La bellezza salverà il mondo....

13 ottobre 2017 ore 11:22 segnala
La bellezza salverà il mondo (Dostoevskij)

Così disse il principe Miskin nell'Idiota di Dostoevskij e mi sono sempre chiesto cosa intendesse dire. Quale bellezza (esiste una bellezza assoluta?) e quale mondo dovrebbe salvare? A ben pensarci se si riferisce alla bellezza intesa come piacere mentale mi sta bene,la bellezza fatta di cose e valori semplici intendo,quella di un colore,di un gesto o di un sorriso si,lo condivido fermo restando poi quale mondo dovrebbe salvare. Se per mondo intendiamo quel pianeta sospeso nell'universo tanto piccolo quanto unico bene,salviamolo pure ma se al contrario per mondo intendiamo quello delle lobby,degli interessi,dei poteri forti,delle guerre,delle sopraffazioni per me potrebbe sgretolarsi ancor prima che io possa finire di mettere nero su bianco questi pensieri di uomo semplice. Non considero la bellezza un valore assoluto ma un mix di sensazioni che la stessa potrebbe suscitare nel nostro intelletto. Quello che per molti potrebbe essere bello per me potrebbe invece essere una emerita schifezza così come potrebbe essere l'esatto contrario,chi lo stabilisce in base a quale metro di valutazione. Certo esiste una bellezza innegabile,la bellezza della pace,dell'amore,della tolleranza,dell'onestà,la bellezza di un istante e dell'emozione,esiste una bellezza da vivere intimamente e da condividere,una bellezza passeggera che può trasformarsi in tragedia,difficile dare forma alla bellezza. Certo di fronte a certi spettacoli della natura o di fronte ad alcune opere dell'uomo si può restare a bocca aperta,meravigliati di cotanto piacere che riesce a farci vivere ma poi ci rendiamo conto che è tutto temporaneo,passeggero,discutibile,quello che un tempo consideravamo bello a distanza di anni potrebbe rivelarsi orrendo,la bellezza intesa come dialogo tra intelletti diversi,la bellezza espressa in due dimensioni diverse,quella filosofica e quella teologica,una bellezza fatta solo di canoni estetici che vanno per la maggiore seguendo le mode del momento è persin troppo banale no? bisognerebbe saper cogliere la bellezza anche nel caos delle goccioline di umidità che formano l'arcobaleno,una bellezza che nemmeno sappiamo dove inizia e dove finisce eppure di una bellezza sconvolgente,la bellezza di un torrente di acque gelide in alta montagna o nella pigrizia di un tramonto in riva al mare. Bellezza come forma e condizione di vita anche se non esiste la bellezza se non la si condivide,rimarrà solamente un piacere per gli occhi ma noi oltre che vedere vorremmo "osservare"…..opsss che sia io l’idiota in questione?Leggere Dostoevskij dal punto di vista filosofico vuol dire anteporre al pensiero filosofico stesso tutti i problemi che i suoi personaggi pongono a loro stessi prima tra di loro poi ovviamente al lettore delle sue opere. Possiamo dire che è stato capace di penetrare nei pensieri e svelarne le lacune,i pezzi mancanti.Passare da una dimensione letteraria a una speculare,un doppio pensiero che passa anche attraverso le ambiguità e le contraddizioni. Il tema centrale del suo pensiero è sempre uguale e attuale,DIO e la sua esistenza,pensiero ancora oggi presente nella nostra società.Il suo pensiero a negazione di molteplici aspetti della vita stessa,del valore etico,del senso dell'esistenza,di una morale priva di valori come se la vita fosse priva di valori.Un pensiero forse metafisico,una visione della fede che è dubbio,in una parola NICHILISMO esistenziale e morale.Nella sua opera più conosciuta e grandiosa "I fratelli Karamazov" l'episodio del Grande Inquisitore è posto ai vertici dai grandi della storia che lo definiscono di una bellezza insuperabile. Narra di Fedor Pavlovic,un vecchiaccio libertino, malvagio e opportunista,dei suoi figli Ivan e Aleksej avuti dalla seconda moglie che poi si ammalò e morì precocemente,odiato dal figlio di primo letto Dmitrij che poi uccise il padre e Smerdiakov,figlio illegittimo,un concentrato struggente e drammatico tra personaggi viziosi,autolesionisti,goliardici e dissoluti,un concentrato dell'inquietudine dell'animo umano.
7c9d3874-d556-42a8-aa63-67849c54f6a4
La bellezza salverà il mondo (Dostoevskij) Così disse il principe Miskin nell'Idiota di Dostoevskij e mi sono sempre chiesto cosa intendesse dire. Quale bellezza (esiste una bellezza assoluta?) e quale mondo dovrebbe salvare? A ben pensarci se si riferisce alla bellezza intesa come piacere mentale...
Post
13/10/2017 11:22:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.