La colpa

02 maggio 2010 ore 17:42 segnala
L'adultera si trascina a capo chino verso il banco degli imputati. Al suo fianco la difesa Avv. Cuore, alla parte opposta dell'aula il pubblico ministero Avv.Ragione, di fronte a lei il Giudice Coscienza.Il suo ingresso ha suscitato un brusio sordo tra la folla che si ammassa per vederla in viso. Durante tutta l'udienza ascolta silenziosa sempre con lo sguardo basso sulla punta dei suoi sandali neri, guarda le sue unghie smaltate di bianco madreperla e la mente le ricopre i piedi di sabbia calda, e le parole degli avvocati diventano risa lontane, nomi chiamati,calde labbra che sfiorano le sue e  le imprigionano in baci interminabili a cui lei non può e non vuole sottrarsi. Quanto ti ho amato e quanto ti amo-pensa - poi rivede i suoi sandali neri. L'Avv. Cuore la invita ad alzarsi prendendola dolcemente per un braccio:è il momento della sentenza.Per la prima volta da quando è in quell'aula, alza il volto e il suo sguardo viene catturato dagli occhi glaciali del giudice Coscienza che così sentenzia: " In nome del popolo , visti gli articoli  1 e 17 del codice di moralità comune,questa corte condanna l'imputata ad anni indefiniti di sensi di colpa da espiare presso il proprio domicilio. L'udienza è tolta."Il brusio riprende mentre lei si allontana.
Sono passati tanti anni da allora , anni vissuti scontando la sua pena implacabile  che , alternandosi ai ricordi , l'hanno strappata alla vita forse con notevole anticipo.Di tanto in tanto una mano anonima , depone una rosa bianca su quel marmo senza foto e senza iscrizioni.Il vento e la pioggia cadono incuranti su quelle rose che velocemente si sfaldano lasciando che i petali si disperdano;ma alcuni rimangono e si pongono in sequenza tale da formare quasi un'incisione "Fu sempre fedele all'amore".


11567205
L'adultera si trascina a capo chino verso il banco degli imputati. Al suo fianco la difesa Avv. Cuore, alla parte opposta dell'aula il pubblico ministero Avv.Ragione, di fronte a lei il Giudice...
Post
02/05/2010 17:42:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. tecerco 06 maggio 2010 ore 23:33

    Si, d'accordo...l'amore...ma anche se fosse stata una passione passeggera...un'emozione...non era da condannare, porella! Quanta ipocrisia e quante leggi inique, ci sono!

    Ciao. Buona serata.

    Tc

  2. codiceluna 07 maggio 2010 ore 12:27
    ..è quella della stessa protagonista:nessun vero processo, nessuna sentenza se non quelli vissuti nella sua mente . Non a caso il giudice ...è la sua coscienza :-)Grazie per il commento TC kiss 
  3. tecerco 13 maggio 2010 ore 11:33

    ...ed è proprio questo richiamo alla cosiddetta coscienza, che io contrasto! L'adulterio in genere è un "non peccato" ! Qualcuno, nella notte dei tempi si è inventato questo termine, reprimendo nei secoli un giusto e sacrosanto desiderio di dar corso al proprio istinto passionale, in qualità di uomini e donne assolutamente normali e dunque...seri e coscienziosi con sè stessi!

    Buona giornata.

    Tc

  4. tecerco 18 maggio 2010 ore 13:02

    Ciao. Buona giornata.

    Tc

  5. tecerco 25 maggio 2010 ore 11:33

    Ciao. Buona giornata.

    Tc:rosa

  6. codiceluna 25 maggio 2010 ore 11:45
    ..tc anche a te, un bacione :-)
  7. LADYMIND.67 04 giugno 2010 ore 18:46

    PER COSI' POCO...

    UNA VITA ANDATA VIA COSI'...

    CHE TRISTE

     

    CIAO ANIMA

    BUONASERATA:batarosa

  8. codiceluna 05 giugno 2010 ore 09:54
    ..grazie per il commento. Sereno week end  :rosa
  9. goldfoxy62 11 giugno 2010 ore 18:03

    premetto che non condannerei mai chi ruba una pagnotta di pane prchè ha fame. nemmeno condano chi non conoscendo (anche se in una coppia) L'MORE lo cercasse dove L'AMORE c'è amore scrtto in maiuscole!! quello che toglie la ragione, quello che avvolge!senza dare respiro quello capace di smuovere le montagne! quanti di noi lo sognano? quanti lo hanno trovato?

    quanti arriveranno alla fine di questo viaggio terreno senza conoscerlo!vuoi che chi e capace di trovarlo è assaporarlo sia condannato e da chi? chi è il giudice ? si cercaquello chenon si è mai posseduto quello dasempredesiderato . oggi chein questo mondo è sempre più raro trovarechi ha la fortuna di provarlo incontrandolo nonpotra esserecondannato da chi cercando lui stesso non ha avuto la stessafortuna  !

     

     

     

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.