compito arduo

14 agosto 2017 ore 18:52 segnala
Ho da sempre avuto un feeling mentale col pensiero socratico secondo il quale (a mia interpretazione) la dialettica ha un ruolo rilevante,argomenti precisi risposte precise il che richiede una grande capacità di analisi,di elaborazione della sintesi,intuire la realtà per supportare confronti articolati e variegati che Socrate era in grado di affrontare. Riuscire a scalfire le certezze del proprio interlocutore con l'arma dell'ironia lo trovo fantastico,sfidarlo sulle proprie tesi e metterlo alle corde ha un che di mistico facendolo diventare promotore di punti di vista inesplorati,di idee nuove,di avanguardia mentale,fare della virtù e del sapere un pilastro portante detto che le virtù non si possono insegnare.Solo un concetto astratto se vogliamo ma ricco di spunti per riflettere,l'uomo come concezione interiorizzata proiettata verso la sua anima che diventa la vera realtà,il corpo come strumento. "CONOSCI TE STESSO",non a caso il vero senso della vita.
Del pensiero di Sant'Agostino ho ammirato la sua ricerca sul concetto di trinità sulla quale ha poi fondato la dottrina sull'illuminazione divina ponendola come gesto amorevole di Dio per placare l'inquietudine umana non placata dalla sensibilità,visione davvero straordinaria. Cercare Dio e amarlo ,amarlo per aver creato l'uomo a sua immagine e somiglianza,Dio inteso come BENE assoluto e il MALE come una sua negazione,da restare a bocca aperta solo a pensarci.Male come rifiuto di Dio,questo il vero peccato umano.
Dio inteso come continua ricerca,salire i gradini della conoscienza per arrivare a questo.Dio come maestro interiore partecipe alla verità e esso stesso verità assoluta.
02e4e0f4-d727-46d4-8962-8fa67ec4ea5c
Ho da sempre avuto un feeling mentale col pensiero socratico secondo il quale (a mia interpretazione) la dialettica ha un ruolo rilevante,argomenti precisi risposte precise il che richiede una grande capacità di analisi,di elaborazione della sintesi,intuire la realtà per supportare confronti...
Post
14/08/2017 18:52:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    3

solitudine....

06 agosto 2017 ore 15:38 segnala
Soltudine,già la parola di per se apparentemente dolce in realtà evoca fantasmi,paure,fobie,ansie più o meno presenti,solitudine come realtà di fatto,come scelta di vita,come stato d'animo? Quale, basta scegliere,c'è n'è per tutti i gusti. c'è poi quella voluta e quella forzata,Dio quanta abbondanza,non ci avevo mai pensato. E la mia che solitudine è? mahhhh......diciamo che per non farmi mancare nulla e per non sbagliare punterei sulla solitudine Full Optional,tutto compreso. Meglio non rischiare no? ma si può ironizzare su questo argomento? non si dovrebbe ma tant'è,meglio esorcizzare questo melessere,meglio combatterlo con la consapevolezza che comunque sia ne uscirò sempre sconfitto,non c'è nulla da fare. L'assurdo che ci si può sentire soli anche quando giriamo tra le bancarelle del mercatino rionale,in una discoteca,alla festa di ferragosto in spiaggia o nel letto con la propria compagna....certo che sentirsi soli in due è triste,deprimente,avvilente,frustrante,meglio fuggire visto che non lo posso combattere.
Vivo e mi nutro di una cultura sessuofobica,competitiva,di potere,di apparenze, prima o poi volenti o dolenti ci ritroviamo a cercare di dominare,inconsciamente ma inevitabilmente. Ci provo spesso a fuggire da questa condizione ma finisco sempre col ritrovarmi più solo di prima,solo come un gambo di sedano....solo con i miei sogni che per certo saranno i miei soli compagni di vita....

Solitudine è quando senti risuonare
solo i tuoi passi nella via
solitudine è quando pur di vedere qualcuno
passi ore davanti allo specchio
solitudine è aspettare qualcosa o
qualcuno in eterno
come un cieco che aspetta un alba
che non verrà mai

.....e tu a quale solitudine appartieni?
910f3e85-fd26-4a54-b21a-584605cb2c56
Soltudine,già la parola di per se apparentemente dolce in realtà evoca fantasmi,paure,fobie,ansie più o meno presenti,solitudine come realtà di fatto,come scelta di vita,come stato d'animo? Quale, basta scegliere,c'è n'è per tutti i gusti. c'è poi quella voluta e quella forzata,Dio quanta...
Post
06/08/2017 15:38:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    2

dalla bambola al femminismo

26 luglio 2017 ore 09:38 segnala
Le Anime evolute abbandonano il SINGOLARE (inteso come IO egoistico) e si proiettano nel PLURALE (inteso come ampliamento mentale rivolto ad una reale apertura verso il collettivo),abbandonano il recinto degli obiettivi personali e si spingono negli spazi aperti e pluralistici.
Avidità e ingordigia sono sinonimo di rossezza intellettuale slegate dalla cultura e dagli studi per apparire come un primitivo istinto primordiale svuotato dalla bontà del buonsenso e altruismo figlio di un vuoto da colmare.
La Personalità è uno strumento che sta in superficie,uno strumento che l'anima utilizza per il solo raggiungimento dei propri obiettivi,spesso la personalità rallenta la crescita individuale quando è legata all'EGO accecata da obiettivi fittizzi e fuorvianti.
Parlare col cuore senza tornaconto personale è sinonimo di forza interiore ma spesso viene interpretato come debolezza o peggio fragilità quando in realtà è l'esatto contrario,i deboli mentono,scaricano la coscienza adducendo alibi che si inventano di sana pianta e si cospargono il capo di cenere col più facile e comodo "non è colpa mia".
Il forte si assume le proprie responsabilità ed è disposto a pagarne le conseguenze di fronte alla sua coscenza e alle leggi.
Se ci poniamo di fronte ad una cultura inculcata,vissuta e consumata in un preciso contesto storico/sociale allora potremmo partire dalle origini,addirittura dalle Sacre Scritture (Sacre per i Cattolici) laddove sta scritto.....e Dio creò l'uomo (poi solo in un secondo tempo da una sua costola creò la donna) come a dire che l'uomo ha diritto di prelazione,ha la precedenza,ha l'esclusiva....che idiozia eppure solo da pochi decenni persino nella colta e prosperosa EUROPA la donna ha ottenuto il diritto di voto,di ricoprire cariche pubbliche e fare lavori fino ad allora solo delegati agli uomini.
La donna doveva soltanto lavorare,accudire la casa,fare figli e stare zitta,non dimentichiamolo.
Va da se che non limiterei il tutto ad una questione solo culturale,a tutt'oggi persino in taluni paesi arabi di fede islamica alla donna è proibito guidare l'auto,studiare,fare carriera e non parlo di paesi ridotti alla fame ma di paesi economicamente ricchi ed in continua espansione come l'Arabia Saudita,il Kwuit ecc,paesi con una cultura millenaria che hanno esportato studi filosofici e dottrine umanistiche rilevanti e quanto meno hanno salvato le scritture dei classici greci dall'oblio e dalla distruzione,un paradosso storico insomma.
Dai notiziari veniamo spesso messi al corrente di strupri di massa in paesi evoluti come l'India eppure le autorità fingono di non vedere come se la donna se la fosse cercata,inverosimile parlando di paesi evoluti allora come svelare questo arcano?
Non saprei esattamente e non spetta a me tirare le somme ma io ne farei un problema più individuale che sociale anche se resta difficoltoso trovare il bandolo della matassa,la società forma gli individui e gli individui formano la società.
Uno dei problemi potrebbe mimetizzarsi nella tempistica,a ben pensarci dalla notte dei tempi la donna occidentale nel volgere di pochi anni ha recuperato il terreno perduto nei confronti dell'uomo,le femministe degli anni 70 hanno ottenuto quello che mai le donne avevano ottenuto prima e questo repentino livellamento dei valori ha spiazzato non poco una società maschilsta.

lacontessamelosgrulli.....

21 luglio 2017 ore 10:55 segnala
LACONTESSAMELOSGRULLI

POEMETTO

I FATTI E I PERSONAGGI NARRATI SONO REALMENT ACCADUTI,NON C'E' NULLA DI INVENTATO

Precisiamolo subito, è un vocabolo che non troverete in nessun dizionario della lingua italiana,non cercatelo,trattasi di una sorta di ossimoro creato a doc per descrivere un personaggio dell'immaginario anche se non collettivo,un immaginario del tutto personale utilizzato per cercare di identificare un individuo istrionico,machiavellico,pirandelliano e perchè no un po trilussiano del tutto reale e palpabile.
Una donna molto materialista,fin troppo direi il cui solo fine è APPARIRE non essere,APPARIRE attraente,intrigante,colta,figa,altruista,un gradino sopra tutto e tutti ma ahime la verità dice altro anche se la cosa mi lascia del tutto indifferente. E lo dico conscio del fatto che posso apparire duro,moralista e ipercritico ma nulla di tutto questo,nulla di personale ma solo una disamina attenta dal mio punto di vista che certo non è Vangelo.
Frequentatrice assidua di sale BINGO,puntualmente onnipresente in occasioni nelle quali mettersi in mostra è indispensabile,procacciatrice di favori che elemosina senza ritegno e meglio se taccio......
La CONTESSAMELOSGRULLI tutto attaccato senza sorta di interruzioni e ripartenze come appunto si conviene ad un personaggio del genere,senza sosta nelle sue manifestazioni di personalità fatta di eccessi e autoesaltazioni.
Una donna come un farmaco da assimilare a piccole dosi, a distanza di tempo senza eccessi perchè se presa tutta in una volta causerebbe un rigetto non avendo controindicazioni efficaci.....piano piano,lentamente,quasi ritmicamente come un amplesso.
Ricordo il primo fugace incontro come fosse 10 minuti fa.
Ero da pochi gg entrato nel nuovo appartamento quando sul tardo pomeriggio squilla il campanello....chi è? sono la sua nuova vicina che poi realisticamente tanto nuova non mi è sembrata trovandomi di fronte una bionda corposa e sufficentemente carnosa sulla cinquantina,possiamo allora dire se non nuova quantomeno trattasi di usato in garanzia.
Come primo approccio debbo ammettere simpatico essendo lei una donna altresì dinamica,brillante,la classica casciarona che non ammette noie,un primo incontro di quelli tanto per rompere il ghiaccio con la promessa che a suo dire quanto prima avrebbe organizzato un'uscita serale con il suo gruppo ed avrebbe gradito la mia presenza,cosa che puntualmente avvenne a distanza di 6 mesi non prima.
In attesa dell'evento la CONTESSAMELOSGRULLI faceva di tutto per attirare la mia attenzione,la mancanza dello zucchero,la rottura della cinghia della lavatrice,lo scarico del lavello otturarato e altre problematiche erano un ottimo stratagemma per farmi notare la sua presenza per nulla discreta,cosa della quale non ne avevo assolutamente necessità in quanto essendo confinanti di appartamento mi bastava sentire la sua voce profonda e greve,per nulla femminile insomma,voce che assumeva toni da mercante in fiera quando aveva un battibecco col suo compagno,cosa che avveniva quasi giornalmente.
Il prossimo sabato sera non prendere impegni,organizzo io una serata......con queste esatte parole scolpite nella mente chissà poi perchè mi invitò ad una sorta di evento mondano di portata storica. E la serata arrivò, ricordo perfettemente il suo abbigliamento,una via di mezzo tra eleganza e sfacciataggine,colori esageramente sgargianti ma rappresentativi del personaggio,tacchi a spillo e proprietà immobiliari in bella mostra.
Lei è tizia lui è caio.....piacere,io sono io e ci avviammo in uno dei tanti locali all'aperto della zona posto sul fianco della collina tra erbacce e ulivi ma restai colpito dal fatto che mi sembrò una sorta di anfiteatro naturale con l'ingresso posto sulla sommità,i tavoli apparecchiati sulle varie balconate del terreno e in fondo un palco con tanto di orchestrina felice di rompere le balle ai commensali. E non potevano certo mancare delle vasche d'acqua a mo di piscine sparse qua e la. Un colpo d'occhio d'insieme anche piacevole,ci accomodammo e dopo aver letto il menù passammo alle ordinazioni che arrivarono sulla nostra tavolata dopo una attesa sfinente. Non ricordo esattamente cosa ordinai ma ricordo bene le scenate di una donna del nostro gruppo che con mio enorme stupore se la prese col cameriere perchè gli spaghetti erano troppo grossi,da non crederci e la cosa prese la piega di una sceneggiata napoletana di pessimo gusto. Fosse dipeso da me avrei pagato la mia parte e mi sarei levato dai coglioni ma ritenni educato rimanere cercando di placare i bollori della spaghettara delusa. Azzz che tipa,volgare,arrogante,ignorante e pure brutta,truccata a mo di Mimì la padrona del casì tanto per capirci ma tantè,la serata scivolò via senza altri eccessi.
E questo appena narrato non fu che il primo di tanti episodi tutti legati a un denominatore comune,la sua presenza a volte ingombrante.
Certo è che avere come dirimpettaia una donna del genere non ti fa mai sentire solo,il mio stato di single magicamente si annulla,va in stanby e non serve nemmeno la sua effettiva presenza,basta sentire i suoi passi pesanti,la sua voce,come il trucco del prestigiatore non si vede ma c'è.
.....E arrivò ferragosto,uno di quelli caldi e coloriti come mai vissuti prima,a queste latitudini quasi sahariane dove il sole picchia forte,l'acqua del mare sembra un brodo e l'aria il soffio del phone il ferragosto assume connotati esagerati,un rito pagano con le sue regole ferree da tramandare di generazione in generazione sembra possibilità di essere infrante,regole fatte di famiglie che si riuniscono come non accade nemmeno a Natale,famiglie che letteralmente occupano e presidiano tratti di spiaggia pubblica come fosse proprietà privata che apparecchiano come fossimo a un pranzo di nozze,intere generazioni accomodate alla giapponese di fronte ad ogni ben di Dio,preantipasti,antipasti,primi e secondi piatti di ogni sorta meglio se al forno,contorni variegati,dolci tipici assolutamente graditi agli occhi e al palato,montagne di frutta anche esotica,caffè in anonimi bicchierini di plastica e amari per favorire una digestione che appare quanto meno problematica,tuffi in mare alla faccia della digestione stessa e pennichella per i più oziosi,questo per sommi capi il ferragosto locale.
Personalmente sono stato piacevolmente coinvolto a festeggiare la sera della vigilia e devo riconoscere per amor di verità che è stato il più bel ferragosto della mia vita e sicuramente il più movimentato. Con mia profonda sorpresa ho subito notato la spaventosa differenza di abbigliamento tra gli uomini e le donne,voglio dire che gli uomini (io compreso) si sono presentati in maglietta,infradito e pantaloncini corti a mo di pescatori in cassa integrazione,le donne al contrario addobbate come alberi di Natale con i loro monili esagerati,collane e orecchini di tutti i colori e vistosissimi,trucchi da panico,abiti altrettanto appariscenti e naturalmente tacchi a spillo che rendevano impossibile camminare sulla sabbia ma se a loro sta bene così a me in fondo che me frega,pur con le caviglie frantumate mantenevano un contegno molto dignitoso.
la CONTESSAMELOSGULLI aveva carinamente affittato un terreno fronte mare a nostro esclusivo uso e consumo e non solo,aveva provveduto anche a ordinare una quantità enorme di panini stupendamente imbottiti e vini a volontà,immancabili i dolci così come immancabile un musicista che avrebbe allietato la serata a suon di salse e ritmi adatti alla circontanza,il tutto alla modica cifra di 20 euro a testa,cifra che mi apparve persino troppo modesta anche considerando che ne pagai 25 per parcheggiare la macchina....da non crederci.
Considerando che non mi piace ballare quella sera dovetti essere ispirato da qualche musa benevola perchè udite udite mi buttai in pista fanculando la poca dignità che mi restava e in barba ad ogni canone estetico mi lancia in movenze a me sconosciute sorvolando sulla penosa descrizione del risultato. La CONTESSA no,ottima ballerina come tutti del gruppo tranne il sottoscritto si rivelò anche una brava cantante e dico davvero tanto da cimentarsi in un karaoke teatrale al punto che ci allietò persino con un brano di Elton John in lingua originale
da lei tradotto in tempo reale in un miscuglio di italiano/inglese/siculo che strappò applausi fragorosi....ahahahahaha che serata. Ovviamente a mezzanotte il bagno in mare era doveroso e gradito, prosaicamente avevo sostituito la mutanda col costume quindi non mi colse impreparato,LEI in bikini hawaiano entrò in acqua come fosse il suo elemento naturale,neanche fosse una sirena. Davvero una serata divertente e unica,mi sembrava di essere sul set di un film Felliniano.
Ma ora che ci penso tra la prima uscita e quella del ferragosto ci fu una serata conviviale con finale da panico e mi spiego meglio.
Sabato cena in città,se hai un amico portalo che più siamo meglio è (filosofia che non condivido per nulla se non so CHI siamo) così coinvolsi il solo amico che avevo a portata di mano,un tipo più grezzo di un barile di petrolio appena estratto che poi a lungo andare si rivelò ambiguo e falso ma sorvoliamo,mi feci spiegare dove fosse il ritrovo essendo lei sul posto e dopo vari tentativi riuscimmo a raggiungerla e in quella occasione ebbi modo di conoscere una persona piacevole, una donna vissuta molti anni a Roma che per gravi motivi familiari dovette fare marcia indietro e con lei riuscii a stabilire un contatto gradevole. Il posto era davvero suggestivo,una piazza immersa nel borgo storico fatto di vicoli stretti,palazzi fatiscenti e chiese maestose,una sorta di ristorante all'aperto piacevole e respirabile. Ottimi cibi e gradevole compagnia ma al ritorno un sgradevoliisima sorpresa,l'appartamento della CONTESSA era stato visitato dai ladri,quando uscii era tutto in ordine,al rientro l'amara realtà.
All'epoca il palazzo non era fornito di ascensore,per entrare in casa dovevamo salire 4 piani di scale e quella notte aprendo il portone sentimmo abbaire i cani che vivevano nel suo appartamento,cosa mai avvenuta prima,addirittuta i cani (3 bassotti di piccola taglia) ce li trovammo sulle scale e la cosa ci lasciò stupiti,che ci fanni i cani qua?
Presto detto,i ladri avevano scassinato la porta col piede di porco e dopo aver messo tutto sotto sopra se ne erano andati lasciando tutto com'era. Un vero campo di battaglia,tutto sparso sul pavimento,cassetti svuotati, una scena da telefilm poliziesco come se fossero alla ricerca di qualcosa di prezioso,soldi e gioielli che non avendo trovato causò la loro ira. Lei in preda ad attacchi isterici urlava come una pazza prendensosela con gli altri inquilini del palazzo che a suo dire pur avendo sentito i rumori di fondo non sono intervenuti. Personalmente ho avuto l'impressione che non fossimo di fronte a un furto fine a se stesso ma ad una specie di dispetto,di ripicca,di vendetta a un torto subito,l'ho pensato subito ancor prima di sapere che tra gli inquilini residenti nel palazzo viveva una coppia con lui già pluricondannato per furti e spaccio e pure affiliato a una famiglia mafiosa del posto. Perchè solo il suo appartamento e non anche il mio,cosa cercavano di così prezioso sapendo che nel quartiere vive gente semplice che decorosamente sbarca il lunario? forse il motivo reale va ricercato negli atteggiamenti da VIP dei quali la CONTESSA amava dare sfoggio,le sue borse griffate potevano ingannare sul vero tenore di vita della stessa,borse si griffate ma rigorosamente false,chissà. Non potei fare altro che chiamare il 113 e aspettare l'arrivo di una pattuglia che dopo un sommario sopralluogo la invitò a sporgere denuncia in caserma in mattinata. La cosa finì li e non ne seppi più nulla. Rammento che mesi dopo ci fu un secondo scasso in un appartamento al terzo piano poi l'oblio, il malavitoso traslocò con buona pace per tutti noi.
E arrivò il gg del suo compleanno,era novembre quindi trattasi di donna scorpione,un compleanno organizzato in un locale ben conosciuto da tutti tranne dal sottoscritto e per amor del vero nemmeno mi disse che c'era di mezzo il suo altrimenti non sarei certo arrivato a mani vuote,mi disse della cena il quel locale,di farmi trovare li prima delle 21 e nient'altro se non il nome e la via.
Mi metto in macchina avendo memorizzato il percorso che non conoscevo ma poi lungo lo stesso avendo trovato deviazioni per cantieri in opera finì che mi persi miseramente....e adesso? Vabbè,a un certo punto vidi un uomo in lontananza,mi avvicinai,abbassai il finestrino e gentilmente chiesi se sapesse indicarmi la strada e per tutta risposta mi sentii dire : NON LO SO E NON MI INTERESSA.....azz restai basito,davvero non mi aspettai una risposta del genere ma che farci,l'umanità riesce sempre a sorprendere. Come ultima possibilità la chiamai al cellulare,le descrissi cosa vedevo intorno,ricordo di fronte a me vedevo un monumento in classico stile mussoliniano e lei mi disse che ero quasi arrivato,alla rotonda prendere la seconda a destra e continuare dritto per 500 metri......eureka sono arrivato.
Bene,credo abbiate capito l'originalità del personaggio,non certo il classico vicino di casa che tutti vorrebbero avere ma almeno capace di coinvolgere con la sua esuberanza,come si dice......GLI AMICI SI SCELGONO I VICINI NO. A me è toccata la CONTESSAMELOSGRULLI,che farci.
3f967d7d-45a4-4e8f-8081-3e57866c73a4
LACONTESSAMELOSGRULLI POEMETTO I FATTI E I PERSONAGGI NARRATI SONO REALMENT ACCADUTI,NON C'E' NULLA DI INVENTATO Precisiamolo subito, è un vocabolo che non troverete in nessun dizionario della lingua italiana,non cercatelo,trattasi di una sorta di ossimoro creato a doc per descrivere un...
Post
21/07/2017 10:55:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

vecchio illuso...

20 luglio 2017 ore 09:48 segnala
Sono solo un vecchio illuso.....
alla infinita ricerca di quella comunemente chiamata serenità,non amore,felicità,benessere ma soltanto semplice serenità,non so dove potrò trovarla e nemmeno se la troverò se non in me stesso.
Ho passato la vita a cercarla in tutti gli anfratti,nei sottoscala e nei terrazzi,negli scantinati e nei saloni,in tutti i posti sbagliati e di lei infatti non ho mai trovato traccia se non per qualche fuggevole ed effimero istante.
Giunto a questo punto ho smesso persino di contare le volte in cui arrivato alla seconda riga ho cancellato e riscritto tutto nuovamente.
Sono solo un vecchio illuso.....
mi sono persino prodigato nel cercare un inizio ad effetto, qualcosa di poetico e sincero al tempo stesso, qualcosa di grandioso agli occhi,non ci sono riuscito ma poi ho capito che i grandi cuori non muoiono nel corpo ma continuano a battere nel respiro della notte, non ci sono cause ed effetti, non ci sono canoni ed armonie esteriori ma tuoni e saette devastanti che illuminano il fiore nascosto della struggente empatia e questo non l'avevo mai saputo.
Sono solo un vecchio illuso.....
che sospira delle vissute pene e delle gioie incomprese e ancor oggi ripasso il conto da pagare.
Vorrei non fosse solo il vento a spettinarmi i pensieri ma le tue mani,vorrei fosse il tuo rossetto sulla guancia a tingermi il viso e il sapore delle tue labbra color pelle,vorrei te che sai guardare dentro la mia anima e negli occhi,vorrei te che mi tocchi senza nemmeno sfiorarmi,vorrei le tue parole mai dette e i tuoi sospiri smorzati in gola,vorrei ridere con te come uno scemo ed entrare nei tuoi silenzi.
Sono solo un vecchio illuso.....
che si lamenta della sua vita idiota sprecata in troppe occasioni mai colte,sofferenze sofferte e amori mai amati,delle carezze sfiorate e dei sorrisi strozzati tra le labbra,dei sogni annebbiati e delle immagini perdute.
Sono solo un vecchio illuso.....
alla perenne ricerca di qualcosa che forse nemmeno esiste tuttavia nella vita ho imparato che non bisogna mai arrendersi perchè tutto è possibile.....perchè tutto può accadere.....perchè tutto il resto è solo silenzio.
Il silenzio dell'indifferenza,della solitudine,della miseria interiore e dell'orgoglio che tutto deforma,il silenzio delle parole solo pensate ma come eco ti rimbombano dentro,URLA adesso la tua amarezza,la tua ribellione,riprenditi ciò che ti appartiene,dai voce ai piacevoli ricordi dei giorni andati,abbandona i rancori che ti strozzano il respiro,impara a vivere,tagliati la tua fetta di torta e assapora la sua bontà. Impara come fanno le foglie a crescere sui rami. Apri gli occhi. Impara come fa la luna a tramontare nel gelo della notte prima di Natale, apri le narici, annusa la neve, lascia che la vita accada.
Sono solo un vecchio illuso.....
e quando riuscirò ad incontrare una donna che vedrà il mio dolore nascosto dietro il sorriso riconoscerò la serenità
anche se c'è gente che pur di non perdere l'orgoglio è disposta a perdere le persone.
a253a7a9-1356-4f4a-a88b-9e3f61c4871f
Sono solo un vecchio illuso..... alla infinita ricerca di quella comunemente chiamata serenità,non amore,felicità,benessere ma soltanto semplice serenità,non so dove potrò trovarla e nemmeno se la troverò se non in me stesso. Ho passato la vita a cercarla in tutti gli anfratti,nei sottoscala e nei...
Post
20/07/2017 09:48:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

...demoni dentro di noi.

07 luglio 2017 ore 11:16 segnala
Tutti noi (nessuno escluso) ha dei fantasmi nell'armadio,io per primo e non è solo un modo di dire,è una realtà che ben esprime uno stato d'animo,una difficoltà interiore,un disagio represso o peggio una verità incoffessabile.
Siamo esseri umani non semidei,esseri umani fragili e vulnerabili,non abbiamo protezioni ne corazze ne campane di vetro che ci isolino se non la volontà di capire e reagire ma come,quali armi abbiamo a disposizione.
Volere è potere. Non sempre,non sempre volere è potere,sarebbe troppo bello e troppo facile,i fantasmi per loro essenza sono astratti e possono crescere a dismisura se non combattuti in tempo, se non lo facciamo diventano demoni ancora più subdoli,infidi e devastanti.
Ci hanno accompagnato lungo il viaggio della vita ben nascosti negli anfratti dell'animo,si sono mimetizzati così bene da risultare invisibili eppure sapevamo che c'erano,che prima o poi sarebbero tornati a trovarci e per farlo aspettano quando siamo più esposti e vulnerabili. I demoni non sono solo quelli della letteratura,dei film o dell'immaginario,li vediamo ben raffiguarati persino in chiesa,raffigurazioni di esseri mostruosi e repellenti come le difficoltà che dobbiamo affrontare e superare,ne va della nostra incolumità. Come ventose si attaccano al nostro IO più esposto offuscando la ragione,del nostro IO colpisce esattamente laddove sa di farlo con successo,nell'orgoglio,nella presunzione,nella vanità,nell'incoerenza,nei dubbi,colpisce a colpo sicuro e noi non abbiamo scampo. Solo un profonda presa di coscienza potrebbe aiutarci ma farlo richiede una forza d'animo,un entrare in contatto con noi stessi e una umiltà che i più non hanno attaccati come siamo ai beni materiali,all'effimero.
Demone che ci impedisce di maturare spiritualmente e fa si che ci rassegnamo a invecchiare quasi serenamente.
Ogni scelta non fatta diventa un demone,ogni rimpianto,ogni tentennamento,ogni rimandare a domani alimenta e nutre il demone che coviamo dentro fino a farci diventare carnefici di noi stessi.
Le nostre ansie diventano il suo banchetto,il nostro corpo diventa cibo,la nostra mente fonte energetica,siamo noi stessi ad alimentarlo senza nemmeno rendercene conto.
Così facendo roviniamo la nostra vita in primis e quella delle persone che ci vogliono bene che faticano a capire la nostra autodistruzione ma che nulla possono,nessuno li ha invitati al banchetto avvelenato.
Agire,cominciamo da qui,agire non per scappare ma per elaborare un piano B che ridia un senso profondo alle nostre vite,agire come per pagare Caronte nel viggio di ritorno verso la ragione,verso il nostro IO alla deriva.
Non serve la forza ma la volontà,la consapevolezza di chi siamo e cosa vogliamo veramente,non possiamo agire se non mettiamo a fuoco questo,continuare a giraìarci intorno,a rimandare,ad usare le nostre umane paure come alibi non fa altro che ingrossare la schiera di demoni che ci circondano e ci colpiscono,agire presto per il nostro bene,agire anche se agire ci spaventa.
Ma farlo tanto per fare no,agire a ragion veduta,lasciarsi consigliare da chi ci vuole bene davvero sapendo che possiamo fidarci.
Come si dice,a mali estremi estremi rimedi e se afferrare la mano pronta ad aiutarci,a lottare con noi lo consideriamo difficile almeno proviamoci,potrebbe rivelarsi la cura migliore.
d3e906ab-190e-40f3-be0c-3b133d6f28e6
Tutti noi (nessuno escluso) ha dei fantasmi nell'armadio,io per primo e non è solo un modo di dire,è una realtà che ben esprime uno stato d'animo,una difficoltà interiore,un disagio represso o peggio una verità incoffessabile. Siamo esseri umani non semidei,esseri umani fragili e vulnerabili,non...
Post
07/07/2017 11:16:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

come sono fatto....

04 luglio 2017 ore 07:50 segnala
Come sono fatto io? accc bella domanda anche se sinceramente non saprei da dove cominciare,vabbè dai ci provo cominciando dalla fine.

"Sostituisco la malinconia con la gioia
il dubbio con la certezza
la disperazione con la speranza
la cattiveria con il bene
l'odio con l'amore
le lamentele col dovere
lo scetticismo con la fede
lo schiaffo con la carezza
l'orgoglio con la modestia
.....e le gomme quando sono liscie!

Eccomi,nulla di che ma questo passa il convento,vivo in un corpo che invecchia al contrario dei miei desideri e della mia anima.
Un uomo come tanti o meglio uno dei tanti.
Ultimamente però devo tristemente ammettere che sono amareggiato,sconcertato,deluso,disincantato e scoglionato ma non a fasi alterne,lo sono in pianta stabile e il tutto si amplifica man mano che i giorni passano.
Ora se mi chiedete come sono fuori non ci sarebbe nulla da dire,dentro la cosa si complica.
Ero carico di buoni propositi,belle intenzioni e nobili speranze che ahimè si sono dileguate come le luci del giorno sul far del tramonto. Avevo qualche fantasma nell'armadio ma sono riuscito a liberarmene,avevo tanti sogni nel cassetto ma adesso nel cassetto ci tengo le mutande,diciamo che mi sono adeguato.
Aspettative zero,zero assoluto,passato il tempo delle aspettative anche se scioccamente ne conservo ancora qualcuna del tipo continuare a essere me stesso (non saprei essere altrimenti....) continuare ad essere obiettivo e non farmi condizionare dagli eventi,conservare il buon senso e la capacità di scindere il bene e il male e perchè no,trovare un amore che mi somigli ma qui entriamo nella dimensione del fantamistico.
Amante viscerale del pensiero Socratico,curioso più di una scimmia e viscido alle convenzioni.
Refrattario alla scemantologia superficiale e greve,ogni giorno riprometto a me stesso che non tenterò di risolvere tutti i problemi della mia vita e non pretendo che lo facciano gli altri,ogni giorno cerco di apprendere qualcosa di nuovo su me stesso, su di voi e sul mondo in cui vivo.
Ogni giorno cerco di comunicare la mia gioia e la mia disperazione in modo che possiamo conoscerci meglio rammentando a me stesso che sono un essere umano e non pretendo la perfezione da nessuno di voi fino a che perfetto non lo sarò io.
Ogni giorno mi sforzo di essere consapevole delle cose bellissime che ci circondano ricordando a me stesso di tendervi le braccia
e sfiorarvi gentilmente con le dita perchè non voglio perdere questo contatto con voi,ogni giorno mi dedico al processo di esere un individuo aspettando di vedere cosa succede...ogni giorno.
061bcaa7-a8ba-41f3-9d3a-4655d2ac4c8f
Come sono fatto io? accc bella domanda anche se sinceramente non saprei da dove cominciare,vabbè dai ci provo cominciando dalla fine. "Sostituisco la malinconia con la gioia il dubbio con la certezza la disperazione con la speranza la cattiveria con il bene l'odio con l'amore le lamentele col...
Post
04/07/2017 07:50:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

buona fortuna BIS

02 luglio 2017 ore 11:52 segnala
Ora che potresti amare con passione e raziocinio ti rendi conto che sei circondato dal vuoto?
Persino banale parlare di un classico se non del classico errore che molti induvidui commettono, l’errore di cercare un uomo/donna con cui sviluppare una relazione senza prima avere sviluppato una relazione con se stessi.
Corrono da una persona all’altra alla ricerca di ciò che manca dentro di loro ma lo fanno senza convinzione,consapevolezza e volontà come se a loro TUTTO fosse dovuto,che idioti.
La ricerca deve cominciare dentro di noi non fuori. Nessuno può amarci al punto da renderci felici se non amiamo davvero noi stessi e cercare amore nel nostro vuoto finisce solo col farci trovare un altro vuoto.
Vuoti da colmare,ecco il problema di fondo ma come,con quali mezzi e quando.
Bhe io direi di cominciare subito,inutile perdere altro tempo prezioso,Itaca è lontana e solo pochi riescono a raggiungerla ed io tra questi ma tu???????
Dopo una vita dedicata quasi esclusivamente al benessere materiale, al piacere fisico,all'arricchimento economico,alla carriera ti accorgi che tutto questo non riesce a colmare il vuoto che ti avvolge vero? Solo adesso te ne sei reso conto,solo adesso che i capelli si sono ingrigiti e diradati,solo adesso che l'andropausa incombe cominciando a manifestare qualche battuta d'arresto ti accorgi che nonostante tutto i "tesori materiali" accumulati nel tempo nulla possono per colmare quel vuoto.
Belle auto,belle donne,belle amicizie,non ti sei davvero fatto mancare nulla è vero eppure.......
Ma cosa cerchi esattamente (a patto che tu lo sappia)?
Dopo che ti sei scopato decine di donne,che hai provato il sesso estremo,il proibito più proibito ti rendi conto che sei solo e la cosa ti fa un male della madonna. Ben ti sta dico io,in pratica te la sei voluta adesso di che ti lagni.
Dopo che hai ottenuto TUTTO quello che desideravi ti accorgi che ti manca una donna che ti stupisca per la sua cultura,che ti sorprenda per la sua dinamicità e che ti faccia restare senza fiato a letto,una donna magari non statuaria ma intrigante,interessante,santa fuori ma puttana dentro,puttana si ma SOLO per te,che ti faccia sentire che per lei "sei il suo TORO",una donna che vorrebbe essere coccolata come una bambina,che ti ama come mai fatto prima e ti scopa come fossi il suo "oggetto di piacere",che intravede in te l'uomo giusto,quello capace di colmare i suoi vuoti ti metti sulle difensive? ma ci fai o ci sei dico io? E se togliessi il freno a mano nel viaggio dentro il tuo EGO? Concentrati su questo aspetto e non solo su come trovare il punto G,sul clitoride e su come godere,se godi insieme a lei non è meglio? La vecchia generazione non sono "gli altri",sei TU,siamo noi distratti e superficiali,noi che ci credavamo migliori,noi che ci siamo innamorati della bonazza bionda tutta tette alla cena annuale,noi che abbiamo confuso "amare con scopare",noi che i nostri amici hanno il fegato spappolato dell'alcool e dalle canne,noi che di un brano amavamo solo la musica e non le parole,noi che abbiamo considerato la vita come un qualcosa di serio da non prendere seriamente, noi che non abbiamo accettato il rischio di vedere il cuore sanguinare e adesso stiamo morendo "dissanguati".
Lei è entrata nella tua vita,ti ha fatto perdere il controllo,sbandare ma in fondo dopo una prima impasse anche comprensibile confessa che ti piace dai,non nasconderti dietro il dito o dietro i soliti alibi,sii UOMO cazzo. Facciamo così,pensaci,riflettici su,mi fai incazzare lo sai ma sai pure che se avrai bisogno di me io ci sono occhei? NON MOLLARE MAI.
0b32cc81-4490-4edb-9ab5-fa737d253f2b
Ora che potresti amare con passione e raziocinio ti rendi conto che sei circondato dal vuoto? Persino banale parlare di un classico se non del classico errore che molti induvidui commettono, l’errore di cercare un uomo/donna con cui sviluppare una relazione senza prima avere sviluppato una...
Post
02/07/2017 11:52:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

non mollare mai....

19 giugno 2017 ore 11:10 segnala
Ora che potresti amare con passione e raziocinio ti rendi conto che sei circondato dal vuoto?
Persino banale parlare di un classico se non del classico errore che molti induvidui commettono, l’errore di cercare un uomo/donna con cui sviluppare una relazione senza prima avere sviluppato una relazione con se stessi.
Corrono da una persona all’altra alla ricerca di ciò che manca dentro di loro ma lo fanno senza convinzione,consapevolezza e volontà come se a loro TUTTO fosse dovuto,che idioti.
La ricerca deve cominciare dentro di noi non fuori. Nessuno può amarci al punto da renderci felici se non amiamo davvero noi stessi e cercare amore nel nostro vuoto finisce solo col farci trovare un altro vuoto.
Vuoti da colmare,ecco il problema di fondo ma come,con quali mezzi e quando.
Bhe io direi di cominciare subito,inutile perdere altro tempo prezioso,Itaca è lontana e solo pochi riescono a raggiungerla ed io tra questi ma tu???????
Dopo una vita dedicata quasi esclusivamente al benessere materiale, al piacere fisico,all'arricchimento economico,alla carriera ti accorgi che tutto questo non riesce a colmare il vuoto che ti avvolge vero? Solo adesso te ne sei reso conto,solo adesso che i capelli si sono ingrigiti e diradati,solo adesso che l'andropausa incombe cominciando a manifestare qualche battuta d'arresto ti accorgi che nonostante tutto i "tesori materiali" accumulati nel tempo nulla possono per colmare quel vuoto.
Belle auto,belle donne,belle amicizie,non ti sei davvero fatto mancare nulla è vero eppure.......
Ma cosa cerchi esattamente (a patto che tu lo sappia)?
Dopo che ti sei scopato decine di donne,che hai provato il sesso estremo,il proibito più proibito ti rendi conto che sei solo e la cosa ti fa un male della madonna. Ben ti sta dico io,in pratica te la sei voluta adesso di che ti lagni.
Dopo che hai ottenuto TUTTO quello che desideravi ti accorgi che ti manca una donna che ti stupisca per la sua cultura,che ti sorprenda per la sua dinamicità e che ti faccia restare senza fiato a letto,una donna magari non statuaria ma intrigante,interessante,santa fuori ma puttana dentro,puttana si ma SOLO per te,che ti faccia sentire che per lei "sei il suo TORO",una donna che vorrebbe essere coccolata come una bambina,che ti ama come mai fatto prima e ti scopa come fossi il suo "oggetto di piacere",che intravede in te l'uomo giusto,quello capace di colmare i suoi vuoti ti metti sulle difensive? ma ci fai o ci sei dico io? E se togliessi il freno a mano nel viaggio dentro il tuo EGO? Concentrati su questo aspetto e non solo su come trovare il punto G,sul clitoride e su come godere,se godi insieme a lei non è meglio? La vecchia generazione non sono "gli altri",sei TU,siamo noi distratti e superficiali,noi che ci credavamo migliori,noi che ci siamo innamorati della bonazza bionda tutta tette alla cena annuale,noi che abbiamo confuso "amare con scopare",noi che i nostri amici hanno il fegato spappolato dell'alcool e dalle canne,noi che di un brano amavamo solo la musica e non le parole,noi che abbiamo considerato la vita come un qualcosa di serio da non prendere seriamente, noi che non abbiamo accettato il rischio di vedere il cuore sanguinare e adesso stiamo morendo "dissanguati".
Lei è entrata nella tua vita,ti ha fatto perdere il controllo,sbandare ma in fondo dopo una prima impasse anche comprensibile confessa che ti piace dai,non nasconderti dietro il dito o dietro i soliti alibi,sii UOMO cazzo. Facciamo così,pensaci,riflettici su,mi fai incazzare lo sai ma sai pure che se avrai bisogno di me io ci sono occhei? NON MOLLARE MAI.

...restare amici

14 giugno 2017 ore 15:42 segnala
Mi stavo chiedendo a quanti di voi sarà capitato di vivere una storia d'amore intensa,totale,coinvolgente che però una volta finita lascia una scia più o meno lunga nel tempo,immagino a molti se non a tutti e scommetto pure che molti si saranno sentiti dire "dai anche se ci lasciamo possiamo restare amici no?" E NO dico io,no davvero.
-Lasciami andare via,mi riprendo la mia libertà- come se fino ad allora avesse avuto le catene ai piedi,che assurdità.
Se ti riferisci all'amore quello con la A maiuscola non potevi sentirti legata ma unita,se era amore lo desideravi anche tu non diciamo cavolate quindi di quale libertà parli,di quella immatura al punto da non sapere nemmeno tu cosa volessi davvero?
In amore devi sentirti parte di esso non l'ombra,devi saper condividere gioie e dolori con complicità e empatia,se non lo hai fatto non possiamo neanche parlare di Amore....secondo me che che ne dicano l'amore una volta esaurito non potrà MAI e poi MAI ridimensionarsi al ruolo di amicizia,ne sono convinto anche se potrei essere smentito da quei pochi casi andati a buon fine ma sono come gocce nel mare.
Una amicizia può scivolare e trasformarsi in amore ma non il contrario,in fondo tutti siamo circondati da amici più o meno reali ma di amori ne abbiamo uno solo,non ne cerchiamo ne desideriamo averne altri vi pare?
Assurdo poi che ai nostri giorni ci siano uomini che ancora credono (opsssss si illudono) di scegliere una donna,che bufala enorme. Che l'uomo per natura (e non per suo merito o capacità) sia il "cacciatore" è assodato e che la donna sia la preda pure ma purtroppo per lui nella maggior parte dei casi il cacciatore uomo ha una pessima mira finendo con lo sparare nel mucchio,non meravigliamoci se poi la preda non è nemmeno lontana parente di ciò che desiderava.In realtà è la donna che sceglie da chi farsi colpire,tenetelo bene in mente,se la donna non vuole non c'è davvero niente da fare.
Come cacciatore l'uomo cerca di colpire la preda più bella,quella più ambita da mostrare con orgoglio agli amici ad una festa vantandosi di esserci riuscito,poco importa se la sua preda è una perfetta oca giuliva che non riesce a dire due parole due di senso compiuto,a lui basta che sia la gnocca e che gnocca.
La donna al contrario è molto più esigente,scruta in lontananza chi spara e dopo un superficiale esame a distanza decide se è il caso di rischiare o meno ma sempre con moltissima attenzione.
Una volta scelto il suo cacciatore lo viviseziona con lusinghe e gentilezze,lo esamina come se gli stesse facendo una TAC poi e solo poi deciderà di cedere alle sue lusinghe,di stare al gioco e rischiare,capace persino di donarsi a lui "anima e core" ma se la storia dovesse finire credete davvero che si accontenterà di esserti amica? ma per favore,se ti dice una cosa del genere lo fa solo per addolcire il boccone amaro,mente sapendo di mentire e il suo "restiamo amici" altro non è che il classico zuccherino.
Anche se simili teniamo conto che parliamo di due valori completamente diversi,l'amicizia è coinvolgente si ma non ti "obbliga",non ti chiede,non ti vincola ne ti lega l'amore no,l'amore chiede amore e se non è alimentato sono dolori.
Ipotizziamo anche che l'amicizia possa sopravvivere ma se capitasse di uscire con la tua ex per un drink,un caffè o una cena quale sarà secondo voi l'argomento di conversazione? l'effimero,il superfluo,il "cosa hai fatto,come ti va...."ecc senza entrare nel profondo,a una ex diventata amica non vai a raccontare che con la tua fiamma attuale ti senti un Dio,che ti senti appagato come uomo e come maschio,non le vai a raccontare che con lei l'aspetto erotico del rapporto ha toccato vette che con lei nemmeno sfioravi perchè se lo fai ne va di mezzo la tua incolumità,una donna non accetta che l'altra sia più figa,non tollera paragoni al ribasso,non ammette invasioni e se le vai a dire che la lei attuale è migliore in tutto e per tutto ma se hai l'imprudenza di farlo fa in modo che nelle vicinanze ci sia quanto meno un punto di guardia medica,un pronto soccorso,non rischiare.
Accidenti però,non ho mai capito perchè il Padreterno dall'alto della sua bontà e saggezza non fornisca ad ogni nascituro un "libretto di istruzioni multilingue",ci fornisce di un codice genetico,di impronte digitali diverse da persona a persona allora perchè non fornirci anche di un libretto nel quale spiegare punto per punto come farci funzionare al meglio?
Ci mette a disposizione TUTTO e di più ma poi ci lascia in balia di noi stessi,degli eventi,degli stati d'animo e delle passioni,ovvio poi che ognuno le utilizza a proprio uso e consumo creando una miriade di possibilità ma vai a capire quale sia la migliore. Vero è che oggigiorno con le infinite possibiltà offerte dalla rete concedere e chiedere amizie a perfetti estranei è diventato un passatempo su scala planetaria ma per favore,non diventiamo ridicoloi,per me amicizia e amore sono punti fermi,valori assoluti che non meritano di essere presi in giro dalla nostra superficialità....almeno su queste tematiche siamo seri. Non lasciamoci ingannare dalla teoria del "poteva essere" perchè se non lo è stato significa che non poteva.......
68a282c3-cba7-4bd6-8a7e-1203b366fe56
Mi stavo chiedendo a quanti di voi sarà capitato di vivere una storia d'amore intensa,totale,coinvolgente che però una volta finita lascia una scia più o meno lunga nel tempo,immagino a molti se non a tutti e scommetto pure che molti si saranno sentiti dire "dai anche se ci lasciamo possiamo...
Post
14/06/2017 15:42:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2