CAPITAN FRACASSA

28 ottobre 2014 ore 10:30 segnala


Aggiornamenti dal fronte metropolitano. Mentre sulla periferia calavano le prime ombre della sera, e le buche nell'asfalto iniziavano a mimetizzarsi in stile viet-cong, la pattuglia degli emulatori dei super eroi Marvel scendeva in campo. Nell'ennesimo tentativo di battere in abilità e velocità il leggendario Silver Surfer, scivoloso eroe spaziale,




il meno noto ma non meno impavido Capitan Fracassa si è lanciato sul suo skate giù per la discesa della via, finendo come è intuibile con una rotella dentro una buca. Nella devastante slavina che ne è seguita il nostro, grazie alla proditoria decisione di non indossare un giubbotto rinforzato contro il freddo siberiano ma una semplice t-shirt modello "io sono un fico e voi no", ha riportato lesioni lacero-contuse sul fianco e sul gomito, nonchè la frattura della clavicola destra. La giuria convocata d'urgenza presso il pronto soccorso dell'ospedale gli ha conferito ad honorem il titolo di "Capitan Fracassato".




Immagino che mio figlio non sia una perla rara, ma che a parecchi di voi siano capitate esperienze demenziali del genere. In quanti stanno ancora contandosi i punti, discutendo su come ricoprire le cicatrici con tatuaggi tribali o scegliendo la gamba di legno in stile pirata dei caraibi? Che pazienza che ci vuole, eh?




*
375a7c8f-60c2-47fb-94a6-d5ee0cf7c5d1
« immagine » Aggiornamenti dal fronte metropolitano. Mentre sulla periferia calavano le prime ombre della sera, e le buche nell'asfalto iniziavano a mimetizzarsi in stile viet-cong, la pattuglia degli emulatori dei super eroi Marvel scendeva in campo. Nell'ennesimo tentativo di battere in abilità...
Post
28/10/2014 10:30:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    15

Commenti

  1. Eleanor.Peacock 28 ottobre 2014 ore 10:40
    Sò ragazzi ......... si saldano in fretta le fratture. Poi queste fregature te le ricordi, la prossima volta ne inventerà una nuova. Auguri.
  2. crenabog 28 ottobre 2014 ore 10:42
    x Eleanor.Peacock, già, immagino che vorrà esplorare il camino come la protagonista dei delitti della Rue Morgue...ahahah
  3. Eleanor.Peacock 28 ottobre 2014 ore 10:44
    No ci manda te, mica è scemo.
  4. Eleanor.Peacock 28 ottobre 2014 ore 10:45
    Sai, c'è un limite alle cose stupide che si fanno da ragazzi, altrimenti ci si sarebbe già estinti da secoli.
  5. crenabog 28 ottobre 2014 ore 10:48
    non credo, ci sono già andato. c'è voluto un casino per ripulirmi, però. i miei limiti, da ragazzo, erano solo quelli che mi metteva la madama quando mi beccava a girare in moto senza casco e con una torcia accesa in mano, o mio padre quando veniva a raccogliermi svenuto sbronzo dentro il lavandino di qualcuno... e sto ancora qui, eheheh
  6. AllegroRagazzo.Morto 28 ottobre 2014 ore 10:56
    Crenabog: Ah ma se io potessi tornare indietro di diciamo così, 30 anni, mi scapicollerei dalla mattina alla sera, avrei quella sana strafottenza da vastasazzo che mio malgrado, non ho mai avuto tar le corde, certo... è, sarebbe, sempre meglio usare prudenza in ogni caso e va anche detto che, diciamo così, l'odierno enviroment non agevola le piccole disavventure dei giovani virgulti.
  7. crenabog 28 ottobre 2014 ore 11:00
    x AllegroRagazzo.Morto, io d'altronde, che mi son fatto tutta la scalinata che dall'hotel Hilton porta alla piazza sottostante, in discesa, in groppa alla mia moto, dopo avergli tolto la sella per avere più contatto, dovrei solo starmi zitto...ahahah! be', ho sempre detto che è pazzo come me! certo, avevo vent'anni mica oggi lo farei. oggi lo farei con la Panda...AHAHAHAHAHAHAH
  8. AllegroRagazzo.Morto 28 ottobre 2014 ore 11:03
    Crenabog: proveresti con solo due ruote magari e la panda ha un fascino alla Salgari... beh botte e tagli e punti li abbiamo presi immantinentemente tutti, alcuni si ricordano meglio, altri meno... basta essere qui a scriverlo...
  9. crenabog 28 ottobre 2014 ore 11:05
    sono decisamente d'accordo. e soprattutto, nessuno sulla schiena! in fronte o in petto. e giovanilmente parlando, magari pure sulle ginocchia, che anche gli spartani son stati piccoli.
  10. MorganaMagoo 28 ottobre 2014 ore 15:11
    io mi son lanciata dalla terrazza con l'ombrello... pensavo funzionasse, come a Mary Poppins. anzi, ne ero sicura...
  11. albaincontro 28 ottobre 2014 ore 16:29
    Se non si fa qualche imprudenza a quell'età,è come aver vissuto poco.Un bacione al simpatico infortunato ed una pacca affettuosa al papà in ambasce !
  12. Antelao 28 ottobre 2014 ore 18:03
    sono cose che capitano! Io credo di essere stato baciato dalla buona sorte, perchè da giovine ne ho fatte di ogni sorta senza mai rompermi un osso o aver meritato qualche punto, salvo poi pagare il conto durante il servizio militare senza nessuna colpa. Auguri di pronta guarigione al capitan....Fracassato.
  13. crenabog 28 ottobre 2014 ore 22:16
    x MorganaMagoo, immagino che stessi tentando di sfuggire ai pinguini camerieri che volevano portarti il conto del tè delle cinque, mh? eheheh
  14. crenabog 28 ottobre 2014 ore 22:18
    x albaincontro, grazie cara, riferirò. in effetti hai voglia a dire segui i consigli di chi ci è passato, loro considerano solo che, appunto, uno ci è passato quindi queste cose le ha fatte ragion per cui...sotto a farle, e di corsa! abbracci
  15. crenabog 28 ottobre 2014 ore 22:20
    x Antelao, eh ti capisco, vero, anche io a volte mi rivedo il vecchio film UNBREAKABLE, e mi ci rivedo in pieno. era pure una guardia giurata, tiè... ancora mi stupisco di essere arrivato dove sono e mi rendo conto che quando avrò da pagare il biglietto sarà molto oltre le mie capacità... ti saluterò il brigante.
  16. patty1953 28 ottobre 2014 ore 22:44
    Da ragazzi non si ha il senso del pericolo per cui prima si fanno le cose e poi.............se pagano le conseguenze, come Capitan Fracassato avrà imparato ahah...auguroni al nostro eroe. Io cmq me so rotta un gomito perchè per una scommessa ho saltato a piè pari un cancelletto alto un metro e mezzo, peccato che mentre ro per aria ho lasciato la presa del cancelletto e so caduta de fianco ma senza nessun materassino ma sola la dura e ignuda terra ad accogliermi ...ahah
  17. Tu.MiStufi 28 ottobre 2014 ore 22:45
    ...che le cicatrici sono patrimonio degli eroi, anzi dei super-eroi.
    Auguroni di pronta guarigione : )
  18. crenabog 28 ottobre 2014 ore 22:48
    x patty1953, ahahah, ma sei pazzesca, avrei voluto vederti, che roba! io da piccolo presi una discesa con la bicicletta e mi schiantai contro la cancellata che c'era alla fine. meglio così perchè se fosse stata aperta, oltre le siepi di rovi c'era un burrone, però per fare sparire la cicatrice al ginocchio ci son voluti cinquant'anni!
  19. crenabog 28 ottobre 2014 ore 22:49
    x Tu.MiStufi, gentilissima, glieli riferirò, magari accompagnati da un arancino fritto al ragù, una delle poche cose che riescono a fargli scordare il resto. ciao!
  20. AstrotermicAle 28 ottobre 2014 ore 23:08
    Tutta esperienza :-)
    Bel ragazzo, complimenti :-)
  21. stregaxamore.VE 28 ottobre 2014 ore 23:18
    Ma povero mi spiace davvero, ma son ragazzi su crena ,si rompono e si aggiustano in fretta,scommetto che anche tu da ragazzino ne avrai combinate di tutti i colori.
    Nel mio piccolo ho dato parecchio da fare a mia madre con fasce e cerotti , mi arrampicavo su gli alberi pattinavo, giocavo pure a calcio , e alle medie facevo parte della squadra di basket della scuola e ogni trasferta tornavo a casa tutta acciaccata.Ritieniti fortunato se avevi me per figlia era peggio ahahaha
  22. crenabog 29 ottobre 2014 ore 02:11
    x AstrotermicAle, grazie, l'abbiamo cresciuto con aria di campagna e roba - tanta - buona da mangiare e ovviamente è diventato questo po' po' di figlio, più alto di me. se solo riuscissi a fargli fare pesi potrebbe formarsi come me quando ero giovane e facevo culturismo. oh, ero proprio un bel tipo eh! speriamo bene pure per lui!
  23. crenabog 29 ottobre 2014 ore 02:17
    x stregaxamore.VE, ah io quand'ero piccolo ero più moderato anche perchè siccome ero appassionato di modellismo stavo ore a casa a costruire aerei, carri armati e cose simili e a pitturarli. ne avevo a centinaia, meravigliosi! poi sì, cresciuto, c'erano altri stimoli, altre cose da scoprire e da fare. comprensibile che anche lui voglia libertà, benchè ne abbia più di quanta ne ebbi io. lo so, altri tempi, eppure erano tempi più tranquilli rispetto ad oggi. certo che se era femmina e chi lo avrebbe mandato in giro da solo! eheheh
  24. Cicala.SRsiciliana 29 ottobre 2014 ore 09:38
    Certo che Capitan Fracassa, ha preso una bella botta e tu come padre, conoscendoti, sei di certo preoccupato e addolorato. Ma dimmi tu, quale ragazzo alla sua età non ha giocato con la vita? Chi ragazzo, non è stato mai incosciente? Tutti lo siamo stati Marco! Solo facendo esperienza sulla propria pelle si capisce che determinate azioni non si devono più ripetere. Auguri per lo splendido figliolo che ho visto in foto e tu non essere così affranto, è solo un adolescente che come tutti i suoi pari, doveva provare cosa vuol dire mettere a repentaglio la propria vita per non doverci riprovare mai più. Ti abbraccio Marco e per quanto ti è possibile sii sereno, Rita
  25. crenabog 29 ottobre 2014 ore 09:46
    x Cicala.SRsiciliana, grazie, in verità è una vita che lo marco stretto e adesso che è grandicello e vuole stare in giro con gli altri mi preoccupo, avendo visto come va il mondo. ma non posso bloccarlo, anche perchè la moglie gli ha dato briglia sciolta sin dall'inizio anche nel restare fuori fino a notte. e ora voglio vedere quando comincerà a fare tardi seriamente come glielo impedirà, visto che glielo ha lasciato fare. ai tempi miei erano cose che se non avevi fatto almeno diciotto anni te le sognavi. mah. e poi, io sto fuori la notte, di giorno cerco distare con loro almeno per portarli e riprenderli, quindi li vedo in tutto meno di due ore frazionate per giorno. è una pena che mi amareggia ulteriormente la vita già così faticosa. comunque oramai è così che va e non posso cambiare niente. tiro avanti, sperando in Dio, san Giuda e nelle mie pistole. fin qui siamo arrivati, oltre? chi sa. vedremo. un abbraccio caro
  26. AllegroRagazzo.Morto 29 ottobre 2014 ore 09:53
    Al tempo che fu, saltavo da un muro che era quasi 4 metri.. delimiatva un bel campo tutto a felci, folte come si deve, e cadendo giù il più delle volte non ci si procurava molto male... era il gusto di volare di sotto... forse son caduto una volta di troppo... non so... all'epoca sembrava perfettamente logico... adesso a volte mi intterrogo...
  27. crenabog 29 ottobre 2014 ore 09:56
    x AllegroRagazzo.Morto e ringrazia il cielo che sotto le felci non hai beccato qualche pietrone se no sai le bestemmie... ne abbiamo fatte di bischerate, eh sì...
  28. AllegroRagazzo.Morto 29 ottobre 2014 ore 09:59
    Crenabog: ecco evdi il fatto è che penso di aver preso anche delle pietre anche s enon ne ho memoria, eravamo in cinque o sei e che fai? Non ti butti? Cazzarola ti DOVEVI buttare di sotto... da ragazzino poi, è un episodio del quale scriverò approfondiftamente un giorno... bazzicavo un grande palazzo in costruzione... salivamo fino all'ottavo piano.. e ci sporgevamo ventre a terra con la testa sul grande pozzo nero che era la tromba dell'ascensore guardando in basso nel buio.. roba da pazzi ...
  29. Cicala.SRsiciliana 29 ottobre 2014 ore 10:03
    Marco, quando i figli si tengono molto stretti è ovvio che poi si lasciano andare e fanno gli spericolati. Se non gli lasci un minimo di libertà come potrà mai capire il confine che separa le azioni fattibili da quelle che invece gli recano danno? Questo è quello che penso io, tieni presente che non sono genitrice e che quindi posso sbagliare
  30. crenabog 29 ottobre 2014 ore 10:07
    x AllegroRagazzo.Morto, ti capisco benissimo, se dovessi fare un elenco anche io mi cascherebbero i capelli, a vederlo col senno di poi...
  31. crenabog 29 ottobre 2014 ore 10:10
    x Cicala.SRsiciliana, oddìo, avrei qualche perplessità nel senso che si può anche imparare qualcosa senza per forza doverlo fare. altrimenti staremmo tutti a fare qualsiasi cosa, anche le peggiori, giusto per vedere se è vero che succede quel che succede. diciamo che ci vorrebbe anche un po' di fiducia in chi ti consiglia e il sale in zucca per dire: se mio padre dice che se fumo poi non riesco a smettere, e se lo vedo che sta sudando sangue per non fumare, allora che cacchio giro a fare con una sigaretta nascosta in tasca per provarla? tanto vale che gliela chiedo, fumo davanti a lui, mi sento male, ci becco una sberla e poi non fumo. giusto, no?
  32. 1.Zingara 31 ottobre 2014 ore 10:00
    A nove anni ho tentato di darmi fuoco con dell'alcool ma non ci sono riuscita ,volevo accendere la legna nel camino spruzzandolo su una fiammella che ha pensato bene di entrare nella bottiglia e avvolgermi in un alone .. Stavo da sola ,mia mamma era andata a portare il caffè ad un amico di mio padre che era venuto a fargli visita in quanto ammalato ed io al piano terra a fare i compiti ..faceva freddo e mia mamma non scendeva ..Mi sono ustionata il viso, bruciata i capelli ,l'avambraccio s'è attaccato al maglioncino ma è finita bene tutto sommato .. Il decorso è stato lungo ,il viso non ha riportato cicatrici ,l'avambraccio si ,ma con un intervento di chirurgia plastica ho risolto ..due mesi di ospedale ..e vabbè ..Ma non è finita qua ..Pochi mesi più tardi mi stavo fulminando con l'energia ad alta tensione .Ero andata sul soffitto e a terra c'era un ferro lungo ,credo fosse un pezzo appartenente all'antenna della TV quindi,la raccolsi e mi avvicinai alla ringhiera cercando di toccare questi fili che portavano l'energia ..ma per fortuna babbo che stava in strada mi vide e con delle forti grida mi fermò ..E vabbè ..ma mica era colpa mia se ero una spericolata e curiosa?? ;-) Me ne dissero di tutti i colori ... ahhahha
  33. libellulach 31 ottobre 2014 ore 12:56
    scusa il ritardo....come sta tuo figlio?Quanti punti alle ginocchia per le mie cadute,la mia paura più grande le urla di mia madre ,ma dopo capii che erano urla di paura...
  34. crenabog 01 novembre 2014 ore 20:51
    x 1.Zingara, mamma mia ma che robe folli che hai combinato, eh, meno male che te la sei scampata! i piccoli son davvero incredibili a volte!
  35. crenabog 01 novembre 2014 ore 20:54
    x libellulach, sta col tutore quindi è parecchio impacciato ma almeno non sembra sentire dolore. a giorni farà l'altra radiografia per vedere come sta dentro. e capisco tua madre, quel che mi è uscito di bocca quando l'ho visto per strada conciato in quel modo, deve essersi sentito sino alle stelle... ciao!
  36. Drazy 03 novembre 2014 ore 04:38
    ...mi ricordo anche con miei fratelli abbiamo fatte cotte e crude ...e bello ricordarsi e fare due risate ogni volta che ci rivediamo :)
  37. crenabog 03 novembre 2014 ore 08:54
    x Drazy, ma infatti, l'importante è essere ancora qui sui nostri piedi a poterla raccontare, eh! eheheh
  38. Evelin64 03 novembre 2014 ore 20:23
    Eggià... pero' per imparare ad alzarsi, devono prima cadere !!
  39. crenabog 03 novembre 2014 ore 21:59
    x Evelin64, ma se sentissero i consigli, senza dover cascare, imparerebbero a stare lo stesso in piedi senza doversi far male. tradotto in italiano: se mi dicono di NON mettere il dito in una presa di corrente, non è che ce lo infilo per forza così cresco "imparato" eheheheh, che diavolo! dò retta e mi tengo il dito in tasca, e campo cent'anni...
  40. c.ioccolatino111 19 novembre 2014 ore 11:42
    ahahahahah perdona la mia risata ma ho immaginato la scena....naturalmente ho riso nel sapere che, "Bello-Sguardo", ossia: "Capitan Fracassato"....a parte qualche sbucciatura, non si è fatto nulla di grave. Pazienza? Io mi sono risparmiata 2 belle sberle dato che mi usciva sangue a fiotti dalla testa. mia madre mi aveva raccomandato di non salire sull'altalena quando sono scesa a portare la borsa dello sporco nella stanzetta 3x3, adibita, all'epoca, ai soli rifiuti.. Ancora non c'erano i cassonetti e 3 volte alla settimana passava chi di dovere per portarlo non so dove. Io ero quella che, "portava giù lo sporco"! Guarda caso, per una volta, ho veduta l'altalena libera (x forza, era l'ora di pranzo), ho guardato su...sul balcone se, caso mai, mamma, si fosse affacciata a dirmi .."su, svelta, che è pronto in tavola"... nisba, nada.... io e soltanto l'altalena, la quale sembrava che mi invitasse a salire,...una corsa...un salto...e via........più veloce della luce...fino a che un altro salto, mi ha fatta quasi cadere ! Se fossi caduta, probabilmente lo sellino di ferro non sarebbe risalito su, su per la schiena per sbattere, infine, sulla nuca. Di nuovo una folle corsa per salire le rampe di scale, entrare come una furia in casa con la mano sporca di sangue e dire a mamma: "sono scivolata su una buccia di banana che era per terra mamma" !!! ha chiamata la vicina perchè mia amdre non sopporta il sangue e ci ha creduto ...non mi ha sgridata e ho rimediano una bella cosa che male sopportavo: non mi ha fatto più scendere a portare le borse dello sporco nella stanzetta. :-))
    Quando mi sono decisa a raccontarle la verità...(già sposata con prole), oramai... non le restava che mettersi a ridere dicendomi: "baluna...ta set stada na baluna .." !
    Ciao :-)
  41. crenabog 19 novembre 2014 ore 11:58
    x c.ioccolatino111, eheheheh ma dico io, che roba! e ti è andata anche bene, io da piccolo partii per una discesa con la bici, non mi ci fecero i freni e mi schiantai contro la cancellata. per far sparire la cicatrice sul ginocchio ci son voluti quarant'anni ma troppo mi ha detto bene, perchè fuori, la strada, se l'avessi tagliata, dall'altra parte c'era un burrone. e ora non sarei qui a raccontare favole nè ci sarebbe mio figlio a sentirle...ah!
  42. c.ioccolatino111 19 novembre 2014 ore 12:26
    Per fortuna è intervenuto il Destino che ha, diciamo, messo lì una cancellata. ahahah
    La mia cicatrice è nascosa dai capelli ...eheheheh...e mia sorella, ha sempre detto che son diventata ancora più matta dopo quella botta !!! :-)))

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.