Il fumo veramente fa male?

03 giugno 2019 ore 16:17 segnala
E’ sempre più invivibile la nostra società moderna; in essa siamo purtroppo noi tutti costretti a conviverci. Mai una gentilezza, mai un sorriso … che ti faccia, almeno un poco, tornare nostalgicamente a quelli che furono i vecchi bei tempi. Ci si salutava cordialmente, ma spesso (per chi lo aveva in capo) togliendosi il cappello; non soddisfatti di tale gentilezza … ci si augurava una buona giornata salutando oltretutto i “pupi” nell’eventualità si sapesse li avessero, questi, in famiglia di chi si incontrava. Guardandosi attorno, oggi, si scimmiotta solamente il verso per emulare parte delle buone maniere dei vecchi tempi; (a proposito, vi ho detto buongiorno? Scusate, me ne stavo dimenticando).

Invece, cosa accade oggi? Guinzagli da tenere svogliati al seguito, passivi atteggiamenti “vojeuristici” dei padroni nei confronti di chi defeca a quattro zampe sui marciapiedi, tristi espressioni in viso dovuti pure alla stanchezza del logorio della vita moderna, consapevolezza amara di chi sa che solo con gli animali ci si sente appagati e soddisfatti … e mille altri motivi che di certo non portano all’esultanza, se si pensa al fatto che si sta facendo dei badanti a tutti gli effetti. Questo, oggi, è il genere di persone che si incontrano nei giardinetti, sui marciapiedi, nei bar, nei ristoranti … insomma un po’ ovunque. Si, la cosa grave è che in loro compagnia si possono trovare pure carrozzini di bambini a cui legare il guinzaglio per non far scappare via il proprio cane nella passeggiata salutare da farsi. Bambini che purtroppo potrebbero ammalarsi un giorno proprio per quella coatta vicinanza di vita mantenuta con l’animale stesso anzichè con l’ossigeno puro. Tutto inquinato.

Se fai presente ai genitori quest’aspetto sono pure pronti ad aggredirti verbalmente; come se prospettare vite “perse” che solitamente si vedono in giro … faccia piacere al sottoscritto o a chi come me ragiona e tace). Autistici, cerebrolesi carrozzati, malati di ogni sorta (Sla, parckinson, leucemie … tanto ancora … e Dio solo cos’altro) … vittime, secondo il mio pensare, della negligenza, dell’ignoranza o, addirittura dell’egoismo dei padroni degli animali tenuti in casa. Ti credo che non hanno da sorridere affatto. Come potrebbero, del resto, se pure loro sospettano che eventuali amici e conoscenti (nonchè parenti muniti di bon senso) li evitano accuratamente?

Hanno preparato con le loro manine una lasagna da farcire in ogni salsa? Hanno cucinato un dolce elaborato da offrire con molto gusto e piacevole passione? Hanno fatto una semplice insalata? Sfido chiunque, munito appunto di buon senso, ad accettare l’invito a cena … dove magari galeotta potrebbe essere quella specifica sera a tavola nel contrarre una malattia grave da scoprire anni luce più tardi. Quando mai si potrebbe ricondurre la causa del male contratto a quella cena organizzata alla meglio in peggio … dove il cane o il gatto girovagavano per cucine, divani pieni di pelo e camere da letto?

A loro … come nulla fosse stato … imperterriti a passare le giornate con quel solito spento entusiasmo con accanto il cane o il gatto da accarezzare … ai familiari, amici o conoscenti … invece … ad ammalarsi per non ledere la loro sensibilità nel sentirsi rifiutare l’invito a cena in mezzo a così tati germi, virus e peli … da trovare di sicuro pure nelle pietanze. Ti credo che le buone maniere si sono andate a farsi benedire; non esistono più per mera sopravvivenza.

Avviene la stessa cosa di quel che avviene spesso nei confronti del fumatore incallito. Ti invita a cena? Con una scusa: “no, grazie”. Perché mai, verrebbe da chiedersi? Ovvio … per paura di ammalarsi ai polmoni e di puzzare non di cane o gatto come nell’esempio di prima … ma di fumo. Ci si ammala e ci si puzza, quindi? Perché mai non si dovrebbe aver timore di ammalarsi e di puzzare alla stessa stregua se si dovessero frequentare case in cui l’animale vive da nababbo? Come il fumatore non fa più caso ai suoi rischi … perché mai ci dovrebbe fare caso il possessore di animali relativamente ai rischi pronunciati per l’animale, quindi?

Se poi ad ammalarsi sono figli, consorti, zii, cugini e nonni … oppure amici od occasionali conoscenti invitati a cena per stringere una nuova amicizia … l’importante è avere il gatto e il cane che ti sappia sempre consolare; del resto, come solamente una sigaretta sa tenerti compagnia nel miglior modo possibile nei momenti down (e lo dico da accanito ex fumatore che sono stato). Non è tanto difficile da capire il fatto che le buone creanze, l’educazione, il volersi bene a tutti i costi sono andati a farsi friggere.

Un fumatore non lo troverete mai predisposto per il bene. Una sorta del divieto di fumare che hanno imposto negli ospedali di recente adozione (credo anni 70/80). Oggi, negli anni 2018/19, si cerca di non vietare l’accesso a cani e a gatti negli ospedali (Pet Terapy) nonostante si pretende che gli ospedali debbano funzionare nel migliore dei modi.

E’ come dire … si al fumo e sti cavoli che qualcuno possa ammalarsi … o anche dire si alle lasagne farcite di funghi e besciamella … e sti cavoli se qualche pelo, germe o piattola vadano in bocca all’occasionale sprovveduto ospite che ci è cascato (sottinteso … all’invito a cena da accettare). Se aveva accettato l’invito magari era solo volto a non offendere il detentore di animali in casa tenuti in promiscuità d’igiene. Se invece l’invito viene fatto a chi ha pure lui gli animali … avete fatto bene; tanto pelo più pelo meno … che differenza fa?
05117a91-2a76-4bda-af44-e55af7b47970
« immagine » E’ sempre più invivibile la nostra società moderna; in essa siamo purtroppo noi tutti costretti a conviverci. Mai una gentilezza, mai un sorriso … che ti faccia, almeno un poco, tornare nostalgicamente a quelli che furono i vecchi bei tempi. Ci si salutava cordialmente, ma spesso (per ...
Post
03/06/2019 16:17:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. LINTERDIT 03 giugno 2019 ore 16:32
    pensavo parlassi del fumo ...
  2. ceravamotantoamatti 03 giugno 2019 ore 16:33
    @LINTERDIT ... Bentornata ...
  3. crenabog 04 giugno 2019 ore 13:12
    x @LINTERDIT concordo, per un attimo ci ho sperato anche io nel senso che magari il post poteva trattare un argomento diverso ma va bene, se entro in una pasticceria per forza di cose ci trovo torte e paste e se entro in una libreria per forza ci trovo libri. comunque mi è un po' difficile scrivere tenendo il gatto con un braccio e la sigaretta con l'altra mano...
  4. ceravamotantoamatti 04 giugno 2019 ore 13:36
    @crenabog ... eh eh eh ... a me basta che te, @LINTERDIT e chiunque altro mi accettate nonostante la mia diversità manifestata. Io pure, del resto, accetto il vostro modo anomalo di condurre una vita (e non alludo alla sigaretta, né all'eventuale lasagne o tiramisù doveste preparare).
  5. crenabog 04 giugno 2019 ore 13:41
    ma infatti, proprio a causa della mia continua abitudine a folleggiare non ho commentato direttamente a te ma per interposta persona ben sapendo, è ovvio, che chi l'avrebbe letta eri tu. per me non c'è problema, fino a che non insultano chi fuma, chi ha tatuaggi, chi è di una certa corrente politica, chi è di una certa religione e chi ha animali, a me va tutto bene. poi discuto. poi cerco di ragionare. poi cerco di accettare. poi cerco di far finta di niente. alla fine mi inkazzo come una bestia, e pregate le vostre divinità di non trovarmi mai veramente inkazzato, questo naturalmente se chi sta dall'altra parte continua imperterrito/a a tirare spillonate, sbeffeggi e rimproveri. anche perchè se non lo faccio io non vedo perchè subirlo da altri. ma ovviamente, ripeto, parlo in modo generale eh
  6. ceravamotantoamatti 04 giugno 2019 ore 14:41
    @crenabog ... un ricoverato in un ospedale andrebbe assecondato nel fargli far visita dal suo cane o gatto? In nome della Pet Terapy. Non ti incacchiare se senti obiezioni altrui. Poi. puoi essere dei Testimoni di Geova, del Pd o addirittura appartenente ai comunisti ... puoi essere filippino ... puoi essere "macellaro" o vegano ... e puoi essere anche un nano ... perché se non sei un Re ... tutto quel che concerne la Pet Terapy non può avvenire per negligenza di chi starebbe a sentire proposte, e scusa la franchezza, così sceme. Anche se si dovesse incazzare gente tipo te ... che dici di poter raggiungere quella reazione facilmente ... ebbene ... obiettare lo stesso inneggiando alla stoltezza di tale proposta. Ne vale della salute di chi, ricoverato in ospedale, ci va per farsi curare e non per farsi inquinare dai soliti peli, bava e residui di escrementi dei loro orefizi anali che gli animali portano con sé. D'accordo li porterà pure l'uomo ... ed è per questo che dal mio piccolo tento di far ragionare chiunque abbia ad ascoltarmi. Lavarsi spesso e gestire la propria igiene ... non farsi buchi extra e non tingersi la pelle d'inchiostro ... sono messaggi che da "nano" che sono suggerisco porre 1000 attenzioni a chi mi legge ... perché se fossi Re obbligherei a rispettare gli altri con un editto vero. Purtroppo non lo sono ... e visto che ci sono aggiungo pure i jeans strappati o con il cavallo alla "cacameaddosso" ... come malsana abitudine che portano a rimetterci anche quelli che vanno a cercare l'eleganza che ci dovrebbe stare in giro. Eleganza, igiene, educazione insomma ... e non ignoranza, scemenza ed incacchiamento da portare avanti come spauracchio a chi se la farebbe sotto battendo i denti al solo sentire tale minaccia possa presentarsi. Se si ha paura di esternare le proprie idee ... passano quelle degli altri ... che tra l'altro manco sono dei Re ... ma badanti di cani e gatti (con tutto rispetto per i badanti veri). No ai cani e gatti negli ospedali; no quindi a Berlusconi. Se poi volete votarlo ... fate pure (mica mi incacchio per tentare di incutere terrore). Ciao
  7. brownmelania 05 giugno 2019 ore 06:53
    E' solamente questione di buon senso. Si dovrebbe pensare che c'è uno spazio per le persone e uno per gli animali. Che le persone vadano trattate da persone e gli animali da animali. Invero regna una grande confusione! E nel caos si può solo sperare di avere un po di fortuna ............
  8. ceravamotantoamatti 05 giugno 2019 ore 09:50
    @brownmelania ... allora esistono persone che non adottano comportamenti da struzzo? Lieto di immaginarti formata a livello caratteriale come quelli che si formavano una volta. Lo vado dicendo in ogni angolo io vada ... che l'educazione odierna è quella bestiale ... ma gli altri che mi sentono, spesso, ringhiano peggio dei loro mastini che hanno al guinzaglio. Sono capaci di incacchiarsi all'inverosimile con quella testa da struzzi ficata sotto terra. Loro pensano che io gli animali non li ami affatto ... ignorando che invece mi stanno più a cuore i familiari, gli amici e i conoscenti ... che potrebbero contrarre chissà quali nefaste malattie degenerative per colpa magari dei cani e gatti tenuti promiscuamente a livello l'igiene. Non esistono più cucce, aie, gallinai e porcini... ma esistono i letti, i divani e le cucine cui coabitare con essi inesorabilmente. Se avessero spazi in casa farebbero entrare pure i cavalli ... che se a czecch non sono da meno ... loro hanno al seguito pure i tafani. un infante che cresce in quegli ambienti non se ne esce, come dicono erroneamente certe persone, più forti con le difese immunitarie. Può pure darsi fin quando si sta bene ... ma al primo acciacco ... le prime avvisaglie di cedimento delle difese immunitarie ... ecco che, secondo il mio sospetto,esplode il dramma a tutti gli effetti. Oggi come mai nel passato si vedono malattie serie è gravi con cui convivere poeticamente. Poeticamente per via, magari, che si sono ammalati di Sia, autismo, leucemie,Parkinson e tanto altro ancora per il loro egoismo (o ignoranza) di aver convissuto con chi li ha compromessi: cani e gatti in primis. Se fosse vero questo sospetto ... sai quanti di coloro che si fanno vanto di amare gli animali sarebbero pronti ad abbandonarli sulle tangenziali e sulle autostrade? Non è così inverosimile che possa avvenire questa cattiva azione. Tutto questo solo perché non hanno coscientemente fatto attenzione ai peli, la bava i il "buscio" ... di tu hai capito cosa. Ciao. Felice di averti su questo bkog. Mi stavo rassegnando all'idea di esser rimasto solo nel ragionare correttamente. Grazie..
  9. ceravamotantoamatti 05 giugno 2019 ore 11:29
    chiedo scusa se alcune parole del mio scritto di cui sopra non sono appropriate ma l'uso della tastiera del mio cellulare mi scrive fischi per fiaschi. Spero si intuisca il senso che dico ignorando apparenti errori di sgrammaticatura.
    Mi limito solamente quindi a correggere il termine poeticamente laddove invece avevo scritto pietosamente. Rileggete il contenuto della frase inappropriata e sostituite il termine evidenziato. Grazie.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.