.........CLAUDIO CIULA ....1.....

10 ottobre 2018 ore 08:58 segnala
....Se gli avessere chiesto all'improvviso come si chiamasse.... e lui fosse in quel momento soprappensiero.... avrebbe forse risposto automaticamente..."Claudio ciula".....tanto quell'appellativo molto meneghino, tra l'umorista e il deridente, lo aveva perseguitato negli anni di scuola...di liceo...di Università .....come se il Mondo intero lo riconoscesse..... e non potesse proprio fare a meno di apporre quel marchio al suo nome------- Ciula....Claudio Ciula.... Era forse la sua inguaribile ingenuità a farlo apparire come un mezzo scemo ,incapace di capire motteggi....lento nel decifrare a volte i doppi sensi.....timido ogni volta che il caso lo affratellasse con una compagnia in cui si trovassero presenti anche ragazze-----Eppure gli studi li aveva compiuti abbastanza bene... senza grandi lodi, ma neppure ignominie di bocciature..... e in ufficio, una volta trovato un lavoro, portava a termine ogni giorno la sua fatica, seppure un tantino ripetitiva.... con calma e normale diligenza ------- Era una vita che si snodava nel tempo quasi senza che lui se ne accorgesse..... le giornate si susseguivano sempre uguali.....Aveva conoscenze,sì....nel tempo libero frequentava anche compagnie.... ma era come se fosse fatto di ectoplasma.... parlava così raramente, che....anzi, non parlava affatto.... passava in mezzo a loro senza che se ne accorgessero..... Lui non avvertiva questa anomalia..... ascoltava.... a volte si divertiva.....ma veri amici non ne aveva....e come avrebbe potuto,un Claudio Ciula? ========== Aveva una corporatura robusta, era alto, ma questa possanza non sembrava suffragata da altrettanta muscolatura... Viveva ancora in famiglia, con papà e mammà..... un fratello e una sorella,entrambi maggiori di lui, avevano già trovato la loro strada e vivevano ognuno per conto suo =========== Tutto questo fino a quel certo giorno..... Si era in primavera.... quel periodo in cui il tempo è più capriccioso.... e le giornate solatie possono tramutarsi subito in altre con pioggia.... lampi e fulmini ========== Era una festività, e Claudio ciula, nemmeno a farlo apposta, era stato sorpreso dalla tempesta mentre ,tutto solo, camminava per la campagna...Aveva incontrato una serie di piante d'alto fusto e ammirava la vegetazione che era sbocciata come d'incanto qualche tempo prima....Era sempre stato un buon camminatore, fatto che gli piaceva, forse perchè nella solitudine si sentiva più a suo agio-------- Si era scatenato un vero nubifragio e lui, per ripararsi almeno un poco, si era rifugiato sotto un magnifico albero dalle fronde imponenti....Un amico avrebbe potuto suggerirgli... "Ohè, Ciula....Attento!!...chè gli alberi attirano i fulmini!"----- Ma un amico non c'era------ e fu così che non riuscisse nemmeno a comprendere quello che stesse accadendo, quando un boato avvolse l'albero intero, e Claudio si sentì sprofondare nell'ignoto---------
5172a753-af31-4079-beec-ab1e702d3b7d
....Se gli avessere chiesto all'improvviso come si chiamasse.... e lui fosse in quel momento soprappensiero.... avrebbe forse risposto automaticamente..."Claudio ciula".....tanto quell'appellativo molto meneghino, tra l'umorista e il deridente, lo aveva perseguitato negli anni di scuola...di...
Post
10/10/2018 08:58:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.