.........IL BAMBA .......

28 giugno 2018 ore 08:20 segnala
..... lo chiamavano così fin da ragazzo.....e non aveva mai capito il perchè......Bamba..... Sorrideva a quel nomignolo,tutto milanese....un sorriso tanto buono...lo sguardo quasi timido,un pò sperduto, che tuttavia mandava una luce tutta particolare che gli altri però non recepivano. Abitava in un villaggio che non aveva grandi risorse; ma ognuno viveva alla meglio, come solo dove non ci sia grande concorrenza di primeggiare sia possibile. Aveva frequentato le scuole elementari.... tranquillamente.... era stato allevato da una dolce vecchietta che lui chiamava nonna... aveva acconsentito in seguito a qualsiasi lavoro gli si offrisse di fare... e il tempo trascorreva.... " Ciao bamba!"....un saluto quotidiano,quasi fosse il suo nome....un pò affettuoso...un pò ironico....che racchiudav però l'allusione che lui non fosse a posto con la sua testa.... E gli sembrava sì, di non poter essere alla pari degli altri.... c'era come un vallo che si frapponesse....ma in quel vallo non poteva sapere nemmeno lui che c'era una ricchezza infinita ======== Non aveva nemmeno dei veri amici...che col tempo comunque si sarebbero sposati, vivendo ormai in famiglia....Lui tentava di immaginarsi cosa potesse significare vivere in una famiglia.... con genitori... poi con una sposa...figli... e sorrideva al pensiero...ma sempre un pensiero confuso...quasi a prendersi in giro======= E il tempo continuava a trascorrere....la vecchia nonna non c'era più... gli avevano detto che era volata in cielo...e lui si chiedeva cosa potesse essere andata a fare in cielo....A sera, al termine del lavoro,col bel tempo, sedeva dinnanzi alla sua povera casetta, tutto solo,come sempre.... e si sentiva felice.... di una felicità che gli riempiva il cuore e gli faceva salire le lacrime agli occhi....Era vecchio, ora....e nulla era mutato. Un eterno sorriso alle labbra ..... quel "ciao bamba!".... di tanto in tanto.. e il sorriso gli si allargava, quasi che quel ponte, gettato da qualcuno, potesse unirli in un modo che nessuno avrebbe saputo immaginare ========= E poi avvenne un fatto strano.... Un giorno una donna che faceva ritorno al paese, in lacrime,forse stanca,forse angosciata, sedette, come affranta.... per riprendere forze... alla panca dove anch'egli stava seduto, accanto. E lui la guardava non sapendo che fare....che dire....impregnandosi tutto del dolore di lei... A un tratto, d'istinto, le prese le mani.... pianse con lei.... mentre lei, presto riprendendosi, conscia della situazione ,piangeva e rideva in pari tempo..."Oh, bamba !"...e riprese il suo cammino ======== Passarono giorni...ed ecco che... no,non capiva....Qualcosa sembrava fosse mutato .....Ogni tanto qualcuno veniva...gli portava da mangiare...qualche altra gli riordinava le due stanze in cui viveva... molto spesso c'era chi gli afferrava le mani stringendole....quasi volesse prendere dalla sua anima l'aiuto cui ambiva, con la fede di chi crede ai miracoli....qualche loro lacrima, a volte gli cadeva sulla mano....... Non capiva... ma il sorriso era sempre lì che gli rischiarava il vecchio viso rugoso... gli occhi che davano allo sguardo una luce che sapeva avvolgere chiunque come in un'aura....e forse rimandava una risposta....Sembrava vivere in simbiosi con tutti..... quasi in un tutto unico.....E nessuno più, si sorprese a pensare, lo aveva chiamato bamba....nessuno....chissà perchè.....
f8787d16-c9ba-48a0-965f-fbfad56642fc
..... lo chiamavano così fin da ragazzo.....e non aveva mai capito il perchè......Bamba..... Sorrideva a quel nomignolo,tutto milanese....un sorriso tanto buono...lo sguardo quasi timido,un pò sperduto, che tuttavia mandava una luce tutta particolare che gli altri però non recepivano. Abitava in un...
Post
28/06/2018 08:20:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.