Gesù e chi altri?

15 maggio 2019 ore 09:33 segnala

Ce ne sono tante di storie che si possono accostare a quella più seguita negli ultimi duemila anni … ma c’è ne è una, a mio modesto avviso, che ha dell’incredibile per quanto molto simile la si possa facilmente intendere come storia fotocopia a quella vissuta da Cristo, con la sua croce. Tutti quanti la conoscono; tutti … di ogni religione, quindi. Del resto, non è per caso vero che uno dei simboli più inflazionati è appunto il crocefisso? Personaggi Vip e pure “coattelli” di terzo bordo spesso ne fanno scempio nell’uso ostensorio che ha quasi del blasfemo nel farseli tatuare sulla pelle in mezzo a tanti altri feticci tribali. Senza dover indagare pure dove questi li si possono trovare tatuati.

Come molte storie si somigliano … anche le abitudini e i vezzi della massa … prendono sempre piede partendo da ciò che si crede essere coraggio. Il coraggio d’oggi sta nella blasfemia, nella strafottenza, nell’arroganza, nella “burinaggine” che certi individui assumono come comportamento quasi a voler dire che si è “persi” si … ma liberi di agire senza alcun timore (forse, se leggerete fino alla fine, uno di questi potrei essere intrapreso io … dai soliti impostori che stanno sempre in agguato … con i loro cani/gatti, “tatuaggetti” da strapazzo e piercing … piercing a volontà ad aumentare gli sfinteri come buchi).

Il coraggio di duemila anni fa, invece, era quello di manifestarsi cristiani a tutti gli effetti … anche se esistevano proclami che ne vietavano il culto e la passione. Una sorta dell’ebreo sotto il nazismo hitleriano che ha portato a sopportare croci inaudite presso i lager … o una sorta del fare “outing” (omosessuale) che è andato di moda una decina d’anni fa. Quest’ultima è apparsa addirittura come moda capace di portare alla ribalta il proprio personaggio professionale di nuovo sulle pagine del gossip attuale … garantendosi così un sicuro successo mediatico nel “surfare” ancora una volta sulle alte onde delle cronache della ribalta.

Chi tra noi umani non è sottoposto a viversi una sua croce? Nessuno escluso. Le croci servono a renderci conto di quanto vulnerabili siamo … spesso per “merito” e spesso per colpa sempre degli altri. Un processo? C’è un accusatore. Una malattia seria? Potrebbe esserci un pelo di qualche cane o gatto ingerito involontariamente magari una ventina di anni prima. Un omosessuale in famiglia? C’è l’omosessuale. Un drogato? C’è la droga vietata. E via di seguito. Miliardi possono essere i casi di croci da dover sopportare sulle proprie spalle … ma come quello vissuto dal buon Gesù (raccontato anche dai vangeli apocrifi) … ce ne sono pochi … e sono contati.

Non di certo si può accostare la stessa croce ai lestofanti Barabba e Giuda, a lui contemporanei. No. Loro pure avranno dovuto sopportare le loro croci … ma il contesto era diverso. Chi ladro, chi ruffiano … era quasi prevedibile se ne vivessero un’altra. Alludo a qualcosa di più pulito all’origine, invece … che con la massima cattiveria lo si è voluto sporcare per il gusto personale di strumentalizzare la sua vita fatta di bontà e saggezza da trasformare in sudicia esistenza; e per tanto da punire in pubblica piazza.

Ci sono le religioni, quindi … e ci sono casi di innocenza colpevolizzata per comodo delle istituzioni; tipo quei Olindo e Rosa, famosi alle cronache nazionali, qualora dovesse venir fuori che sono innocenti. Non si prega un Barabba … non si prega un Giuda alla stessa maniera del terzo condannato … né si pregherebbero Olindo e Rosa … nonostante quanto prospettato fossero veramente innocenti.

Non si prega nemmeno un grande che fu nella filosofia: Socrate. Appunto il personaggio cui facevo riferimento all’inizio del mio post odierno. Mai nessuna storia, tipo la sua, può essere accostabile fedelmente a quella di Cristo. Né lobby, né culti aggregati in adorazione, né quant’altro di conveniente … si è formato con lo scopo di sdoganare quel povero “Cristo” (alludo a Socrate) per osannarlo come si deve.

Cosa intendo? Semplice: mentre per Cristo lo si osanna se appartenenti alla sua setta (tutto partì da lì) … Socrate lo si osanna invece un po’ da tutti gli ambienti. E’ veramente onnipresente … nel pensiero umano … laddove esiste e si manifesta nel miglior modo possibile. Pure negli ambienti clericali, per giunta. Non a caso … il frate agostiniano Erasmo da Rotterdam, sin dai tempi dell’umanesimo, inseriva nelle sue litanie il “Sancte Socrates, ora pro nobis” … appunto riconoscendolo un grande uomo che fu.

A proposito (ma non c’entra niente con quello che vado appresso dicendo) Erasmo da Rotterdam era quel frate che al compagno di celletta gli dedicava questi sublimi (e subliminali) versi: “Io ti amo più dei miei occhi, della mia anima, insomma più di me stesso”. Quanti umani saprebbero essere altrettanto sinceri di spingersi a dirlo o addirittura a farlo nei confronti di qualcuno? Secondo me “nisciuno”. Comunque, continuiamo nel ragionamento da farsi sull’accostamento a Cristo.

Nell’apologia di Socrate, come accennavo in precedenza, vi sono tutti gli elementi per capire che quel che ha fatto Cristo 400 anni dopo … lo aveva vissuto a sue spese pure Socrate. Oggi lo si adora come mente pensante … non solo … ne hanno pure sviscerato il suo pensiero nei secoli precedenti. Solo quel "peracottaro" di Nietzsche e poc’altri lo disprezzano con le loro tesi (ma questo, del "peracottaro", è un mio personale giudizio giacchè mi sta fortemente antipatico). Di Socrate, Il suo vangelo fu tal Platone; che con i suoi libri descrisse un uomo probo e saggio ignobilmente accusato da chi faceva parte del sistema politico di allora … giusto per toglierselo dai “coatti” (capito cosa, vero?).

I suoi discorsi, infatti, aprivano gli orizzonti del pensiero umano. Tutti ne venivano conquistati; e non è vero che rinnegava gli Dei di allora … o che corrompeva i giovani allievi (le sue accuse ufficiali mosse dagli, di lui, invidiosi Meleto e Anito) … anzi … asseriva che proprio dagli Dei lui stesso era un discendente inviato sulla terra per intercedere con la mente umana affinchè ragionasse di suo … e non per plagio dei soliti sofisti. Un grande. Una specie di come faccio io con chi ha il cane o il gatto in casa mettendolo in guardia di condanne (malattie) che potrebbe ricevere a livello naturale … se vissuti con scarsa igiene e promiscuità familiare (letti, divani e cucine da infettare e da infestare qualora abbiano i parassiti).

Anche Socrate ebbe il suo processo. Il verdetto? Condanna a morte. L’offerta di scappare come quella presentata a Cristo? “Giammai” … fu anche il suo rifiuto. La condanna la si sarebbe rivoltata a favore proprio per condannare proprio quegli usurpatori che si spacciavano per menti pensanti (i sofisti delle oligarchie di allora). Ma guarda un po’ quanta similitudine tra i 2 … anzi tra i 3 … visto che ci sono di mezzo pure io … che in mezzo ai nostri Parlamentari devo assistere tacitamente alle proposte scellerate che fanno in virtù dei nostri animali tenuti a casa. Vietato mangiarne la carne di cane e gatto (arriveremo pure ai conigli etc. etc) e … in nome di quella boiata Pet Terapy (boiata per via del luogo in cui la si vorrebbe praticare), con la quale si vorrebbe dare accesso negli ospedali ai cani e ai gatti alle visite dei pazienti ricoverati. Orrore.

Socrate è campato 71 anni (longevo per quell’epoca); Cristo 33; … ed io? Oggi dovrei avere 56/57 anni (non li conto mai … giacchè mi sento sempre un ragazzino) … quanto ancora a lungo potrò resistere nel tamponare attacchi di chi preferirebbe vedermi morto piuttosto che far ledere quel che ritiene essere un diritto al suo animale … di puzzare ed inquinare peggio di come puzzo io ed inquino in un bagno? Spero di mettercela tutta nel tentare di portare a funzionare anche le menti altrui. Oh! Se non ci dovessi riuscire … pazienza. Una statua al valore etico-morale però me la dedicherete in futuro? Molte grazie.
de9d70ef-e046-4e89-8eb4-5f0bc9d864a8
« immagine » Ce ne sono tante di storie che si possono accostare a quella più seguita negli ultimi duemila anni … ma c’è ne è una, a mio modesto avviso, che ha dell’incredibile per quanto molto simile la si possa facilmente intendere come storia fotocopia a quella vissuta da Cristo, con la sua cro...
Post
15/05/2019 09:33:27
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. crenabog 15 maggio 2019 ore 10:22
    :hoho :hoho :hoho eh prima di buttarmi a letto dopo la nottata questa mi ci voleva (ammettilo che Nietzsche ti sta antipatico per tutti quei peli dei baffi), grazie, un caro saluto
  2. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 10:48
    No. caro @crenabog, Nietzsche non mi sta antipatico per i peli che ha (o, per meglio dire, aveva) ... ma per le sue idee, le sue esaltazioni dalle quali sono sortiti non certo fiori. Se fosse stato come pensi ... con te non avrei nemmeno dovuto scambiare la parola "Ciao" (o "bentornato") con tutto quel barbone che ti porti appeso al mento. E se fossi esaltato io ... in quello che dico ... non dovrei nemmeno accarezzare cani e gatti per giocarci o coccolarli come si conviene. Invece ... basta fare tutto questo ... considerando che esiste acqua e sapone (o disinfettanti) capaci questi di sterilizzarti le mani con cui sono venuti a contatto con gli animali. Con gente tipo il filosofo tedesco ... o altra ancora più pericolosa ... c'è sempre la mente che riesce a spurgare ogni male possa venire dagli altri ... prendendo il bene che possono invece concedere. Nietzsche avrà pure detto qualcosa di sbagliato ... ma escluderlo totalmente nel volerlo non considerare è un grave errore. Tra l'altro, tra tante cose che muove a compassione ... è la sua fine. Da un grande pensatore, sia pur caratterizzato dalle sue megalomani provocazioni ... c'è sempre da imparare. :) Ma se dovessi scegliere di adottare un Nietzsche, un Gesù o un cane (gatto) ... non ho alcun dubbio che sceglierei Platone. Anzi, ti dirò di più, visto la mia natura umile e modesta ... sceglierei un Diogene di Sinope ... che almeno cercava l'uomo andando in giro munito solo di un lumicino (quello della ragione). :) "Ogni individuo insegna ed impara" ... questa è la mia massima, invece. Per questo ti ringrazio comunque.
  3. crenabog 15 maggio 2019 ore 11:04
    ammetto di averlo letto quando ero molto giovane "Così parlò Zaratustra" ma ammetto pure di non ricordarne niente è questo direi che è un indizio interessante visto che qualsiasi libro io guardi girando in casa o nella cantinola dove conservo tutti gli altri dei più di diecimila che non mi entrano in casa, al solo vedere il titolo ricordo cosa c'è scritto. di lui invece boh non lo ricordo affatto. che dire, si vede che non mi ha preso. o ero troppo giovane. e se proprio devo confessarmi più che Platone, Socrate o Diogene ti dirò che la mia vena goliardica, scanzonata - ebbene sì mica solo il conte Mascetti poteva cazzeggiare anche in punto di morte - e tanto tanto sopra le righe apprezza di più un Cecco Angiolieri, ormai semi dimenticato - prova a cercarne un libro in giro e portati i fazzoletti per quanto suderai... ma insomma, come dico sempre, siamo vari e diversi e va bene così. un caro saluto
  4. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 11:28
    @crenabog Se alludi alla saga di "Amici miei" ... quella è sempre stata altamente apprezzata dal sottoscritto come stile di vita. Anzi, mi scompongo ancora di più: se gli amici miei di allora non si fossero sposati/fidanzati come si deve ... o non fossero espatriati ... o addirittura rintronati di loro ... ebbene ... a quest'ora non sarei rimasto a parlare con te e tanti altri figuri (chi loschi e chi trasparenti come tu appari) parlando di filosofia o di peli, bava e piattole di animali. Me ne starei a girovagare durante il giorno o nottetempo con costoro (i miei amici di allora) in cerca di viverci ciò che il destino ci avrebbe assegnato per ridere a crepapelle. Se si ha umanità e senno commisurati all'esigenza di dover ridere a tutti i costi ... le risate escono pure nel rimorchiare qualcuna a Fontan di Trevi. Oggi rischi ti denuncino per abbordaggio solo per fischiare ad una bella bionda ... figurati se te la porti a letto. Capirei se rimanesse incinta (come capitato al mio miglior amico) ... ma girovagare in cerca di divertimento sano ... (in nome ovviamente del consenso) altro non è rimasto che niente. Ogni donna si crede una statua di cera ... oppure va di moda il lesbismo. Loro si divertono pure a prendere per il sedere gente come il sottoscritto ... io mi diverto a vedere come il mondo a poco a poco muore. L'unica soddisfazione è il "te l'avevo detto" ... da pronunciare al momento opportuno. E così ... vedo passare stupidi individui che nemmeno sanno più corteggiare ... qualora questo sia stato per loro la vera religione (o filosofia) di vita. Incapaci di farlo pure nel passato ... li si vedono vessare e uccidere donne che si rendono ancora più diffidenti nel libero arbitrio di concedersi per naturale divertimento. Oggi ... ai miei anni ... come ho scritto in un post precedente ... il divertimento a cui alludo mi è scemato ... ma se la sono presa in quel posto non certo io che ho dato ... ma mille e mille giovani di ambo i sessi. Si accettano promiscuità tra omosessuali o tra animali ... ma del vero, del sano godimento ... tutti a fare da moralisti nell'accusare gli intenti naturali. E applaudono le mani agli acronimi tipo "mdf" ... inconsapevoli che morti lo sono già di loro da decenni. Ce ne sarebbe di cui parlare ... se si volesse evidenziare il divertimento vero ... che non è solo la sala biliardo o le birre da bersi in "coro" ... ma è anche baciare e carezzare corpi che tirano più di un aratro messo davanti ai buoi. Non so dove andremmo a finire ... ma comunque mi diverto ad osservare tutta questa stoltezza che si vede in giro. Non ce l'ho con i gatti e i cani ... ma con atteggiamenti indispettiti dei loro padroni. Se veramente Mascetti lo hai apprezzato ... immaginami nei panni di colui che salta alla stazione nel dar ceffoni virtuali a chi dorme con cani e gatti ... o ci mangia in cucina nelle stesse ciotole. Per loro il divertimento (stare bene) è quello ... per me altro. Altro che oggi puzza di urina di gatto o pelo di cane post pioggia che farebbe passar la "voglia" pure a chi, umano, vive in quella casa. Per tale motivo si vive sempre più in singola compagnia di un cane o un gatto. La famiglia e tutto il resto (tipo amanti e amici) ... si sparassero qualcosa da soli. Siamo tutti rimasti senza un Dio. Era meglio l'anarchia, se posso essere sarcastico. Buon riposo. Alla prossima. :-)
  5. crenabog 15 maggio 2019 ore 11:43
    grazie, una felice giornata anche e te e grazie per i bei ricordi di quando andavamo a via del Corso a fare lo struscio, la passeggiata, e si prendeva un gelato - la coppa olimpica! - e si guardava le belle giovanotte che passavano mentre ci si inventava scherzi con gli amici. che ne sanno i ragazzini di come era la vita, quella vera? bah meglio lasciar perdere, mi intristisco troppo. saluti
  6. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 11:48
    @crenabog Già. Tutto era pulito ... sano ... normale. E quando lo evidenzio ... rischio di beccarmi (se non del mdf) dello zozzo. Capisci? io ... che non ho in casa nè un gatto nè un cane. Il mondo viaggia al contrario ... o sono io che mi sono messo contromano. Eppure oggi sono sobrio. :-)
  7. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 15:16
    io mi perdo arrivo a meta' e non riesco ...perdo il filooooooooooooooooo
    ma il morale della favola quale e' ;-(
  8. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 15:23
    @LINTERDIT ... quale delle due vuoi sapere? Quella sui peli, bava e il micidiale batterio di Capnocytophaga canimorsus ... oppure quella sui formatori di menti votate al bene comune (tipo Gesù, Socrate e tanti altri)?
  9. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 15:26
    :mmm ma te sei fissato co sti batteri
  10. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 15:29
    @LINDERDIT Io? Ma cosa dici? Io non tengo in casa animali che possono trasmettermi sto mondo e quell'altro.
    A meno che tu non voglia dar del fissato a delle ricerche che stanno portando avanti nella libera Francia alcuni ricercatori scientifici.
    https://www.salutelab.it/la-saliva-di-cani-e-gatti-puo-essere-pericolosa-per-gli-uomini/
  11. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 15:56
    @LINDERDIT Oh! Ma quanto ci metti a documentarti nel leggere il link che ti ho indicato? Io sono rimasto qui appeso al dialogo. Ricordi? Ti dovevo fare un sunto (alla Bignami) della morale che stava nel post odierno (almeno questa è stata la tua gentilissima richiesta).
  12. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 16:13
    il fatto e' che tratti piu' argomenti ed io perdo il filo logico ,sono abituata a seguire una cosa per volta ,ma forse e' mancanza di intelligenza o cultura limitata ...vorrei partecipare ma non riesco a seguirti devo rileggere piu' volte lo stesso passaggio e mi perdo
  13. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 16:18
    mi metti socrate nella pet terapy , mi parte l'embolo ... :hoho :hoho
    io amo la pet terapy e sono convintissima che debbano introdurre gli animali negli ospedali .....i bambini malati terminali ..ed anche gli adulti ne traggono giovamento .....forse anche il mio amico socrate lo farebbe ne sono sicura
  14. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 16:22
    Cara ... @LINTERDIT ... con calma. Metti su una musica di tuo gradimento (anche se ti suggerisco di ascoltare quella che di fianco al post ho pubblicato io per rasserenare gli animi ansiosi ... ovvero Erik Satie) e prendi un bel respiro nel mentre leggerai tutto di un fiato l'intero periodo che ho scritto. Poi medita su cosa cerco di dire ... e riprendi il respiro per andare avanti nella lettura. Se vuoi ostinarti a non voler capire proprio nulla ... :) fallo pure ... ma ritenta in un'altra occasione. Ti aiuterà a trovare un equilibrio mentale (quello in cui bisogna essere sereni nel leggere per capire) che ti porterà a sviluppare anche idee nuove.
    Se credi ... leggi il mio "papiello" pure a rate. Oggi una tranche, domani un'altra e... e via fino a conclusione ... ma non sottovalutare quello che tento di insegnare a chi vive nella completa inconsapevolezza. Basta avere attenzione ... e lavarsi spesso le mani ... che tutto poi può sembrare meno pericoloso. Non si è mai soli in una casa con gli animali. Ci sono pure i parenti, gli amici che ci vengono a trovare ... e, purtroppo per lei, inservienti che fanno le pulizie. Tutti rischierebbero rimanendo nell'inconsapevolezza più tremenda ... che poi si chiama ignoranza.
    Piuttosto ... "bentornata". Come stai?
  15. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 16:24
    ci conoscevamo? non ricordo ....
  16. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 16:29
    @LINTERDIT Su Socrate ... potrei darti ragione. In fondo ... era alla sua maniera un alternativo ... e da come si è visto nel suo processo ... non gli importava molto di vivere. Non perchè si considerasse un discendente divino (come Cristo ... che a Pasqua ci si mangia pure il capretto) ... ma perchè a chi piacerebbe vivere in mezzo a "na manica d'ignoranti"? Io pure mi amareggerei, se non ci fossero tangibili menti che apprezzano i discorsi miei.
    Sembrano che li faccia egoisticamente a mio vantaggio ... ma ti assicuro che è a vantaggio di tutta l'umanità ... incluso quella dei cani e dei gatti ... relegandoli al loro fedele ruolo che hanno. Tu, ormai, assuefatta dai falsi miti odierni, magari dormirai con il tuo cane sulle lenzuola della sua "cuccia" ... o mangerai nella sua ciotola non schifandoti ... oppure. .. i peli che vedi sul divano li consideri tappezzeria ... ma ti assicuro che tutto questo è anormale. Hai dato un'occhiata a quel link che ti ho pubblicato? Per favore ... se proprio non vuoi salvare amici, parenti ed inservienti qualora ti facessi aiutare nel disbrigo quotidiano ... almeno salvati tu ... che mi sei simpatica a pelle ... specialmente con quella foto con la bretella calata che hai pubblicato in bacheca. Uno schianto. :)
  17. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 16:33
    @LINTERDIT Se ci conosciamo? Hai dei nick omonimi? Non sei tu quella che si è intrattenuta da me per ore ... un giorno ... al dialogo in pvt ... prima che sparissi chissà per cosa? Se non lo sei ... cancello il "bentornata" sostituendolo con il "bentrovata" (ma tornerai almeno te? Qui mi adottano e mi abbandonano in tanti ... manco fossi un cane/gatto con le zecche.)
  18. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 16:35
    IO AMO CONOSCERE LE PERSONE CHE SCRIVONO ..NON SO CON QUALE NIK TI HO PARLATO PERCHE' MI CAPITA SPESSO DI LASCIARE QUESTO LUOGO E RITORNARE DOPO MOLTO TEMPO
    comunque io sto cercando di leggerti ma ho difficolta
  19. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 16:43
    @LINTERRDIT I multinick ... ma non sono uno psichiatra (quindi prendilo come un'opinione personale) ... denotano una personalità ballerina; nel senso che hanno una pluripersonalità ... che li rende incoerenti anche a se stessi ... se ci facessero caso. Comunque ... con molto tatto e discrezione ... tento di farti capire chi sono: nel nostro dialogo in pvt ... ti suggerii, visto che ti eri confidata di una cosa seria e grave ... a livello familiare, di scrivere un bel libro su come tutti i giorni tu affrontavi il problema. Te lo suggerii perchè magari ... chi come te magari viveva le stesse problematiche ... poteva acquisire uno stile consolidato. Sai quante persone hanno cani e gatti in casa ... e si ritrovano a dover affrontare cose inaudite? Solo perchè nessuno è stato capace (e in gamba) di mettere in guardia gli stili di vita promiscua con gli animali tenuti in casa. Bastavano poche attenzioni per evitare guai seri da affrontare decenni dopo. Ora ti ricordi? Sparisti, però.
  20. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 17:55
    ho solo questo nik ripeto ti ho frainteso perche' mi hai detto ben tornata .e visto che sono iscritta da qualche settimana credevo tu mi conoscessi prima di adesso punto ...bentornata qui nel tuo blog? di sicuro non ci tornero' piu' darmi della disturbata mentale mista un po stretto come complimento ti auguro buona frtuna
  21. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 18:36
    @LINTERDIT ... Ma come non ci torni più su queste pagine? Proprio ora, se non sei quell'altra, che ci stavamo conoscendo? Uffa! Ma qui dentro come si fa a fare amicizia. Comunque, d'accordo. Ti prendo in parola. Rispetto il tuo pensiero. Mi mancherai.
  22. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 18:42
    ma quell'altra chi .....abbiamo parlato di mia madre e dei problemi che ho ...e mi hai detto di scrivere un libro ,si hai parlato con me ..ed io non ho compreso ..perche' come dicevo prima e ribadisco salti da una cosa all'altra senza seguire un filo logico ..mentre parli di malattie fantomatiche trasmesse dagli animali ..mi dici bren venuta ...ed io non ho compreso il senso pensavo che ti riferissi al fatto che mi sono iscritta da qualche settimana dopo una lunga pausa ...
    hai poi parlato di multinik ,che non e' mia abitudine adoperare ,poi hai menzionato anche i disturbi mentali ,poi mi hai detto che hai visto le mie foto in bacheca e sono uno schianto ...si le ho messe ..stavo interagendo con un'amico avevamo fatto una scommessa ,ma come avrai potuto appurare non ci sono piu' perche' non mi va di lasciarle per ora ....forse domani le mettero' ..e questi sono solo cavoli miei......detto questo CIAONE
  23. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 19:07
    @LINTERDIT ALT! A che gioco stiamo giocando? Prima ti neghi tu possa essere quella a cui alludevo io ... e poi torni a beccarti il "bentornata"? :-) Eh no, sai. Tra le altre cose ... in piazza sei tu che metti le discussioni. Io di tua madre non ho pronunciato alcuna parola ... al contrario dell'apprezzamento mio fatto per la tua bretella ... che confermo- Ti ho dato della "Lindertittina", se non erro ... perchè sembravi una ragazzina; se fossi apparsa al sottoscritto più grande ... ti avrei dato di sicuro della "lindertettona".
    Sulle malattie ... ti scrissi in pvt che non volevo parlarne con te. Visto il tuo caso ... mi sarebbe apparso infierire ... e poi, tra l'altro, ormai "il dado è tratto".
    Sui disturbi mentali accennati, invece ... ci tengo a dirti che ho evidenziato che si trattavano di opinioni mie personali ... tutt'altro che avvalorate da titoli di studio pertinenti ... a voler dimostrare che potevano essere anche intraprese come opinioni del tutto superficiali. Del resto ... non ti conosco ancora bene.
    Non lo sono, le opinioni mie, quelle altre sugli animali ... quelle che possono trasmettere malattie serie agli umani ... per questo motivo ti ho inviato il link su cui documentarti. Lo hai almeno visionato? Se ti ho chiesto di documentarti era squisitamente per il tuo bene ... e per il bene della salute di colui o coloro che frequenti intimamente. Che ne so che vita conduci? Male che dovesse essere ... ovvero che la conduci senza distrazioni ... metterti in guardia sull'animale con cui si convive mi sembrava il meno che potessi fare. Mi affeziono ai vari nick che mi si presentano davanti ... e dopo quella lunghissima chiacchierata sul libro da scrivere (in pvt)... non ti nego che mi ero affezionato anche a te ... che mi venivi a trovare. :)
    Ora ... se stai accorta al pelo, alla bava e agli escrementi del cane bene ... ma se per superficialità o distrazione ignoravi che poteva fare male ... eccomi, in amicizia virtuale, che mi prodigo nel chiederti di fare molta attenzione.
    Ne vale anche del mio interesse. Che ne sappiamo nella vita che un giorno io con chi mi viene assiduamente a trovare non dovessimo essere amanti?
    Tu mi venivi a trovare pure con i nick vecchi ... pensa un po' se non si può sospettare che tale evento possa accadere. E se poi non dovesse accadere ... nulla cambia. Si parla, ci si scambiano informazioni ... e le emozioni le lasciamo in un cassetto. Mica cade il mondo ... o ci si ammala. Allora ... "Lindertittina" ... "bentornata"!. Ora lo posso dire. :).
  24. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 19:24
    :testata :testata :testata :testata e piu' probabile che una mandria di cammelli entrino nella cruna di un'ago , piuttosto che io possa comprenderti ...
    a proposito il libro lo scrivero' ,ma parlera' di te .... :hoho :hoho :hoho :hoho :hoho
  25. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 19:37
    @LINTERDIT Sono onorato. Dalla sopravvivenza quotidiana (tu sai a cosa alluda) ... alla sopravvivenza di aver a che fare con tipi come il sottoscritto. Se ti poni così in amicizia (che quindi non scappi come fanno in tanti/e) ... potresti involontariamente insegnare loro (a chi ti legge e a chi da me ignobilmente scappa) ... che io sono innocuo ... che potrei essere un vero amico ... un punto di riferimento che hanno sempre magari cercato nella vita senza mai trovarlo ... o trovato il cosiddetto "sòla" (per dirlo alla romana) ... che è lui ad essere scappato. Con quale nome darai lustro al mio personaggio? "Ceravamotantoamatti" è troppo lungo da citare spesso. Dai ... dammi un nome più umano ... e non da cane ... o gatto ... che sanno solo scodinzolare e fare le fusa se li vizi a dovere. A me puoi trattarmi come tratteresti un uomo ... che ne so ... un marito, un padre, un figlio, n amante ... o addirittura il Papa ... visto che è un uomo pure lui. Sai già quale sarà la trama? E il finale? Sono curioso di leggerlo. Ti chiederò una dedica. Stanne certa. :)
  26. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 19:59
    il libro si intitolera' " L'UOMO CHE NON SAPEVA AMARE "
    trama
    lui era convinto di compiere una crociata contro le persone che amavano gli animali convivendoci :many :many e la gente lo evitava perche' detentore di questa assoluta verita' cioe' la pericolosita' di convivere con cani o gatti o altro :hehe mentre tutti scappavano da lui .un'impavida fanciulla se ne innamoro' perdutamente ....fino a possederlo in un porcile :hoho :hoho e dopo aver copulato con ella ...lui scopri' che essere maiale e' cosa buona e bella e da allora amo' tutte le bestie .... :hoho :hoho :hoho e scopri' anche lamore VERO!!!! fine della storia :cuore
  27. ceravamotantoamatti 15 maggio 2019 ore 20:22
    @LINTERDIT A parte che al protagonista gli animali piacciono ... ma non mi hai detto il nome del protagonista. La trama lascia un po' a desiderare. Specialmente con la fanciulla (che lui non conosce): ... possibile che vi abbia copulato senza il preservativo da indossare ... e non l'abbia perlustrata a dovere in ogni antro per mezzo di una potentissima lente di ingrandimento da usare capace questa di far apparire mostri i germi o le eventuali piattole in lei alberganti da anni? O che non l'abbia annusata per il meglio (cercando di isolare le puzze presenti in loco ... visto che l'alcova era un porcile)? L'odore di caciotta, del resto, a chi piace?
    Sul maiale, invece, concordo: a me pure piace il prosciutto, la lonza e la mortadella (ci scrissi pure un post recentemente).
    L'amore vero ... come anche tu dici ... è la fine della storia. Non puoi inserirci, che ne so, dei colpi di scena? Quel porcile, per esempio, avrà pure avuto altri abitanti. Dovresti, nel tuo racconto, appurare se si tratta di maiale o scrofa. Se è il primo che hai detto ... la fanciulla viene presa alle spalle ... ignara ed esausta; se è la scrofa, invece ... "viè 'po' qua te" ... gli dovresti far dire al protagonista mentre le va incontro.
    Così è più originale, a mio modesto avviso ... e calzante con quello che esiste oggi nelle case. Dimmi se ti piace.
  28. LINTERDIT 15 maggio 2019 ore 20:54
    bellissimo
  29. ceravamotantoamatti 16 maggio 2019 ore 07:38
    @LIINTERDIT ... bellissima tu che hai dato le basi alla trama. :-)
  30. freepause 17 maggio 2019 ore 06:51
    Cito testualmente dalla parte finale del tuo post: "Spero di mettercela tutta nel tentare di portare a funzionare anche le menti altrui".

    Penso che se avessi la tua padronanza della scrittura e del lessico, con la mia fantasia, probabilmente avrei milioni di followers ma, chiusa la parentesi, il problema, a mio avviso, rimane l'arroganza che, a tratti, traspare nei tuoi scritti. Ovvero, partire dal presupposto che la mente altrui non funzioni affatto anziché lo faccia semplicemente in modo diverso dalla tua.

    Penso ad un'altra vita in cui si scoprisse che, tra tutte, la via della reincarnazione e del karma fossero quelle esatte e, per compensazione, ad un Salvini nato nero, in Africa, al limite del deserto, a 30 km dal pozzo d'acqua più vicino dal quale far la spola ogni giorno, costretto, nella speranza di una vita migliore, su un barcone fatiscente che naufraghi lasciandolo in acqua in centro Mediterraneo con dei cadaveri galleggianti mentre 2 squali gli ruotano intorno e a te reincarnato in un cane o un gatto, nel sudest asiatico dove son considerati prelibatezze culinarie piuttosto che animali da compagnia. :-))
  31. ceravamotantoamatti 17 maggio 2019 ore 08:54
    @freepause Se mi dai un'oretta circa ... vorrei risponderti per le rime ... direttamente per mezzo di un post da dedicarti. Ti dispiace attendere, per favore?. Grazie. Molto gentile.
  32. freepause 17 maggio 2019 ore 10:54
    Ahahah! Ecco un tipico esempio di abuso di difesa : filippica da un'ora e relativo sfrangimento di zebedei per un commento che ha richiesto meno di 2 minuti :-)))

    Ne son passate 2 di ore ... che faccio ? Mi preoccupo o inizio a tremare? :-)))
  33. ceravamotantoamatti 17 maggio 2019 ore 11:16
    @freepause No, anzi ... me ne scuso (per il ritardo. L'avevo annunciato pure a colei che mi ha intrattenuto piacevolmente in pvt ... che ti avrei trascurato nel dare debita risposta alle tue osservazioni. E' come l'ubriacone che mette davanti ad ogni cosa ... il suo vino o una bella bevuta di birra ... così io davanti a tutto metto il sano e coinvolgente corteggiamento (almeno si spera, giacchè quello è l'obiettivo). Ora se ne è ita salutandomi con un arrivederci a questa sera (era intenta a lavorare, ma piacevolmente intrattenuta dai miei discorsi amabili per la sua persona) ... e così posso tornare ai fatti nostri. Dunque ... vai; la filippica è pronta ... spero sia di tuo gradimento e divertimento per chi ci dovesse leggere. E' una sorta di pubblicità quella che ci stiamo dando. Grazie ... e prego ... qualora tu la ritenga tale. :-) Vado a pubblicare.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.