fallimento 1

04 luglio 2018 ore 10:35 segnala
Detto che ci sono moltissime,troppe persone (uomini/donne) che pur essendo consapevolmente infelici della relazione che stanno vivendo insistono a tenere duro forse per vergogna o paura di essere giudicati e additati come falliti più agli occhi degli altri che a se stessi e sinceramente provo molta pena per questo genere di persone,davvero pena.
E lo stesso accade persino nei primi approcci durante la fase del "corteggiamento",ci si fissa su una sola persona vedendola come unica e irripetibile e fingendo di non vedere che così non è ma che farci,non riescono ad accettare che si stanno solo incaponendo per non ammettere che stanno sbagliando,che perdere questa sfida sarebbe l'ennesimo fallimento.
Ma ribadisco che la paura del fallimento non è monopolio esclusivo delle questioni di cuore,ci sono anche quelle del portafogli,dell'apparire esteriore,degli affari ecc. ecc.
In Italia poi con la mentalità bigotta e retrograda che ci contraddistingue il fallimento è una vera e propria condanna al patibolo,diventi un lebbroso da evitare sia nel pubblico che nel privato e questo aspetto si amplifica ancora di più in certe culture profondamente radicate nel sud del paese vagamente "borbonico" e perbenista.
In Italia già essere licenziato è un fallimento fermo restando che in tempi di crisi come quelli attuali essere licenziati diventa un fallimento non più individuale ma di massa,della società stessa e culturale,per quelli della mia generazione fallire equivaleva alla "fine del mondo",una vera e propria tragedia,madri che piangono,padri che cercano vendette,un dramma senza via d'uscita.
Io stesso nel corso degli anni sono stato il più delle volte artefice di fallimenti epocali e qualche volta vittima ma non ne ho mai fatto un dramma,certo ne sono uscito con le ossa rotte ma dopo un periodo di risveglio mi sono guardato intorno e....dai provaci ancora. Uno dei passatempi preferiti è....ma non è colpa mia....non sono stato io.....è sempre colpa di altri....che fesseria,io ho fallito eccome e per assurdo ero sempre consapevole dei miei fallimenti (preferisco chiamarli sbagli guidati) a cominciare da quello più esaltante del mio matrimonio ma anche su questo da fare qualche riflessione.
Un matrimonio nel quale non credevo,nel quale come direbbe una cara carissima amica giravo solo un film senza copione,un film nel quale credevo di essere l'attore protagonista ed invece mi sono ritrovato a fare la comparsa.
Se ci penso adesso mi viene da sorridere,adesso ho capito e vissuto sulla mia pelle la pochezza delle mie certezze di allora, avevo solo idealizzato sulla pochezza dell'amore che io stesso avevo ricevuto e che gioco forza non potevo trasmettere,potrebbe sembrare un alibi ma alibi non è.
Credevo che l'amore fosse quello che conoscevo non rendendomi conto che amore è altro,è di più....ma non lo sapevo,non sapevo che amore è entrare in circolo,entrare nella mente,provare godimento nel sentire la sua presenza,la sua voce,il suo respiro,i suoi silenzi,credevo che l'amore fosse uscire per fare shopping,andare al cinema,a ballare,in vacanza al mare,a bere un drink con gli amici,vedevo l'amore come un pozzo dal quale attingere senza nulla versare.
Un matrimoni nato male e proseguito peggio,troppe attese disattese e zero emozioni....adesso lo so.
Quante volte mi sono chiesto......ma che diavolo sto facendo? è amore questo? possibile sia tutto qua? ma allora quello che vedo nei film e leggo nei libri sono tutte idiozie? giorno dopo giorno,notte dopo notte,solitudine dopo solitudine il tarlo del fallimento stava scavando buche sempre più profonde,fingevo solo di non capire e non vedere,ci misi un pò a focalizzare e rendermi davvero conto ma quando lo feci fu un punto di non ritorno ed al quale non vorrei mai tornare,della serie meglio solo da solo che solo in due....
da041687-d650-4446-a301-8989f17a4a17
Detto che ci sono moltissime,troppe persone (uomini/donne) che pur essendo consapevolmente infelici della relazione che stanno vivendo insistono a tenere duro forse per vergogna o paura di essere giudicati e additati come falliti più agli occhi degli altri che a se stessi e sinceramente provo molta...
Post
04/07/2018 10:35:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.