21 dicembre 2009

13 settembre 2017 ore 00:22 segnala
mi sentivo tanto asino di Buridano quel 21 dicembre,non sapevo o meglio non volevo decidere da che parte cominciare per dare una riordinata,scatoloni e pacchi tutto intorno che aspettavano solo di essere svuotati ma prima avrei dovuto montare i mobili e sistemarli ma prima ancora avrei dovuto pulire.....o no? assorto da questi dubbi che in realtà mascheravano una intima pigrizia o come una sottile riluttanza a dare un senso a questo cambiamento mascherato da trasloco decisi che era giunto il momento di scrollarmi di dosso incertezze e dubbi,il "chi me l'ha fatto fare" non doveva essere una barriera ma un trampolino e così mi diedi da fare. Pulivo e riflettevo,riordinavo e riflettevo,sistemavo e riflettevo ed a furia di riflettere mi ritrovai con addosso una stanchezza indescrivibile e una fame della quale non mi ero reso conto,in effetti dopo il caffè preso al chiosco una volta sceso dal traghetto non ho mangiato nulla se non dei biscotti che non ricordo come mai avevo infilato nel trolley ma certo poca cosa per rigenerare batterie oramai scariche così dissi per oggi basta,cercai di ripulirmi alla benemeglio,chiusi per bene e cominciai a girare alla ricerca di una pizzeria, desideravo una enorme,calda,succulenta pizza capricciosa (la mia preferita) accompagnata da una birra ghiacciata quando mi ritovai di fronte "la prova del cuoco",un locale semplice senza pretese ma quel nome originale e accattivante mi lanciava il guanto della sfida,come dire dai mettimi alla prova,cosa che feci senza troppe esitazioni assalito com'ero dalla fame. Prova superata,ora sto meglio,decisamente meglio persino nell'umore come se adesso vedessi il bicchiere mezzo pieno. Salgo in macchina e comincio a girare per la città che mai avevo visto prima d'ora tantomeno di sera rischiando di perdermi in labirinti di viuzze e vicoletti dove transitare è un vero percorso ad ostacoli tra macchine parcheggiate in fila indiana e sacchetti dell'immondizia sospesi a mezz'aria chissà poi perchè,non mi era mai capitato di vederne prima d'ora e la cosa suscitò la mia curiosità. Essendo i gg che precedevano il Natale la città era abbobbata con luminarie colorate che mettevano allegria e la gente passeggiava assorta dalle vetrine dei negozi, non so quanto girai a vuoto fino a che mi resi conto che ero stanco al punto che dovevo dormire,il senso di benessere mi stava avvolgendo così decisi di tornare verso casa,cosa che parrebbe persino banale nella sua semplicità ma complicatissima per me che non avevo riferimenti precisi ma senza perdermi d'animo cominciai la ricerca che nonostante ci mettessi tutta la mia buona volontà si rivelava infruttosa,ogni volta che credevo di essere arrivato mi sbagliavo,eppure si somiglia,eppure è da queste parti ma niente,non riuscivo a trovare casa,adesso ci rido su ma c'era poco da ridere,faccio ancora un tentativo poi semmai cercherò un albergo,cosa che risultò più semplice e sai che ti dico??? BUONA NOTTE.
6332b3e8-8437-41de-84a1-40a5fa3bda0e
mi sentivo tanto asino di Buridano quel 21 dicembre,non sapevo o meglio non volevo decidere da che parte cominciare per dare una riordinata,scatoloni e pacchi tutto intorno che aspettavano solo di essere svuotati ma prima avrei dovuto montare i mobili e sistemarli ma prima ancora avrei dovuto...
Post
13/09/2017 00:22:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.