Il Tramontar E Albeggiar...

04 gennaio 2016 ore 16:19 segnala


In questa notte guardinga
le campagne vicino
l'abitazione mia
son d'argento,
l'acqua piovana v'è riflessa.
Le ombre lontane fingon
tranquille, i rami, le siepi,
sembran voler arrivar
al confin del ciel.
Il mondo si colora
quando scende la luna,
le ombre spariscon,
l'oscurità giunge imbruna
sul Monte Artemisio.
La notte è cieca,
sta cantando,
non v'è nessuna melodia.
La luna danza e fa da duce,
saluta i contadin
che si alzan presto al mattin,
si dilegua lentamente,
le speranze son lontane,
la natura abbandonata
s'appoggia, sembra morta,
invece v'è vita...
Cerca la luna un punto
ove riposar,
per far spazio al sol
nascente.
Appare lassù nella sua
giovinezza, tante son le
pene, per i contadin,
con lui tutto nasce,
tutto germoglia.
E' discreto, e...
quando fa caldo,
gli animali vengon
sentenziati a morte.
Magari, il percorso
del nostro cammin
di vita, durasse più
a lungo.
I mali, quanti ve ne sono,
quello più brutto è la
vecchiezza, le pene
quindi, son maggior.
Il sole folgora con le sue
possenti fiamme
tutto ciò che incontra.
Dopo tutto, mortale è la
vita, sparisce la giovinezza,
non si colora più...
Per tutti gli Dei
dateci degna sepoltura...


Autrice: Alessandra Higher
Roma: 09-11-2013
Ore: 17:06


f48b7054-c641-45b7-b20e-5e753d5ff9bb
« immagine » In questa notte guardinga le campagne vicino l'abitazione mia son d'argento, l'acqua piovana v'è riflessa. Le ombre lontane fingon tranquille, i rami, le siepi, sembran voler arrivar al confin del ciel. Il mondo si colora quando scende la luna, le ombre spariscon, l'oscurità giunge ...
Post
04/01/2016 16:19:06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.