Il sesso rende intelligenti

08 settembre 2019 ore 20:42 segnala
Volete aumentare la vostra intelligenza?
Date fuoco alla Settimana Enigmistica e gettate la scacchiera dalla finestra perché servono a nulla; se si vuole diventare più intelligenti, esiste una sola cosa da fare: scopare.

Questo se siete dei topi o dei ratti.

Alcuni ricercatori hanno hanno studiato l'attività sessuale di topi e ratti; secondo i loro studi, un sano esercizio sessuale migliorerebbe le prestazioni mentali degli animali e la produzione di nuovi neuroni nell'ippocampo, dove si formano i ricordi a lungo termine.
Sembra quindi che la crescita delle cellule cerebrali correlata alla pratica del sesso abbia un fondamento scientifico.

Ora potremmo domandarci se sia più intelligente un ricercatore che guarda un paio di ratti accoppiarsi oppure un pirla diplomato che guarda i video su You Porn ma è meglio non porsi certi quesiti.

A proposito del porno...
Per i neuroscienziati della University of Texas l’eccessiva visione di film porno potrebbe provocare variazioni «anatomiche e patologiche» permanenti al cervello.
Come hanno fatto a stabilirlo?
Con uno studio ovviamente.
Hanno testato la memoria di 28 persone mentre erano impegnati a seguire stimoli neutri, negativi, positivi o pornografici.
Dai risultati ottenuti è emerso che le peggiori prestazioni a livello di memoria ricorrevano quando venivano mostrate immagini porno.

E se ci pensate è vero; gli elefanti infatti, famosi per la loro memoria prodigiosa, non guardano i video porno.

Sempre parlando di memoria, si è visto che gli anziani dotati di buona memoria hanno più possibilità di fare sesso.
Chi è affetto da decadimento cognitivo lieve ha solo la metà delle possibilità di andare a letto con qualcuno rispetto a chi è completamente sano.

E anche questo è abbastanza ovvio.
L'anziano rincoglionito si guarda allo specchio nudo, vede un coso che penzola sotto l'ombelico e si domanda a che può servire.
"Mi sembra di ricordare...tipo che quando ero giovane lo usavo per fare qualcosa ma...non ricordo cosa."
Credo sia questo il motivo per cui gli anziani amano passare le giornate, con le mani dietro la schiena, a rompere i coglioni agli operai del comune che fanno gli scavi nelle città per riparare o posare tubature: magari sperano in un ritrovamento archeologico, una specie di "Stele di Rosetta" che sveli eventuali usi del coso esanime che normalmente utilizzano per svuotare la vescica.

Vita di coppia: 5 cose da non fare insieme a lui

06 settembre 2019 ore 21:21 segnala
Molte donne sono convinte che basti un soffocotto fatto bene per una buona vita di coppia ma non è detto.
Vi sono altre cose da tenere in considerazione, tipo le cose da non fare con lui.
Quali sono queste cose, in sostanza sono 5, ce lo svela Donna Moderna (ma ho perso il link).

Mai depilarsi di fronte a lui
Questo perché vedere come sono le vostre gambe prima del trattamento al napalm al quale vi sottoponete per estirpare le setole che ricoprono parte del vostro corpo potrebbe risultare devastante per il nostro equilibrio psico-fisico.
Però, se vi depilate "là sotto" di fronte a lui, potrebbe essere bello.
Una delle mie ex, ad esempio, la depilavo io.

Mai avere solo amici in comune
Siamo in Italia e sapete meglio di me che avere amicizie in Comune aiuta.
Metti che devi richiedere un permesso per costruire un garage…avere amici in comune, tipo l'Assessore all'Edilizia e Urbanistica, può essere d'aiuto.
Ovviamente gli amici in Comune devono essere in quello di residenza, altrimenti servono a un cazzo.
Ma, come dice il titolo, mai avere solo amici in comune: fa comodo trovarne anche in qualche Ministero o tra il clero.
Per il resto...si è meglio non avere amici in comune con il vostro lui, soprattutto se avete intenzione di godervi una vita sessualmente varia.
Il loro migliore amico che smette di partecipare alla partita di calcetto del mercoledì, giorno in cui voi avete un corso di ceramica, potrebbe destare sospetti.

Mai troppo dimessa
Laddove per dimessa si intende vestire in modo modesto o trascurato.
So benissimo che dopo qualche anno le mutande prendono il posto del perizoma e che le ballerine soppiantano il tacco 12 ma, se date retta a me, dovete essere sempre impeccabili. A letto come fuori dovete essere "da gara" sempre.
Che poi se il vostro lui becca completini stile Dita Von Teese nel cassetto quando voi indossate solo intimo acquistato all'Ipercoop, potrebbe pensare che lo state tradendo e non è bello (non è bello farsi beccare, non il fatto che lo cornificate).

Mai tormentarlo
Questo è un classico.
Lui corrucciato che non parla e lei "a cosa stai pensando? Me lo dici? Dai dimmelo...si vede che qualcosa ti tormenta. Non ti piaccio più ecco cos'è... Ho visto come guardavi la strafica che abita al piano di sotto. Io che ho sacrificato i migliori anni della mia vita per te, che potevo avere decine di uomini ricchi e famosi..." e così via fino a quando il malcapitato decide di aprire la finestra e gettarsi di sotto.
Le donne sono creature adorabili ma come rompono le balle loro...
Il vostro lui è serio? La fonte segnata dalle classiche rughe? L'espressione vi pare sofferente?
Molto probabilmente non sta pensando a qualcosa ma sarà impegnato nel titanico sforzo di contenere una scoreggia contraendo i muscoli e basta un niente perché molli e scopriate una tremenda verità:
a spingere non era solo del gas intestinale ma un cagotto che a confronto le sette piaghe d'Egitto sono una carezza.

Mai dividere ogni spazio
Fare la doccia insieme è sicuramente piacevole...ma almeno quando è al cesso, il solo momento in cui un uomo sa essere multitasking perché fa la cacca, legge la Gazzetta dello Sport e magari fuma una sigaretta, lasciatelo in pace.
Alcune cose sono piacevoli da fare insieme e altre meno.
Se voi vorreste sempre essere accanto a lui non è detto che lui desideri lo stesso.
Un uomo ha bisogno dei propri spazi e, quindi, una volta che gli avete fatto un pomp… con ingoio lasciatelo in pace a bersi la sua birra e guardare la tele.
Non stategli sempre appiccicate al culo.

Ovviamente i 5 consigli sono "in generale".
Io confesso che, a parte quando sto espletando i miei bisogni in bagno, che anche solo per fare la pipì se non mi chiudo dentro non ce la faccio (ricordate Troisi in "Ricomincio da tre"?) amo avere la mia donna accanto sempre.
Non mi importa se si depila davanti a me o se non veste come una pornostar...basta che me la dia (da leccare) e tutto il resto non mi interessa.

Alla fine sono una persona semplice.

Il sesso è salute

05 settembre 2019 ore 20:18 segnala
Della serie "ve mangiassero li cani" ecco una nuova ricerca con il solo scopo di farci bestemmiare in lingue morte.
"Fare sesso fa bene, farlo ogni volta che lo si desidera ancora di più: a sostenerlo sono i ricercatori dell'Università di Jena, che hanno condotto uno studio sulle abitudini dei tedeschi."

In pratica avere "voglia di" ma non farlo aumenterebbe il rischio di pressione alta, malattie cardiovascolari e tumore.
Invece, fare sesso quando se ne ha voglia, libera la famosa ossitocina, che aumenta le difese immunitarie e tiene a bada la pressione sanguigna.

Ora, istintivamente a leggere questa notizia viene il nervoso perché io scoperei anche, ma se non me la danno, come faccio?
Quindi o divento ricco e posso spendere qualche centinaio di euro per assoldare escort ogni volta che sono preda di pornovoglie, scialacquando così una fortuna in pochi mesi, oppure morirò di infarto, ictus o tumore tra pochi anni.

Ma se ci pensiamo un pochino su, sta cosa del sesso che fa così bene è una buona notizia.

A tutti i traditori prima o poi viene il senso di colpa.
A tutti ma non a me, dato che vivo il presente e quando incontravo la Morosa dopo che magari, qualche ora prima, avevo la lingua infilata tra le cosce di un'altra, non mi sentivo una merda.
Quando vivi il presente il discorso è semplice:
quando sei con l'Amante deve esistere solo lei...quando sei con la moglie/morosa deve esistere solo lei; quindi non ho mai fatto sesso con una donna pensando ad un'altra.
Quindi questa è una buona notizia perché fornisce, a quelli che sono tormentati dai sensi di colpa, un alibi perfetto: la propria salute.

Avete un mutuo da pagare, i figli da mantenere e non potete permettervi di morire o, peggio, di restare offesi da qualche ictus; quindi, se quando vedete la vostra collega sentite il desiderio di ingropparla, fatelo (purché sia anche lei d'accordo): non assecondare le proprie voglie è andare contro natura e può risultarvi fatale.

Se non avete una moglie o morosa che vi scopa per ore al punto di togliervi ogni appetito e la voglia vi assale, assecondatela:
fate sesso.
Godetevi ogni occasione che vi capita perché ne va della vostra salute.

Ora, voi volete continuare a leggere le mie cazzate?
Entrare in questo blog genera in voi buonumore e vi da piacere?
Ebbene, sappiate che io scopo poco ed ho sempre voglia...quindi aiutate Cunni a preservare la propria salute.
Come?
Offrendovi come terapia sessuale, voi o una vostra amica o entrambe: ho 51 anni e vorrei passasse ancora qualche anno prima di incontrare il Tristo Mietitore.

Salvate Cunni:
dategliela.

Le donne più felici del mondo

04 settembre 2019 ore 20:52 segnala
Qualche tempo fa, forse su un precedente blog, scrissi dell'uomo più felice del mondo, tal Matthieu Ricard, biologo francese che ha abbandonato la carriera per abbracciare il buddismo in Nepal.

Non sembra anche a voi che il mondo della scienza sia sessista?
Perché parlare dell'uomo più felice del mondo e non della donna?
Forse che le donne, e non solo quelle che hanno vissuto la terribile esperienza di venire a letto con me, non possono essere felici?
Beh ho cercato un pochino e...se nel precedente blog avevo parlato dell'uomo più felice del mondo, oggi parliamo delle donne più felici del mondo: le pornostar.

"Da una nuova ricerca emerge un dato davvero peculiare e che probabilmente molti non si sarebbero aspettate: sono le pornostar le donne più felici al mondo a causa di diversi fattori correlati al lavoro che svolgono."
Lo studio è stato condotto "dall’Università di Shippensburg e dalla Texas Woman’s University che, insieme alla Adult Industry Medical Healthcare Foundation, hanno analizzato la vita di un campione di pornostar con almeno tre anni e mezzo di esperienza alle spalle."

Quindi?

Chi fa questo tipo di lavoro sembra godere di "una maggiore autostima e di supporto sociale, la soddisfazione sessuale comporterebbe anche una spiritualità più accentuata e avrebbe pensieri positivi costantemente in mente."
Non solo:
le pornodive più giovani, a differenza delle loro coetanee che svolgono un altro tipo di lavoro, avrebbero relazioni più durature e molte di esse sono sposate, quindi sarebbero appagate anche sul lato sentimentale;
pare che essere disinibite e lavorare nel campo dei porno renda più propense anche ai rapporti con entrambe i sessi;
le pornostar hanno in media una maggiore energia e dormono meglio rispetto alle altre donne.
Fonte

Ergo: avete sbagliato lavoro.
Lo dico da sempre che il sesso è la chiave di tutto.
Il benessere fisico e mentale partono entrambi da un unico punto: soddisfazione sessuale.
Altro che radersi la testa, indossare una tunica arancione e passare le proprie giornate in mezzo a uomini pelati e vestiti di arancione...il sesso è alla base di tutto.

Tutte le cose negative hanno come unica causa la mancanza di sesso.
Se Hitler, ad esempio, avesse avuto un paio di ventenni che lo scopavano per ore fino a fargli perdere i sensi, pensate che avrebbe cagato il cazzo come ha fatto?
Quando sei appagato sessualmente, ma appagato sul serio, al punto che non ti tira più nemmeno l'elastico dei calzini, non hai voglia di metterti a fare guerre ma sei lì rilassato, in estasi, senza un briciolo di energia.

Guardate me, per esempio:
sono sempre sereno, tranquillo e non mi incazzo. Come faccio?
Beh...immaginate...

Amiche se avete ancora l'età giusta, mollate tutto e fate le pornostar.
Vi pagano per fare qualcosa che fate o fareste gratis e sarete felici.
(nella foto Riley Reid)

95d00eaa-e2b1-4c2a-998c-ad2c67246f57
Qualche tempo fa, forse su un precedente blog, scrissi dell'uomo più felice del mondo, tal Matthieu Ricard, biologo francese che ha abbandonato la carriera per abbracciare il buddismo in Nepal. Non sembra anche a voi che il mondo della scienza sia sessista? Perché parlare dell'uomo più felice del...
Post
04/09/2019 20:52:39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Pigrizia: la virtù del dolce far niente

03 settembre 2019 ore 20:42 segnala
Le persone pigre, al pari delle persone che si dilettano in relazioni sessuali parallele, non godono certo di una buona fama, anzi, in un mondo in cui tutti corrono e si affannano per raggiungere obiettivi più o meno prestigiosi, il pigro viene visto come una merda di cane su un divano di tessuto bianco.
Eppure la pigrizia è una virtù e se vi fossero state più persone pigre, probabilmente la storia avrebbe avuto un altro corso e sarebbe stato meglio sotto certi aspetti.

Cristoforo Colombo, ad esempio, avrebbe detto:
"naaa...chi me lo fa fare di sbattermi per andare a cercare delle navi e partire per l'India...me ne sto qua, mangio un piatto di trofie al pesto e me ne batto il belino"
In questo modo gli indiani d'America sarebbero ancora vivi.

Menelao, fosse stato pigro, non avrebbe fatto guerra a Troia:
"ah, Elena se n'è andata? Che me ne frega, qua c'è pieno di gnocca...e poi non se la depila nemmeno..."

La storia è piena di uomini vigorosi che hanno in qualche modo cagato il cazzo al prossimo.

Io sono pigro e questo mi rende una persona mite, tranquilla e che non rompe le balle.
Il pigro non ama fare fatica e per lui litigare, ad esempio, è faticoso, quindi cercherà di evitare ogni forma di scontro, sia verbale che fisico.
Il vantaggio è che non ci incazziamo, perché incazzarsi fa consumare energie, richiede uno sforzo, un lavoro.

Qualcuno potrebbe obiettare:
si ma per non incazzarsi occorre impegno, bisogna spesso sforzarsi di non incazzarsi, trattenersi dal dare una testata in faccia a qualcuno richiede una forza non indifferente.
Vero, verissimo ma il non incazzarsi parte da molto prima.
Vedete, io non mi incazzo perché me ne importa un cazzo in generale...

La mattina trovo la coda quando vado in ufficio?
Me ne frego, quando arrivo, arrivo; mica è appuntamento con una bella donna no?
La sera trovo la coda quando vado all'appuntamento con una bella donna?
Me ne frego, dato che sono partito un'ora prima ed ho tutto il tempo che mi serve.

Il segreto è battersene le balle, di tutto.

Se volete diventare pigri, provare il piacere di essere sereni e tranquilli, senza affanni, stress o ansie, ecco le 10 regole del pigro, del nato stanco:
si nasce stanchi e si vive per riposare;
ama il tuo letto come te stesso;
se vedi chi riposa, aiutalo;
riposa il giorno per dormire la notte;
non fare oggi quello che puoi fare domani;
il lavoro è fatica;
lavora poco e quel poco fallo fare agli altri;
di troppo riposo non è mai morto nessuno;
se ti viene voglia di lavorare siediti e aspetta che ti passi;
se il lavoro è salute, evviva la malattia.

Si ma il sesso?
Come si pone il pigro nei confronti del sesso?
Beh il sesso è il solo sforzo fisico concepito dal pigro, ça va sans dire.
E poi per praticare cunnilingui non si fatica affatto.

Consumo calorie: il sesso è come la ginnastica

02 settembre 2019 ore 20:56 segnala
Era quello che sospettavamo, noi uomini sovrappeso, scarsamente attraenti e troppo pigri per andare in palestra:
il sesso può ritenersi un'attività fisica a tutti gli effetti e dare benefici simili ad un allenamento di intensità moderata, con picchi di consumo calorico anche superiori.
Ora, però, lo dice uno studio condotto dai ricercatori dell'università del Quibec in Canada.
Fonte (ANSA)

Funziona così:
sappiamo che dovremmo fare un po' di movimento ma siamo pigri, non ci va di rinchiuderci in una maleodorante palestra dove gruppi di sfigati cercano di sollevare dischi di ghisa scoreggiando come muli per lo sforzo, non ci godiamo lunghe nuotate in mare perché non vogliamo essere ghermiti dai tentacoli del Kraken e non possiamo nemmeno fare jogging perché abitiamo in zone remote della terra, arriviamo a casa la sera che c'è buio, la mattina presto c'è altrettanto buio e temiamo di essere assaliti da branchi lupi affamati o di venir stuprati da un grizzly.
Cosa ci resta quindi? Il sesso.
Ma madre Natura non era in forma quando ci assemblò:
non solo ci ha dato un metabolismo lento come la pellicola "Un homme sans l'Occident" di Raymond Depardon, ma ci ha creati golosi di dolci, golosi di salato, pigri e tutt'altro che ricercati dalle donne vogliose di sesso.

Bastava farmi attraente, superdotato, con un'innata propensione alla seduzione di avvenenti fanciulle ninfomani e nessun problema: mi facevo la mia trombata di un paio d'ore al giorno e mi mantenevo in forma ma, invece, non è così.

Quindi?

Quindi devo mangiare insalata, bresaola, andare in palestra, rinunciare a dolci e patatine rustiche per cosa, dato che non ho il fisico di The Rock?
Non solo: trovi una che te la da e dopo nemmeno un'ora che ci si da dentro chiede "un attimo di pausa".
Ma le ninfomani esistono oppure, al pari dello Yeti, del mostro di Lock Ness e di una persona intelligente alla guida di un Q7, sono delle leggende metropolitane?

Ah, se può interessare a voi "fortunelli" che avete donne scopanti, secondo una ricerca pubblicata su PlosOne, a letto, mediamente, si consumano 101 calorie in 24 minuti di rapporti: pensate siano molte ma...

Supponiamo che prima dell'incontro amoroso vi fermiate da Mc Donald's per uno spuntino veloce, che non avete fatto in tempo a mangiare prima, ed optiate per una porzione di patatine fritte grandi (446 calorie), un Big Mac (500 calorie), una coca grande (210 calorie) e, per finire, un McFlurry baci (384 calorie).
Domanda: quanto sesso dovrete fare con la vostra donna per smaltire questo pasto da 1.540 calorie?
All'incirca 6 ore, ininterrottamente.
Anche se avete un cuore in buono stato, come pensate di mantenere il "volatile" duro per 6 ore?
Farvelo mordere da un Phoneutria nigriventer (ragno delle banane) vi servirà a poco:
le sue tossine, PnTx2-6 e la PnPP-19, aumentano la produzione di ossido nitrico, generando un'erezione di 4 ore, tempo nel quale potreste smaltire al massimo 1.000 calorie, ma hanno anche lo spiacevole effetto di provocare sintomi quali tachicardia, vomito, diarrea, parestesia e, infine, la morte.

Più realisticamente, un rapporto sessuale dura, in media, 5,4 minuti (fonte Stile.it) e vi fa consumare poco più di 22 calorie, l'equivalente di 11 Tic Tac o di 2 Pavesini e mezzo.
Meglio mettersi a dieta e non puntare sul sesso per dimagrire oppure, invece di mangiare, leccare (e non credo sia necessario specificare cosa…).

Seduzione: cosa desiderano le donne

30 agosto 2019 ore 20:44 segnala
"What women want" è un film del 2000 che non credo sia il preferito dai cinefili...forse qualche cinofilo ma non ci giurerei.
Io non l'ho mai visto ma non faccio testo: a me piacciono i film tipo Bad Boys, XXX, Fast & Furious…robe cafone via.

Trama:
Nick Marshall, interpretato da Mel Gibson (che, a distanza di 5 anni circa, passa dal vestire i panni di William Wallace, eroe scozzese, a quelli di un cazzone) è pubblicitario in una nota agenzia di Chicago: sin dall'infanzia ha una smodata passione per le donne ed è un incallito seduttore, anche di colleghe, è divorziato e padre di una figlia, Alex, ormai adolescente.
Un giorno scivola su dei sali da bagno sparsi sul pavimento, cade nella vasca colma d'acqua assieme all'asciugacapelli, prende la scossa e sviene.
Quando si risveglia, scopre di aver assunto un potere "paranormale": riesce infatti a sentire ciò che tutte le donne pensano.

Chi di non non vorrebbe sapere quello che le donne pensano?

Tipo sei lì in coda al supermercato e la tipa dietro di te pensa "mmmhhh...che figo il tipo davanti a me...non so cosa darei per portarmelo a casa e..."
Ovviamente carpisci i suoi pensieri e prontamente ti giri dicendole "che ne dici se vengo a casa tua a bere qualcosa?"
Ma hai commesso una mega-cazzata:
non le hai fatto finire il pensiero, vai a casa sua e scopri, troppo tardi, che è rimasta turbata dalla visione del film Wrong Turn 4 - La montagna dei folli e desidera ardentemente vivere "live" la scena in cui i tre fratelli cannibali del cazzo si godono una fondue bourguignonne asportando brandelli di carne da un poveretto ancora vivo, legato con del filo spinato su di un tavolo (film che vi consiglio di cuore, divertentissimo).
E in pochi istanti ti ritrovi su di un tavolaccio, legato, con intorno lei e le sue deliziose cuginette che, con coltelli affilatissimi, asportano pezzetti di carne dal tuo corpo.

Intendiamoci, questo potrebbe accadere a quelli iper-sfigati come me.

O magari non trovo una psicopatica del cazzo ma sentirei altro che commenti negativi su di me, commenti che magari una donna per pietà cristiana non esprime a parole ma pensa.
Mi sa sia meglio non sapere quello che le donne pensano ma, forse, non occorre buttarsi in una vasca da bagno colma d'acqua tenendo in mano un asciugacapelli collegato alla presa di corrente e fulminarsi per capire quello che le donne desiderano...posso provarci io.

A questo punto uno potrebbe domandarsi:
"tu, che sei un noto sfigato, pretendi di spiegare ai tuoi lettori cosa vogliono le donne?"
Beh, se pensate che i corsi pre-matrimoniali vengono tenuti da preti che, da contratto, non possono sposarsi...come vedete non sono il solo a parlare di qualcosa che non conosce affatto.

RESPECT
Otis Redding, Aretha Franklin, Adeva...tutti cantavano di rispetto.
Credo che quella di Adeva sia la meno famosa ma di sicuro la più ballabile.

L’origine della parola "rispetto" proviene dal latino "respectus" che significa riguardo, considerazione.

In altre parole mai dire ad una donna "taci che non capisci un cazzo", nemmeno se sta montando le catene da neve sulle gomme anteriori di un'auto a trazione posteriore e vuole avere ragione.
E nemmeno "mia mamma la crema catalana la fa più buona della tua" anche perché lei potrebbe rispondere "anche tuo fratello scopa meglio di te ma mica lo vado a raccontare in giro!"
Vi farebbe piacere se nessuno prendesse in considerazione quello che dite?
O se tutti vi calpestassero e vi trattassero come merde?
Oddio, ad onor del vero non è poi così tragica come cosa...a me capita tutti i giorni e, come vedete, sono qua...a parte un'atavica fame di gnocca (più che fame sete direi) sto benissimo.

ROMANTICISM
Ovviamente le 5 cose che le donne vogliono non è farina del mio sacco ma è un qualcosa rubato in giro.
Purtroppo non ho il link da citare ma credetemi che non è roba mia.

La seconda cosa che le donne vogliono è il romanticismo.

"Prestate attenzione a ciò che le piace e cercate di sorprenderla ogni tanto.
Una passeggiata serale mano nella mano, un bacio appassionato come all'inizio del rapporto, comprarle fiori senza alcuna ragione..."
Credo già da questi consigli avrete capito che non è davvero farina del mio sacco, ma di un altro.
Passi la passeggiata mano nella mano, passi il limonarla quando non se lo aspetta, tipo mentre ci si trova in coda all'Autogrill per ordinare un paio di panini oppure in fila in chiesa in attesa del "corpo di cristo", ma i fiori no...cazzo no!

I FIORI NO!

Perché ce l'ho così tanto coi fiori?
Intanto perché sono un uomo e i fiori agli uomini, ai veri uomini, non piacciono (tranne i fiori di zucca in pastella, ça va sans dire).
Ok, quando sento un brano dei Village People non riesco a stare fermo e vengo colto dall'irrefrenabile voglia di ballare ma i fiori non mi piacciono.
Poi i fiori fanno venire in mente le corone o i cuscini che ci accompagneranno nel nostro ultimo viaggio e non è ancora tempo.
Inoltre per uno come me che quando cammina lungo un sentiero sta bene attento a non calpestare le formiche e che non uccide nemmeno una zanzara, recidere un fiore equivale comunque a spezzare la vita di un essere vivente.
Vero che non sono vegetariano, ma non è colpa mia se non hanno ancora inventato il culatello di soia...

I fiori no perché se regali dei fiori ad una donna significa che devi farti perdonare qualcosa.
Quindi regalare fiori se la tradite equivale ad ammettere il tradimento e se non la tradite lei penserà che la tradite e, comunque sia, la roncolata in piena fronte ve la beccate lo stesso.
Ergo: siate romantici ma non regalate fiori.

Guardate un film porno...il maschio regala fiori ad una donna oppure tira fuori un "coso" enorme, turgido e se la sbatte?
E voi cosa volete, farvi ammorbare dai vari "fagottino mi ami?", "orsacchiottino mi pensi?" oppure sentirvi dire "5c0p4m1! Sono la tua tr014!"

COMMUNICATION
Communication era anche il titolo di un singolo degli Spandau Ballet, album "True" del 1983, quando io ero un 15enne che si masturbava guardando i film del genere commedia sexy all'italiana o le foto di celebrità in topless su Novella 2000 o Blitz e molte di voi non erano nemmeno nate.
Probabilmente all'epoca le donne, oltre alla comunicazione, avrebbero voluto spupazzarsi il buon Tony Hadley ma questo è un altro discorso.

Le donne amano parlare.
Amano parlare perché le fa sentire coinvolte nel rapporto.
Una donna, anche se consapevole che l'ami, ha bisogno di sentire questa dichiarazione una volta ogni tanto: dille che è bella, sexy e tu sei contento di lei.
Ringraziala per la deliziosa cena che ha preparato per te e apprezzate tutto quello che fa.

L'ho già detto che queste 5 cose che le donne vogliono non sono farina del mio sacco?
Ecco, io penso che non si dovrebbe dire queste cose ad una donna se non le si pensano, per non contravvenire al primo punto, quello del rispetto.
So bene...sappiamo bene che le donne amano sentirsi fare i complimenti ma non si dovrebbero fare per farle felici ma solo perché lo pensiamo sul serio.

Ah, tenete bene a mente quello che ho detto prima:
questi consigli sono validi solo per le relazioni durature e non per il sesso "one night" visto che in quel caso la vostra "Lei" vorrà parlare poco e avere la bocca impegnata a fare altro.
Se conoscete una in un locale che dopo un paio di drink, in preda all'infoiamento, vi trascina nei cessi, si inginocchia, vi abbassa la zip, inizia a farvi un soffocotto e voi, perché avete letto questo post, volete farla parlare e le chiedete che ne pensa della situazione economica italiana, se poi si alza e vi dà una ginocchiata nelle balle non prendetevela con me eh...

Che poi...davvero capita di conoscere una in un locale che dopo un paio di drink vi fa un p0mp1n0?
Beh, beati voi...a me non è mai capitato...anzi, la Morosa la conosco da 21 anni e mai mi ha fatto una fellatio...fortuna che si lascia praticare cunnilingui...ci ho messo 8 anni per convincerla a lasciarsi praticare sesso orale ma adesso ci ha preso gusto, per fortuna.
Ok, ogni volta che gliela lecco poi faccio come i gatti e vomito boli di pelo, perché è nostalgica degli anni 80 e ama il pelo fulvo lì sotto, ma con questa crisi di gnocca non mi sembra sia il caso di sottilizzare ma di ringraziare Zeus per avere una che ogni tanto me la da.
E poi esiste il remover che si dà ai gatti…

SEX
E fin qui nulla di nuovo: alle donne piace il sesso.
Ci sono donne che lo amano di più, le ninfomani, e donne che lo amano di meno, le Morose di Cunni.
Uso il plurale perché, per motivi che sfuggono ad ogni logica, ho avuto ben più di una donna o di 10 o di 20.
In realtà piaceva anche a loro il sesso, prima di incontrarmi credo, e spero per loro sia tornato a piacerle dopo che è finita con me.
Anche alla mia Morosa attuale credo piaccia il sesso...e spero per lei abbia avuto modo di provarne le gioie con qualcuno.

Se da un lato l'amante o la donna del sesso "one night" vuole pura e semplice passione senza tante menate, la partner fissa vuole essere amata, coccolata.
Desidera le si faccia vedere quanto la troviamo attraente, quanto ci piace e quanto la desideriamo.
Vuole sentirsi la donna più importante del mondo.

Come per il post precedente, anche in questo caso si dovrebbe far sentire una donna desiderata perché la desideriamo sul serio e non per farla contenta.
Qua io parto avvantaggiato, dato che per me la donna più importante del mondo, quella che desidero più di ogni altra è quella che si trova con me in quel momento: se sono con la mia Morosa esiste lei e nessun'altra...quando ero con l'Amante esisteva lei e nessun'altra.
Il problema è che questo vantaggio me lo sputtano tutto quando mi mostro a loro nudo.

Credo che anche se andassi con una escort sarebbe lo stesso, nel senso che non la vedrei come una donna ma come la MIA Donna e in quel momento sarebbe lei la sola donna che amerei.
Infatti con le escort non ci vado perché poi rischierei di farmi compatire.

Negli ultimi tempi, però, il sesso con la propria donna è un casino.
Fino a qualche mese fa era tutto più semplice.
Arrivava il giorno prestabilito all'ora prestabilita, ci si spogliava, posizione del "Missionario", un paio di colpi "ah ah ah vengo" e poi ci si rivestiva e si guardava la tele.
Ma da quando, anni fa, è uscito quel libro del cazzo, o, meglio, la trilogia di libri del cazzo, quelli delle sfumature, la scopata normale non funziona più.
Ormai tutte le donne vogliono essere prese come quella del libro e, allora, se una volta bastava farsi un sorso di Vov e ingoiare un paio di pastigliette blu per fare sesso con la nostra donna, ora dobbiamo prima passare al Brico Center, acquistare filo di ferro, corde, tenaglie, spranghe, chiodi, pinze per cavi da batteria, catene e lucchetti.
Incontreremo un nostro amico che vedendo tutta quella roba chiederà:
"ah cazzo devi fare a casa? Un recinto per le capre?"
E noi:
"eh no...domani è sabato e mi sono attrezzato per scopare mia moglie."
Una volta provavo imbarazzo ad entrare in un Sexy Shop...oggi lo stesso imbarazzo lo provo ad entrare in ferramenta e comprare un paio di metri di corda...

TIME
"Spesso, una donna vuole solo attenzione e tempo.
Fatevi coinvolgere nel rapporto e date prova di responsabilità.
Vuole qualche minuto del vostro tempo prezioso.
Rinunciare a un incontro con gli amici è un segnale che dice molto più di un semplice "ti amo".
Se le fate vedere che lei è la vostra priorità, sarà nella stessa maniera che vi tratterà.
Ciò include anche il tempo che siete disposti a dare per aiutarla: cucina, pulizie, cura dei bambini."

Una delle caratteristiche dei "Morti di Figa" laddove con questa definizione intendiamo coloro i quali hanno una fame atavica di gnocca mai placata, è che se devono scegliere tra amici e figa, sceglieranno sempre e comunque la figa.
Io, pur essendo il "guru" dei MdF ho sempre privilegiato il rapporto con gli amici...non perché ritenga l'amicizia sacra ma perché non avevo la possibilità di scegliere la gnocca, visto che non sono certo famoso per la mia avvenenza ed il mio fascino.
E comunque sia, io sono sempre disponibile per la mia Morosa, come ero sempre disponibile per le mie Amanti, dedicando loro tutto il tempo che volevano.
Devo però confessare che non aiuto la mia donna nelle faccende di casa, dato che vivo da solo e le pulizie le faccio da me, e nemmeno per la cura dei bambini dato che non ne ho/abbiamo.

Bene, abbiamo visto le cinque cose che le donne vogliono o desiderano dal proprio uomo, sia esso marito, moroso o compagno, se preferite.
Questo cosa ci fa capire?
Che è molto meglio essere l'amante di una donna che il proprio marito o moroso/compagno dato che all'amante una donna chiede solo del buon sesso, mentre il marito/moroso/compagno deve rendersi disponibile a fare tutto il resto che una donna vuole, col rischio poi di non scopare nemmeno perché sfiancata dalle tre ore di sesso non-stop con l'amante.

Quanto a me...beh io sono sicuramente più semplice.
Quello che voglio è fin troppo ovvio: il titolo del blog lo fa intuire.
Ma, più in generale, mi basta che la donna sia se stessa e faccia quello che desidera, senza troppe menate.
E, ovviamente, che si rilassi e mi lasci fare.

Sesso: i vegetariani lo fanno meglio

29 agosto 2019 ore 20:40 segnala
Della serie "ho sputato sangue per mandarti a scuola e tu perdi tempo a fare studi inutili! Era meglio se andavi a lavorare!" eccone un altro che fornirà notizie inutili e che è perfetto per un blog inutile come il mio.

"I vegetariani lo fanno meglio. Spesso esili rispetto ai 'carnivori', sono loro ad avere l'ultima parola al momento di entrare in camera da letto. Tutto merito della soia, in particolare del tofu, e di altri alimenti consumati in gran quantità nella dieta verde. Così, secondo uno studio Usa, chi la segue ha una vita sessuale migliore rispetto ai golosi di bistecche e hamburger."
Fonte: la Repubblica

Aspettate prima di buttare i ciccioli in pattumiera perché scoprirete che questo studio è una minchiata colossale.

La ricerca, infatti, è stata condotta su un gruppo di colobi rossi.
Echemminchia sono i colobi rossi?
Sono delle scimmie che vivono in varie zone dell'Africa sub-sahariana.
Il nome viene dal greco kolobòs "mutilo", "monco", e si riferisce alla quasi assenza del pollice, ridotto ad un moncone: una caratteristica comune ai generi appartenenti alla tribù colobini.

E cosa hanno fatto gli studiosi?
Hanno seguito le scimmie, registrato quello che mangiavano, analizzato quello che cacavano ed hanno osservato quanto erano incazzosi e quanto trombavano.
Hanno notato che i maschi di colobo rosso che si nutrivano delle foglie di un albero tropicale ricco di sostanze simili a estrogeni, e molto vicine alla soia, avevano maggiori concentrazioni di estradiolo, l'ormone del sesso e, quindi, facevano più sesso.

Ora, se fossimo dei colobi rossi questa notizia ci farebbe piacere:
andremmo a cercare l'albero le cui foglie sono ricche di sostanze simili ad estrogeni, ne mangeremmo fino a scoppiare e poi cercheremmo delle femmine di colobo rosso e copuleremmo come se non ci fosse un domani, ma noi non siamo dei colobi rossi e non ci manca nemmeno la voglia di sesso; siamo esseri umani e ci manca la materia prima, la gnocca!

Siamo sempre lì...è tutta una manovra dei vegetariani per screditare noi che mangiamo la carne.
Non so se lo avete notato ma i vegetariani sono sempre lì a rompere i maroni.
Ti additano, ti offendono, te ne dicono di tutti colori anche se non fai nulla di male mentre stai addentando il tuo panino col salame.
Noi carnivori siamo così? No, non siamo così.
Rompiamo forse le balle a chi si sta mangiando il suo bel pezzo di tofu alla griglia? No.
La meniamo a chi sta preparandosi la sua bella insalata? Macchè, proprio no.

Ecco quindi che, pur di screditarci, arrivano a dire che chi si nutre con delle foglie di un albero del cazzo scopa di più.
Eh no miei cari...credetemi.
Potrei mangiare tutte le foglie di tutti gli alberi delle foreste dell'Africa sub-sahariana che scoperei tanto quanto ora, perché non manca la voglia ma la materia prima.

98dd7346-8581-4e88-914e-7e32213ce467
Della serie "ho sputato sangue per mandarti a scuola e tu perdi tempo a fare studi inutili! Era meglio se andavi a lavorare!" eccone un altro che fornirà notizie inutili e che è perfetto per un blog inutile come il mio. "I vegetariani lo fanno meglio. Spesso esili rispetto ai 'carnivori', sono...
Post
29/08/2019 20:40:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    7

Temporali: cosa fare in caso di blackout

28 agosto 2019 ore 20:42 segnala
Giusto un paio di giorni fa sono capitato in mezzo ad un temporale di quelli che vengono definiti dai giornalisti, per creare sensazione, bomba d'acqua.
Un bel nubifragio, con tanto di tuoni, fulmini e sottopassi allagati.

I temporali e soprattutto i fulmini mi affascinano da sempre: è un po' come se Madre Natura ci inviasse un piccolo promemoria per ricordarci che, nonostante pensiamo di essere fighi perché abbiamo il WiFi, l'auto elettrica e Amazon che ci porta a casa ciò che vogliamo, paragonati alla sua potenza siamo semplicemente delle cacchine di ratto.

Uno degli effetti dei temporali e, spesso, il blackout.
Sarà capitato anche a voi di trovarvi improvvisamente al buio e, magari, non sapevate come fare.
Beh, tranquilli perché la prossima volta, grazie ai preziosi consigli che ho scippato dal web, non avrete più problemi.

Ovviamente se tira una saetta e restate fulminati, il problema del blackout non si pone.

Cosa più saggia di tutte, evitare di usare più elettrodomestici contemporaneamente.
Quindi compratevi dei vibratori a pila...che magari è un mese che non sfogate le pornovoglie e far partire vibratore, lavatrice, lavastoviglie e forno potrebbe far saltare qualche valvola.

In casa non devono mai mancare candele, fiammiferi, accendini (magari da tenere insieme in un cassetto) e torce.
Le lanterne LED fanno luce per centinaia di ore con una serie di batterie AA o AAA.
Se siete collezionisti di residuati bellici, anche un lanciafiamme può andare.

Tieni in un luogo facilmente raggiungibile una lista con i numeri di telefono utili tra cui quelli dei Vigili del fuoco, dei Carabinieri, del Pronto Soccorso e perché no, anche quello dell’elettricista di fiducia.
Se capita che manchi la luce e siete sole in casa, vi lascio anche il mio di numero...che non si sa mai.

Attenzione a non usare ascensori o mezzi di trasporto alimentati a corrente (treni o tram).
Ovviamente dovete essere in possesso di doti divinatorie, nel senso che dovrete sapere prima che verrà il blackout, così da non prendere l'ascensore.

Assicurati di avere sempre in casa un kit di pronto soccorso completo contenente medicinali di base, garze e cerotti e procurati una radio a pile con cui ricevere informazioni in tempo reale.
Assicuratevi di aver cambiato anche le mutande...che mia mamma mi diceva sempre "cambiati le mutande che metti accade una disgrazia..."
Così, quando aprirete la porta per prendere l'ascensore e precipiterete per 100 metri nel budello perché l'ascensore è bloccato al piano superiore, vi ritroveranno si spiaccicati, ma le mutande saranno linde.

In caso di blackout prolungato ci sono diversi modi per ottenere energia.
Il più semplice è un generatore portatile a benzina, gasolio o propano.
Dovrai studiare quale meglio si presti alle tue esigenze.
Del resto...chi di noi non ha nella borsetta o in tasca un generatore a propano?

Altre opzioni sono gli impianti fotovoltaici, le turbine eoliche e i generatori ad acqua, ma si tratta di sistemi più costosi del generatore di corrente, anche se producono energia naturalmente e quindi illimitata.
Ecco, se siete rimasti bloccati in metropolitana e non potete uscire, mettete le balle fuori dal finestrino ed infilatevi una dinamo nel culo che così il giramento di balle fornirà l'energia elettrica da far ripartire il treno.

Feticismo dei piedi

27 agosto 2019 ore 20:20 segnala
Mi sono sempre domandato per quale razza di motivo uno, con tutto quello che una donna ha da leccare, dovesse concentrarsi sui piedi.
Sarebbe come avere una teglia di lasagne, aprire la pattumiera, buttare le lasagne e leccare la teglia.
Ma, negli anni, ho imparato a non stupirmi più di nulla:
se ci sono persone che spendono 70.000 euro per una BMW X6, l'auto più inutile del Mondo stando a quanto disse Jeremy Clarkson anni fa, o se uno sfigato come me ha avuto decine di donne che l'hanno voluto nel proprio letto, e ripetutamente, allora tutto è possibile.

Di sicuro il feticista dei piedi se la passa meglio di molti di noi.
Voglio dire, lui si siede su una panchina, in estate, e riesce ad ammirare un campionario vastissimo di piedi.
Noi che, invece, amiamo la patata, dobbiamo, quantomeno, provarci, invitarla a cena o per un drink e poi, quando l'avremo spogliata potremo ammirare quella deliziosa e succulenta parte anatomica femminile.
Va sicuramente molto peggio ai feticisti del pancreas che devono sottoporre la tipa ad una TAC per vedere il proprio feticcio.

Magari adorare il piede femminile è un po' come la sottomissione, come porsi di fronte alla persona in modo umile e sottomesso.
E infatti dal feticismo per i piedi partono poi tutta una serie di altre manie:
tickling, footjob, sniffing, e licking, per cominciare.

Poi, i più estremi, vanno oltre:
dirty feet licking, pratica in cui la donna si sporca i piedi e poi costringe l'uomo a leccarglieli;
feeding from feet, pratica in cui l'uomo mangia, afferrando il cibo direttamente dai piedi della donna;
trampling, pratica in cui la donna calpesta l'uomo, spesso anche indossando scarpe con tacchi alti per aumentare il dolore del calpestamento;
toejam eating, pratica in cui lo schiavo lecca gli spazi tra le dita dei piedi della propria padrona;
toe sucking, pratica in cui l'uomo succhia le dita dei piedi della donna.

Una volta credo di aver fatto una cosa del genere, mentre ero immerso piacevolmente nella vasca idromassaggio di un motel in dolce compagnia.
Si, tipo leccato, baciato e succhiato il piede.
Ma solo perché non ho una grossa resistenza sott'acqua e non potevo leccarla tra le cosce, altrimenti manco morto avrei preferito un piede alla…ci siamo capiti no?

Beh amici miei, lungi da me criticare chi ha questa passione: se amate il genere vi esorto a continuare a leccare e succhiare i piedi femminili...ad occuparmi del resto, ci penserò io e molto volentieri.