Senza vergogna

10 febbraio 2017 ore 21:51 segnala


Esiste una vergogna che limite, che dare solo a chi si scelto. Esiste una vergogna che salvezza, custodia, riserbo. il pudore, quello che ci aiuta a essere un Io prima che un Noi, che delicatezza. Che carezza. Non voglio la tua foto mentre mangi al ristorante; non ti vomito la rabbia per cose che neppure conosci. Voglio vedere e sentire lo spettacolo che ho di fronte senza doverlo filtrare attraverso il tuo schermo in alto sopra di noi. IN MEZZO a noi. ADDOSSO. Serve distanza per respirare. Serve distanza per amare.
f42f961a-5998-4262-a1e4-7a484531adec
Esiste una vergogna che limite, che dare solo a chi si scelto. Esiste una vergogna che salvezza, custodia, riserbo. il pudore, quello che ci aiuta a essere un Io prima che un Noi, che delicatezza. Che carezza. Non voglio la tua foto mentre mangi al ristorante; non ti vomito la rabbia...
Post
10/02/2017 21:51:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. leggendolamano 11 febbraio 2017 ore 00:36
    che bella scoperta il tuo blog.
    La vergogna del limite, si perch ogni limite vergognoso
  2. chiaraoscura 23 febbraio 2017 ore 14:27
    Grazie. Anche i tuoi aforismi sono interessanti.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.