............SIGFRID ...2...

10 giugno 2018 ore 08:12 segnala
...... Son passati giorni..settimane...mesi... Sigfrid trascorre il suo tempo in una nube di ozio stupendo, che non assaporava da tempo.... In paese ormai tutti lo conoscono, hanno familiarizzato con questo individuo come caduto dal cielo....un pò misterioso... Ogni tanto lui va in paese... frequenta quella bettola piena di fumo che ha perennemente un odore di pesce....una unità assieme ad altre.... qualcuno gioca a carte.... altri siedono pigri e tranquilli, quando non sono in mare... qualche parola ogni tanto....dinnanzi al loro bicchiere di vino.... Anche Sigfrid si avviluppa di quella atmosfera pesante... ed è felice... sente che è il suo ambiente....come non lo era mai stato quello di professore di liceo....e tantomeno quello di barbone....o altro....stranamente incontrati sulla sua strada.....Per passare il tempo, e dare libero sfogo alla sua fantasia,che voleva uscire dalla nebulosità della sua mente ed estrinsecarsi nella vita di Personaggi...... si è messo a scrivere racconti ============== Ora, da quel locale in cui si era rintanato,si appresta a far ritorno alla sua dimora...un saluto gutturale a tutti.... esce all'esterno, dove un tempaccio da lupi lo attende ===================.....Il vento spazzava la pioggia battente a raffiche rabbiose e ne rompeva così, a tratti,la sua caduta verticale..... Un turbinio di acqua...di foglie...di sabbia, aleggiava di continuo...ora si contorceva a spirali...ora sembrava fuggire d'impeto, quasi a meglio assalire quanto si fosse trovato sulla sua strada ==== Il cielo,basso. incombeva... dava l'impressione che volesse comprimere in una morsa quanto esistesse sulla terra === Tra gli alberi,che a stento si potevano intravvedere in quella fosca atmosfera,piccoli rami spezzati giacevano ovunque ==== Al di là del bosco,sul limitare di una piccola radura, uno strapiombo si gettava in un mare tempestoso, in cui le acque creavano una cupa visione..... ma pur capaci di trattenere lo sguardo, in attonita ammirazione ==== Sigfrid arrancava a fatica, chino a contrastare meglio la violenza del vento.... un cappellaccio calato ben fermo fin sugli occhi... il lungo mantello che lo avvolgeva a ruota fin sul mento, svolazzante ==== Alla mano aveva un nodoso bastone ... a tratti vi si appoggiava, fermamdosi... sembrava quasi che fosse incerto se continuare la sua lotta....o arrendersi, e lasciare che gli elementi scatenati, facendolo volteggiare, lo ghermissero,come ogni altra cosa ==== La mente dell'uomo è sgombera da ogni pensiero... anche quella pareva lavata e ripulita dal diluvio che macerava il suo cappello a larghe tese ==== Conosce ormai bene la strada, Sigfrid.... Pure, a volte, quando è costretto a fermarsi, lancia uno sguardo acuto dinnanzi a sè....Ancora non può riconoscere l'invitante,nota sagoma della sua costruzione, che lo aspettava....sa tuttavia che non può essere ancora lontana ==== Trae un sospiro dall'ampio petto quando alfine la scorge..... l'unico pensiero che si affaccia ora alla sua mente è che sia riuscito a fregarlo, questo tempaccio da lupi ===== E ha un sogghigno strano...pur quasi un sorriso... perchè è la sua terra,questa,ormai, il suo mondo ===== Quello che un giorno gli era stato offerto.... e che non avrebbe mai più cambiato.....Forse================
4db0aa78-6f5d-4c89-8262-507505f0ef5e
...... Son passati giorni..settimane...mesi... Sigfrid trascorre il suo tempo in una nube di ozio stupendo, che non assaporava da tempo.... In paese ormai tutti lo conoscono, hanno familiarizzato con questo individuo come caduto dal cielo....un pò misterioso... Ogni tanto lui va in paese......
Post
10/06/2018 08:12:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.