................

12 agosto 2010 ore 11:35 segnala
Ieri mi son sdoppiata.E' come se avessi preso una sedia, seduta di fronte a me stessa e osservata.Lo spettacolo che mi si presentato non stato dei migliori : una landa desolata, un campo di grano completamente bruciato. La mia anima era l completamente nuda ai miei occhi, e non c'era traccia di alcun sentimento tranne che una dolorosissima tristezza. Mi son chiesta perch e forse l'ho intuito, ma non ho avuto alcuna forza per tirarmene fuori. Ho subito passivamente quest'assenza, l'ennesima...questo essermi privata di quella gioia che ultimamente di tanto in tanto si affacciata sulla mia anima facendomi finalmente sorridere col volto rivolto al cielo, coi capelli buttati di colpo all'indietro .
Nessun sentimento no, nessuno.
E ho avuto paura di me stessa.
11708377
Ieri mi son sdoppiata.E' come se avessi preso una sedia, seduta di fronte a me stessa e osservata.Lo spettacolo che mi si presentato non stato dei migliori : una landa desolata, un campo di grano...
Post
12/08/2010 11:35:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. tecerco 12 agosto 2010 ore 17:15

    Il momento della tristezza, a volte prescinde dai sentimenti che, se non ci sono, tanto meglio...si va avanti piu' facilmente!

    Ciao.

  2. codiceluna 12 agosto 2010 ore 17:22
    ... troppo complicato da spiegare, ma la tristezza era causata dalla mancanza del sentimento in quel momento. Cmq grazie per la visita..sempre puntuale  ;-)
  3. serenella21 12 agosto 2010 ore 22:56

    spesse volte ci si sente vuoti senza emozioni senza alcuno sentimenti come un involucro di cartone

    alle volte si ha paura di essere diventati di pietra ..un vegetale ma essere consapevole di qsto stato di epatia  gia' un passo avanti x trovare qlke appiglio al nulla ke abbiamo dentro

    grazie delle tua parole..dolce sorriso :rosa grazie

    ciao un bacione:bacio

  4. codiceluna 12 agosto 2010 ore 23:00
    ..a te Lisa.. una carezza e una buona notte  :batadorme :bacio
  5. ladani6688 13 agosto 2010 ore 11:16
    purtroppo conosco questa sensazione e mi son fatta paura tante volte. difficile rialzarsi quando il sentimento lontanissimo o in quel momento non interessante agli occhi di chi vive quell attimo che sembra durare tantissimo. poi arrivano le domande che ti poni ogni volta e non sempre hai la risposta anzi se te ne viene in mente una di solito si fa confusione aspettando la certezza che sia la risposta giusta. spero solo che questi momenti arrivino il meno possibile e augurarti di superarli come hai fatto finora. un abbraccio sincero:rosa e silenzioso.
  6. codiceluna 13 agosto 2010 ore 11:23
    ...Dani, accetto di cuore il tuo abbraccio perch so essere sentito non fosse altro che per una situazione di "piena comprensione".Un abbraccio a te  :bacio
    Anna
  7. moonblak 13 agosto 2010 ore 16:13

    gia' guararsi allo specchio e chiedersi perche'

    e' un buon passo,pero' nn bisogna ritorcesi contro se stessi,intanto inizia ad amare te stessa e il tuo corpo cosi come me' e cosi come sei,

    poi vedrai che la trstezza e la solitudine svaniranno ,

    qui hai un esempio,

    un bacio se posso,

    moon

  8. codiceluna 13 agosto 2010 ore 16:22
    ..il guardarsi da fuori era una metafora che nulla aveva a che fare con il mio corpo o un eventuale non accettazione..ma sarebbe complicato da spiegare , grazie sempre comunque per il tuo commento :-)
  9. tecerco 19 agosto 2010 ore 17:04

    Ciao. Passo per un saluto.

    Buona serata.

    Tc:rosa

  10. codiceluna 19 agosto 2010 ore 17:10
    ...anche a te TC. kiss :-)
  11. ale34mitica 24 agosto 2010 ore 10:53
    ciao! molto carino il tuo blog...quando hai tempo passa dal mio! baci!! ale.
  12. codiceluna 24 agosto 2010 ore 11:00
    ..Ale :-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.