Siamo simili

08 aprile 2019 ore 10:34 segnala

E’ un dato di fatto che nei social vadano a rifugiarsi sempre più persone che si sentono sole nel quotidiano. Sole, incomprese, deluse e rammaricate … confidano di incontrare persone capaci di stravolgere in meglio la loro vita … ben sapendo dell’insuccesso che le aspetta. Possono pure passare secoli, ma infatti questo non avverrà (o se è avvenuta è cosa rara).

Il frequentatore di social spesso è avvelenato di bile, inquinato di rabbia e impregnato di rancore da dover esternare; può pure presentarsi a lui l’oro in persona che questo verrà considerato sempre merda a tutte l’ore. E’ diventata gente persa … che, rendendosi conto che nulla di bello possa accadere, vomita addosso a chiunque gli si pari davanti veleno e appunto rabbia; oppure non aspetta altro che quel vomito si presenti al suo cospetto … proprio per interpretare con soddisfazione propria l’indignazione più acuta. Come ti muovi ti muovi … è tutta una recita da “verginella”.

Molti tra noi ci sono passati nel passato; eravamo più fiduciosi del prossimo, manifestando voglia di comunicare, anche se alla fine, spesso, si finiva col discutere su cose superficiali, con capricci nonché atteggiamenti “infantileschi”. Il giorno dopo, però, ci si trovava puntuali per ricominciare il tentativo di dialogo daccapo. Oggi, credendo di averti dato un’opportunità, o spariscono dal tuo orizzonte (anche se non ci hai mai scambiato una parola) … o ti “promuovono” con il ruolo di “stalkerizzato” occasionale.

E’ il modo ritenuto valido per credere di punirti … inconsapevoli che purtroppo ci riescono anche a loro spese. Avviene un auto-isolarsi dalla gente … sempre più convinti che l’umana specie faccia schifo veramente. Invece … è solamente una questione di buone maniere, buone creanze che si sono perse come insegnamenti del passato. Soli. Soli come cani … e, per chi ne ha uno in casa (cosa che li fa sentire forti e fortunati) … soli, con il cane (o gatto, non fa la differenza). Poi … si ricomincia … con altra gente ignara (o consapevole di quel che si va incontro) nel tentativo di socializzare con qualcuno degno da trovare per uno scambio di parole da farsi.

Si cerca il marcio, la diatriba sterile, la facile offesa … che può essere politica, sociale o addirittura legata alla persona. E, sull’altro fronte, si cerca di reagire a questa onta. Più ci si risente e più si cerca, sempre inconsciamente, di coltivare quel dialogo di cui parlavo prima (pieno di odio, rabbia e livore)… ben sapendo che dopo qualche breve scambio di battute avverrà la fine. Tanto c’è il cane … o il gatto … a fare da parafulmine. Tanto c’è il cane (o gatto) che lo si ritiene all’altezza di ogni dialogo da fare. Con l’umana specie, invece, non vi è la capacità di capire, comprendere, analizzare quel che uno abbia a dire.

C’è un rifiuto a prescindere; pare sia rimasta solo ed esclusivamente l’arte di contrastare. Nel mio piccolo … cerco sempre di immedesimarmi nell’interlocutore … e nel mio piccolo mi adeguo sempre a questo nuovo modo di comunicare. Anche io, alla maniera mia, so mandare a quel paese (e se mi avete letto come ho dovuto reagire in bacheca mia a quello che si spacciava per ”simbaticone” … avrete notato che l’ho mandato direttamente in quel di San Benedetto del Tronto … dove Tronto la dice lunga). Devo ammettere che è divertente … con quelle persone che si pongono positivamente nella vita nel loro ambito … ma in ambiti diversi (umani) sono una vera e propria frana.

Ciò che considerano “bello e buono”, infatti, lo hanno in casa. Scodinzola o fa le fusa. Avere cani o gatti a casa, secondo questa gente, fa sentire appagati nella vita … ignorando debitamente che l’appagamento è ben altra cosa. “E statevene con essi, allora”, verrebbe da dire, piuttosto che venire a logorare e a logorarvi qui dentro con gli altri (non credete?). Rimarrebbero solamente coloro i quali potrebbero recuperare le maniere sane per tentare di conoscere qualcuno dai sani principi e dai sani propositi. Invece no: inquinati in casa (peli, puzze e piattole) … inquinati nei social con il tentativo di contagiare chiunque del loro malessere (ma questa è una mia personalissima considerazione).

Per non parlare della smania di pubblicare le foto dei propri gatti e cani manco fossero feticci o addirittura figli cui vantarsi; come se pubblicare foto che ritraggono solo la persona sia un’onta … o addirittura da considerare peggiore … nel vergognarsi. Molti, infatti, si nascondono debitamente dietro un anonimo avatar, manco avessero la coscienza sporca. “E che c’avrete mai da vergognarvi?! Della vostra fisiognomica? Mica somiglierete al cane o al gatto, che avete in casa!? Loro si fanno i bidet con la lingua … voi, in tutta sincerità, non lo so giacchè non ho avuto l’occasione di conoscervi.

Infine, permettetemi di farlo, volevo ringraziare una persona che fedele e puntuale viene “apertamente” a leggermi ogni sera da oltre un anno (credo): Spoltore. A costui volevo dire: onorato della tua costante e rispettosa presenza. :)
3d6d2f2b-1b54-43a4-9e0c-29557019c37d
« immagine » E’ un dato di fatto che nei social vadano a rifugiarsi sempre più persone che si sentono sole nel quotidiano. Sole, incomprese, deluse e rammaricate nel quotidiano … confidano di incontrare persone capaci di stravolgere in meglio la loro vita … ben sapendo dell’insuccesso che le aspet...
Post
08/04/2019 10:34:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. nimuenimue59 14 aprile 2019 ore 15:55
    due sono le cose.
    Ti senti solo? Scrivi un post sulla solitudine, negando di esserlo, altrimenti staresti con la tua compagna (con tutte le precauzioni, compresa la tuta da RIS)
    Disapprovi chi ama gli animali, ma un peluche ti rende più appagato o ha anche lui ha batteri?
    Sempre cordialmente :bugabuga
    Carine le emotion movibili, spero per te che siano sterilizzate :many
  2. ceravamotantoamatti 14 aprile 2019 ore 16:59
    @nimuenimue59 Mi prenderai per sfinimento … ne sono sicuro. In ogni tuo commento che mi hai lasciato qui dentro, come nei supermercati che fanno quelle promozioni 3 x 2, volutamente evidenzi che il mio è quasi un odiare gli animali. Addirittura in questo tuo odierno, poni l’accento sul mio disapprovare chi ama gli animali stessi. “Araridaje”, quindi … :) ma come te lo devo dire che disapprovo solo gli usi e i costumi moderni nel manifestare amore per le bestie? Per non parlare del tuo altro commento in cui mi accusavi velatamente di averti dato della vecchia per i tuoi 60 anni. In questa maniera rischio tu mi faccia passare per antipatico con chi mi viene a leggere mattina e sera. :bye Dimmi la verità: ti sto sulle scatole? E solo perché della bava, dei peli (poi, post pioggia non ne parliamo), dei pezzi di ciuffetti di pelo nei pressi dell’ano appiccicati non certo di nutella dei cani (in particolar modo) --- mi schifo come si converrebbe? Come te lo devo dire che almeno io mi schifo? Se gli altri non si schifano buon per loro. Comunque, bentornata. :-)
  3. nimuenimue59 14 aprile 2019 ore 18:01
    ma no, non mi stai sulle simmenthal, è un piacere parlare con te, se di fronte avessi un interlocutore che mi da sempre ragione mi annoierei.
    I post sono fatti per questo, condividere o no, l'importante è essere educati con un pizzico di ironia.
    Per quanto riguarda "vecchia" lo sono, non posso negare l'evidenza, uè il 19 sono 60, fammi gli auguri con un mazzo di fresie rigorosamente sterilizzato
    :micio
  4. ceravamotantoamatti 14 aprile 2019 ore 19:27
    :kissy ... e sia per le fiori. Tu me lo fai in cambio il balletto tipo l'emoticon prescelto? Lo so che per voi di sinistra apparirà una richiesta da condannare (dove vi fa vedere nella donna oggetto) ... ma la musica la porterei io ... (tipo il giamaicano con in spalla, al fianco dell'orecchio, si porta il "baby" ... ovvero lo stereo).
  5. nimuenimue59 14 aprile 2019 ore 19:38
    dicerie, anche le donne di sinistra sanno divertirsi
    So ballare solo la dance anni '80 ti assicuro che se non mi viene il colpo della strega sono wonder woman!
    https://www.youtube.com/watch?v=ARt9HV9T0w8&list=RDEMnDheN51KRQOlPWbRcyiWSw&start_radio=1
  6. nimuenimue59 14 aprile 2019 ore 19:40

    mi sa che mi sono impappinata :clap
  7. ceravamotantoamatti 14 aprile 2019 ore 19:45
    ... vi sapete divertire, come dici, pure a luci soffuse? Sorprendente ... Non mi era mai capitato con donne di sinistra. Quell, ricordo, pensavano subito al salario ... e agli orari da rispettare ... manco fossero delle incallite sindacaliste. La mia risposta era sempre la stessa: "va bene, lasciamo perdere che è meglio". Ognuno se ne stava con il suo ballo. Insomma, avrai capito ... ballavano da soli ... un po' come te con la tua dance anni 80. :)
  8. nimuenimue59 14 aprile 2019 ore 19:51
    anche con i riflettori......
    al salario e agli orari ci pensiamo dopo e noi, non abbiamo nessun nobile in famiglia, tutti operai che sanno divertirsi senza schemi prefissi dalla borghesia.
    Piacere Alessandra, non mi sono ancora presentata :flower
  9. ceravamotantoamatti 14 aprile 2019 ore 20:55
    Le presentazioni vere si fanno dal vivo, secondo me me. :). Tu vivi? Io pure tendo a farlo.Quando sarà... si farà meno i morti. Scherzi a parte ... lo vedi come fuoriesce la sindacalista che è in te? (sul salario e orari). Voi di estrazione 68ina ... siete ormai tutte prevedibili: gonnone della nonna rifiutato per dei pantaloni presi in prestito da poveri consorti ... bella cia come colonna sonora della propria vita ... pettinatura alla Camusso per chi ha i boccoli in testa ... o alla James Joplin (mio mito in assoluto) per chi le starebbe bene in testa la fascetta da figlio dei fiori. Insomma ... vi mancherebbe solo la erre moscia alla Bertinotti ... per ritenervi fatte con lo stampino. Non è, per caso, questa la sinistra di oggi (se ancora esiste in giro)?. :) Ci scriverò un post su cosa abbiamo votato nella vita (politicamente parlando). :) Ciao Alessandra.
  10. nimuenimue59 15 aprile 2019 ore 05:45
    buongiorno, purtroppo ti devo dare una brutta notizia, sono di sinistra, ma non del PD che non ha nulla di sinistra.
    Ho una mia personale idea su l'essere comunista, cerco nei limiti del possibile di uscire di casa la mattina e non sfruttare nessuno.
    La cosa è praticamente impossibile, gli abiti, le scarpe, la borsa sono frutto di uno sfruttamento dove non posso far altro che arrendermi.
    Non mi ritengo superiore verso gli operai che fanno un lavoro più che dignitoso, la pagnotta se la sudano, massimo rispetto. lo sono stata anch'io per più di 20 anni senza contributi so cosa significa.
    Pensa che ho avuto un provvedimento disciplinare per averli difesi e ne vado fiera, è una medaglia d'oro, tutto camuffato (si doveva far valere il dirigente con il primo passo falso che avrei fatto) aver lanciato dei croccantini a una gattina randagia nel cantiere.
    Era nello stesso stabile dove lavoro e di proprietà dello stesso ente, non segnalato, cancello spalancato.
    Ho fatto anche le foto, giorno prima nessun cartello, giorno dopo tutte le segnalazioni........doppia medaglia d'oro, almeno sono riuscita in questo, ma il provvedimento mi è stato lo stesso notificato.
    Detto da un sindacalista. te l'ha fatto solo per dispetto.......deve arrivare il giorno che lo incontrerò, solo io e lui, cambia strada o abbassa lo sguardo quando mi incontra, io no, lo guardo dritto negli occhi anche se abbassati.
    Buona giornata
  11. ceravamotantoamatti 15 aprile 2019 ore 08:02
    "Ciò preso"! Oh! Come ci ho preso! Te l'avevo detto che voi altri (i comunisti veri) siete così fortemente prevedibili come la pensate, come agite, come vi vestite la mattina prima di uscire per cercare chi dover aiutare a forza (tipo il gattino che vi corteggia con le sue fusa nel cortile).
    Se lo facesse a me ... "ah! bello ... ora smamma che c'ho da fare" ... gli direi con garbo. E se proprio fossi annoiato ... mi piegherei per fargli qualche carezza ... con lo scopo di tenerlo lontano dal suo strusciarsi sui miei pantaloni (non chiedere il motivo ... altrimenti mi daresti pure tu del paranoico con le piattole).

    Mi sono fatto un'idea che, caratterialmente parlando, ci si nasce con certe peculiari atteggiamenti. Io, per esempio, ho adottato la filosofia di vita che è quella di voler campare 100 anni, nonostante tutto. Come si intenta? Il vecchio adagio ce lo insegna "chi si fa i cacchi suoi campa 100 anni" (e per cacchi leggici altro). Certo, a volte, (come nell'esempio del gatto da accarezzare all'occasione migliore) si fa qualche eccezione ... ma è come per il cattolico che la domenica prega e durante il giorno può capitare di bestemmiare il Signore. Si chiamano tentazioni ... e, tu converrai con me, i gattini assolvono a questo scopo. Sembra siano nati per farsi carezzare ... e per mangiare le scatolette che gli aprono. Chi meglio di lui sa essere egoista? Tu che nella vita in crescita sarai stata come quel cattolico delle bestemmie ... ne capirai il nesso. Il tuo combattere chi ritieni essere uno sfruttatore ne è a testimonianza. Un datore di lavoro ... che metaforicamente ti offre delle scatolette ben aperte ... lo prendi a calci per puro orgoglio. Cosa dovresti fare al povero gattino, allora? Lui mangia, beve e dorme ... e tu a lavorare simile al peggior sfruttamento. Fosse "nagallina" almeno le uova le preleveresti per cucinartele alla maniera tua. Invece ... datori di lavoro e gattini ... due pesi e due misure. Questa è un'ingiustizia sociale.
    Sono dell'avviso che nella crescita mi sono scelto il miglior stile di vita. Nè cattolico (o ebreo o altro tipo mussulmano) nè "communnista" o fascista visti messi a far le fusa sfacciatamente. A proposito, prima che me ne dimentichi, Bertinotti il PD lo fece cadere; ... ti credo quando dici che non era (eri) di quel partito. Lui era del partito del cachemire e della erre moscia da sfoggiare in quel di Capalbio. In fondo, se ci pensi bene, dovrebbe essere più un mio mito che tuo. Meglio di lui nel sapersi fare i propri "cacchi" ... forse il parroco del paese ... che se bestemmia ... lo fa esclusivamente a mente ... per non rischiare di tradirsi. Tutti siamo tendenzialmente egoisti (alludo al farsi i cacchi propri) ... nessuno escluso. Tu pure ma non vorrai mai ammetterlo. smile
  12. nimuenimue59 15 aprile 2019 ore 12:07
    Ho parlato di operai non di gatti, vuoi la ragione? Prendila tutta è gratis smile
  13. ceravamotantoamatti 15 aprile 2019 ore 12:11
    Che altro hai da dare? Potrei valutare un cambio (con la ragione da restituirti. :-)
  14. nimuenimue59 15 aprile 2019 ore 12:14
    Stai sereno, non hai nemmeno il problema di avere una sola ragione gratis, ne hai due in omaggio! :bye
  15. ceravamotantoamatti 15 aprile 2019 ore 12:16
    Il famoso 3 x 2 di cui parlavo (te lo avevo detto) ... manca la terza (e non alludo alla misura del seno); la terza ragione ... a compimento della tua offerta relativa appunto al 3 x 2. 8-)
  16. nimuenimue59 15 aprile 2019 ore 12:26
    è una nuova offerta promozionale, non compri uno e ne prendi tre, o due e uno in omaggio
    Non paghi sulla tre ragioni gratis, cosa vuoi di meglio dalla tua vita?
    :firulì
  17. ceravamotantoamatti 15 aprile 2019 ore 12:31
    Sognare. Se mi chiedi cosa voglio di più dalla vita ... non rispondo, come risponderebbe una donna oggi (relativamente ad una famosa pubblicità ancora in voga)... ovvero "un lucano" ... alludendo all'amaro messo in promozione ... ma chiederei di sognare ... come sognò Ernesto Calindri nel "fermate il mondo, voglio scendere" (se ricordo bene) ... in quella pubblicità in cui si promuoveva il Fernet Branca. O era il Cynar? Che amara che è la vita ... spesso. :)
  18. nimuenimue59 16 aprile 2019 ore 17:16
    Cynar, preferisco il Montenegro anche se è un falso amaro.
    Se la tua vita è spesso amara, basta un poco di zucchero e la pillola va giù.... Mary Poppins docet!
  19. ceravamotantoamatti 16 aprile 2019 ore 18:36
    Di Mary Poppins, per assonanza, mi piaceva solo il cognome ... :-)
  20. nimuenimue59 16 aprile 2019 ore 19:09
    Tacere è meglio, buona continuazione.
    Alessandra, sono una Signora e mi ripresento, cosa a te sconosciuta
  21. ceravamotantoamatti 16 aprile 2019 ore 19:27
    Non è il nome a renderci conosciuti. :) Specialmente qui dentro.
  22. nimuenimue59 16 aprile 2019 ore 19:30
    puoi sempre uscirne fuori, ma ti piace, non farmi riflessioni da venditore di fumo
  23. ceravamotantoamatti 16 aprile 2019 ore 19:57
    Fuori dove ... ci vediamo?
  24. nimuenimue59 17 aprile 2019 ore 05:19
    non te l'ho chiesto, mi sembra poco probabile un nostro incontro ravvicinato, siamo lontani e secondo me non sarebbe un incontro, ma un bombardamento, abbiamo due caratteri simili, molto polemici e strettamente saldi sulle nostre convinzioni
  25. ceravamotantoamatti 17 aprile 2019 ore 19:09
    :-( Mai nessuna birra riuscirà a conciliare le nostre posizioni. Sob!
  26. nimuenimue59 18 aprile 2019 ore 05:51
    nemmeno un bicchiere di vino :duello
  27. ceravamotantoamatti 18 aprile 2019 ore 06:47
    Avrei pagato io
    :)
  28. nimuenimue59 18 aprile 2019 ore 06:51
    é un insulto alla mia intelligenza una frase del genere, pago io, acqua liscia, gassata o Ferrarelle?
    Posso sempre offrirti un Greco di Tufo, una Falanghina, una Ceres, ma credo tu sia astemio
  29. ceravamotantoamatti 18 aprile 2019 ore 07:43
    No, no. Io bevo. Al limite ... mi riaccompagni tu a casa ... qualora avessi alzato troppo il bicchiere gradendo quel che tu mi hai offerto. :-)
  30. nimuenimue59 18 aprile 2019 ore 16:28
    Non ho la macchina, dobbiamo farcela a piedi ;-(

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.