nuova malattia
    c'? una forza che ti guarda
    e che riconoscerai
    ? la forza pi? testarda che c'? in noi
    che sogna e non si arrende mai.
    Coro: E' la volont?
    pi? fragile e infinita
    la nostra dignit?
    la forza della vita.

    Amore mio ? la forza della vita
    che non si chiede mai
    cos'? l'eternit?
    ma che lotta tutti i giorni insieme a noi
    finch? non finir?
    Coro: Quando sentirai
    che afferra le tue dita
    la riconoscerai
    la forza della vita.

    La forza ? dentro di noi
    amore mio prima o poi la sentirai
    la forza della vita
    che ti trasciner? con se
    che sussurra intenerita:
    "guarda ancora quanta vita c'?!"
    :bye

  15. luci46 19 novembre 2008 ore 20:40

    La sofferenza che si trova in ospedale non ha eguali, persone che soffrono sperando di guarire..persone che soffrono ed in cuor loro sanno che non ce la faranno ...ma cercano di trasmettere speranza e forza a chi amano....il dolore  fine a se stesso..solo per morire è quello che mi sconvolge di più...che non riesco ad accettare.....

    Luci

  16. PrincipessaOto88 19 novembre 2008 ore 21:28
         _.'^^'.   
        _      _.-' ((@)) '.   ./\/\/\/\/\/\,.---.__
    ..'o'...-'      ~~~    '~/\/\/\/\/\/\__.---.   `-._
    :                          /\/\/\/\,-'              `-.__   jgs
    ^VvvvvvvvvvvVvVv                   |                     `-._
      ;^^^^^^^^^^^`      /             `\        /               `-._
       ```````````````'.`                `\     (                    `'-._
                .-----'`   /\              `\    )--.______.______._______`/
               (((------'``  `'--------'`(((----'


    CIAO PASSAVO DA QUI...AUGURANDOTI UNA BUONA SERATA E SOGNI D ORO....
  17. ada79 19 novembre 2008 ore 22:25

    L’amicizia è come un albero in primavera
    fiorisce sempre di più fino ad arrivare ai frutti.  Avere un amico è una fonte di ricchezza dove potrai sempre appoggiarti dopo una burrasca.L’amicizia è come una giungla piena di avventure, emozioni, felicità e di insidie; ma se è davvero importante non morirà mai
    ..
    HO AVUTO UNA GIORNATA INFERNALE...          SERENA NOTTE 

    PASSA A LEGGERMI ...IL CAPITANO

  18. AngelGirl.08 19 novembre 2008 ore 23:13
    VADO A NINNA TI AUGURO UNA DOLCISSIMA NOTTE E SOGNI D' ORO :batadorme
    BACIONE :bacio
    SERENA :ciao
  19. ANGI111 20 novembre 2008 ore 00:09

    sono spesso a contatto con persone che soffrono, nelle case, negli ospedali . Una carezza, un sorriso, tenere le loro mani strette nelle nostre, può aiutare  tantissimo.

    Dolce notte. Angela 

  20. ada79 20 novembre 2008 ore 15:13

    Un consiglio, un segreto e un sorriso fanno un’amicizia; segui il consiglio, nascondi il segreto e quando hai voglia di piangere sorridi! E avrai un’amicizia..PERCHE’ Amicizia non è solo fare 4 chiacchere, non è solo amore, desiderio o dolore... Amicizia è qualcosa di più, è leggere le tue stesse parole negli occhi dell’altro, è un sorriso aperto sulle finestre del mondo... è una mano tesa per dirti che non sei mai solo!  

    TI VOGLIO BENE ..passa a leggermi buona giornata il capitano

  21. Arwelyn 20 novembre 2008 ore 15:32

    ..dev'essere stata un'esperienza forte emotivamente ma anche bella, forse ti ha fatto crescere e ti ha insegnato qualcosa..

    Ti scrivo per dirti (xchè nn ricordo se te l'ho già detto) che mi laureo in scienze ambientali indirizzo marino, me l'avevi chiesto l'altra volta da me e ancora nn ti avevo risposto..:-))) è una specie di biologia marina ma più generale e cn più sbocchi poi alla fine x il lavoro e si interessa della parte chimica e biologica del comparto ambiente..:okl'adoro!!

    Buona giornata :bye

    Arw.:angel

  22. gioiamia76 20 novembre 2008 ore 18:24

    Beh, io non ho mai visitato una sala rianimazione, ma mi è capitato di passare lunghi periodi in ospedale accanto ad un mio caro e, in seguito, di stare accanto allo stesso caro in coma... e lottare e fare di tutto per farlo risvegliare... senza perdere mai la speranza... e, anche se poi il risveglio è durato poco, vivere nella speranza e veder poi quella speranza avverarsi è stato meraviglioso... tanto dolore, è vero, ma anche tanta forza e coraggio ho acquistato da questa esperienza... Forse è questo il significato del dolore: imparare ad amare la vita che spesso si dà per scontata... imparare a non arrendersi... e riscoprire in un sorriso di chi soffre, quanto sia bello sorridere al prossimo e alla vita... soprattutto per chi, anche in salute, non trova un secondo per donare un sorriso al prossimo... è il modo pre rispettare il dolore di tanta gente è proprio quello di rendersi conto di quanto preziosa sia la vita e che dono immenso essa sia e, soprattutto che deve essere spesa a donare... donare speranza, amore... o anche un semplice sorriso a chiunque...

    baci

  23. sognoinfranto1 20 novembre 2008 ore 18:36

    E sopratutto so che si prova....:-)

    sono stata in Africa in un lebrosario e.....sentirsi dire alla nostra domanda su come...trèe bien....è qualcosa che ti sciocca:-)

    Non so il francese:shy quindi scusami se l'ho scritto male:-)

    Bel post....Tonia:batafiore

  24. kes74 20 novembre 2008 ore 19:08
    ciaooo ho postato nino!!quando vuoi passa!un bacione buona serataaa!smak
  25. luci46 20 novembre 2008 ore 22:53
    Una notte piena di stelle  per te Luci :fiore
  26. Duchessazzurra 20 novembre 2008 ore 23:20

    questo post è bellissimo ..purtroppo anche io ho molta esperienza negli ospedali, visto che i miei hanno avuto problemi più o meno gravi, non ultimi gli esiti delle analisi di mia Mamy. Anche io ho già avuto la mia buona parte di villeggiature negli hotel con camerieri con camici bianchi...Quando sei in queste situazioni ti rendi conto che tutto quello che hai non è niente, che tutto può sfuggirti in un attimo..ma anche come dici tu , vedere la gran forza d'animo dei malati.. Io ho Mamy che tira su di morale me.....

    Un bacio..sn tornata e spero di rimanere..Angy:angel

  27. master6197 21 novembre 2008 ore 02:10
    basta veramente poco per donare a tutte le persone che sono in ospedale o allettate un sorriso come detto dai commenti precedenti un gesto che per noi è insignificante per loro è qualche cosa di straordinario vedi il loro volto che si illumina. capisco tutte queste persone perchè come loro anche io sono stato in ospedale per 4 mesi di cui 1 mese e mezzo attaccato alle macchine perchè lottavo tra la vita e la morte e come loro anche io cercavo un sorriso una voce amica che mi dicesse "tranquillo non sei solo ce la farai". ci si aggrappa a tutto in quei momenti perchè la tua paura ti butta nello sconforto piu profondo e si trova la salvezza grazie alle persone che ci sono affianco. ti auguro una buona notte e una buon venerdi ciaooooooo.
    p.s. grazie della tua visita
  28. iside72 21 novembre 2008 ore 10:22
    bello il tuo post.. si credo che ognuno di noi dovrebbe varcare quella porta perke io penso che a volte ci lamentiamo a vuoto dei nostri problemi non pensando a quanta gente soffre... a questa gente basta un sorriso, una carezza una stretta di mano perchè per loro è molto mentre per noi è quasi scontato... in questo mondo occorre piu sentimento e meno egoismo...
    un abbraccio, buona giornata, cris :-)
  29. creamy78 21 novembre 2008 ore 10:43

    come gia saprai io lavoro all'ospedale,sono alle sale operatorie,le sanifico ma prima nel 2003 lavoravo in rianimazione,percio' ti capisco benissimo,un posto pieno di sifferenza che mi faceva stare sempre con le lacrime agli occhi ma al tempo stesso con tanta gioia nel cuore quando vedevo qualcuno uscire dal coma o muovere una mano dopo giorni o mesi di fermo totale,ho avuto anche mio padre ricoverato in coma in rianimazione per ben 3 volte quindi sapevo anche la sofferenza che potevano provare i loro familiari e cercavo sempre di stare vicino a loro e conosolarli!!!!

    un grande post amico mio....baciotto

  30. sweetgiorgia69 21 novembre 2008 ore 11:46
    l'ho vissuta all'interno della mia famiglia......e ancora mi stupisco quanta forza abbia il mio "caro "toccato.......e quanta voglia di vivere e di guardare soprattutto alle piccole cose che la vita ti offre...
  31. Pukko.Pukka 21 novembre 2008 ore 14:30

    purtroppo le risposte non ci sono, e chissà se anke quando paseremo la nostra porta capiremo il perkè di molte cose... io spero di si, spero di ascoltare le spiegazioni di tutto il dolore vissuto e spero ke riesca ad accettarle....

    ke brutto sogno ke è la vita ...ci sono dei momenti belli, ma .. sono una ke pensa ke tanto dolore non ne valeva la pena, era meglio il nulla ... avrei ferito mille volte  di piu questa seconda opzione.

    bye.

     

     

  32. anniesong 21 novembre 2008 ore 15:56

    non ci è dato avere risposte a questo tipo di domande... pero' una cosa la possiamo dire... grazie al tuo amico dottore, ma grazie anche a tutti quei medici, grandi o piccoli che siano, che cercano in tutti i modi, con passione ed amore di salvare una vita umana e non considerano i propri pazienti "dei numeri", ma delle persone. 

  33. LuNaSoL48 23 novembre 2008 ore 00:55

    Quando l'amore vi chiama seguitelo,
    anche se ha vie sassose e ripide.


    E quando vi parla credete in lui

    benché la sua voce possa disperdere i vostri sogni
    come il vento del nord devasta il giardino.

    Poiché come l'amore esalta così vi crocifigge

    e come vi matura così vi poterà.
    E vi consegna al suo sacro fuoco
    perché voi siate il pane santo della mensa di Dio.

    Tutto ciò compie l'amore in voi

    affinché conosciate il segreto del vostro cuore
    e possiate diventare un frammento del cuore della Vita.

    L'amore non dà nulla fuorché se stesso,

    e non coglie nulla se non in se stesso.

    L'amore non possiede né vorrebbe essere posseduto

    perché l'amore è sufficiente all'amore,

    E non pensate di poter dirigere l'amore

    perché se vi trova degni è lui che vi conduce.

    L'amore non desidera che consumarsi!


    Se amate davvero siano questi i vostri desideri:

    destarsi all'alba con un cuore alato
    e ringraziare per un altro giorno d'amore;
    addormentarsi a sera
    con una preghiera per l'amato nel cuore
    e un canto di lode sulle labbra.

    Gibran Kahlil Gibran

    un abbraccio.

    luna

     

  34. quantiamori 24 novembre 2008 ore 09:07

    dire dietro a quella porta purtroppo ci sono passata molto volte ... per mia madre .... ho visto persone soffrire , persone che ce l'hanno fatta .... ma ho visto anche tanta cattiveria nell'ambito ospedaliero .. Ho anche sorpassato quella piccola porta verde dei bambini ... mio figlio appena nato c'e entrato .... per un mese ... ho visto bambini non sorpassare quella porta ... bambini come il mio che ce l'hanno fatta .... E' vero ... vedi tanta sofferenza ... ma la sofferenza e' da pertutto credimi .. io lavoro in una casa di cura .. ma come caposervizio delle imprese di pulizie ... non sono a contatto con loro .. ma li vedo tutti i giorni questi vecchietti ( io li chiamo cosi :-) ) che dopo una vita di sacrifici si riducono in scheletri per la malattia o per la vecchiaia .... li vedi morire piano piano ....  e anche li vedi la sofferenza di loro .... La vita' e' un dono meraviglioso e bisogna viverla con senerita'  e se provi dolore e sofferenza devi sempre sorridere alla vita ... perche' la vita , mi ripeto e' una cosa meravigliosa .. ecco perche' io cerco sempre di sorridere

     

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.