Biasimare la vittima, errore logico frequente

23 ottobre 2015 ore 21:03 segnala










ad4486b8-975d-4bf4-9802-a01840a4fd48
« immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine »
Post
23/10/2015 21:03:42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. dealma 24 ottobre 2015 ore 17:29
    Tutti belli.
    Ma mi fermo al titolo del post: biasimare la vittima, perché lo si fa?
    Credo sia una sorta di moto di auto-rassicurazione. Si pensa: al suo posto sarei stata vittima pure io?
    Il passo successivo è individuare mentalmente le vie di scampo, e pensare che se la vittima non le ha viste e percorse, allora la colpa è un po' sua.
    Aggiungo una curiosità: una mia amica francese mi diceva che nella sua lingua, per dire che una ragazza è stata violentata si dice "si è fatta violentare". Terribile, no?

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.