ritornare...

19 aprile 2010 ore 16:53 segnala

...sapendo già che non resterò... ma ogni tanto fa bene al cuore passare di qua e vedere che c'è ancora chi mi cerca... sopratutto è bello ogni tanto tornare per ricordarmi chi ero... anche se forse non l'ho mai dimenticato...

 

...la vità è un'incognita meravigliosa...

un anno fa credevo che la mia felicità fosse distante 500 km...

un anno fa credevo che nel giro di un anno avrei abitato a 500 km da qui...

un anno fa credevo che l'Amore mi avrebe richiesto un mondo di sacrifici ed ero pronta ad affrontarli...

 

a distanza di un anno ho la certezza che la mia felicità era solo a pochi km da qui...

a distanza di un anno ho la certezza che continuerò ad abitare in mezzo ai miei amici...

a distanza di un anno ho la certezza che l'Amore richieda un mondo di sacrifici, che sono pronta ad affrontarli, ma che non si chiamano più sacrifici...

 

non parlo di lui per scaramanzia... o forse perchè credevo si dovesse parlare solo di quelle emozioni che ti incendiano il cuore, che ti fanno venire le farfalle nello stomaco e ti toglono il respiro... ma lui mi ha fatto scoprire la serenità... e a distanza di un anno credo sia la migliore delle qualità... perchè l'Amore ha svariate forme, ma quando ti scalda il cuore, sia per sempre o per un'ora, ha reso migliore la tua esistenza...

 

ciao a tutti...

 

p.s. per Intre... mi dispiace non sia più per te l'ultimo post :P

11537630
...sapendo già che non resterò... ma ogni tanto fa bene al cuore passare di qua e vedere che c'è ancora chi mi cerca... sopratutto è bello ogni tanto tornare per ricordarmi chi ero... anche se forse non l'ho mai dimenticato...   ...la vità è un'incognita meravigliosa... un anno fa credevo che...
Post
19/04/2010 16:53:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    12

Buon compleanno mia dolcissima amica...

09 marzo 2009 ore 16:44 segnala

Cara Cinzia,

c'è poco da dire quando le parole non servono... noi solo sappiamo cos'è quel filo sottile che ci tiene su e ci tiene unite... ripetere per l'ennesima volta che sappiamo di esserci anche quando non ci siamo ora sarebbe inutile... lo ripete...le parole non servono...

 

Oggi rileggevo il brano del Piccolo Principe e la volpe... ecco, noi siamo così, ci siamo addomesticate pian piano, ma senza bisogno di darci un orario per farlo...perchè se il segreto è che "non si vede bene che con il cuore, L'ESSENZIALE è INVISIBILE AGLI OCCHI" la nostra amicizia ne è la dimostrazione...

 

Buon compleanno mia dolcissima amica... a te che non guardi solo con gli occhi, a te che sai usare il cuore, che non lo tieni chiuso in un cassetto, ma che lo esponi al vento, alla pioggia, al sole, alla neve, all'arcobaleno... non avere mai paura di farlo... non evitare di tirarlo fuori solo per timore di doverci cucire l'ennesima pezza... sai quanto sono simile a te nel non risparmiarmi nei sentimenti... sai quante pezze ho nel mio... alcune sicuramente meno profonde delle tue... ma tu l'hai dimostrato con la forza con cui hai vissuto i tuoi primi 24 anni che non vale la pena nascondersi dietro a barricate o falsi muri... hai dimostrato ampliamente la mondo chi è Cinzia... non smettere mai di farlo, per me e per tutte le persone che ti amano...

 

...e come dedica questa canzone di Venditti che è un pò tua...

SOTTO IL SEGNO DEI PESCI

Ti ricordi quella strada
eravamo io e te
e la gente che correva
e gridava insieme a noi
Tutto quel che voglio - pensavo -
e' solamente amore
ed unità per noi
che meritiamo un'altra vita
più giusta e libera se vuoi...

Corri amore corri non aver paura...

 

 

10635251
Cara Cinzia, c'è poco da dire quando le parole non servono... noi solo sappiamo cos'è quel filo sottile che ci tiene su e ci tiene unite... ripetere per l'ennesima volta che sappiamo di esserci...
Post
09/03/2009 16:44:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    8

aldilà di un'ora senza te...

18 febbraio 2009 ore 11:02 segnala
Io e te non eravamo perfetti

non lo saremmo mai stati…

Eravamo prigionieri di altre storie,

tu soprattutto che mi dividevi con lei

e io che non sapevo dirti di no…

le mie punte d’orgoglio

mangiate dai tuoi baci,

non c’era poesia in questa storia,

solo fame…

 

 

Eppure non mi scordo di te

e ancora adesso ti voglio

contro le parole della gente

“appunto vai avanti”

me lo dicono tutti

ma non so vedere aldilà di un’ora senza te…

 

 

Le tue mani per gioco sul mio seno

e la tua bocca di sabbia nella mia…

Giocavamo con il fuoco

pensando di non scottarci,

ma le bruciature lasciano cicatrici ben visibili…

erano i minuti rubati

agli angoli delle strade,

sotto un lampione spento

per non farsi vedere…

 

 

Eppure mi ricordo di te

e ancora adesso ti odio

forte delle parole della gente

“appunto vai avanti”

me l’hanno detto tutti

ma non so vedere aldilà di un’ora senza te…

 

lei...

17 febbraio 2009 ore 17:38 segnala
Ha l’aria tra i capelli lei,

insieme a dita che non passano più…

ha la luce negli occhi lei,

anche ora che il sole è basso all’orizzonte…

ma soprattutto ha la vita tra le mani lei,

un sorriso sulle labbra

e la voce per gridare lei…

 

 

i sogni ti scorrono freddi sulla pelle

quando non sono più tuoi

e maledici ciò che volevi

e ciò che eri…

ricordi solo i suoni e i colori,

ma non sono più tuoi quei baci…

 

 

Ha le unghie smaltate di fresco lei,

per non poterle più mordere…

ha gli occhi dipinti di blu lei,

per non poter più piangere…

ma soprattutto ha il vuoto nel cuore lei,

nostalgia tra le ciglia

e vita da riconquistare lei…

 

 

i sogni ti scorrono freddi sulla pelle

quando non sono più tuoi

e maledici ciò che volevi

e ciò che eri…

ricordi solo i suoni e i colori,

ma non sono più tuoi quei baci…
10577752
Ha l’aria tra i capelli lei, insieme a dita che non passano più… ha la luce negli occhi lei, anche ora che il sole è basso all’orizzonte… ma soprattutto ha la vita tra le mani lei, un sorriso...
Post
17/02/2009 17:38:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

sarà...

12 febbraio 2009 ore 12:34 segnala

Sarà diverso, l'amore vero sarà diverso...

Non saranno più angoli bui ma baci alla luce del sole, senza vergogna, senza paura...

Sarà entrare in casa ridendo, senza più borse da buttare sul letto...non saranno solo farfalle nello stomaco, ma farfalle da guardare volare libere con lui...

Non sarà più timore nel ricevere un messaggio, aprirlo tenendo una mano sullo schermo per paura di quello che potrei leggere...

Sarà diverso, sarà facile, perchè l'amore deve essere facile...facile non nel modo, ma nel sentimento...saranno nuvole, magari acquazzoni, ma non notti senza stelle...

Non sarà più così, questa è una promessa! Mai più...

 

esercizi di scrittura 10

11 febbraio 2009 ore 16:51 segnala
Sono passati mesi e quel semaforo è sempre lì… anche le persone che lo attraversano probabilmente sono le stesse, sono gli assonnati che la mattina imprecano sul lungotevere e gli stressati da giornata di lavoro che non fanno che suonare il clacson nella speranza che questo li faccia rientrare prima a casa…

Io quel semaforo l’ho perso di vista… hanno spostato gli uffici dello studio e non attraverso più quel tratto di lungotevere… all’inizio è stato difficile… mancava quella spinta per alzarsi 5 minuti prima la mattina… mancava la voglia di mettere i tacchi anche se veniva giù il diluvio universale… ma piano piano mi sono convinta che la vita continua anche senza aspettarla ad un semaforo…

Ho sperato per giorni infiniti che il ragazzo del bar mi allungasse una lettera insieme al caffè della mattina, ma poi se n’è andato anche lui per inseguire le sue “velleità” d’artista e si è portato via il nostro segreto…

Quel motociclista mi è mancato da matti… lo cercavo anche nei luoghi che non erano i nostri… e una volta sono stata sicura di aver visto parcheggiata la sua moto in via Crescenzio… ma passando veloce in macchina con un’amica mi sono convinta di essermela immaginata…

Quel motociclista l’ho odiato… arrivare così vicini a vederci senza una visiera di mezza e dovermi accontentare di ricordare solo il colore del suo casco…

Quel motociclista ora è un sorriso sul mio viso… ho imparato a mie spese che la vita è strana… che le canzoni sono ottimi sottofondi ma non segni del destino… e probabilmente la sua vita come la mia aveva bisogno di attimi veri e non mezze fantasie… gli ho trovato mille giustificazioni… trasferito… cambiato lavoro… o semplicemente innamorato di una donna che non fosse solo un paio di tacchi… e con nostalgia ora passo davanti a questo semaforo che si è divertito a giocare con le nostre strade…

Non sono più triste… sono serena… non si sa mai che torni… ma se anche non lo facesse so sempre dove trovarlo… al rosso del semaforo in qualche notte insonne….

 

 

 

So che questo non è il finale che molti desideravano, ma è il mio finale… e non è un finale amaro, badate bene, non è affatto amaro… è un finale di quelli che a volte viviamo nelle nostre vite e non è detto che per forza a due personaggi della mia fantasia dovesse andare meglio :P

 

che dire...

11 febbraio 2009 ore 15:36 segnala

...è così tanto che manco da qui dentro che quasi mi vergogno a tornare...succede come con quegli amici che per vari motivi ti lasci indietro nel cammino e quando li rivedi ti senti colpevole...ma sono giorni ormai che entro ed esco da questo blog senza scrivere nulla e mi rendo conto ogni volta di più di quanti mi manchi...

 

perchè non ho più scritto!? potrei trovare mille scuse... mancanza di tempo... colpo di fulmine per facebook... e chissà cos'altro...ma il motivo è uno solo...paura!!

 

questo blog è sempre stato il mio specchio... qui ho tirato fuori il bello e il brutto di me... e non è facile affrontarsi a volte... per paura delle domande... per paura delle risposte... ma anche per paura di non trovarle queste risposte!! perchè il mio stato attuale è di confusione totale!!

 

Sono passati quasi 5 mesi da quel suo primo messaggio e la situazione è andata avanti a tira e molla, messaggi e baci, litigi e prese ingiro, per essere sempre al punto di partenza: lui sta ancora con lei! Questa lei che il destino ha voluto farmi conoscere, anche se solo telefonicamente, per questioni di lavoro... lei che non sa di me, dei nostri aperitivi ogni martedì, dei suoi baci dati al volo in ufficio... lei che mi considera "tanto gentile, tanto simpatica"... lei che "chiamami pure se hai bisogno"... povera lei e povera me... legate senza futuro ad un uomo che non ci merita!! non sto scrivendo questo per sentire il "consiglio" di chi leggerà... non perchè non li apprezzi... ma perchè di consigli ne sto sentendo a bizzeffe, ma io continuo a farmi felice e farmi male con questa testa matta che non ragiona e un cuore che vuole battere troppo veloce... ci sono stati gli ultimatum... i "scegli lei o me"... ci sono stati gli sms con scritto "non cercarmi mai più" seguiti dopo qualche giorno dai baci nascosti dietro il bar... l'incazzatura per quel loro week end a Londra (fortunatamente saltato) a pochi giorni da quel suo messaggio "ti penso continuamente, ho sbagliato strada per l'ennesima volta"... i miei sms alle amiche "lo odio" e poi quelli "ho le farfalle nello stomaco"... ma non ho niente in mano, me ne rendo conto, solo promesse vane... e questa canzone ora... che cosa c'è di più CELESTE di un cielo che HA VINTO MILLE TEMPESTE...e so che supererò anche questa... sonosco le mie forse...sono quelle che mi hanno salvato dopo essemi abbandonata alle mie debolezze... ma mi consola quest'idea che infondo sto vivendo senza risparmiarmi nulla... sorriri e lacrime... ed è giusto così... non molti lo capiscono, tanti si chiedono perchè farsi del male... perchè non avere la forza di troncare... semplice... PERCHè QUESTA SONO IO!!

 

è tornata Celeste che da 5 mesi non era più voluta uscire dal suo rifugio mentre la contraerei nemica si abbatteva su di lei... e mi era mancata da morire...

 

lui non sarà mai mio... ma sarà un pezzo di questa vita che mi porterò dentro... per questo vale la pena viverlo... per questo vale la pena starci male... perchè è vita!!

 

Mi siete mancati... il blog e chi legge... chi ho perso per strada in questi mesi... chi da qui si è cancellato... chi ho trovato anche in FB ma non è la stessa cosa... Intreeeee sono qui e spero di restare per un altro pò...

 

Sono il re di chi ama troppo
Sono il re di chi perdona
Che sia animale o cosa
Sbaglia e accusa di persona

Sono il re di chi ama e basta
E di chi non abbandona
Sono il re della pazienza
Ce l’ho in testa la corona
E semmai dovessi andarmene tu

Quando parlerai di me
Che non conto mai le ore perché
Il mio lavoro è aspettare
Ti ricorderai di me
Perché amore, amore è andato
E non me ne ero accorto io,
Il re di chi ama troppo

Sono il re del solo affetto
Sono il re di ciò che ho detto
Condannato dal difetto di chi
Pensa sempre nero solo
Perché ama per davvero

Quando parlerai di me
Che non conto mai le ore perché
Il mio lavoro è aspettare
Ti ricorderai di me
Perché amore, amore è andato
E non me ne ero accorto io
Il re di chi ama troppo

Sono il re dei troppi errori, dei pensieri messi fuori
Sono il re della distanza, sono il re di te e di me
Sono il re di chi lo dice ciò che sento
Sono il re del tuo ricordo buono a niente
Sono il re di chi si avrà per sempre

Quando parlerai di me
Che non conto mai le ore perché
Il mio lavoro è aspettare
Ti ricorderai di me
Perché amore, amore è andato
E non me ne ero accorto io
Il re di chi ama troppo

Ti ricorderai di me
Perché amore, amore è andato
E non me ne ero accorto io

Il re di chi ama troppo
 

10556814
...è così tanto che manco da qui dentro che quasi mi vergogno a tornare...succede come con quegli amici che per vari motivi ti lasci indietro nel cammino e quando li rivedi ti senti colpevole...ma sono giorni ormai che entro ed esco da questo blog senza scrivere nulla e mi rendo conto ogni volta di...
Post
11/02/2009 15:36:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

DOVEVA ANDARE COSI'...

12 dicembre 2008 ore 17:38 segnala
...DOVEVA SUCCEDERE...DOVEVI TORNARE PER RIPARTIRE...DOVEVI LASCIARMI DI NUOVO IN UN ANGOLO SCONFITTA...BEH IO ORA CI VOGLIO STARE IN QUEST'ANGOLINO...MA TU NON VENIRE PIù A DISTRARMI...GODO DELLA MIA SOLITUDINE...VIVO DI ME STESSA...

impressioni a caldo...

21 ottobre 2008 ore 17:23 segnala

...dato che D è appena passato e io ero sola in ufficio... a caldo anche perchè al solito basta che mi parli perchè io diventi viola... io che faccio fatica a sentirmi in imbarazzo, con lui sono perennemente in tonalità che va dal rosa acceso al viola ciclamino!!

 

perchè tu mi guardi con quegli occhi e io mi perdo... e le mie strategie, tutto quello che prima che arrivi immagino di fare e dire, si perde tra il poco spazio che lasciamo tra di noi! ti sei avvicinato per dirmi quella cosa sottovoce... e io non ho più capito nulla... e tu stavi per baciarmi, ma io mi sono tirata indietro... perchè di orgoglio ne mastico ancora un pochino... perchè sta storia dell'apparire e scomparire così non mi piace...

...eppure è il modo in cui quegli occhi mi entrano dentro che mi lascia scossa appena esci da quella porta... non ti limiti a guardare i miei occhi o la scollatura... tu segui tutto... il movimento delle mani... l'incresparsi delle labbra... la gamba che dondola accavallata sull'altra... i capelli che ricadono lenti su una guancia... lo fai in una maniera che quegli occhi mi restano dentro anche quando sei andato via...

 

se continua così cambio lavoro!!!

c'è una stagione per ognuno...

19 ottobre 2008 ore 22:46 segnala

...storie che nascono e storie che finiscono... storie che vanno avanti verso il lieto fine... e storie che non sanno nascere, non sanno finire, ma sopratutto non sanno andare avanti...

 

è la stagione di chi, come Marco e Silvia, finalmente sta per coronare il suo sogno... hanno fissato la data... e fanno respirare a chiunque li circonda al loro voglia di iniziare un nuovo tipo di cammino insieme... allora è divertente parlare di preparativi, ideee, viaggi e vestiti... può esserlo fino alle lacrime quando gli amici siamo noi...

 

è la stagione di chi, come Flavio e lei, si sono lasciati... e allora, perdonatemi quella che può sembrare cattiveria, "era ora!!"... perchè se stare con lei ti allontana dagli amici fino a dimenticare che esistono, forse stare senza di lei può farti riavvicinare a quella gente che hai dimenticato, ma che ti aspetta a braccia aperte...

 

è la stagione di chi non sa cosa sta facendo... come te... che sembrava che una volt lasciata lei dovesse essere tutto più facile... ed invece è ancora tutto terribilmente complicato... ma la tua stagione di incertezza, continua ad essere la mia "non stagione"...

 

i consigli si succedono a stretto giro...

 

...lasciagli tempo... lascialo perdere...

 

...e io che i consigli sono sempre stata brava a darli e mai ad accettarli vivo la mia non stagione... ma lo faccio senza piangere... esistono anche le non stagioni nella vita... che poi è una stagione anche lei... è la stagione delle incazzature, degli alti e bassi...

 

è la mia STAGIONE DELL'ALTALENA... a volte mi spingi tanto su da toccare il cielo con un dito... a volte non vuoi più spingere e la terra non è mai stata tanto vicina... ed ogni volta penso sia il momento di scendere... ma ogni volta non lo faccio mai nella speranza che arriv un pò di vento a farmi salire ancora... dico che mi faccio la mia vita... aggiungo sottovoce che me la faccio mentre ti aspetto... ci sono persone che pensi di aver chiuso fuori da te, ma che basta ti sfiorino con un bacio perchè ti accorga che non erano poi così fuori... questo è stato il problema con te... essere tranquilla... pensare di poter giocare senza bruciarmi... e ritrovarmi ora con qualche ustione... con la voglia di mollare tutto per non toccare più quel fuoco... mi ripeto che io sono vento, non fuoco... ma so quanto questo vento sa alimentare quel fuoco...

 

"la stagione dell'amore, viene e va..."

 

 

...stare lontana dal blog non mi ha aiutato granchè... volevo fuggire da quella parte di me che scrivendo emerge con prepotenza... quella che mi sbatte con le spalle al muro e mi punta il dito in faccia... ma non ce l'ho fatta e sono tornata...