La persona importante si sente pure se sparisce.

17 luglio 2019 ore 22:16 segnala

Lo accennai che ti avrei scritto "due righe" capaci queste di distinguerti dalla massa ... e così è ... se leggi. Molte donne si sono accostate al sottoscritto considerandomi un cane a cui mettere il collare ... ma tu, che ne so, il collare sembra lo consideri come fosse un orpello cui farne a meno; una sorta del guinzaglio e della museruola che in molte vorrebbero poter raggiungere come espediente per tacitare gli uomini che ancora sanno il fatto loro. Chissenefrega del sessantottismo, del femminismo becero e delle "morte" d'anima che vorrebbero morte tutte le anime delle donne del mondo per far dispetto a noi maschietti. Come sollazzo: il cane (o gatto). Tu sei diversa, lo sento.

Ti chiamerò “sogno”, per quanto bella appari alla mia mente. Non importa se magari nella realtà tu possa essere brutta o “scarrafone”; … importa che agli occhi della mia mente tu sia profumata, allettante … una giovane promessa insomma, così come sempre mi sei apparsa … che all’insegna dell’amicizia pura, sia pur virtuale, tu possa confermare l’idea che il mio intuito non poteva sbagliare. Anche al buio più cupo ho bisogno di veder spiragli di luce … e tu sei il sole pieno: abbagliante, caloroso, bello ... in mezzo a tanta nefandezza (pure coi pitoni, talune persone).

Per tale motivo ti metterò questo nome: sogno. Un nome che lo vorrebbero pronunciare tutti quelli appartenenti all’umana specie per viverselo come meglio si deve … ma che non potendolo fare si fanno il cane o il gatto con tutto ciò che da questi animali, vivendoseli umanizzandoli all’inverosimile, potrebbe scaturire. Invece … c'è ancora chi in questa unica vita che ci appartiene … neanche un secondo si vuole perdere per stare in sintonia con gente a cui si percepisce vi sia una sacra umana empatia. Un vero sogno non lo si può perdere ... ma gustarselo.

Io, si (lo ammetto), mi sento estremamente empatico con il tuo essere; ed anche se hai il cane in casa … magari pieno di peli, di bava, di puzze e di piattole … per me fa lo stesso: empaticamente sento quanto preziosa tu sia non solo per lui. Esisto anche io … che magari anni luce di distanza da qualche parte del globo … ti penso, desidero il tuo sorriso, i tuoi pensieri e tutto il mondo che ti rende una bella persona agli occhi del mondo intero. Non che le altre persone facciano schifo, per carità … ma è che tu, rispetto agli altri, mi hai saputo raccogliere a terra con il cucchiaino (almeno questa immagine mi sono fatto). Delicatamente … sia pur similmente a come certe donne, nei giardini, imbustano le deiezioni canine per essere gettate in un secchione. No … io non sono una merda … e il secchione tuo è la tua anima, la tua mente, il tuo spirito … sui quali sospirarci ogni qual volta ti abbia a pensare sa di pulito.

Non solo tu, quindi, sei una persona speciale, bella, solare … (d’accordo, ne esistono tante in giro) … ma qui dentro … poche ce ne sono per davvero. Sono speciale io che non manco mai di essere come punto di riferimento qualora servissi da valvola di sfogo per eventuali tuoi problemi da affrontare … e lo saranno di certo pure i tuoi amici … alla stessa stregua di come lo sono i miei, che di tanto in tanto li frequento, assolvendo allo scopo di non farti mai sentire di stare solo come un cane … (o, per talune persone, solo con il cane … e basta). Esserci ed aver la consapevolezza tale … è la migliore cosa possa capitare a chiunque. Se non mi credi chiedi ad un cattolico … che sapendo dell’esistenza del suo Dio vive beato con il sorriso sereno impresso in viso. Lui ti dirà: esiste. Tu esisti per me, invece; e lo dico pure io con il sorriso.

Tutti dovremmo essere speciali gli uni per gli altri … e invece i “sogni“ sono solamente coloro i quali sanno distinguere il piacere dal peccato. Piacere è una carezza da dare al gatto, al cane (e magari pure senza dopo lavarsi le mani) … il peccato, invece, è mandare a quel paese l’umana specie … come spesso avviene in quelle persone che hanno del demoniaco per come si comportano scegliendo il cane anziché il proprio simile. Tu persona speciale, io pure … e lo stesso tante altre ancora (menomale). Se il nostro fiuto non dovesse sbagliare … i sogni potranno volteggiare in aria manco fossero degli angeli.

Ma come ci potremmo mai distinguere tra noi che siamo si pochi ma comunque molto simili? Semplice: dandoci dei nomignoli extra. So benissimo qual è il tuo nick … ma se dovessi dire “ciao sogno mio” … potrebbero girarsi in tanti (chi non ambisce, del resto, a diventare sogno per qualcun altro?). Lo stesso dicasi per la mia persona, qualora pure tu abbia a vivere lo stesso sentimento di empatia nei miei confronti; … pronunciare la parola “sogno” volta ai miei riguardi (qualora ne sapessi ricoprire il ruolo), potrebbero far girare uomini a te vicini di comunicazione virtuale facendoli credere che tu a loro intendevi come tale. Un distinguo, quindi, va escogitato.

E allora la proposta mia, se non ti dovesse dispiacere. Dunque: se tu sei “Sogno” … giusto per distinguerci dagli altri … io potrei essere chiamato “Desto”. Cosa ne pensi? Sogno o son Desto? Ovvio che se tu sei Sogno ... per esclusione io sono l'altro che ho detto. Sogno e Desto, devi ammetterlo, sono molto calzanti con le nostre rispettive persone Ai giorni d’oggi, che ci conosciamo da diverso tempo, infatti quasi non conosciamo nemmeno i nostri veri nomi. Nulla di importante, per carità; almeno a me … basta l’idea che tu esista. Se poi ti chiami in un modo e sei invece nominata in altra maniera … poco importa: per me sogno sei e sogno rimarrai.

Tutto il resto è contingente. Però … anche te … in qualche maniera dovrai pur chiamarmi. Non è per caso vero che si dice spesso “Sogno o son Desto”? Per esclusione, se tu sei il “Sogno” vero… eccomi qua ben definito alla tua mente … io sono Desto. Per esclusione. Se posso confessare una personalissima opinione … a me è andata male. Che cacchio di nome “Desto”; con questo nome non ci chiamano nemmeno i cani … ma va bene lo stesso … pur di viverti quel poco che vorrai concedermi.
1a8a08e1-8d81-4e00-a061-f890fe08a35d
« immagine » Lo accennai che ti avrei scritto "due righe" capaci queste di distinguerti dalla massa ... e così è ... se leggi. Molte donne si sono accostate al sottoscritto considerandomi un cane a cui mettere il collare ... ma tu, che ne so, il collare sembra sia un orpello cui farne a meno; una ...
Post
17/07/2019 22:16:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. DonnasSofia 18 luglio 2019 ore 10:53
    Deve essere davvero una Bella persona, sa come l hai descritta.
    E poi, addirittura sorvoleresti sul fatto che 0:-) ha un cane in casa.
    È miracolosa sta donna.
    Ahhahah!
    Ti lascio il mio in bocca Al lupo.
    Buona giornata "Desto"



    0:-)
  2. ceravamotantoamatti 18 luglio 2019 ore 10:57
    Coi cani c'ho sempre saputo fare. Voglio dire ... mi è andata sempre bene. Il lupo, in fondo, è un tipo di cane. Evviva il lupo, allora ... se proprio non deve crepare; ... ma pensa un po' se mi avessi augurato di andare in culo alla balena. :) Sarebbe stata una carneficina.
  3. DonnasSofia 18 luglio 2019 ore 10:59
    :many :many acc! Perchè non ci ho pensato prima ahhah :-p :-p

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.