Le donne, queste sante

07 giugno 2019 ore 12:04 segnala

Vengono chiamate truffe romantiche, e ultimamente la trasmissione “Chi l’ha visto” ne sta sempre più evidenziando i loschi contorni che da sempre esistono e da sempre sono esistiti. Volenti o nolenti, poi, con l’avvento dell’era moderna (il web) questo fenomeno si è maggiormente acutizzato. Con internet (e le sue pagine da sfogliare per navigare meglio con la fantasia) ogni desiderio … ogni sensazione bramosa … si amplificano fino a poterne raggiungere l’obiettivo.

Una sorta di come il “cliente”, con la sua auto, a rassegna passa davanti un viale di lucciole volteggianti in modo annoiato la loro borsetta. A quella più “intrigante”, fermandosi già con il finestrino aperto lato passeggero, la fatidica parolina magica da inoltrare: “quanto”. E ascoltata la cifra data in tutta risposta … forse giusto per credere di intrattenersi in un dialogo intellettuale … continuare la conversazione con un … “si, ma con il guanto oppure senza?” … come a prevederne la possibilità di poter scegliere se fare all’amore sul sedile da sbracare sia da farlo con oppure senza. Pura incoscienza.

Lo sanno tutti che fare all’amore con degli sconosciuti porta a rischi inauditi. La gonorrea, la sifilide e le creste di gallo … sono il miglior dei mali che ti possano capitare assecondando il desiderio di unirsi con dei perfetti sconosciuti. Il peggiore dei mali, invece: l’aids. Orrore. Una vita condannata alla stessa stregua di chiunque abbia contratto altre malattie serie, sia pur non trasmissibili per “via venerea” ma per altro … tipo i cani e i gatti che, secondo un mio sospetto, possono trasmettere malattie serie all’umana specie (ma questo è altro argomento, che se volete approfondirne di più vi basterebbe leggere qualche post pubblicato in questo blog che parla di Sla, di autismo, di Alzheimer, leucemie e tanto altro).

Ebbene, dicevo, sulla trasmissione di “Chi l’ha visto”, donne di una certa cultura e di anni avanzati (non quindi delle sprovvedute verginelle) le si sono viste innamorate perse di coloro i quali a rassegna si erano volteggiate le pagine di belloni individui da scegliere tra tanti. Ce ne sono a bizzeffe di fotografie di questi bellocci individui messe a disposizione … e quasi tutti si presentavano con un invito all’amicizia più pura … con il manifestato obiettivo finale del matrimonio da viversi all’insegna del “e tutti vissero felici e contenti”. Che impostori; … e che innocenti … quelli ignari che hanno scoperto che la propria fotografia è stata sottratta e clonata per “opere missionarie” di questo tipo. Si, perché, si sa … la donna è facile corromperla.

Ora, a queste signore avrei voluto porgere qualche riflessione … (anziché vederle vittime di raggiri come vittime di raggiro sono spesso gli uomini quando incontrano donne che tentano di farli innamorare di loro già munite di carte bollate, avvocati ed organizzazioni volte a difendere la donna in quanto tale solo per sottrarre ricchezze e proprietà al malcapitato di turno): … mi sarebbe infatti piaciuto sapere se la fatidica domanda del …”aho! Quanto vuoi” sia stata espressa al belloccio di turno prescelto grazie alla sua recita.

Di pari passi infatti le due situazioni viaggiano, a mio modesto avviso,: la prima, che vede gli uomini trasformati in Mr Hide, frequentare i viali costellati di fuochi accesi per attirare l’attenzione di chi pur su un’autovettura utilitaria si sente padrone di chiunque avrebbe potuto pagare … e la seconda, che vede “anzianotte” e per niente bellocce (almeno questo ho visto in quelle poche interviste ho potuto seguire su quella trasmissione) frequentare sogni che le avrebbero potute portare veramente a gustarsi la vita come meglio si poteva. Invece … tutto ha un prezzo.

Donne comuni, donne apparentemente serie, donne cui nessun alibi potrebbe smussarle … che cadono inesorabilmente come pere cotte davanti a situazioni che hanno dell’incredibile possano accadere veramente. Fanno bene a farsi i cani e i gatti, talune donne … anziché rischiare. Invece … quelle altre donne … umane a tutti gli effetti … come umani sono gli uomini … (pure se qualche volta vengono etichettati disprezzatamente con l’acronimo “mdf”; e qui dentro su chatta ne dovreste sapere qualcosa). Insomma, donne che ragionano, donne che si fanno grandi della loro purezza, donna che votano e che nemmeno tra loro, spesso, concedono il proprio suffragio elettorale (ci sarà un perché); di cosa ci si sorprende, allora? Gli errori esistono.

Nella trasmissione si mettevano in guardia le donne che potevano cadere nel tranello della truffa cosiddetta romantica. Sapete quanti tentativi su Chatta si presentano quotidianamente nel bussare alle porte della scheda della persona “sfogliata” ritenuta aggraziata o cesso? Milioni (credo) se si considerano pure quei fenomeni di adescamento messi in atto con la speranza di “corrompere” l’ignara persona: per gli uomini … foto ritraenti un paio di zinne da mostrare messe in scollature audaci … e per le donne … foto di membri di organi genitali maschili più o meno di ragguardevoli dimensioni. Come a dire che esiste un luogo comune.

Un pescatore, se vuole pescare il suo pesce, ha bisogno di una canna, un amo e un verme. Eccoli lì presenti in ogni situazione. E’ il laghetto, il fiume o il mare, però, da saper scegliere … altrimenti è troppo facile cadere nell’errore. Paradossalmente si potrebbe errare anche nell’escludere o nell’accettare quello che vistosamente presentava i 23 cm in foto. Una truffa pure quella … qualora avessero scoperto che si trattava di appena 15 cm (poco più o poco meno).

Truffate, quelle signore, a tutti gli effetti: da chi? Da bimbetti, adolescenti ancora, che dalla profonda Africa contattavano mattina e sera donne da “corrompere”. Capito? Bastava copiare dal web una foto di qualche belloccio sparso nel mondo intero e inviarla a mo’ di sogno alla “tardona” di turno … per far credere che al posto del cane o del gatto adottati con la consapevolezza di stare in compagnia ci possa essere stata l’idea di accompagnarsi con un “fighetto” … spesso imprenditore o un graduato ufficiale di stazza in Afganistan o in Siria. Guarda caso … il “Aho! Quanto voi” … si mal celava nella richiesta di denaro per un inconveniente da affrontare: il figlio del belloccio da operare d’urgenza, il figlio da inviare in Italia in attesa del matrimonio da farsi … insomma il figlio da salvare … (come se a far breccia sull’animo della donna bastasse commuoverla nel mentre si prospettavano cose romantiche e audaci).

Ma cosa sono le “cose audaci” che si intendono oltre il matrimonio? Bè! Chiunque è stato sposato sa a cosa mi riferisco: sono quelle posizioni più o meno ardite che sul letto di casa o altrove si fanno per giocare al sesso. E voi donne, di “Chi l’ha visto”, fareste sesso audace e, perché no, estremo … con dei perfetti sconosciuti che avete scelto tra tanti che vi si sono presentati nella vostra vita? Se, putacaso, voi aveste dei nickname da “Mistress Hyde” che bazzicano dei social tipo il nostro … non avreste facilmente etichettati con l’epiteto “MortiDiFica” coloro i quali sfacciatamente ci stavano a provare peggio dei mandrilloni … in attesa della “botta” giusta? Lo chiederei alle signore intervistate su Rai 3 (giusto per sapere come meglio ragionate).

Aggiungerei pure che la truffa alla quale vi sentite vittime a tutti gli effetti … la incontrereste ovunque; alla questua di un mendicante, che se claudica vistosamente è ancora meglio; … alle selezioni di un concorso a premi, che se sapete un concorrente essere orfano oppure sofferente di qualche cosa di dichiarato non vi farebbe altro che portarvi a indicarlo come vincitore indipendentemente dalla bravura espressa; … al “bambinetto zinghero”, che dopo aver rapinato e vessato qualcuno, dall’alto dei suoi 15/16 anni, vi porta a dire “poverino, va aiutato”; alle donazioni per chissà quale immotivata sensibile occasione fraudolenta dovesse celarsi in associazioni che si spacciano illegalmente per “benefiche”; … e tante altre situazioni in cui incappate facilmente con il vostro solito pietismo incallito.

Secondo me, non fate altro che incrementare il fenomeno dal punto di vista del “buonista” di turno … e non da quello “cattivista” che spesso si taccia solo l’uomo nell’andare a mignotte (scusate il termine) … perché le vostre “mignotte” (“ariscusate” il termine) … altro non sono che modi falsi di porgersi per attrarre benefici personali: i vostri. Quasi sembra che li imbocchiate con il cucchiaino … queste situazioni da doversi presentare (e pure senza il famoso guanto citato prima, sospetto … presumibilmente pensando non essendoci avvezze all’uso).

Quelli che vi chiedevano 20/30 mila euro, dopo mesi e mesi di buone parole intrallazzate via social, altro non erano che dei negretti (accezione positiva del termine, mi raccomando) che dall’Africa vi stavano letteralmente prendendo per i fondelli. Perché mai escludete che qui dentro (sui social) a prendervi per i fondelli siano sempre e solo quelli che disprezzate dando loro il termine offensivo di “mdf”? Non è giusto; non vi è giustizia. Ipoteticamente potrebbe essere l’errore di cui parlavo prima.

Piuttosto: chi avete votato nelle ultime elezioni europee? Ma il voto dovrebbero concedervelo … qualora una di voi dovrebbe presentarsi come politico? Sai che casino uscirebbe fuori? Io, di certo, non vi voterei mai. Scusate la franchezza. Belle, brave e buone qui dentro (o davanti a chi vi si presenta) … e l’esatto contrario con chi si cela: “a zozze (una battuta ironica, sia intesi; non leggeteci un’offesa … altrimenti avrei citato l’acronimo “MdC) ”, ma chi volete prendere in giro. Ciao.
97e02d56-c35c-4bab-b418-ab9c6bd4bfb3
« immagine » Vengono chiamate truffe romantiche, e ultimamente la trasmissione “Chi l’ha visto” ne sta sempre più evidenziando i loschi contorni che da sempre esistono e da sempre sono esistiti. Volenti o nolenti, poi, con l’avvento dell’era moderna (il web) questo fenomeno si è maggiormente acuti...
Post
07/06/2019 12:04:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. DonnasSofia 07 giugno 2019 ore 12:40
    "mio modesto avviso,: la prima, che vede gli uomini trasformati in Mr Hide, frequentare i viali costellati di fuochi accessi per attirare l’attenzione di chi pur su un’autovettura utilitaria si sente padrone di chiunque avrebbe potuto pagare … e la seconda, che vede “anzianotte” e per niente bellocce (almeno questo ho visto in quelle poche "interviste ho potuto seguire su quella trasmissione) frequentare sogni che le avrebbero potute portare veramente a gustarsi la vita come meglio si poteva. Invece … tutto ha un prezzo."
    ____________________________________
    Questo l'ho sempre pensato anche io.
    Frequento le chat da un bel po' di anni, e mi sono capitato dei tipi del genere, ma non mi sono mai fatta plagiare dal loro " costruito savoir faire"
    Ettodettotutto.
  2. ceravamotantoamatti 07 giugno 2019 ore 13:19
    Bella Sophiè ... hai capito perchè non ho mai provato minimamente ad esternare il mio savoir faire migliore nei tuoi confronti? Quando mai mi avresti "regalato" 20/30 mila euro a fondo perduto ... magari solo rivolgendomi alla tua persona con il termine "mio amore", "mia dama", "mia signora". Intuivo che tu fossi navigata di tuo ... in questo mondo pieno di agguati, tranelli e droghe emotive a cui ogni individuo inesperto può facilmente cascarci con tutte le scarpe (incluse le mutande). :-)
    Scherzi a parte ... non sono avvezzo ad approfittarmi delle persone; ne tantomeno delle donne ignare ... che le vedo fragili e vulnerabili. Però, ci tengo a dirtelo ... se minimamente fossi stato tentato di adottare questo comportamento ... con te lo avrei fatto ... sia pur intuissi che il 2 di picche mi si sarebbe presentato davanti. Non ti percepisco ignara e nè vulnerabile ... ma nemmeno una che al primo complimento cede. Per tale motivo, forse, te ne rivolgo mille. Chissà se per sfinimento un giorno potrai mai accettarmi nella figura di amico. Nel web ... se è difficile "farsi" (inteso sul sesso) ... figurati farsi nel senso di amicizia: quella pulita, senza inganni ... quella che "nonostante tutto" ... ci si accetta per quello che siamo.
    Io che parlo spesso di piattole, bava e peli di gatti e cani ... vengo inesorabilmente isolato manco fossi l'ultimo pazzo sulla terra. Tutto questo nel mentre i "negretti" (così si è appreso dalla trasmissione "chi l'ha visto") fanno manbassa su donne scaltre e "veterane", come ti professi tu nel tuo commento. Stai sempre all'erta amica mia (se posso spacciarmi per tuo amico) ... e cerca di non far salire il cane sul divano e sul letto ... nè tantomeno farlo accedere nella cucina dove magari sei solita preparare leccornie ... qualora qualsiasi altro tuo amico (cui dovesse presentarsi l'occasione di un invito) si presentasse puntuale con un mazzo di fiori freschi tenuti in mano per omaggio.
    Sai che schifo ... se dovesse vedere sui divani e sul tuo letto ... peli sparsi in mezzo a germi di bava e sterco fatto in minuscoli pezzettini fuoriusciti dall'orifizio dell'ano del cane stesso (a meno che il tuo cane non indossi le mutande, sia intesi)? ... Ci rimetteresti tu in nome dell'amicizia sacra a ricercare. Se poi son fiori ... (e ce li ha in mano) fioriranno.
    Grazie per il tuo intervento. Vederti apparire ... che ne so ... mi lusinga e mi fa sentire accettato "nonostante quel tutto" dichiaravo con il mio ragionamento. Si intuisce che sei una donna che sa il fatto suo ... e che appare pure profumata (nonostante non abbia avuto ancora occasione di accostarmi minimamente alla tua persona fisica per sentirne l'aroma olfattivo). :-)
    Attenta a non farti rubare le tue foto ... altrimenti farai innamorare di te uomini e lesbiche cui capiteranno ad aver a che fare con qualche negretto d'Africa che abbia intenzione a chiedere 20/30 mila euro allo sprovveduto di turno (e ce ne sono tanti) al momento opportuno; sia di uomini e lesbiche e sia di negretti che ricorrono a questo genere di espedienti). Ciao. Un sorriso.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.